L’AUDITORIUM OSPITA LO SCRITTORE IRANIANO KADER ABDOLAH

LO SCRITTORE IRANIANO KADER ABDOLAHQual è la lingua della libertà? Forse è l’olandese che lo scrittore iraniano Kader Abdolah, perseguitato dal regime dello scià prima e da quello di Khomeini poi, ha imparato da autodidatta, rendendola la lingua dei suoi libri. Abdolah arriva oggi (ore 18) a Libri Come con il suo ultimo romanzo, Uno scià alla corte d’Europa (Iperborea) con il quale l’autore torna in Iran, ma solo per spostarsi subito dopo, seguendo le orme di uno scià di fine ‘800 occupato in un Grand Tour europeo. Un po’ realtà storica e un po’ fiaba orientale, Abdolah costruisce un ponte che racconta l’Europa passata e quella presente, luogo in cui oggi si intrecciano con urgenza sempre maggiore i destini di Oriente e Occidente, legati da migrazioni che non possono essere fermate. A intervistare l’autore sarà la giornalista Francesca Caferri, che per Repubblica si occupa di mondo arabo e musulmano.

SAMANTHA CRISTOFORETTI DALLO SPAZIO AL PARCO DELLA MUSICA

CRISTOFORETTI200 indimenticabili giorni in orbita, 200 giorni a guardare la terra dallo spazio e dallo spazio l’infinito. Chi meglio di Samantha Cristoforetti poteva raccontare cosa significa Libertà fuori da tutti i confini? Diario di un’apprendista astronauta, è il libro nel quale AstroSamantha racconta il lungo percorso che l’ha portata a passare 6 mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale. Passione, tenacia, impegno e un po’ di fortuna l’hanno accompagnata sin da quando, bambina, aveva iniziato a sognare di diventare astronauta. Una vita di studio e lavoro spesa a cavallo fra tre continenti: l’Europa, l’Asia e l’America. Alla fine, lo spazio. Samantha Cristoforetti arriva a Libri Come per raccontarci la bellezza della Terra, l’assenza di gravità, la leggerezza e, chissà, forse proprio la sua idea di Llibertà. A dialogare con l’autrice, la voce di RadioTre Scienza Rossella Panarese. Oggi, alle 19, all’Auditorium in Sala Petrassi.

AUDITORIUM: LIBRI COME, IL RITORNO DI SLAVOJ ŽIŽEK

slavojRitorna a Libri Come uno dei filosofi più noti e interessanti dell’intera filosofia mondiale. Lo sloveno Slavoj Žižek, con le sue analisi che incrociano Marx e Lacan, il cinema e la politica, il destino della democrazia e il desiderio dei consumatori, è il miglior candidato per azzardare nuove visioni sul rapporto tra potere e libertà. Oltre le analisi degli esperti di settore, il vulcanico pensiero di Žižek ci mostra, anche nel suo recente Come un ladro in pieno giorno, ciò che è già avvenuto ma ancora non abbiamo compreso, cioè che non è ancora accaduto ma che presto vedremo accadere. Intervengono Giovanni De Mauro e Jacopo Zanchini. Oggi, alle 21:30, al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium.

IL CONSIGLIO MUNICIPALE DISCUTE SULL’EMERGENZA BUIO

BUIO QUARTIERE NEMORENSEIl Consiglio del Municipio II è convocato per martedì 19 marzo in via Dire Daua, alle 14:30, per discutere di un argomento di grande attualità e cioè sulle gravi carenze dell’Acea per quanto riguarda l’illuminazione pubblica del territorio municipale. Come i cittadini sanno il problema è di assoluta gravità e i residenti lo vivono sulla propria pelle per i rischi e pericoli che ciò comporta ogni volta al calar del sole.

CARTELLONE MISTERIOSO SUI MURI DEI QUARTIERI FLAMINIO E PARIOLI

cartello misterioso«Come va l’amore?», ce lo chiede da giorni un manifesto misterioso che sta tappezzando i muri di tutta Roma. L’immagine di sottofondo è quella di una ragazza che mangia un hamburger accompagnata da versi romantici tipo: «Non voglio mai quello di cui ho bisogno». Oppure: «Siamo in isolamento ma con un’isola dentro». «Non basta un elastico per tenerci insieme». I manifesti sono comparsi ovunque: dal Pigneto ai Parioli, dall’Eur al Flaminio. E il web è letteralmente impazzito dietro quest’ultima trovata di marketing che stuzzica la curiosità dei romani. Cos’è? La pubblicità di un nuovo fast food? La promozione dell’album di un cantante? Un film, una fiction? Continue reading

IN PROGNOSI RISERVATA PEDONE INVESTITO DA MOTO IN PIAZZA ACILIA

PIAZZA ACILIAÈ in prognosi riservata all’ospedale un pedone di 64 anni rimasto ferito dopo essere stato investito da una mota in zona Salario. L’incidente stradale è avvenuto intorno alle 19:00 di mercoledì 13 marzo alla rotatoria di piazza Acilia, poco distante da Villa Ada. In particolare il pedone è stato colpito per cause ancora in via di accertamento da una moto Suzuki condotta da un uomo di 53 anni. Ferito, il 64enne è stato preso in cura dall’ambulanza del 118 che lo ha trasportato in codice rosso, poi divenuto prognosi riservata, al Policlinico Umberto I.  Fonte: Romatoday

NUOVO COMUNICATO DEL COMITATO PER VILLA PAOLINA

PIAZZA XXI APRILE VILLA PAOLINAIl Comitato Salviamo Villa Paolina di Mallinckrodt scrive: “Il nostro Comitato insieme ad Italia Nostra e ad altri Comitati è stato invitato dalla presidente Donatella Iorio a partecipare alla seduta della Commissione Capitolina Urbanistica del 13 marzo 2019. L’argomento all’odg era la disamina dell’articolo 19 della Lr 13/2018, che consente la deroga al decreto ministeriale 1444/1968, il quale impone limiti inderogabili alla densità edilizia negli interventi di ampliamento secondo il Piano Casa. Siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla determinazione della Commissione Urbanistica a voler mettere in atto azioni concrete contro l’articolo 19, sia chiedendo alla Regione di annullarlo sia opponendosi chiaramente alla sua applicazione. Continue reading

VIA DEGLI ETRUSCHI: DIBATTITO SULLE NEUROSCIENZE

unnamedOggi, venerdì 15 marzo, alle ore 18, presso la libreria Tomo di via degli Etruschi, per la settimana del cervello, “A 40 anni dalla legge Basaglia. Il Contributo delle Neuroscienze”, dibattito con la partecipazione di Renata Murolo, Stefania Cerino e Francesca Cirulli. La Legge 180/78 (Legge Basaglia) ha segnato in modo indelebile la psichiatria, sia in Italia che all’estero. A 40 anni dalla sua promulgazione, molto è cambiato nell’approccio al malato di mente, ma molto è cambiato anche nel campo delle conoscenze e degli studi scientifici. La frase simbolo di Basaglia “La libertà è terapeutica” va forse ripensata oggi precisando che se da una parte la “libertà” è uno dei fondamenti del trattamento delle patologie psichiatriche, esistono- fortunatamente – anche un’altra lunga serie di interventi terapeutici che possono contribuire alla gestione del trattamento dei disturbi mentali. Continue reading

QUEL 15 MARZO 1978 ALDO MORO NELLO STUDIO DI VIA SAVOIA…

via savoiaLa sera del 15 marzo 1978 Aldo Moro rimane fino alle 22 nel suo ufficio di via Savoia, a Roma. Discute con i suoi collaboratori Nicola Rana e Corrado Guerzoni. Siamo a un passo dal compimento del suo disegno politico: il nuovo governo Andreotti, monocolore Dc, riceverà l’appoggio esterno del Partito comunista. E’ la prima volta dal 1947. Ma non è detto che l’intesa regga, il giorno seguente, alla prova del voto di fiducia in aula. Tutto intorno, il Paese è inquieto. Tante sigle terroristiche, tanti omicidi politici. Il giorno dopo a via Fani la strage degli uomini della scorta e il rapimento che si concluderà il 9 marzo con l’uccisione del leader democristiano.