L’AUSER DI VIA NIZZA ADERISCE ALLA GIORNATA PER LA PACE

auserAuser, l’associazione di volontariato e di promozione sociale che ha la sede nazionale in via Nizza, ha aderito alla Giornata di Mobilitazione internazionale per la Pace contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti. “Invito le sedi Auser ad esporre la bandiera della pace il  prossimo 25 gennaio – ha dichiarato il presidente nazionale Enzo Costa – e a promuovere o partecipare ad iniziative legate alla campagna  nel proprio territorio”. L’appello alla mobilitazione firmato da un ampio cartello di reti, associazioni, sindacati è consultabile qui: https://www.peacelink.it/pace/a/47212.html

VILLA TORLONIA: TECHNOTOWN, DIVERTENTI ATTIVITÀ DIDATTICHE

technotownTechnotown, lo spazio di Villa Torlonia dedicato alla creatività e alla scienza, dell’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, propone per venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 gennaio alcune educative e divertenti attività didattiche rivolte al pubblico dai 6 ai 99 anni. Dai 6 ai 10 anni è indispensabile la presenza di un adulto che lavorerà con il bambino. Continue reading

LA SAPIENZA: CONCERTO-SPETTACOLO (E MOSTRA) DI BALLISTA

Ballista_AntonioSabato 25 gennaio, alle 17:30, all’Aula Magna della Sapienza, nell’ambito della stagione della Iuc, un nuovo folle, originale, ironico concerto-spettacolo di Antonio Ballista: “Noir… LaPauraSiFaSentire”. Il titolo è un invito a sperimentare il lato oscuro della musica, che evoca leggende misteriose, avvenimenti paurosi, orride streghe, tremende tempeste e mostruosi zombi. Le parole con cui i protagonisti stessi presentano questo spettacolo non lesinano sulla suspense: “Il terrore in musica? Antonia Ballista, Lorna Windsor e Gianluca Massiotta ve lo racconteranno al ritmo accelerato del vostro battito cardiaco, se avrete il coraggio di assistervi.” In realtà le vostre coronarie non corrono alcun rischio, perché i brividi della paura saranno temperati dal sorriso dell’ironia. Continue reading

VIA GRAMSCI: CICLO D’INCONTRI SUI LIBRI LEGATI AL GIAPPONE

ISTITUTO GIAPPONESEAll’Istituto Giapponese di Cultura, in via Gramsci, ciclo di tre incontri a cura di traduttori, accademici e studiosi che riveleranno al pubblico, in modo informale e aperto al confronto, quali libri hanno impresso una svolta decisiva nel loro approccio e rapporto con il Giappone. I titoli selezionati da ciascun yamatologo, dei quali è consigliata la lettura per poter meglio interagire durante gli incontri, saranno disponibili in anticipo sul sito dell’Istituto. Calendario: martedì 28 gennaio, ore 18.30, a cura di Matilde Mastrangelo, Università di Roma “Sapienza”; martedì 18 febbraio, ore 18.30, a cura di Andrea Maurizi, Università di Milano “Bicocca”;  giovedì 12 marzo, ore 18.30, a cura di Noemi Lanna, Università di Napoli “L’Orientale”.

MAXXI: SI PARLA DI SPIRITUALE IN RELAZIONE ALLA STORIA DI ROMA

andrea_carandini_bartolomeo_pietromarchiGiovedì 23 gennaio, alle ore 18, al Maxxi, Andrea Carandini in conversazione con Bartolomeo Pietromarchi sul tema “Lo spirituale in relazione alla storia della città di Roma, a partire dal mito della sua fondazione e ai rituali sacri dell’epoca”. Nell’odierna era digitale la smaterializzazione dell’esperienza ci obbliga a riconsiderare gli elementi fondanti del nostro essere umani e sentiamo quindi la necessità di tornare ad un’esperienza vera e profonda della spiritualità individuale. In questo senso, soprattutto per gli artisti, Roma costituisce il simbolo di un luogo originario da cui poter ripartire e per questo motivo in mostra sono esposti, a fianco ad opere di arte contemporanea, diversi reperti archeologici risalenti all’VIII sec a.C., alle origini di Roma, sino alla fine del IV sec d.C., quando il Cristianesimo diventerà la religione ufficiale di Stato.

VIA GUIDO D’AREZZO: SUBISCE FURTO D’ABITI PER UN MILIONE DI EURO

via guido d'arezzoFurto di vestiti da un milione di euro ieri sera alle 22.56 in via Guido d’Arezzo, in zona Parioli, nella Capitale. Vittima lo stilista Cesare Guidetti che, secondo quanto ha riferito lui stesso alla polizia, avrebbe subito il furto di 45 abiti all’interno della propria auto parcheggiata, una Fiat 500. Ignoti avrebbero rotto il vetro e rubato la merce. Sul posto i poliziotti del commissariato Salario e la Polizia Scientifica. Al vaglio le telecamere di videosorveglianza della zona. Fonte: la Repubblica

QUANDO IL TRAM SFERRAGLIAVA LUNGO CORSO D’ITALIA

il tram a piazza brasileNel lontano 1948 un duplice binario del tram andava da piazza Fiume a piazzale Brasile, percorrendo corso d’Italia solo in parte, essendo deviato su via Campania per la tratta compresa tra gli incroci con le vie Lucania e Marche. Questo, perché data l’epoca di costruzione della linea nel 1926, si voleva lasciare corso d’Italia libero per il passaggio dei cavalli. La deviazione, già da anni divenuta anacronistica e di intralcio per l’esercizio delle linee circolare interna e 32/C, venne finalmente soppressa dal febbraio di quell’anno, con l’installazione dei binari su tutta la parte interessata di corso d’Italia. La linea CS e la 32/C nel senso verso piazza Risorgimento vennero instradate sul nuovo binario a partire dal 7 febbraio 1948, mentre per la CD e il senso inverso della 32/C il passaggio avverrà dal 23 aprile.

LA SAPIENZA: MANIACO SI FINGE CHEF E MOLESTA LE RAGAZZE

LA SAPIENZALa notizia del maniaco che si aggira per le università si è sparsa rapidamente non solo attraverso un passa parola ma anche tramite il web. Sui social alcune studentesse della Sapienza e di Roma Tre hanno denunciato le aggressioni mettendo in guardia le colleghe. «Attenzione per l’università si aggira un maniaco che dice di volere fare pubblicità al suo ristorante, ma poi aggredisce sessualmente le ragazze». Un allarmante tam-tam che è velocemente rimbalzato nei gruppi delle universitarie. Eppure non passa giorno senza che le forze dell’ordine non prendano una denuncia a carico del cuoco-maniaco. Continue reading

IL CINEMA DELLE PROVINCIE RENDE OMAGGIO A FEDERICO FELLINI

MASTROIANNIIn occasione dei 100 anni dalla nascita di Fellini il Cinema Delle Provincie omaggia il grande artista riminese proiettando il film “8 e 1/2″, vincitore del Premio Oscar nel 1964 come Miglior Film Straniero. Mercoledì 22 gennaio ore 16 e giovedì 23 gennaio ore 20. Attori protagonisti: Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Anouk Aimée, Rossella Falk, Sandra Milo. Nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna.

IL CROLLO DI LUNGOTEVERE FLAMINIO: ERA IL 22 GENNAIO 2016

lungotevere flaminioGiusto quattro anni fa ci fu il crollo del 22 gennaio 2016 degli ultimi tre piani di una palazzina costruita negli anni Trenta al civico 70 di lungotevere Flaminio. La vicenda si era poi chiusa con un’assoluzione e tre rinvii a giudizio. Alla fine dei conti i il crollo non è derivato da una causa specifica ma da un complesso di cause tutte più o meno concorrenti. Oggi, la vita scorre normale sul lungotevere e il Teatro Olimpico, che si trova proprio sotto il palazzo, continua come sempre la sua attività benemerita.

GALLERIA GIOVANNI XXIII: UN PRIMO GIORNO CON INGORGHI

galleria Giovanni XXIIIOltre cinquanta vigili e 20 pattuglie per smaltire il traffico causato dalla chiusura della galleria Giovanni XXIII. Eppure nonostante lo schieramento di agenti già dalle 17 si sono registrati i primi ingorghi nel quadrante nord della capitale. In particolare su via della Camilluccia,  piazza dei Giochi Delfici, Vigna Stelluti e via Cassia dove le macchine sono rimaste per oltre un’ora bloccate nel traffico. Come annunciato dal Campidoglio nei giorni scorsi sono infatti iniziati i lavori di manutenzione nella “canna nord” del tunnel di raccordo. E se nella mattinata non si erano registrati particolari disagi, nel pomeriggio invece i rallentamenti hanno interessato tutto il quadrante. Una chiusura che aveva sollevato molte polemiche tra i residenti e per questo l’amministrazione aveva poi rivisto l’ordine dei lavori ordinando l’apertura notturna dei cantieri: con il nuovo programma il passante riaprirà al traffico entro “35 – 40 giorni dall’avvio del cantiere” ha comunicato il Campidoglio. Un intervento da cinque milioni di euro per la manutenzione completa dell’anello lungo 2,9 chilometri. Il primo dal 2004 quando fu inaugurata.

AUDITORIUM: DIBATTITO SUL VALORE DEL SILENZIO E DELLE PAROLE

MANCUSOSilenzio o parole. Si può tacere per sempre, se non si ha nulla da dire in quel momento? Come reagireste a un’imposizione o a una proposta di questo tipo? Un mito romano ci racconta di una ragazza che parlava troppo e per questo fu condannata al silenzio. Eppure la filosofia sembra essere molto amica del silenzio, del raccoglimento che serve per interrogarsi nel migliore dei modi. Le domande sul silenzio, domande silenziose o ad alta voce, non finiscono mai. Con Vito Mancuso, scrittore e teologo,e  Nicoletta Polla Mattiot, giornalista e scrittrice.  Introduce e modera Luigi Spina. Stasera all’Auditorium, ore 21, Teatro Studio Borgna.

PAMELA MASTROPIETRO VERRÀ SEPOLTA AL VERANO

PAMELAPamela Mastropietro sarà sepolta nel cimitero del Verano. A stabilirlo una delibera di giunta del Campidoglio che concede una tomba a titolo gratuito all’interno del Cimitero Monumentale, dove riposerà la diciottenne uccisa brutalmente a Macerata nel gennaio del 2018. Era stata la madre della giovane ad esprimere questo desiderio che ora si realizza.

A PIAZZA ISTRIA ARRIVA LA CUCINA ORIENTALE DI ODOROKI

Nuova ventata d’oriente nel quartiere Trieste: a piazza Istria apre Odoroki. Nato in Italia nel dicembre del 2005 con un primo punto vendita all’interno della Stazione Termini Odoroki è un viaggio tra i sapori della cucina orientale, thai,cinese, vietnamita e giapponese. Odoroki, dapprima World Oriented Kitchen (Wok), esprimeva l’intento di essere un punto d’incontro tra tutte le tradizioni culinarie asiatiche ma anche diffondere la parola “wok”, che in OdorokiOriente, da millenni identifica il simbolo dello street food asiatico. La cottura mediante la wok, preserva tutti i principi nutrizionali di ogni ingrediente, mantenendone intatte sia le fibre sia la consistenza naturale, grazie all’uniforme distribuzione del calore e ai tempi brevi di cottura. La combinazione unica di gusto e leggerezza, insieme a una formula veloce e divertente, ha reso Odoroki un punto di riferimento per chi ama trattarsi bene senza eccessivo impegno. Odoroki aprirà a piazza Istria nelle prossime settimane: “next opening” si legge sulle serrande al civico 28 già con il logo di Odoroki. Non l’unica prossima apertura della “sorpresa” asiatica a Roma.  Fonte:Romatoday

VIA DEGLI AUSONI: MOSTRA “GUIDO VANZETTI: IL FUTURO È IERI”

mostra vanzettiNell’era dell’intelligenza artificiale, riscoprire la figura eclettica di un grande fotografo che, oltre quarant’anni fa, è stato anche pioniere della computer grafica in Italia: è questo il senso della mostra “Guido Vanzetti: il futuro è ieri” nata dal desiderio della moglie e compagna di lavoro, Ornella Folinea Vanzetti, di celebrare il genio e l’estro creativo di un grande visionario. La mostra viene ospitata per la prima volta in Italia dall’Istituto Superiore di Fotografia – Isfci di Roma dal 20 gennaio al 28 febbraio. Si è mostra vanzetti 1inaugurata sabato scorso. È la prima personale, dedicata a Guido Vanzetti (1938 – 1994) a venticinque anni dalla sua scomparsa, è un vero e proprio viaggio nella storia della comunicazione visiva in Italia che parte dall’innovazione nella fotografia di moda anni Sessanta (sono di Vanzetti i ritratti della prima modella afroamericana in Italia), passando per le diverse tecniche grafiche utilizzate per manifesti pubblicitari, poster e copertine di album, fino ai prodromi dell’animazione in computer grafica in Italia, collaborando al mostra vanzetti 2perfezionamento della prima tavoletta grafica. L’esposizione a ingresso gratuito è organizzata da Isfci in collaborazione con l’associazione culturale spazio_duale, con il patrocinio della Regione Lazio e ospita oltre 50 fotografie originali, poster e copertine, videoinstallazioni dedicate ai suoi lavori in computer grafica, fino al Silicon Graphic Iris 1000, il computer utilizzato da Vanzetti per le sue animazioni grafiche. Nel 1979 è il primo a utilizzare un sintetizzatore vocale in una trasmissione di Radio Rai Tre, in mostra vanzetti 4una sorta di improvvisazione informatica di scomposizione e ricomposizione del testo per creare un vero e proprio Gr immaginario, surreale abbinamento di fatti e personaggi reali. O ancora qualche anno dopo, a cavallo tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta, realizza “Uno oppure zero” esperimento didattico con i bambini di una scuola romana per spiegare attraverso disegni, foto e animazioni come funziona il computer e il primo esperimento di animazione realizzato completamente in computer grafica mostra vanzetti 5“Pixnocchio” (1982). La mostra è allestita in due sale dell’Istituto che ha sede nel palazzo Cerere, antico pastificio nel cuore del quartiere di San Lorenzo di Roma: un’ala dell’esposizione sarà infatti dedicata al Vanzetti fotografo, con stampe originali di fotografie di moda, videoproiezioni e un visore luminoso con alcune diapositive originali. Inoltre saranno esposte fotografie in bianco e nero di tante star italiane, da Patty Pravo a Luigi Tenco, da Ornella Vanoni a Paola Pitagora, fino a Raffaella Carrà, ritratte dell’artista negli anni Sessanta. La mostra dedicata al lavoro di Guido Vanzetti è a cura di Riccardo Abbondanza, Anna Macaluso, Jacopo Tofani e Ornella Vanzetti. Istituto Superiore di Fotografia – Isfci, via degli Ausoni, 1. Info: 06 4469269. Ingresso gratuito. Fonte: la Repubblica

VIA GRAMSCI: CONFERENZA SU ECHI DEL CRISTIANESIMO IN GIAPPONE

ISTITUTO GIAPPONESEVenerdì 24 gennaio, alle ore 18, nella sede dell’Istituto Giapponese di via Gramsci, conferenza “La Luce ed il Sole – La Città Eterna”. I relatori Giuseppe Riccio de’ Ricci e Mariarosaria Gargiulo illustreranno l’ingresso a Roma nel 1615 di Hasekura Tsunenaga, primo ambasciatore giapponese in Europa. Per la prima volta le cronache degli eventi e il percorso dell’entrata solenne nella città eterna potranno essere vissuti seguendo i diari personali autentici del Santo Padre e i documenti custoditi nell’Archivio Apostolico Vaticano (ex Archivio Segreto Vaticano), in base alle recenti scoperte realizzate dai relatori. Contestualmente presenteranno il concorso Confronta il tuo talento artistico con la storia. A seguire, la proiezione del documentario La collezione Marega: documenti al di là del tempo (regia di Kido Koichi, 2019, matronFilm, 30’, v.o. con sottotitoli in italiano) presenta la cosiddetta “Collezione Marega”, ovvero il materiale raccolto dal missionario italiano padre Mario Marega, giunto in Giappone nel 1929 nell’area di missione della prefettura di Oita. Oltre 14.000 documenti antichi, cronache della presenza cristiana nel feudo di Bungo Usuki durante il periodo Edo, in cui il Cristianesimo era proibito. Inoltre, una mostra a tema sarà allestita presso la biblioteca da venerdì 24 gennaio a sabato 1 febbraio.

VIA PAVIA: SI PARLA DEL LIBRO “L’ITALIA CHE NON CI STA”

L’Italia che non ci sta. Viaggio in un paese diversoStasera in via Pavia, presso la libreria l’altracittà, alle ore 20, presentazione del libro “L’Italia che non ci sta. Viaggio in un paese dverso” (Eianudi). In dialogo con Renate Goergen, Associazione LeMat Europe. Evento di IFord in collaborazione con L’Altracittà, la cooperativa sociale Pangea-Niente Troppo e l’associazione Laura Lombardo Radice (ingresso libero). Questo libro è un viaggio in luoghi in cui è possibile osservare un’Italia in movimento, che ripopola luoghi abbandonati e custodisce un bene culturale, che applica precetti di sobrietà e di ostinazione; che crede nella dignità del lavoro, che si batte contro il suo sfruttamento e ritiene che, oltre a fornire compensi economici, essa induca un cambio di passo nella propria vita, apra inedite prospettive e svolga un servizio di cui beneficia una collettività piú vasta, di cui si avvantaggiano un luogo e un territorio. Il punto di vista che anima il viaggio è essenzialmente dal basso: il mestiere del cronista detta numerose regole, fra le quali devono primeggiare l’andare a vedere, l’ascolto, il contatto diretto – insostituibili metodi di conoscenza, potenziati e non sostituiti dalla Rete. Il viaggio si nutre delle storie concrete di persone e degli spazi in cui esse agiscono, storie individuali, piú spesso collettive, di relazioni con l’ambiente, di interlocuzione e di conflitti.