SAN LORENZO: VIA DEI RETI, UN NUOVO MURALE DI LUCAMALEONTE

Taglio del nastro tra dieci giorni per il nuovo grande lavoro di Lucamaleonte, noto street artist della Capitale. L’8 febbraio alle 18:30 sarà inaugurato Patrimonio Indigeno, il murales realizzato grazie a una collaborazione tra la Fondazione Pastificio Cerere e Scs Sviluppo Immobiliare Srl, con la curatela di Marcello Smarrelli. Interessa le facciate di un edificio tra via dei Reti e via dei Piceni ed è quasi terminato, ma in occasione dell’inaugurazione Lucamaleonte aggiungerà un icosaedro, figura regolare dai molteplici SAN LORENZOsignificati simbolici, che usa per firmare le sue opere. L’opera, un dittico di metri 9,50×7,90 e 9,50×4,50, è dedicata all’identità del quartiere di San Lorenzo e alla storia dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una mappa concettuale, un ritratto che offre una chiave di lettura di questo luogo così importante per Roma. Attraverso simboli iconografici e topografici, inseriti all’interno di una composizione vegetale, Lucamaleonte ha creato un’opera che dialoga con il contesto urbano, con la sua identità attuale e la sua memoria storica. E non è il primo. Continue reading

“CARO DIARIO” DI NANNI MORETTI: TUTTI I LUOGHI DEL MUNICIPIO

carodiario VIALE BUOZZILUNGOTEVERE ARNALDO DA BRESCIAQualche sera fa, in tv c’era Caro Diario di Nanni Moretti (su La 7). Ne parliamo perché la pellicola è girata anche nel nostro municipio, dove spesso il regista si sofferma nei suoi lavori. È un film del 1993 scritto, diretto ed interpretato dallo stesso Moretti, vincitore del premio per la miglior regia al Festival di Cannes 1994. Caro diario è composto da tre Nanni-Moretti-Caro-Diario-1993 CORSO FRANCIAepisodi in cui Moretti interpreta se stesso in una sorta di diario aperto, come suggerisce il titolo. Il primo episodio, In Vespa, vede il protagonista nella passeggiata in vespa, appunto, attraverso i quartieri di una Roma estiva e semideserta. Lo vediamo su corso Francia. Ed ancora in Lungotevere Arnaldo Da Brescia. Poi, arrivare nella prima galleria sotto il Ponte Giacomo Matteotti. Un altro stacco e ci troviamo in viale Bruno Buozzi.

STAZIONE TIBURTINA, NON PAGA IL CONTO E FUGGE: ARRESTATO

staZIONE TIBURTINA 3Rifiuta di pagare la consumazione e litiga con i dipendenti di un esercizio commerciale alla stazione Tiburtina: arrestato. La pattuglia Polfer,  in servizio di controllo con il personale militare del Raggruppamento Lazio Abruzzo della Brigata “Sassari”, è subito intervenuta quando ha sentito le urla di un iracheno che inveiva verso i dipendenti del bar: non ne voleva sapere di  pagare il conto dopo aver mangiato. Continue reading

LA SAPIENZA: IL PIANISTA MICHELE CAMPANELLA IN CONCERTO

campanellaMichele Campanella è oggi uno dei più famosi pianisti a livello internazionale, ma era soltanto un giovanissimo e già molto promettente pianista quando suonò per la prima volta alla Iuc, cinquant’anni fa. Da allora è tornato alla Iuc moltissime volte e ora, proprio per festeggiare i cinquant’anni del suo primo concerto all’Aula Magna, vi torna ancora una volta martedì 29 gennaio 2019 alle 20:30 (Aula Magna della Sapienza, Città Universitaria, Piazzale Aldo Moro 5). Nato a Napoli e allievo del grande maestro napoletano Vincenzo Vitale, Michele Campanella è il maggior erede attuale della illustre tradizione pianistica napoletana. Continue reading

VIA FLAMINIA: A RISCHIO SFRATTO LA PALESTRA ‘SOCIALE’

PALESTRA VIA FLAMINIARischia di terminare l’esperienza della Top Rank, la palestra gestita da Vincenzo Cantatore in via Flaminia 86. Lì, all’interno  dell’Antico circolo bocciofilo di Roma, c’è una struttura molto particolare. Vi si possono incontrare attori, ex calciatori ed allenatori. Ma anche ragazzi con un passato problematico e persone affette dal Parkinson. Nella palestra che Vincenzo Cantatore gestisce dal 2016, l’aspetto sociale è tutt’altro che secondario. “Lavoro con ragazzi normali con problemi normali, come la cannetta o la birretta di troppo, per rimetterli sulla retta via con una modalità di allenamento che mi è stata insegnata a Houston e anche con l’aiuto di psicologi e psichiatri. Continue reading

GATTINONI AL MACRO DI VIA NIZZA HA CHIUSO “ALTAROMA”

MACROALTAMODAQuattro giorni di passerelle per AltaRoma, la manifestazione  dell’haute couture capitolina. Tra i nomi più noti, Gattinoni che domenica, alle 21 ha chiuso la manifestazione all’interno del museo Macro Asilo di via Reggio Emilia. Lo stilista Guillermo Mariotto, da anni disegnatore per la casa di moda di Fernanda Gattinoni, ha proposto un nuova collezione plasmandola sugli abiti dello storico atelier, rielaborandone i canoni, rifondandoli, destrutturandoli.

LIBRO ILLUSTRATO SU “LA STORIA DEL TRIESTE SALARIO”

COPERTINAOggi il Trieste-Salario è un quartiere in cui vivono 150.000 persone, e quasi 400.000 sono quelle che complessivamente qui si muovono e lavorano. Nel suo passato si susseguono tre millenni da raccontare, una affascinante storia cominciata 300.000 anni fa di cui rimangono segni visibili, reperti e monumenti. 101 luoghi fondamentali si snodano come tappe di una passeggiata nel Trieste-Salario. Un cammino che il lettore potrà ripercorrere personalmente, leggendo le pagine e guardando le immagini originali e inedite e le illustrazioni che arricchiscono il testo de “La storia del Trieste Salario. Dalla preistoria ai giorni nostri”. Gli antichi ritrovamenti dei primi uomini forse cannibali, la storia della giovanissima Sant’Agnese e del suo martirio, la celebre Sedia del Diavolo e il suo papa eretico, la casa dove abitò Pirandello e la villa dove Luchino Visconti proteggeva gli antifascisti durante le persecuzioni, sono solo alcune delle storie raccontate nel volume.

“SORDI SEGRETO” OGGI ALLA CASA DEL CINEMA

Alberto-Sordi-Un-americano-a-Roma-1954-di-Steno“Il momento più felice della mia giornata è quello in cui posso mettermi in vestaglia e pantofole, e allungare i piedi sotto il tavolo, con un bicchiere di vino accanto”. Parola di Alberto Sordi, l’interprete di quasi duecento film, una carriera stipatissima di cinema, teatro, televisione, radio, canzoni, che affettava una pigrizia romana ma era più laborioso di un giapponese. Un sordiattore che nella sua acuminata analisi di tipi e persone, e nella sua pervicace ricerca di verità, fu un pioniere controcorrente e uno straordinario autore di se stesso. Al grande artista, Bianco e nero, il quadrimestrale del Centro Sperimentale diretto dal presidente Felice Laudadio, dedica il n. 592, basato sul Fondo Alberto Sordi depositato presso la Cineteca original-film-title-un-americano-a-roma-english-title-un-americano-a-roma-film-director-steno-year-1954-stars-alberto-sordi-maria-pia-casilio-credit-eNazionale, che verrà presentato oggi alla Casa del Cinema durante un evento dedicato all’attore romano in cui verranno proiettati i film Fumo di Londra (ore 16.00) e Il medico della mutua(ore 19.00) intervallati dall’incontro moderato da Alberto Crespi e presenziato da Alberto Anile, Walter Veltronie Carlo Verdone. Nel volume, Goffredo Fofi mette in luce l’aspetto lucido e crudele del Sordi ALBERTO SORDImigliore, “cattolico e romano, anzi catto-belliano e per niente apostolico e universale”, Maurizio Porro racconta i trascorsi teatrali e di cantante, “rapper in anticipo con una spiccata vena per il surreale”, Stefano Masi illumina il sodalizio con Silvana Mangano, accoppiata ardita de “la bella e la bestia”. Come suggerisce il titolo Sordisegreto, abbiamo cercato di esplorare gli aspetti meno noti dell’attore, a cominciare dai progetti non realizzati (dallo pseudo western Il trombettiere del generale Custer a Il mio amico Henry, basato sulle traversie di un sosia di Kissinger, fino al film in Brasile – su cui riferisce Tatti Sanguineti – del quale si girano alcune scene al Carnevale di Rio); Daniela Currò, conservatrice della Cineteca A LBERTO SORDI PIZZARDONENazionale, recupera le bobine radiofoniche di Io,AlbertoSordi; si svelano i segreti di Mammamiacheimpressione!, e si raccontano le puntate inedite di Storia di un italiano. Fra gli ospiti e i testimoni, Francis Ford Coppola ricorda una cena insieme a San Francisco, Moraldo Rossi giura che sul set felliniano di Lo sceicco bianco Sordi si sia scritto tutte le battute, ci sono omaggi di Gigi Proietti e dello scrittore spagnolo Arturo Pérez-Reverte. Altri testi e interventi sono di Walter Veltroni, Benedetto Gemma, Gabriele Gimmelli, Marco Vanelli, Alberto Crespi, Maria Gabriella Giannice, Gianni Amelio, Steve Della Casa, David Grieco, Luca Martera, Domenico Monetti, Luca Pallanch, Simone Starace, Giovanni D’Ercole, Francesca Angelucci, Marina Cipriani, e del sottoscritto. Buona lettura» (Alberto Anile, curatore di «Bianco e nero», n. 592).

VIA BENEVENTO: “STREMATE – ULTIMO ATTO” AL TEATRO 7

Federica Cifola, Beatrice Fazi, Giulia RicciardiFino al 10 febbraio, Federica Cifola, Beatrice Fazi, Giulia Ricciardi al Teatro 7 di via Benevento con “Stremate – Ultimo Atto” di Giulia Ricciardi, regia: Michele La Ginestra. Siamo tutti un po’ curiosi di sapere come andrà a finire. Tutti noi vorremmo sapere che ne sarà delle nostre esistenze quando scriveremo l’ultimo capitolo. E se il capitolo riguarda “le stremate” …