LILLO & GREG AL TEATRO OLIMPICO

TEATRO OLIMPICOUna miscela esplosiva ed esilarante che finalmente porta radio e tv in teatro, per una sintesi perfetta, arguta, sottile, colta e scoppiettante come solo Lillo&Greg sanno fare. Un nuovo sfavillante “varietà” firmato Lillo&Greg che propone cavalli di battaglia della famosa coppia comica, tratti non soltanto dal loro repertorio teatrale ma anche da quello televisivo e radiofonico come “Che, l’hai visto?” (rubrica cult del famigerato programma radiofonico 610 condotto dai due) o ancora “Normal Man”… Lillo&Greg nei panni di due super eroi molto particolari! Fino al 6 gennaio al Teatro Olimpico.

VIA ALLEGRI: IL CAMPIONATO NON SI FERMA, DICE LA FIGC

LA FIGCGabriele Gravina, presidente della Figc, ha confermato la scelta di giocare la diciannovesima giornata di campionato dopo i fatti di Inter-Napoli: “Sabato si giocherà, ci saranno regolarmente le gare, il campionato non si ferma. È una risposta tangibile a chi crede di poter fermarci a causa di certi atteggiamenti violenti. Ho sentito un po’ tutti in queste ore, dalla Lega Calcio al Governo, volevo sentire le varie riflessioni. Abbiamo deciso tutti insieme che si va avanti e si gioca”.

MAX GAZZÈ ALL’AUDITORIUM

gazzèCorreva l’anno 1998, quando uno dei più apprezzati cantastorie dei nostri giorni, Max Gazzè, raccontava con ironia la sua prima Favola, quella di Adamo ed Eva, accompagnato da un basso che scandiva, come un metronomo perfetto, un tempo sempre attuale. Ora, a distanza di 20 anni esatti, “La favola di Adamo ed Eva Tour” rivivrà in Europa e approderà anche in Italia con sole tre date: 28, 29 e 30 dicembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Tre appuntamenti unici per festeggiare il compleanno di quell’album che fu una svolta per la carriera dell’artista, e portò alla musica italiana uno dei lavori pop più amati e sperimentali dell’ultimo ventennio, tra testi ironici, surreali e poetici e suoni a tratti avveniristici. Per “La Favola di Adamo ed Eva Tour” Max sarà accompagnato dalla sua band storica, e riproporrà esattamente la scaletta di quel disco, riprendendo il suo basso dopo i concerti sinfonici di Alchemaya Tour della scorsa estate.

VIA TAGLIAMENTO: RUBANO E FINISCONO CONTRO AUTO IN SOSTA

Forno via TagliamentoNotte di Natale da brivido fra il Coppedè e la zona del Salario. È stata la segnalazione al 112, il numero unico di emergenza, di “furto in atto presso un esercizio commerciale” a far accorrere poco dopo le 4:30 della notte fra il 24 ed il 25 dicembre personale della Polizia di Stato del reparto volanti in via Tagliamento, davanti ad uno storico forno del quartiere.  All’arrivo della volante sul luogo indicato, una Renault Twingo – anch’essa precedentemente segnalata come ‘sospetta’ – ha iniziato ad allontanarsi repentinamente. Ne è seguito così un prolungato  inseguimento nel quale più volte i fuggitivi hanno tentato di speronare la pattuglia di servizio riuscendovi infine ad impattarla in via di Priscilla ma finendo a loro volta contro delle autovetture lì parcheggiate. Continue reading

QUEI CRUDI DETTAGLI SUL DELITTO DI SAN LORENZO

san lorenzoDesirée Mariottini era vergine prima di essere violentata. È lo scioccante dettaglio emerso dall’autopsia eseguita dal medico legale sul cadavere della 16enne di Cisterna di Latina morta due mesi fa a Roma, nel quartiere San Lorenzo, dopo due giorni di atroci sevizie. Un dettaglio che dimostra che Desirèe non si è mai concessa in cambio di droga. Lo rivela Dagospia, in un’anteprima del servizio che uscirà sul settimanale Giallo il 2 gennaio. Secondo la ricostruzione dei fatti di quelle maledette giornate a San Lorenzo, Desirée sarebbe stata violentata ripetutamente. Chi era presente la tragica notte del 17 ottobre non ha avuto un briciolo di pietà nei confronti di questa sfortunata ragazza, per il cui decesso sono accusati quattro immigrati clandestini, abituali frequentatori di quel palazzo abbandonato e noti spacciatori. I risultati dell’autopsia hanno fatto emergere tutta la verità sulla tragica fine di Desirée. Non si sarebbe affatto concessa ai suoi aguzzini in cambio di dosi di droga. Non lo ha fatto in quei tragici giorni di ottobre e non lo aveva mai fatto prima di allora. È stata vittima della crudeltà di un branco di uomini senza scrupoli. Le indagini della squadra mobile e della Procura di Roma continuano e molto presto il cerchio intorno a tutti i responsabili della morte di Desirée sarà chiuso. Se lo augura la sua famiglia, assistita dall’avvocato Valerio Masci. Fonte: il Messaggero

INCENDIO IN UN APPARTAMENTO DI VIA SACCONI AL FLAMINIO

FLAMINIO INCENDIOVIA SACCONIUn imponente incendio si è sviluppato all’interno di un appartamento al quarto piano di via Sacconi. Sul posto 3 automezzi dei vigili del fuoco, e un’ambulanza. I vigili del fuoco hanno sgomberato gli appartamenti sovrastanti aiutando gli inquilini a scendere attraverso le finestre con l’aiuto di un montacarichi. Al momento non si registrano feriti. Tutto sarebbe partito da una cucina a gas. Fonte: il Messaggero

AL BIOPARCO I PINGUINI AFRICANI, SPECIE A RISCHIO ESTINZIONE

BIOPARCOAll’inizio del XX secolo se ne contavano 2 milioni e mezzo, oggi ne sopravvivono appena 50mila: sono i pinguini del Capo, anche noti come pinguini dai piedi neri, diffusi in Sudafrica e su alcune isole della Namibia. Nove coppie di questi esemplari sono appena arrivati al Bioparco di Roma dallo Zoo di Bristol e dallo Zoom di Torino. L’Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn) li ha classificati a rischio di estinzione in natura, per questo il Bioparco li ha inseriti nel Programma europeo di conservazione in cattività (European Endangered species Programme) con l’obiettivo di mantenere una popolazione di animali geneticamente sana per eventuali ripopolamenti in natura. Fonte: la Repubblica

VIALE ROSSINI CONCIATO PER LE FESTE

VIALE ROSSINICome dicevamo nell’articolo precedente, non c’è scampo! Siamo invasi dall’immondizia. Questo è viale Rossini, nel bel mezzo del quartiere Parioli. E come ironizza chi ha postato la foto su Facebook, la strada è proprio addobbata per le feste. Insomma, Rossini o Mascagni: sempre la stessa musica…

LARGO PIETRO MASCAGNI: IMMONDIZIA, IMMONDIZIA, IMMONDIZIA

LARGO PIETRO MASCAGNICi troviamo in largo Pietro Mascagni, a due passi da viale Somalia, ma potremmo essere ovunque in uno dei nostri quartieri o in tutta la città. Dappertutto, lo stesso spettacolo: immondizia, immondizia, immondizia. Virginia Raggi dice che il 2019 sarà l’anno del cambiamento. Ma questa filastrocca, dai 5 Stelle, l’abbiamo già sentita altre volte.

SCALDABAGNO OFFRESI IN VIA LAGO TANA

VIA LAGO TANACi troviamo in via Lago Tana: uno scaldabagno troneggia sul marciapiede come se niente fosse. Chi lo avrà lasciato? Il proprietario troppo indaffarato in queste festività per portarlo in una qualche discarica comunale? L’idraulico che deve correre da un altro cliente e ha già fatto tardi? Già è tanto che, per sbrigarsi, non lo abbiano buttato direttamente dalla finestra del bagno…

MARIO BIONDI ALL’AUDITORIUM

mariobiondi[1]“E sperimentazione sia! Ho pensato ad un connubio tra il moderno progressive dei Quintorigo, la maestria Jazz-Fusion di Federico Malaman, la grande conoscenza dei sound elettronici e l’esperienza nella pop music di Massimo Greco unita alla giovane e potente arte del diciassettenne Tosh Peterson alla batteria. L’idea è quella di rinnovare e potenziare un repertorio consolidato e fonderlo con novità piene di colori e sounds accattivanti per questo tour teatrale. Vi invito a condividere questa esperienza con noi.”. Così Mario Biondi annuncia che ad accompagnarlo nel suo suo tour teatrale, che farà tappa stasera alle 21 (Sala Santa Cecilia) all’Auditorium, sarà una speciale super band composta da: Quintorigo, Federico Malaman, Massimo Greco e Tosh Peterson.

TIBURTINA: CORRIERI DELLA DROGA FERMATI FUORI LA STAZIONE

Stazione TiburtinaTrasportavano sacchi di marijuana, pronta per consegliarla e chi poi avrebbe dovuto rivenderla. I Carabinieri della Compagnia Roma Parioli hanno arrestato quattro nigeriani di età compresa tra i 21 e i 23 anni, in Italia senza fissa dimora, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I ragazzi nigeriani sono stati notati dai Carabinieri nelle vicinanze della stazione Tiburtina mentre, con un passo particolarmente spedito e con atteggiamento guardingo, trascinavano dei trolley al cui interno i Carabinieri, a seguito di ispezione, hanno rinvenuto, nel primo caso 10,6 chili di marijuana imballati con il cellophane, nel secondo, altri 11 chili di marijuana suddivisi in 5 balle, anche queste incellofanate. L’intero quantitativo di droga è stato sequestrato dai militari mentre i 4 nigeriani sono stati ammanettati e portati in caserma, dove attendono di essere sottoposti al rito direttissimo. Fonte: Romatoday

ANCHE NOI DICIAMO “NO!”

Quest’anno non sparare botti e petardi a Capodanno: tantissimi animali soffrono di un fortissimo stress, non capendo l’origine di quel rumore. E ogni anno ci sono tanti cani che muoiono di paura o per incidenti. Festeggia facendo meno rumore, questi animali te ne saranno grati!

CAPODANNO: VADEMECUM PER IL TRASPORTO PUBBLICO

bus nataleCapodanno a servizio pieno per il trasporto pubblico di Roma, comprese le linee ferroviarie cittadine. Le metropolitane della Capitale inizieranno il servizio regolarmente alle 5:30 del mattino del 31 dicembre, per concluderlo alle 3:30 del 1° gennaio. Stesso orario per le ferrovie Flaminio-Montebello, Roma-Lido e Roma-Viterbo, mentre la Centocelle-Termini fermerà i convogli alle 21. Per quanto riguarda la rete di superficie solo le linee 2, 128, 170, 200, 280, 301, 336, 544, 766, 881, 905 e “H” prolungheranno il servizio sino alle 3 e mezza del mattino, mentre le altre si fermeranno alle 21. Alla fine del servizio, entreranno in servizio le linee notturne, che continueranno a trasportare i viaggiatori fino alle 8: da quel momento riprenderà il normale servizio festivo.

GIOVANNI ALLEVI ALL’AUDITORIUM

alleviDopo il grande successo della tournée Orientale in Cina e in Giappone, dove il compositore marchigiano è stato impegnato in numerosi concerti, incontri nelle scuole, appuntamenti istituzionali e televisivi, Giovanni Allevi torna a calcare i palchi d’Italia. L’attesissimo concerto di oggi (ore 18) in Sala Santa Cecilia,  vedrà protagonista la musica classica-contemporanea di Allevi, che prenderà vita attraverso il suo pianoforte e 13 selezionati archi dell’Orchestra Sinfonica Italiana, una formazione che è già entrata nel cuore del pubblico. Allevi assumerà tutti i diversi ruoli di  compositore, pianista e direttore d’orchestra, col carisma e la leggerezza che lo contraddistinguono, attraverso una scaletta che alternerà le atmosfere seducenti delle nuove composizioni e i brani più celebri della sua ventennale carriera.

TANGENZIALE, CHIUSA LA RAMPA CHE IMMETTE SULLA A24

TANGENZIALEI vigili del fuoco hanno predisposto la chiusura della rampa della Tangenziale Est che immette verso l’A24 a causa di un muro pericolante esterno all’autostrada e che costeggia la ferrovia. Chiusa anche la complanare della Tangenziale Est che da viale dello Scalo di San Lorenzo immette direttamente nella rampa attualmente chiusa al traffico. Per chi viene da San Giovanni e deve immettersi nell’A24, si consiglia di proseguire sulla Tangenziale ed effettuare l’inversione all’altezza di via Tiburtina. Nella direzione opposta della Tangenziale la rampa d’immissione sull’A24 è regolarmente percorribile. Fonte: la Repubblica

STAZIONE TIBURTINA: QUANDO IL PERICOLO VIENE DAL BUIO

piazzale stazione tiburtinaLa luna è quasi piena oltre le nuvole che incombono nel cielo. Pioviggina, quella pioggia sottile sottile che quasi non te ne accorgi. Le uniche luci a illuminare il piazzale vengono dall’edicola e dalle pensiline dei capolinea degli autobus, anche se funzionano a intermittenza, una sì, l’altra no. Per il resto è tutto buio, se non fosse per la luna: si può solo immaginare cosa sia la zona quando è calante. Anche così, se per caso devi attraversare e passare accanto agli enormi piloni che sorreggono lo svincolo per la Stazione Tiburtina dalla Tangenziale Est, c’è davvero da avere paura. Potrebbe accadere qualunque cosa e, anche se pochi metri più in là c’è gente e c’è la pozza di luce che viene dall’edicola, nessuno si accorgerebbe di niente. Continue reading