LA SAPIENZA: RUBA TELEFONINO, IL LOCALIZZATORE LO SCOVA

la sapienzaRuba un telefonino all’università La Sapienza ma viene rintracciato dai poliziotti grazie al sistema di geolocalizzazione. Il senegalese è stato fermato al Pigneto e arrestato per furto e resistenza a pubblico ufficiale. La studentessa era andata all’università per seguire le lezioni,  quando però si è allontanata qualche istante dalla sala, un uomo, con la scusa di chiedere informazioni si è avvicinato al banco dove poco prima era seduta la ragazza in compagnia di altri colleghi. Con una mossa fulminea e approfittando di un momento di distrazione dei colleghi, l’uomo ha afferrato il telefono lasciato sul tavolo ed è scappato. Gli agenti del commissariato Università, ai quali la ragazza si era rivolta per chiedere aiuto, dopo una breve indagine, utilizzando il sistema di localizzazione del dispositivo, hanno rintracciato il ladro in piazza Nuccitelli, che alla vista dei poliziotti ha cercato scappare sferrando calci e pugni. B.D. 34enne senegalese, è stato arrestato e dovrà rispondere di furto e resistenza a pubblico ufficiale. Fonte: il Messaggero

BIOPARCO: FIRMATO PROTOCOLLO PER SALVARE ANFIBI RARI

 Salvare dall’estinzione anfibi rari come l’Ululone appenninico, il rospo dal ventre giallo e nero a rischio di estinzione. Questo l’obiettivo del protocollo triennale siglato tra Fondazione Bioparco di Roma e Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia (Rieti), in partnership con l’Università Roma Tre. L’Ululone appenninico (Bombina pachypus) è una specie endemica dell’Italia peninsulare classificata dalla Iucn (Unione mondiale per la conservazione della natura) come ‘vulnerabile’. Deve il suo nome al fatto che per richiamare le femmine emette un verso simile all’ululato; inoltre, quando si avvicina un predatore, produce sostanze disgustose dal forte odore di aglio e fa il morto a galla mostrando la pancia gialla e nera, colori molto vistosi che fanno desistere dall’attacco. Continue reading

IL VERDETTO: IN TRE STUPRARONO A VIA DEI LUCANI, LO PROVA IL DNA

san lorenzoÈ la prova del Dna ad incastrare tre dei quattro ragazzi africani accusati di aver stuprato e ucciso Desirèe Mariottini. La 16enne trovata morta tra il 18 e il 19 ottobre scorso, seminuda, su un materasso lercio all’interno di un container dello stabile in via dei Lucani 22, nel quartiere San Lorenzo. Sul corpo della minorenne di Cisterna di Latina è stato trovato materiale genetico di Alinno Chima, Mamadou Gara e Yusif Salia. Sono queste le ultime prove acquisite ieri dagli investigatori. Dna che per Salia e Gara confermerebbe anche l’accusa di violenza sessuale. Non è stata rinvenuta, invece, nessuna traccia riconducibile a Brian Minthe. Questo, però, non significa che le accuse nei suoi confronti vengano meno. Gli elementi in mano alla procura e alla squadra mobile, che derivano da varie testimonianze, ad oggi sono comunque sufficienti a sostenere la tesi degli inquirenti. Una vicenda terribile che sta attraversando un iter giudiziario complesso. Continue reading

LA SAPIENZA: MUSICHE DI CHOPIN, AL PIANO ALEXANDER ROMANOVSKY

RomanovskySabato 6 aprile alle 17:30 nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” la Iuc (Istituzione Universitaria dei Concerti) presenta il pianista Alexander Romanovsky, che dedica questo concerto interamente al suo compositore preferito, Fryderyk Chopin, di cui esegue alcuni Notturni e Mazurche e le due raccolte di Studi, pagine di difficoltà tecnica pari all’intensità espressiva. Entrambe le parti del suo concerto romano si concluderanno con l’esecuzione di una delle due raccolte di Studi di Chopin, prima i dodici dell’op. 10, poi gli altri dodici dell’op. 25, che crearono una tecnica pianistica rivoluzionaria e aprirono al pianoforte possibilità allora inesplorate. Ma in questi ventiquattro brevi studi oltre alla tecnica c’è anche una profonda poesia, che ne fa alcuni dei pezzi più stimolanti ed evocativi di tutto il repertorio pianistico. Continue reading

VIA DI VILLA CHIGI: ANCORA DAVANTI ALLA SCUOLA I TRONCHI ABBATTUTI

Il Comune pota e abbatte gli alberi pericolosi proprio davanti la scuola, ma ‘dimentica’ di portarli via. Così da venti giorni gli studenti dell’istituto comprensivo Contardo Ferrini di via di Villa Chigi, a Roma, vivono davanti un cimitero di pini. In totale si tratta di circa mille studenti di due scuole dell’infanzia (una comunale e una pubblica) e di una primaria. Per l’operazione di abbattimento e potatura la dirigente scolastica, Marina Esterini, si era scuola contardo ferrini alberitrovata costretta a obbligare i bambini a uscire da porte secondarie. A causa della mancata raccolta dei pini, la circolare è ancora parzialmente in vigore perché la troppa calca potrebbe far sbattere i piccoli e farli cadere contro rami e pezzi di tronco.  “Avevamo fatto una diffida al Comune per tagliare gli alberi, perché erano pericolosi e davano tutti sull’edificio scolastico. I tronchi sono davanti alla scuola, in un luogo di pertinenza del Comune. Serve a poco la striscia che li delimita: è una situazione di obiettivo pericolo. Tanto sono stati celeri nel tagliarli, tanto sono lenti per rimuovere tutto”, ha spiegato la dirigente. Fonte: il Messaggero

TRAM ESCE DAI BINARI A PIAZZALE FLAMINIO: NESSUN FERITO

TRAM A VIA FLAMINIA 2012Tram sviato a piazzale Flaminio, a pochi secondi dalla fine della sua corsa. È accaduto dopo le 20:40 di ieri a un mezzo della linea 2, che secondo quanto riporta Atac sarebbe uscito dai binari di trenta centimetri circa. Sempre l’azienda, che ha attivato navette bus sostitutive da piazzale Flaminio a Mancini, assicura che non ci sono feriti. Fonte: la Repubblica