ARRIVA POLIFEMO, CHE PORTA UNA NUOVA ONDATA DI CALDO TORRIDO

caldo_intenso_d0Se in questi ultimi giorni avete alzato la temperatura del condizionatore o addirittura vi siete concessi il lusso di spegnerlo del tutto, sappiate che tra poche ore la situazione cambierà e le temperature atmosferiche torneranno ad alzarsi. Secondo i meteorologi, infatti, il caldo estremo è alle porte e a metà settimana “Polifemo” – questo il nome della nuova ondata di calore – farà il suo ingresso in Italia. I valori si riporteranno ovunque sopra le medie stagionali, in particolare nel weekend con massime intorno a 35 gradi. Ancora nessuna pioggia almeno fino alla fine di agosto: prosegue la grave siccità. Il caldo quindi diverrà anche intenso soprattutto a partire dal fine settimana con temperature massime che quasi ovunque saranno comprese tra 30 e 35 gradi. Continue reading

AMICI DI PORTA PIA: “OPERAZIONE 100 ALBERI” IN VIA ALESSANDRIA

via alessandriaIn questi giorni “vacanzieri” l’associazione Amici di Porta Pia ha deciso, grazie al contributo di molti commercianti, di portare a termine il progetto “Salviamo il verde a via Alessandria”, nato e promosso circa 8 mesi fa. Tutto ciò, anche con il contributo dei volontari dell’associazione AmicidiVillaLeopardi insieme a due operatori del gruppo I 50 Manutentori Civici che hanno realizzato una finitura e contenimento degli alberelli. In breve, sono stati “lavorati” circa 100 alberi di varie misure, procedendo principalmente a una rimozione totale di tutti rami secchi, di quelli bassi e pericolosi e infestati da mal bianco e altri parassiti fornendo alle piante malate e sofferenti possibilità di maggior areazione e concentrazione delle risorse. Sono anche stati rimossi 5 alberi ormai secchi da oltre 1 anno, 2 messi in sicurezza e altri ancora ripuliti da plastiche, panni volati da terrazzi e altri oggetti.

INCIDENTE IN VIA CATANZARO: VAN NCC CONTRO DUE AUTO

via catanzaroUna tragedia sfiorata. È la definizione più azzeccata di quanto accaduto ieri pomeriggio in via Catanzaro 22, nei pressi del noto bar Mizzica. Un Van Ncc sul marciapiede, con due auto colpite; alcune sedie a terra: è questa la scena che si è presentata di fronte agli agenti del II gruppo via catanzaro 2Sapienza della Polizia Locale intervenuti. Secondo quanto ricostruito attraverso le testimonianze raccolte sembrerebbe che il Van Ncc, che procedeva in direzione via Catania, nel tentativo di evitare un’auto in retromarcia, abbia sbandato andando a finire contro due auto in sosta, una Toyota Yaris e una Alfa Romeo Giulia. Quest’ultima, insieme al Van, è finita scaraventata contro il marciapiede dove ha a sua volta colpito alcune sedie del locale. Per fortuna, in quel momento, nessuno le occupava.  Incredibilmente, e per fortuna, nessuno è rimasto ferito. Sul posto per ricostruire la dinamica dell’accaduto i vigili del II gruppo Sapienza. Fonte: Romatoday

PIAZZALE FLAMINIO: RIFIUTANO DI DARGLI DA BERE, LI AGGREDISCE

bar orologio piazzale flaminioAggredisce i dipendenti di un negozio di alimentari che si erano rifiutati di dargli da bere. E’ accaduto a piazzale Flaminio. L’intervento immediato di una pattuglia della polizia locale del II gruppo Parioli, di presidio fisso in piazza, ha evitato che il gesto potesse avere conseguenze più gravi: la persona, alla vista degli agenti, ha prima provato ad allontanarsi per poi tentare – senza riuscirci – di colpire un operatore per sottrarsi al controllo. L’uomo, un cittadino cingalese di 49 anni, è stato portato al centro di foto-segnalamento della Questura di Roma perché privo dei documenti di riconoscimento: sono emersi numerosi precedenti penali a suo carico per reati specifici ed è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per violenza, resistenza a pubblico ufficiale, minacce e danneggiamenti. Fonte: il Messaggero

VIA DI VILLA CHIGI, ABBATTUTI GLI ALBERI PERICOLANTI

villa chigi 1villa chigi 2“La preside ha detto al Comune: ‘O abbattete gli alberi pericolanti o non apro scuola’”, spiega Fabiano Rosario, assessore all’Ambiente del II municipio. E così è stato: dopo che il 10 luglio, in pieno pomeriggio, un pino marittimo di sessant’anni e di circa dieci metri è caduto proprio davanti all’ingresso della scuola Contardo Ferrini, in via di Villa Chigi, le famiglie si sono preoccupate e, d’accordo con la dirigente scolastica, Marina Esterini, hanno lanciato l’aut aut al Campidoglio. Così oggi sono stati abbattuti nove pini marittimi sulla strada. “Nessuno, invece – precisa Rosario – all’interno di Villa Chigi. Se il Comune ha previsto un piano di interventi sul territorio, ci piacerebbe saperlo e conoscerlo, dato che abbiamo passato un anno terribile tra crolli e segnalato pericoli”. Tagliato anche un albero a Villa Ada. Fonte: la Repubblica

POLICLINICO UMBERTO I, AL VIA IL CONCORSO PER 40 INFERMIERI

POLICLINICO UMBERTO IÈ partita la carica dei 1700 concorsisti per i 40 posti da infermiere all’ospedale Umberto I. Dopo le date saltate prima ad aprile e poi a luglio, ieri mattina il concorso, sospeso per i ricorsi al Tar, si è svolto senza ulteriori intoppi. “Un’odissea” hanno commentato due ragazzi appena usciti dall’Hotel Ergife. “È da 15 mesi che aspettavamo di poter sostenere l’esame. Purtroppo non siamo passati. Riproveremo”. Alle 15 sono poi iniziate le prove orali per la prima parte degli esaminandi. L’ultima data – il 13 luglio – era saltata a due ore dall’inizio tra polemiche e proteste. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia. I 1700 infermieri che avevano passato la preselezione avevano saputo all’ultimo minuto della decisione del Tar. “La prova scritta è stata rinviata con pochissimo margine di preavviso” – aveva raccontato una candidata – “1700 infermieri si sono ritrovati ad aver studiato, ad aver preso permessi a lavoro, prenotato voli/viaggi/hotel (cioè investito soldi) inutilmente. Io sono un’infermiera libero professionista attualmente impossibilitata a lavorare e sono anni che partecipo a concorsi. Mai mi era capitata una cosa del genere”. Dopo le accese polemiche, il 5 agosto era stata indicata la nuova data prevista appunto per ieri. Quando si è regolarmente svolto l’esame. Fonte: la Repubblica