5 GENNAIO, PRIMA DOMENICA DEL MESE E MUSEI GRATIS

MUSEI CIVICI GRATISIl nuovo anno si apre all’insegna dell’arte con un lungo fine settimana inaugurato dall’iniziativa #domenicalmuseo. L’iniziativa fu introdotta nel luglio del 2014 dal Ministro per i beni e le Attività Culturali e per il Turismo Dario Franceschini, e prevede l’ingresso gratuito in tutti i musei e nei parchi archeologici statali ogni prima domenica del mese. Si ricomincia domenica 5 gennaio, mentre lunedì 6 gennaio, in occasione dell’Epifania, si terrà poi l’apertura straordinaria dei luoghi della cultura statali con i consueti orari e tariffe.

MAXXI: IN MOSTRA OPERE DI LOUIS KAHN FINO AL 2 GIUGNO

maxxi kahnkahn 1“Un muro viene costruito nella speranza che, in un particolare momento, la luce gli doni un attimo quasi irripetibile”. La luce è elemento fondante delle architetture di Louis Kahn. Al tempo stesso lo è l’ombra: “Qualunque cosa fatta di luce kahn 2kahn 3proietta un’ombra. La nostra opera è d’ombra, appartiene alla luce”. Nessuna meraviglia, dunque, se a rivelare compiutamente la dialettica fra luce e ombra sia la fotografia, che su quella dialettica costruisce gran parte del kahn 4kahn 5proprio linguaggio. Al Maxxi c’è una mostra che raccoglie le fotografie di molte delle architetture del maestro americano (1901- 1974) realizzate dall’italiano Roberto Schezen (1950- 2002). Le immagini servirono per illustrare kahn 7 kahnla monografia che lo storico inglese Joseph Rykwert dedicò a Kahn nel 2001. E fanno parte di un fondo donato all’archivio del Maxxi da Mirella Petteni Haggiag. La mostra, curata da Simona Antonacci ed Elena Tinacci, dovrebbe dare l’avvio a una serie di iniziative su Louis Kahn, auspica Margherita Guccione, direttrice del dipartimento architettura del museo. Schezen, anche lui architetto, ha dedicato molta attenzione alle opere di Kahn. Le sue foto scrutano la dimensione solitaria e silenziosa degli edifici di Kahn (“Architettura, silenzio e luce”, è il titolo della mostra, che resterà aperta fino al 2 giugno al Centro archivi del Maxxi), ne rivelano l’eloquenza della forma, la potenza dei materiali. Continue reading

TEATRO ARCOBALENO: “IL VIAGGIO. LE GIORNATE DELLA MEMORIA”

IL-VIAGGIOAl Teatro Arcobaleno di via Francesco Redi dal 24 al 26 gennaio 2020 va in scena “Il viaggio. Le giornate della memoria”, rammaturgia e regia Giuseppe Argirò, con Giuseppe Argirò, Maria Cristina Fioretti, Maurizio Palladino, Silvia Falabella, Filippo Velardi, Maria Cristina Gionta. Lo spettacolo ripercorre la disperazione del tragitto, sino alla destinazione infernale dei lager. La tragedia narra l’invasamento di Agave e l’uccisione del figlio Pènteo che si rifiuta di credere in Dioniso, rigettando il culto e l’adorazione incondizionata del dio. L’analogia con il nazismo e ogni dittatura nata dall’acquiescenza delle masse è evidente. Gli attori diventano essi stessi protagonisti di un viaggio senza ritorno verso Auschwitz, che verrà rappresentato grazie alle testimonianze del processo di Francoforte che si svolse dal 1963 al 1965. Venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17:30.

IN VIA BOSIO UNA TARGA RICORDA LUIGI PIRANDELLO

targa pirandello

La targa in ricordo di Luigi Pirandello si trova in via Antonio Bosio, nel Quartiere Nomentano, e ricorda il grande drammaturgo e scrittore italiano (Girgenti 1867 – Roma 1936), Premio Nobel per la Letteratura nel 1934, che presso questa casa visse.
La targa è stata qui posta dal Comune di Roma l’11 dicembre 1958.