VIA SCANDRIGLIA: FALSO VIGILE DEL FUOCO RUBA IN APPARTAMENTO

VIA SCANDRIGLIAUn sedicente vigile del fuoco è riuscito a farsi aprire la porta poi ha rubato oro (valore di 500 euro) ed è scappato. Il furto è stato consumato in via Scandriglia, vicino viale Libia, zona Quartiere Africano. Il tutto è avvenuto intorno alle 12 di mercoledì 18 settembre. Secondo quanto riferito alle forze dell’ordine dalla vittima, una persona ha mostrato il tesserino, presentandosi come pompiere e affermando che doveva spostare dei tubi del gas all’interno dell’appartamento.

PORTA PIA: MOSER ALLE CELEBRAZIONI DEL 20 SETTEMBRE

Francesco_MoserIl programma di stasera, celebrativa del 20 settembre, è ricco di contenuti e di ospiti speciali. Alle ore 18 un omaggio alla “breccia” con le “Musiche e Poesie Romane”. Immersione nella tradizione poetica, musicale e teatrale della Città Eterna con versi satirici, comici, drammatici e canzoni dei più autorevoli esponenti della romanità. Un progetto a cura di Angelo Blasetti e Dante Di Giacinto. Francesco Moser, star e campione del ciclismo internazionale,soprannominato “lo sceriffo” (per la capacità di gestire il gruppo durante la corsa) dialogherà dalle 20:30 con il pubblico sul valore dello sport, le regole e la disciplina nella formazione dell’uomo. La Banda dei Granatieri di Sardegna alle ore 21 si esibirà in un intenso concerto che unirà le note del repertorio classico militare a quelle di G.Bizet, G. Verdi e la musicalità contemporanea di Ennio Morricone.

PASSEGGIATA A SAN LORENZO IL 22 SETTEMBRE

PORTA SAN LORENZO OGGIDomenica 22 settembre 2019, passeggiata nel quartiere San Lorenzo. Il quartiere, nato dopo l’Unità d’Italia e fuori piano regolatore su terreni agricoli appartenenti agli ordini religiosi, si caratterizza da subito come il luogo di abitazione per quei ceti subalterni, in maggioranza ex contadini e braccianti inurbati provenienti dal basso Lazio e dalla Sabina, che non possono trovare alloggio all’interno delle mura, nella città “borghese” che contribuiscono a costruire. Vengono anche ad abitare a San Lorenzo diversi personaggi “emarginati” dalla città, che lasciano un segno nella memoria del quartiere, come il Sor Capanna, e in questa realtà di disagio sociale apre nel 1907 la Casa dei Bambini di Maria Montessori a via dei Marsi. Vengono anche inseriti edifici per piccole attività industriali come il brillatoio per il riso, la fabbrica della pasta Cerere (ora centro espositivo) e la fabbrica della birra Roma. Territorio “di frontiera”, dove si diffonde l’ideologia “anarchico-sovversiva”, San Lorenzo viene duramente colpito dai bombardamenti del 19 luglio del 1943. La passeggiata ripercorrerà i luoghi storici e della memoria del quartiere seguendo anche gli scritti di Sibilla Aleramo e di Elsa Morante. Appuntamento domenica 22 settembre alle ore 10 a piazzale Tiburtino accanto alle Mura Aureliane. Costo a persona (compresi eventuali radioauricolari per l’ascolto della guida): soci Amici del Tevere € 13,50, non-soci € 17.

PORTA PIA: 20 SETTEMBRE 1905, IL PRIMO FILM PROIETTATO IN ITALIA

LA PRESA DI ROMA LOCANDINAA Porta Pia, il 20 settembre 1905, avviene la prima proiezione cinematografica in Italia. Si tratta del cortometraggio di Filoteo Alberini, La presa di Roma, anche conosciuto come Bandiera bianca e La Breccia di Porta Pia. Lungo 250 metri (una decina di minuti), contro i 40/60 tradizionali, costò ben 500 lire, oggi se ne conservano solamente 75 metri di pellicola, ovvero quattro minuti di proiezione. Per la presentazione ufficiale, Filoteo Alberini ottiene l’autorizzazione a effettuare la proiezione all’aperto su un grosso schermo piazzato proprio dinanzi a Porta Pia. Vi assistono migliaia di persone richiamate da una breve, ma intensa campagna pubblicitaria effettuata mediante la diffusione di volantini.

VILLA BORGHESE, VISITA AL CASINO DEL GRAZIANO

casino orologio villa borgheseIl 22 settembre, alle ore 10 e 11:30, in viale del Giardino Zoologico 35 “Villa Borghese: il Casino del Graziano e il suo deposito di sculture” a cura di Angela Napoletano. Un’occasione davvero unica per conoscere il Casino del Graziano, acquistato da Scipione Borghese nel 1616 dalla famiglia Graziani, eccezionalmente aperto al pubblico in questa giornata. L’edificio a due piani, con una loggia e due giardini, conserva ancora il ricchissimo apparato decorativo ed è rimasto pressoché immutato nel tempo. Prenotazione obbligatoria allo 060608 per un massimo di 30 partecipanti.

LA SAPIENZA: DILIBERTO NUOVO PRESIDE DI GIURISPRUDENZA

DILIBERTOL’ex ministro della Giustizia Oliviero Diliberto è stato eletto preside della Facoltà di Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Originario di Cagliari, dove ha studiato e ha insegnato, 62 anni, l’ex segretario nazionale dei Comunisti italiani ed ex parlamentare, ormai totalmente impegnato nell’attività accademica, ha ottenuto 63 voti contro 45.  Diliberto, 62 anni, è docente di Diritto Romano a La Sapienza e lo è stato precedentemente nell’ateneo della sua città natale. Il suo concorrente, Cesare Pinelli, docente di diritto costituzionale, è stato il primo a congratularsi con il vincitore, che ha una cattedra anche in Cina. Fonte: la Repubblica

CENTOQUARANTANOVE ANNI FA, LA BRECCIA DI PORTA PIA

LA BRECCIA DI PORTA PIA IN UN DIPINTOIl 20 settembre 1870, noto anche come il giorno della Breccia di Porta Pia, con l’entrata dei bersaglieri a Roma, si sancì l’annessione della città al Regno d’Italia e la fine dello Stato Pontificio e del potere temporale dei papi. L’anno successivo la capitale d’Italia fu trasferita da Firenze e Roma.

IL CANNONE DEL 20 SETTEMBRE 1870 SPARÒ DA…

la-collinaLa memoria della Breccia di Porta Pia si arricchisce di un nuovo luogo romano. E il bello è che fino ad oggi era legato solo all’aura di una tradizione orale, tramandata di generazione in generazione. Fatta di nonni che raccontavano ai nipoti portati per mano: «La vedi questa collinetta di bosco secolare nel nostro cortile? Quando nel 1926 fu costruito il palazzo, venne circondata, salvata e rispettata dalle ruspe, perché era il luogo dove era stata piazzata la batteria di artiglieria che aveva aperto la breccia di Porta Pia nella battaglia del 20 settembre 1870». Continue reading

QUEL QUADRO DI CAMMARANO SULLA BRECCIA DI PORTA PIA

BERSAGLIERI PORTA PIA QUADROIl quadro che ritrae il momento dell’ingresso dei bersaglieri a Roma, intitolato La carica dei bersaglieri alle mura di Roma, è di Michele Cammarano, pittore vissuto dal 1835 al 1920. Figlio di Salvatore, drammaturgo e librettista, e nipote di Giuseppe, scenografo, mosse i primi passi all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, per poi studiare sotto Gabriele Smargiassi, Filippo e Giuseppe Palizzi alla scuola naturalistica di Posillipo. Nel 1860, affascinato dalla figura di Giuseppe Garibaldi, si arruolò nella Guardia Nazionale Italiana per combattere il brigantaggio. Questa esperienza fu molto importante per la sua carriera artistica: tratti e soggetti militari divennero oggetto fondamentale e distintivo di molte sue opere.

PRESA DI ROMA: ERA IL 20 SETTEMBRE E CORREVA L’ANNO 1870

la_breccia_di_porta_piaLa presa di Roma del 20 settembre 1870, nota anche come breccia di Porta Pia, di cui oggi si festeggia la ricorrenza, fu l’episodio del Risorgimento che sancì l’annessione di Roma al Regno d’Italia, decretando la fine dello Stato Pontificio quale entità storico-politica e un momento di profonda rivoluzione nella gestione del potere temporale da parte dei papi. L’anno successivo la capitale d’Italia fu trasferita da Firenze a Roma (legge 3 febbraio 1871, n. 33). L’anniversario del 20 settembre è stato festività nazionale fino alla sua abolizione dopo i Patti Lateranensi del 1929. L’immagine è un fotomontaggio tra presente e passato.