SAN LORENZO: E LA PARTIGIANA DÀ IL VIA AL TORNEO DI CALCIO

san lorenzoL’altro giorno, a San Lorenzo, a dare il calcio d’inizio al torneo femminile organizzato dall’Atletico San Lorenzo insieme all’Anpi e alla Libera Repubblica è stata la partigiana Tina Costa. «Restiamo uniti, non passeranno», è la risposta della 93enne dell’Anpi alla provocazione di alcuni gruppi neofascisti che il 13 luglio avevano imbrattato con delle svastiche la scritta “Viva i partigiani” proprio a San Lorenzo. Il torneo si inseriva negli eventi organizzati nel giorno in cui si ricordavano i bombardamenti del 1943. Fonte: la Repubblica

GRAMATIK IN CONCERTO A VILLA ADA

gramatik-2Stasera a Villa Ada esibizione di Gramatik. Lo scorso novembre l’artista ha conquistato i palchi italiani con quattro irresistibili date invernali, registrando il sold out in prevendita a Milano e Torino, e questa estate si prepara a replicarne il successo. Producer, musicista ed artista tra i più apprezzati dell’elettronica mondiale degli ultimi anni, Gramatik è il moniker di Denis Jasarevic, nato in Slovenia ma già da tempo di base negli Stati Uniti. Il suo stile mescola sonorità dubstep, electro, trip hop, hip hop e glitch, e ad oggi ha preso forma in 8 album, 3 ep e numerosi singoli e remix. Nell’ultimo anno ha partecipato a festival di fama mondiale come Lollapalooza, Glastonbury, Coachella, Sonar, Rock en Seine e Sziget, e con il tour invernale ha registrato un numero sempre crescente di sold out nei club di tutto il mondo.

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, IL RITORNO DI PAT METHENY

PAT METHENY RITORNA ALL'AUDITORIUM

Vincitore di 20 Grammy e recentemente entrato nella Downbeat Hall of Fame come musicista più giovane e quarto chitarrista (dopo Django Reinhardt, Charlie Christian e Wes Montgomery), Pat Metheny ritorna all’Auditorium Parco della Musica stasera per una tappa estiva del suo lungo tour partito nel 2016 in cui presenta al pubblico i più grandi classici tratti dal suo repertorio. Continue reading

CADUTA ALBERI: IL MUNICIPIO SCRIVE ALL’ESERCITO

VILLA BORGHESE CADUTA ALBERIServe l’intervento di Esercito, Protezione civile nazionale e Prefettura. Perché «ormai è una questione di incolumità pubblica: sono 400 gli episodi tra cadute di alberi e tronchi». Francesca Del Bello e Rino Fabiano, presidente e assessore all’Ambiente del II Municipio (Parioli-Salario-San Lorenzo) non hanno dubbi e strage di alberiparlano di «calamità naturale», soprattutto dopo che oggi, giovedì, è precipitato l’ennesimo albero in piazza delle Crociate, all’altezza di via Tiburtina (vicino al cimitero Verano). Il tronco ha colpito una Peugeot 208 in transito guidata da un uomo di 58 anni, portato in Villa-Ada-alberi-caduti-dopo-la-nevicatacodice verde al Policlinico Umberto I. La strage del verde continua insomma: 80 gli alberi caduti tra il 2016 e il 2017, 320 nel 2018. Gli amministratori locali si appellano ai principi di adeguatezza e di sussidiarietà citati dall’articolo 118 della Costituzione e nella lettera protocollata il 18 luglio (Prot.cb. 101323) Del Bello e Fabiano segnalano «la gravissima situazione in cui versa Roma e in particolare il II Municipio per quanto attiene la salute delle alberature stradali e nelle aree verdi» e le «ripetute» segnalazioni alla sindaca Virginia Raggi e all’assessore all’Ambiente Pinuccia Montanari sullo «stato di emergenza».  Nella lettera vengono ricordati gli allarmanti dati della cura del potatura_alberi_verde: 18 giardinieri per 3 milioni e 200 mila mq di verde nel territorio. Circa 100 mila mq sono gestiti dal Municipio (aree al di sotto dei 5 mila mq). L’appello è stato indirizzato al Comando militare della Capitale, Generale di Divisione Agostino Biancafarina, al Prefetto di Roma Paola Basilone e al capo della Foglie e ramiProtezione Civile Angelo Borrelli. «Questa è una calamità naturale che va affrontata da enti superiori al Comune visto che l’impegno del Campidoglio è insufficiente, anzi inesistente – aggiunge Fabiano – l’ufficio giardini non ha camion, mezzi e neanche i cesti per potare». Con la lettera si chiede quindi «che organi superiori si assumano una responsabilità su un pericolo pubblico che in questo caso è rappresentato dalla mancata cura delle grandi alberature, sappiamo – aggiunge Fabiano – che le strutture interpellate hanno mezzi e uomini per tali attività». Attività che di solito però vengono svolte quando c’è formalmente una dichiarazione di stato di emergenza. Insomma, per fare un esempio, la Protezione civile nazionale (struttura della Presidenza del Consiglio dei Ministri) potrebbe attivarsi solo dopo una richiesta a livello nazionale. Continue reading

RAPINA ALLE POSTE DI VIA MERCALLI

Loro, i rapinatori, invitavano alla calma, ma non è stato facile per tutti i clienti sotto tiro di una pistola nell’ufficio postale restare impassibili davanti a quei due banditi dai modi determinati: una giovane è stata presa da una crisi di panico, mentre altre donne si sono sentite svenire, soccorse da altri clienti. Rapina a mano armata alle Poste dei Parioli in via Mercalli: verso le 11, aiutato dalla porta doppia non allarmata, un bandito a volto scoperto, pistola automatica in pugno, ha intimato il “fermi tutti” mentre un complice, entrato poco poste_via_mercalliprima fingendosi un cliente, ha scavalcato il bancone, non blindato, ordinando alle commesse di rimpiere una busta di plastica con i contanti. “Se state tranquilli non vi accadrà nulla”, ha scandito il bandito armato alla ventina di clienti in attesa di pagare bollettini e ritirare corrispondenza. Facile a dirsi, meno a rispettare l’ordine davanti a quel marcantonio dall’atteggiamento deciso. Continue reading

PIAZZA DELLE CROCIATE, CADE RAMO E FERISCE UOMO IN AUTO

PIAZZA CROCIATEAncora un ferito sulle strade di Roma a causa della caduta di arbusti. L’ultimo, in ordine di tempo, risale alle 13 in piazza delle Crociate, nei pressi del cimitero monumentale del Verano. A essere colpito dal grosso ramo di un pino è stato un 55enne a bordo di una Peugeot 208. L’uomo, che ha riportato qualche ferita, è stato trasportato in codice verde al policlinico Umberto I. Sul posto, i pompieri hanno provveduto a rimuovere il ramo e a ripulire l’area, mentre i vigili hanno chiuso momentaneamente la strada. Continue reading

MUNICIPIO: SCUOLE, GENITORI PARTE ATTIVA NELLA RIQUALIFICAZIONE

via volsinio scuola mazziniFinora l’hanno fatto «spontaneamente». D’ora in poi lo potranno fare «ufficialmente». Il consiglio del II Municipio ha, infatti, approvato una delibera dove è stabilito che i genitori degli alunni delle scuole, almeno in quel territorio che va dai Parioli al Flaminio a San Lorenzo, potranno contribuire alla riqualificazione degli edifici e delle aule. Cosa materialmente mamme e papà potranno fare negli stabili?Tinteggiare le pareti e gli infissi oppure aggiustare le porte interne, le persiane o le finestre e perfino gli avvolgibili con la sostituzione delle cinghie e delle molle. Ancora: rimpiazzare lampade, interruttori o campanelli; riparare o sostituire scuola-Fratelli-Bandiera1le componenti dell’impianto idrico. I genitori, in sintesi, potranno fare gli imbianchini, gli elettricisti e gli idraulici per aggiustare tutto quel che non funziona nelle scuole dei propri figli, rendendole più pulite e più adeguate in molti aspetti essenziali. «Abbiamo pensato e studiato questa delibera – spiega l’assessore municipale alla scuola media alfieriScuola Emanuele Gisci – per favorire la partecipazione delle famiglie alla vita della scuola. È un impegno culturale e positivo perché proprio alcune professionalità dei genitori possono così contribuire alla manutenzione degli edifici, con questi piccoli interventi che adesso potranno fare con un’autorizzazione ufficiale e non come prima “sotto banco”». Così sempre più «cittadini fai da te» e in questo caso con l’approvazione dell’amministrazione e dei consigli d’istituto, sopperendo in realtà a quelle che ormai sono croniche mancanze di finanziamenti: «È vero, i fondi sono molto pochi per la manutenzione delle scuole – ammette Gisci -. Ma questi piccoli interventi delle famiglie per mancanza di risorse VIA TEVEREd’ora in poi possono diventare più facili e immediati, stabilendo un legame con gli istituti». E considerando l’aspetto positivo della faccenda, che riguarda le classi dalle materne, alle elementari alle medie, la presidente del II Municipio, Francesca Del Bello, lo definisce così: «Un risultato importante che intende la scuola guido alessivalorizzare le scuole come luoghi di aggregazione e di incontro nel territorio. Un provvedimento che va incontro all’esigenza di informazione e partecipazione delle famiglie e delle scuole che hanno chiesto più volte di intervenire in tal senso. Una risposta all’idea di una scuola autonoma che si apre alla cittadinanza e crea un presidio di impegno civico dove tutti contribuiscono ai beni comuni». La delibera è stata approvata con 15 voti favorevoli, tra i quali 14 della maggioranza e uno dell’opposizione. E ieri il provvedimento «è arrivato dopo un lungo periodo di confronto», conclude l’assessore Gisci, e ha interessato «tutta la comunità scolastica, a partire dai dirigenti fino agli insegnanti e ai genitori, oltre alle istituzioni competenti del Municipio». Fonte: Corriere della Sera