NOMENTANO: IL MARCIAPIEDE DELLA VERGOGNA

nomentano 2Immondizia accumulata  intorno ad un cestino per i rifiuti, chiuso ormai da molto tempo. Erba incolta, fango, parti di cemento mancate. C’è anche l’ormai nota “rete pollaio” posta su gran parte del percorso, quasi a voler proteggere i passanti dall’intonaco del palazzo che, si vede ad occhio, viene ormai giù. nomentanoEcco il marciapiede della vergogna. Quello che collega via Francesco Redi a via Maurizio Bufalini, nel quartiere Nomentano. Ci troviamo a pochi passi da via Nomentana e via Regina Margherita, non proprio una zona di periferia. Eppure la situazione descritta va avanti da diversi mesi, almeno sei. Con i residenti  che continuano a fare sollecitazioni ad Ama per ottenere un intervento di pulizia. Un marciapiede diventato, ormai, off limits ai pedoni. Fonte: Romatoday

LA NOTTE NAZIONALE DEL LICEO CLASSICO AL “GIULIO CESARE”

LICEO GIULIO CESAREUn concerto la lettura dei canti della Divina Commedia, l’esposizione di disegni, fotografie, poesie, video e installazioni a tema. E poi il torneo di dibattito per imparare a discutere e ad argomentare, la possibilità di intervistare scrittori, giornalisti, critici e poeti, degustazioni e letture conviviali, gare di citazioni e un intero anfiteatro dedicato alle materie scientifiche. È questo il programma, ideato da studenti e insegnanti del Giulio Cesare, per la Notte nazionale del liceo classico. L’evento è in programma per il prossimo 11 gennaio e si svolgerà contemporaneamente – dalle 18:00 alle 24:00 – in centinaia di licei in tutta Italia. Fonte: Roma H24

VIA FUCINO: UN SUGGERIMENTO DA SEGUIRE

safe_image“Se il cassonetto è pieno, non lasciamo i sacchetti per terra. Settanta metri più avanti, in via Taro 39, ce n’è un altro sempre vuoto! Rispettiamo le strade in cui tutti passiamo”. Ecco cosa c’è scritto su un foglio appeso sopra i bidoni di via Fucino. Si tratta dell’ennesimo messaggio, lasciato dai residenti del quartiere, contro chi abbandona l’immondizia sull’asfalto. Il Trieste-Salario, con l’emergenza rifiuti che si è creata dopo l’incendio al Tmb Salario, si sta riempiendo di biglietti simili. Fonte: Roma H24

EMERGENZA FREDDO: DOVE PORTARE COPERTE E ALTRO NEL MUNICIPIO

Nomentano_-_San_GiuseppeIn questi giorni di freddo intenso, in numerose città italiane e anche nella Capitale, spiega la Comunità, è possibile unirsi alle iniziative di soccorso alle persone senza dimora, sia portando coperte, sacchi a pelo e accessori di lana nei centri di raccolta, sia partecipando di persona alle distribuzioni. Gli indirizzi più vicini:

Tiburtino lunedì 7, giovedì 10 gennaio dalle 17:30 alle 19:30. Parrocchia di S. Romano Martire Largo Beltramelli 8, 9, 11 e 12 gennaio dalle 18:00 alle 19:00 presso i locali della Parrocchia di Santa Maria del Soccorso via del Badile, 1.

Nomentano Domenica 6 gennaio ore 11-12,30 via Livorno 50 Mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio ore 18,30-20 S. Agnese fuori le mura, via Nomentana 349 – salone Buon Pastore.

Nomentano Parrocchia di San Giuseppe, via Redi, tutti i giorni, eccetto la domenica, dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.

GERSHWIN AND EPIPHANY AL PARCO DELLA MUSICA

Big Fat BandGershwin and Epiphany, oggi alle 21, al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium. Un imperdibile concerto tributo dedicato al grande George Gershwin, uno dei piu importanti autori musicali della storia, le cui melodie intramontabili restano assoluti evergreen. La Big Fat Band, per festeggiare il giorno dell’Epifania, eseguirà inoltre il meglio dei brani natalizi rivisitati in chiave swing con arrangiamenti originali.

VIA ISONZO, GRAN BANCHETTO PER I GABBIANI

via isonzovia isonzo 2via isonzo 3via isonzo 5via isonzo 1Stamattina i cassonetti di via Isonzo, via Savoia e via Tevere erano completamente vuoti. Sarà stato un regalo della Befana, oppure la reprimenda dei presidi delle scuole che hanno minacciato di non riaprire se ci fosse stata l’insalubre situazione di questi giorni davanti agli istituti (alle case, ai negozi, agli uffici, aggiungiamo noi). Ma ieri era tutta un’altra storia. A via Isonzo i gabbiani banchettavano alla grande, buttando fuori dai cassonetti l’immondizia, beccando qua e là tutto il ben di dio (si fa per dire) che la gente ha lasciato perché l’Ama facesse il suo compito. Foto: Lucia Pinna