DERBY ROMA-LAZIO ALL’OLIMPICO: PARCHEGGI E VIABILITÀ

Roma-LazioDomenica 30 aprile, alle 12,30, ennesimo derby della capitale Roma-Lazio, il quarto della stagione. Il piano di sicurezza e di contrasto alla sosta selvaggia messo a punto da Questura e Polizia locale di Roma Capitale prevede divieti di sosta e fermata ad ampio raggio nell’area tra Foro Italico, Clodio, Tor di Quinto e Flaminio. Dalle 10 stop al traffico, con esclusione dei mezzi di soccorso, pronto intervento e trasporto pubblico, su Ponte Duca D’Aosta e via dei Robilant. Per le auto, confermate delle aree di sosta dedicate a piazzale Clodio, viale XXVII Olimpiade e viale di Tor di Quinto (altezza caserma Salvo D’Acquisto), a cui si aggiungerà quella di Cipro (metro A). Continue reading

A VIA PAVIA APPUNTAMENTO IN LIBRERIA CON DOMENICO DARA

copertinaMercoledi 3 maggio, alla libreria l’altracittà di via Pavia, ore19, incontro con Domenico Dara, autore di Appunti di meccanica celeste (ingresso libero). La prima chiave per leggere gli Appunti di meccanica celeste, secondo romanzo di Domenico Dara (dopo il Breve trattato sulle coincidenze, finalista al Calvino 2013 e poi insignito di vari riconoscimenti, fra cui il premio Corrado Alvaro), ce la dà l’autore stesso nell’esergo, la parte iniziale prima ancora che il testo cominci. Due sono le citazioni che Dara ha scelto di mettere in capo al suo libro, a mo’ di segnali per il percorso che il lettore sta per intraprendere. La prima proviene dal Faust di Fernando Pessoa, quando lo scrittore portoghese scrive che “il mistero supremo dell’Universo, l’unico mistero, tutto in tutto, è che ci sia un mistero nell’universo, qualche cosa, è che ci sia l’essere”. La seconda è firmata da un poeta, Francesco Zaccone, scomparso l’anno scorso e pressoché sconosciuto fuori dai confini della Calabria, ma sicuramente noto e caro a Dara, per avere dedicato i suoi versi in dialetto al paese dove sono ambientate le trame del Breve trattato e di questi Appunti.

AUDITORIUM/3. LEZIONI DI JAZZ, SI PARLA DI JOHN COLTRANE

lezioni_jazzDomani, al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium, ore 11, Fondazione Musica per Roma presenta “John Coltrane. I passi di un gigante della musica”, ritratti di jazz a cura di
Stefano Zenni. A cinquant’anni dalla morte, ripercorriamo gli aspetti più noti e meno noti di una delle personalità musicali più influenti del Novecento, per scoprirne la formidabile parabola e la sua durevole influenza sulla musica d’oggi.

AUDITORIUM/2. GIAMPAOLO ASCOLESE IN “JAZZ…!!”

ascoleseStasera, al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium,  ore 21, Giampaolo Ascolese in “Jazz…!!”. Guest Mauro Zazzarini, sax tenore premio “Jazz Awards, miglior musicista italiano di jazz 2011”. Introduzione concerto e riferimenti storici, Gerlando Gatto. Piccola storia del Jazz, ideata da Giampaolo Ascolese e suonata da un tipico Quintetto Jazz. I musicisti cercano di spiegare, con la musica ed i racconti anche vissuti assieme ai più grandi Jazzisti della storia, il fenomeno musicale del nuovo millennio, il Jazz, dando una collocazione storica e cronologica al repertorio suonato, anche con l’aiuto di uno storico giornalista: Gerlando Gatto.  Il concerto e le descrizioni storico-formali, prendono spunto dal libro di Giampaolo  Ascolese “Tim & Tom, viaggio nella Musica Jazz” con le illustrazioni di Marie Reine Levrat.

AUDITORIUM/1. GIOVANNI TRUPPI, STASERA, CON “SOLO PIANO”

truppiDopo una lunga tournée e alla vigilia di un tour conclusivo col suo pianoforte tascabile che toccherà Europa ed Italia, Giovanni Truppi registra in presa diretta le canzoni più emozionanti del proprio repertorio per piano e voce. Sette brani estratti dai suoi tre dischi più un inedito, otto tracce che descrivono l’essenza della sua scrittura. Giovanni Truppi è nato a Napoli nel 1981. Ha pubblicato tre dischi: “C’è un me dentro di me”, “Il mondo è come te lo metti in testa”, “Giovanni Truppi”. Nel 2015 è stato ospite del Premio Tenco dove ha ricevuto il Premio Nuovo Imaie per la migliore interpretazione; sempre nel 2015, ad Aprile, è stato Artista del Mese su Mtv Italia per Mtv New Generation. Ha collaborato con Antonio Moresco per la scrittura della canzone Lettera a Papa Francesco I ed ha partecipato come chitarrista alle registrazioni dell’ultimo disco di Edda. Nel corso del 2014 ha progettato e costruito un proprio pianoforte, unico al mondo, ottenuto modificando un piano verticale. Il risultato è uno strumento dalle dimensioni inferiori allo standard, smontabile ed elettrificato tramite una serie di pick-up che permettono di amplificarlo. Tra il 2013 e il 2016 è stato protagonista di un lungo tour di circa 300 concerti, con la sua band e da solo. Stasera, all’Auditorium.

“LA DOPPIA VITA DI SABATO E DOMENICO” AL TEATRO DELLE MUSE

la-doppia-vita-di-Sabato-e-Domenico2Al Teatro delle Muse di via Forlì, fino al 7 maggio, Wanda Pirol – Rino Santoro – Geppi Di Stasio in “La doppia vita di Sabato e Domenico”,scritto e diretto da Geppi di Stasio. L’immaturità dell’uomo genera il forte desiderio di conoscere e pilotare l’idea che gli altri avranno di noi dopo la morte. E’ da questo spunto che parte l’idea della divertente commedia già andata in scena con bellissimo successo la precedente stagione. Un capolavoro di moderna comicità con travestimenti e malcelati equivoci che raccontano due opposte filosofie di vita: l’amore infantile, idealizzato e l’amore pratico e terreno.

TEATRO KEIROS, SCULTURA E MUSICA

30-APRILE-yy211Uno spettacolo originale, nato da un’idea del pianista Aldo Dotto e dello scultore Nicola Biagini, entrambi toscani, con lo scopo di trovare una simbiosi ideale fra musica e scultura. Durante la performance del pianista, lo scultore modella davanti al pubblico una scultura in creta, rendendo concrete e tangibili le emozioni suscitate dalla musica ed assecondando con la sua gestualità l’andamento del suono, durante l’atto creativo. Il suono, per sua natura caduco ed intangibile, si cristallizza e diventa materico nella scultura in creta.