VIA ISONZO, ALL’UFFICIO POSTALE SI ENTRA UNO ALLA VOLTA

VIA ISONZOAll’ufficio postale di via Isonzo – e immaginiamo in tutti gli altri – fanno entrare uno alla volta. Giusto sicuramente. Il paradosso è che quelli che rimangono fuori sono assembrati  a poca distanza l’uno dall’altro, visto il poco spazio che c’è tra cassonetti, immondizia a terra, entrata di un garage e strada percorsa dalle auto.

CORONAVIRUS: NIENTE PISCINE, PALESTRE E CENTRI BENESSERE

PISCINAÈ stata firmata l’ordinanza della Regione Lazio in merito alle ‘Misure per la prevenzione e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019. Oltre ad imporre il divieto di spostamenti e viaggi, è  “disposta inoltre la sospensione delle attività fino a nuove disposizioni di piscine, palestre e centri benessere”, si legge. “L’ordinanza è emessa nel rispetto dei ruoli istituzionali”,  dichiarano in una nota congiunta l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato ed il vicepresidente, Daniele Leodori. Misure che si sommano al nuovo decreto del presidente del Consiglio (Dpcm) che prevede sull’intero territorio nazionale che siano “sospese fino al 3 aprile le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati”.

VIA DI VILLA RICOTTI, DUE IMMAGINI D’EPOCA

VIA DI VILLA RICOTTIEcco via di Villa Ricotti in due foto d’epoca. La prima, come recita la scritta, è del 1761. Già allora c’era l’esigenza di “governare” i rifiuti, anche se possiamo immaginare che fossero ben lontani dalle quantità di oggi. La seconda, del 1890, ha per sfondo Villa Massimo che ha conservato le sue caratteristiche originarie, assegnabili alla prima metà del Settecento, con il casino, sito in via di Villa Ricotti. Il fabbricato, a due piani e mezzanino, è formato da un corpo centrale sormontato da torretta belvedere e da due avancorpi laterali molto pronunciati, di cui uno con arcate per il passaggio pedonale. Sul piazzale antistante alla facciata era presente una fontana di epoca romana, trasferita in VIA DI VILLA RICOTTI 2seguito nella Villa Abamelek del Gianicolo, residenza della’ambasciatore di Russia. Il retro era arricchito da un giardino con parterre all’italiana. Alla fine degli anni trenta, una volta terminata la costruzione del quartiere Nomentano, la villa fu ristrutturata dall’architetto Michele Busiri Vici per adattarla alle esigenze cittadine. Nel 1914, nella palazzina fu istituita, su impulso dell’attrice Eleonora Duse, una casa della cultura per aiutare le giovani artiste esordienti. Negli anni Venti è stata residenza del diplomatico Carlo Sforza. Tra gli anni Cinquanta e Settanta è stata sede dell’Ambasciata d’Algeria, e nel 1975 fu colpita da un attentato compiuto da fuoriusciti dall’organizzazione paramilitare Oas.

VIALE SOMALIA: CARABINIERE PRESA A MORSI DA UNA LADRA

viale somaliaHanno azzannato alla mano una Carabiniere che le aveva scoperte mentre rubavano in un supermercato di largo Forano, praticamente a viale Somalia (zona quartiere Africano- Vescovio). Per questo due minorenni romene domiciliate presso il campo nomadi di via Del Foro Italico sono state arrestate. È successo ieri pomeriggio: la Carabiniere, fuori servizio, mentre faceva la spesa ha notato le giovani ladre mentre rubavano tra gli scaffali e ha chiamato una pattuglia di rinforzo. Nel frattempo quando le ladre si sono avvicinate all’uscita, la militare si è qualificata e le ha bloccate. A quel punto una delle due nomadi ha azzannato la mano della Carabiniere per scappare. Le è andata male perché è intervenuta la pattuglia che ha fermato definitivamente le due delinquenti. Dalla perquisizione è saltata fuori la refurtiva assieme a capi di abbigliamento e uno smartphone risultati rubati precedentemente. Le due zingare sono state portate presso il Centro di Prima Accoglienza per i Minori di via Virginia Agnelli con l’accusa di tentata rapina impropria, ricettazione e violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

ROMA CHIUSA PER VIRUS

CORONAVIRUSIn attuazione del Dpcm dell’8 marzo 2020, tutti i musei, i teatri e tutti i luoghi e gli istituti della cultura, come gli spettacoli, sono sospesi su tutto il territorio nazionale e dunque anche a Roma. Oltre a tutti i teatri e cinema tra gli altri ricordiamo che rimarranno perciò chiusi anche il sistema dei Musei civici, il Palazzo delle Esposizioni e anche la Casa del Cinema come le Biblioteche.

CASA DEL CINEMA: ANNULLATA LA PROIEZIONE DELL’11 MARZO

IL DELITTO MATTARELLAAnnullata alla Casa del Cinema, l’11 marzo alle ore 10:30, la presentazione del film “Il delitto Mattarella”. Il film: 6 gennaio 1980. Il Presidente della Regione Siciliana Piersanti Mattarella si sta recando a Messa con la sua famiglia. Un giovane si avvicina al finestrino dell’auto e spara a sangue freddo a Piersanti e lo uccide. Pur nel disorientamento del momento con una serie di depistaggi verso il terrorismo di sinistra, il delitto apparve anomalo per le sue modalità. Il giovane Sostituto Procuratore di turno, quel giorno dell’Epifania, sarà Pietro Grasso, futuro Procuratore Antimafia e Presidente del Senato. Le indagini saranno proseguite dal Giudice Istruttore Giovanni Falcone, che scoverà pericolose relazioni tra Mafia, Politica, Nar e neofascisti, banda della Magliana, Gladio e Servizi Segreti. Il film ricostruisce il clima politico che ha preceduto l’omicidio: protetto a Roma dal Segretario della Dc e dal Presidente della Repubblica Pertini, Mattarella è totalmente avversato dai  capicorrente siciliani del suo partito.  Continue reading

LUISS, LEZIONI ONLINE PER 7.000 STUDENTI DAL 9 MARZO

luissL’umano aumentato attraverso la tecnologia. Può sembrare un paradosso in tempi di Covid-19 ma l’emergenza del virus non frena i rapporti interpersonali: li modifica. Non blocca le attività di studio – dalle lezioni alle sedute di laurea universitarie: rimodula soltanto le procedure senza incidere sui risultati finali. Un po’ tutte le università pubbliche e private, così come le scuole di ogni ordine e grado, hanno in questi giorni – di stop forzato alla didattica – sviluppato programmi e sistemi per non frenare l’insegnamento e garantire il diritto allo studio, preservando quello alla salute. Soprattutto non sono stati sospesi gli esami e le discussioni delle tesi di Laurea, master e dottorati. L’Ateneo Luiss – Guido Carli ha risposto prontamente alla situazione: in questi primi due giorni infatti sono state garantite più di 300 lezioni in modalità “sincrona”, ovvero in diretta attraverso l’uso di piattaforme digitali e pc con un coinvolgimento di 7mila studenti. Continue reading