TRE SERATE CON CARMEN CONSOLI AL PARCO DELLA MUSICA

CARMEN_CONSOLICarmen Consoli torna ad esibirsi in tour nei teatri con “Eco di sirene”. Sul palco insieme alla Cantantessa ci saranno Emilia Belfiore al violino e Claudia della Gatta al violoncello.Eco di sirene è l’evoluzione di uno dei  progetti più amati ed originali di Carmen: L’anello mancante (2008), un tour teatrale con il quale ha registrato il tutto esaurito in Italia, in Europa e negli Stati Uniti, dominando la scena sola sul palco con le sue sei chitarre. Come in quel concerto, la musica sarà la tela sulla quale tracciare riflessioni e impressioni personali; qui però i tre strumenti acustici si rimandano suggestioni diverse sugli stessi temi musicali e argomenti, dando così corpo all’ambivalenza connaturata al titolo stesso, Eco di sirene. Una sirena è infatti al tempo stesso un suono d’allarme ed una creatura magica che canta per avvisare del pericolo. Una sirena ama e custodisce, assorda e allerta. Una sirena incanta e seduce. Ma può anche urlare e proteggere. È una mostruosa chimera ed una dolce fanciulla in cerca di un’anima. Eco di sirene è quindi uno spazio nel quale accogliere e dar voce e corpo alle domande sul presente, ai piccoli momenti di gioia quotidiana, alla pluralità di risposte individuali. All’Auditorium, il 2/3/4 marzo, ore 21.

ISTITUTO GIAPPONESE, CONOSCERE LE ARTI DECLAMATORIE

istituto giapponesedi Francesco Casale

L’Istituto Giapponese di Cultura, sito in via Gramsci, vi dà appuntamento per quattro incontri con le arti declamatorie del Paese del Sol Levante. Dopo il kōdan, che si è svolto a fine 2016, è la volta di rōkyoku (2 marzo 2017, due spettacoli) e rakugo (21 e 23 marzo). L’evento si tiene in collaborazione con La Sapienza, Università di Roma. L’incontro fissato per il 2 marzo prevede “Gag e shamisen con Haruno Keiko e Morimoto Noriko”, traduzione in italiano. Dove e quando? Alle ore 10, presso l’Iso, Istituto Italiano di Studi Orientali della Sapienza, circonvallazione Tiburtina 4. Alle ore 18:30, invece, l’appuntamento è all’Istituto Giapponese di Cultura in via A. Gramsci 74. Come ride il Giappone? Workshop e spettacolo di storytelling comico accompagnato dallo shamisen in traduzione italiana. Appuntamento interattivo nell’interpretazione o nell’incitamento dal posto, tipico delle arti performative giapponesi. Ansia da palcoscenico? Potete solo assistere, per ridere con i tempi, la musica, i topos comici che spesso sorprendentemente uniscono le culture. La Haruno insegnerà al pubblico i segreti dell’intonazione, arte in cui la lingua giapponese è estremamente versata, prima di dare vita a una performance formidabile di battute “rappate” a suon di shamisen. Introduce Stefano Romagnoli  dell’Iso. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

ENTRO APRILE 250 NUOVI MEZZI DELLO SCOOTER-SHARING ELETTRICO

index“A breve Roma avrà un nuovo servizio di scooter-sharing elettrico a flusso libero (senza postazioni fisse, ndr). Vogliamo incentivare la mobilità sostenibile e condivisa. Ed oggi eCooltra, società spagnola specializzata nelle due ruote elettriche, consegna simbolicamente a Roma Capitale due scooter elettrici per poter circolare in modo green tra le strade della nostra città. Entro aprile saranno 250 i mezzi ecologici che i cittadini potranno utilizzare”. Così in una nota l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo che ieri mattina ha incontrato, insieme al presidente della commissione capitolina Mobilità Enrico Stefano, il direttore generale di eCooltra Scootersharing Italia e di Cooltra Motos Italia, Maurizio Pompili.

MOBILITÀ, MERCOLEDÌ SERA IL DERBY: ECCO IL PIANO TRASPORTI

Roma-Lazio“Mercoledì sera è in programma il primo dei tre derby che si giocheranno in meno di due mesi. L’andata di semifinale di Coppa Italia tra Lazio e Roma è in programma alle 20,45 allo stadio Olimpico. Una novità rispetto a quanto accaduto negli ultimi anni quando il derby si è giocato alle 15 per motivi di sicurezza. Per questo la Questura ha disposto misure aggiuntive rispetto alle normali partite che si giocano nell’impianto del Foro Italico”. È quanto si legge su muoversiaroma.it il portale web dell’Agenzia per la mobilità di Roma. Continue reading

PARCO NEMORENSE, QUALCOSA FINALMENTE SI MUOVE

L’Ati (Associazione temporanea di imprese) costituita dalla cooperativa Barikamà, Grandma srl e Azienda Agricola Eredi Ferrazza nell’ottobre del 2015 ha vinto il bando per la gestione del chiosco bar del Parco. Dopo un anno, trascorso nella ricerca di un accordo fra l’Ati e il Dipartimento Patrimonio circa la definizione del Canone, si è giunti alla firma del il bar di parco nemorensecontratto. Oggi si può finalmente ritenere conclusa la vicenda, in maniera positiva per tutti. Dall’inizio dell’anno, la pulizia del Parco e la cura del verde orizzontale è già stata presa in carico da Barikamà, che si occupa anche dell’apertura e chiusura dei cancelli di accesso. Nel frattempo i lavori di risistemazione del chiosco sono quasi conclusi e l’Ati si appresta a depositare la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) per la licenza di somministrazione. Ragionevolmente, calcolando i tempi per l’espletamento di tutte le pratiche burocratiche, fra 2 o 3 mesi il bar sarà nuovamente aperto. Anche se giunta con un po’ di ritardo, si tratta di una grande notizia. Una novità che di sicuro non basta a risolvere tutti i problemi che affliggono il Parco, ma che certamente può segnare un punto di svolta verso la sua rinascita culturale e ambientale. Fonte: newsletter di Carlo Manfredi

L’AMMINISTRAZIONE INCONTRA I CITTADINI

Secondo teIl II Municipio invita a partecipare all’incontro pubblico in programma domenica 5 marzo 2017 ore 10:30  presso il Cinema Tiziano  in via Guido Reni 2.

L’incontro sarà l’occasione per trattare i seguenti argomenti:

  • Piano di recupero delle aree delle ex Caserme di via Guido Reni;
  • Imminente apertura del presidio ASL in via degli Olimpionici;
  • Riqualificazione e messa in sicurezza dei giardini di piazza Mancini e realizzazione del Parco Giochi;
  • Interventi migliorativi sulle aree verdi del Villaggio Olimpico;
  • Riqualificazione di piazza Perin del Vaga.

I cittadini sono invitati a partecipare numerosi!

LA SAPIENZA: PRIMA ROMANA DI “MAHLER REMIXED” IL 28 FEBBRAIO

IUCdi Francesco Casale

La Iuc presenta in prima romana “Mahler Remixed”, una performance di Christian Fennesz (live electronics e chitarra) e Lillevan (live visuals), martedì 28 febbraio alle 20.30 nell’Aula Magna della Sapienza. Con “Mahler Remixed” Christian Fennesz dà un personale contributo alla riconsiderazione dell’opera di Mahler, prende le sue composizioni, le disseziona e le ricompone con i mezzi e il sound dell’elaborazione elettronica. Nasce qualcosa di completamente nuovo e irriconoscibile, che apparentemente non ha più nulla in comune con l’originale. La musica di Mahler viene nascosta da fuzz e glitch, si liquefà in riverberazioni e distorsioni, si trasforma in rumore, si dissolve in silenzio, riprende. Continue reading

TEATRO OLIMPICO, IN ARRIVO TUTTE LE DONNE DI FRANCESCA REGGIANI

reggianiDal 28 febbraio al 5 marzo, al Teatro Olimpico, in scena Francesca Reggiani. Questo è l’anno giusto per parlare di esseri femminili, altrimenti dette “donne”, e Francesca Reggiani sa farlo. Uno sguardo ironico attraverso le donne che finalmente occupano posti di potere, includendo anche le dinamiche con i loro uomini. Da Hillary Clinton a Virginia Raggi da Agnese Renzi a Maria Elena Boschi dall’ Appendino alle Ande, dal Manzanarre al Reno…

VIA NOMENTANA: VILLA PAGANINI, IL DEGRADO REGNA SOVRANO

Villa_Paganini_degradoUna situazione che va ormai avanti da mesi, se non da anni. E per l’ennesima volta non si può non documentare il degrado in cui il bellissimo parco di Villa Paganini, sulla Nomentana, è sprofondato inesorabilmente. A sprofondare, anzi a crollare – letteralmente – da qualche mese a questa parte sono gli alberi: Villa_Paganini_degrado_-_10di pini secolari piantati nel parco ne sono caduti già quattro da dicembre 2016 a oggi. A gennaio, dopo la caduta del secondo albero, i cittadini e le scuole della zona si sono allertate, inviando al Servizio Giardini del Comune varie richieste di intervento, ma nulla è cambiato. Anzi. Di lì a poco è crollato il terzo albero. Villa_Paganini_degrado_-_12Altre richieste di intervento e controllo, ma ancora niente. Lo scorso 23 febbraio un quarto pino si è schiantato al suolo. Una situazione in cui c’è da gioire per una sola cosa: cioè che per fortuna in quelle quattro occasioni non c’è stato nessuno a pagare le spese di una tale incuria. Ma la fortuna, come si sa, va aiutata. Villa_Paganini_degrado_-_25E invece in questo caso si sta semmai facendo il contrario, visto che il parco è quotidianamente molto frequentato, soprattutto da bambini. Eppure la storia di Villa Paganini non è sempre stata così triste. Anzi, nel 2004, grazie a una spesa di tre milioni di euro da parte del Comune, il parco tornò a splendere dopo anni di Villa_Paganini_degrado_-_23degrado, con tutte le sue bellezze, compresi laghetto, ninfeo, ponticello e torrente. Oggi lo spettacolo che si mostra a chi entra nella villa è desolante: il laghetto è diventato una sorta di acquitrino, in cui nell’acqua stagnante galleggiano rifiuti di ogni sorta. Le panchine sono divelte, sfondate, arrugginite. Quello che era Villa_Paganini_degrado_-_8uno dei luoghi più belli in cui passeggiare nella zona della Nomentana, a tratti anche più piacevole della più famosa e frequentata villa Torlonia (situata proprio di fronte), è diventato un luogo pericoloso, dove di continuo bisogna fare attenzione a dove mettere i piedi, per evitare di scivolare, prendere una storta per le voragini che si aprono nel terreno, calpestare qualche rifiuto, se non qualche siringa. Solo che adesso stare attenti a dove si cammina non basta più: tocca guardare pure verso l’alto e sperare che un albero non crolli proprio mentre passa qualcuno. Della fortuna, d’altronde, non si deve abusare. Fonte: il Messaggero

L’ANTICO EGITTO DI TUTANKHAMON IN MOSTRA A VIA OMERO

di Francesco Casale

All’Accademia d’Egitto di via Omero è in corso, fino al 30 giugno 2017, la mostra su Tutankhamon. La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 17. L’importanza della scoperta, forse la più famosa della storia dell’egittologia, risiede, prima di tutto, nel

musum_slidefatto che si tratta di una delle poche sepolture dell’antico Egitto pervenutaci quasi intatta, l’unica di un sovrano e, conseguentemente, tra tutte quelle note, la più ricca. La scoperta di Howard Carter, il 4 novembre 1922, fu permessa dalle sovvenzioni di un ricco signore, Lord Carnarvon. Tutankhamon è il più famoso tra i faraoni dell’antico Egitto. Continue reading

VIALE SOMALIA: LICENZIATO, RUBA GLI ATTREZZI DELL’EX PADRONE

viale somaliaÈ stato il desiderio di vendetta di un cittadino albanese di 24 anni, licenziato dal suo datore di lavoro, a mettere in difficoltà una ditta edile della capitale, che da un giorno all’altro si è ritrovata senza neanche un attrezzo per continuare i lavori di ristrutturazione di un edificio in viale Somalia, nella zona del quartiere africano. Dopo la denuncia del responsabile dell’impresa, sono stati gli agenti del commissariato Vescovio, diretti da Andrea Sarnari, ad incaricarsi delle indagini. Gli investigatori sono partiti dalle dichiarazioni di un testimone che la notte del furto ha detto di aver notato, mentre rincasava, un furgone di colore bianco parcheggiato proprio davanti all’edificio. I poliziotti, dopo aver estrapolato le immagini da una telecamera di videosorveglianza installata in una via adiacente, hanno controllato i furgoni simili a quello segnalato dal testimone. Proprio da un accurato controllo sugli intestatari dei veicolo sospetti, si è arrivati alla scoperta di un particolare che ha dato la svolta alle indagini. Uno dei furgoni, risultato di proprietà di un cittadino straniero, nei mesi scorsi era stato fermato dalla polizia e, oltre al conducente, a bordo del furgone gli agenti avevano identificato altre due persone tra cui A.N., albanese di 34 anni, poi risultato essere un operaio licenziato dalla ditta che aveva subito il furto. Gli investigatori hanno cercato di individuare l’albanese, che aveva spesso cambiato dimora, nei luoghi da lui frequentati in genere. L’uomo una volta bloccato è stato accompagnato  negli uffici del commissariato dove ha ammesso le sue responsabilità giustificando il gesto per il risentimento verso il suo ex datore di lavoro. Alla fine degli accertamenti A.N.è stato denunciato per il reato di furto. Fonte: la Repubblica

PIAZZALE FLAMINIO, CHIUSA METROPOLITANA PER ODORE DI GAS

piazzale flaminioSquadre dei vigili del fuoco del Comando di Roma, alle 8.40 dell’altro giorno, sono intervenute in via di Villa Ruffo per un forte odore, apparentemente di gas. A scopo precauzionale è stata chiusa la fermata della metropolitana della linea A Flaminio per l’ingresso dei passeggeri mentre è consentito il transito dei convogli. L’intervento è terminato intorno alle 11.45 e la stazione metro della linea A Flaminio è stata riaperta. Le squadre tecniche di Italgas hanno infatti comunicato che non c’è stata alcuna fuga di gas e che l’odore avvertito non era di gas naturale. Fonte: il Messaggero

VIA GRAMSCI: ISTITUTO GIAPPONESE, LA ‘NUOVA’ MUSICA DI KENJI SAKAI

KENJI SAKAIMartedì 28 febbraio, ore 18:30, all’Istituto Giapponese di via Gramsci, un concerto volto a sfatare la convinzione che comporre e ascoltare musica contemporanea sia un’attività rivolta a pochi intenditori o specialisti. Il compositore Kenji Sakai, vincitore di importanti premi e riconoscimenti – tra cui il Toru Takemitsu Composition Award (2009) e il Prix de Rome dell’Accademia di Francia – nonché personalità di spicco della “nuova” musica contemporanea giapponese, presenta le sue originalissime composizioni, contraddistinte da un carattere impetuoso e ritmico che ne facilita l’ascolto e la godibilità. L’esecuzione al pianoforte è affidata al pianista Noritaka Ito, musicista di grande talento e fine interprete dello stile di Kenji Sakai. Tra i brani in programma saranno eseguiti anche Sonnet for Lek&Sowat e Comme l’harmonie du soir, composti durante la sua residenza a Roma come borsista di Villa Medici nel 2016 (ingresso libero fino a esaurimento posti).

AUDITORIUM: MUSICA E PAROLE DELLA CANZONE ROMANA

nataliLa canzone romana incontra vari stili in un affascinante e inconsueto viaggio che attraversa un secolo di melodie e parole e fonde la tradizione musicale italiana con stilemi armonici nati oltreoceano: un connubio mai realizzato finora. È comune sentire definire Roma “città eterna”, “città all’ombra del Cupolone”, “città del Tevere”, “città dei sette colli”… Tutto vero ma c’è anche altro nascosto: Roma non è una città ma “la città”‘, non solo un luogo ma un posto dell’anima che è impossibile dimenticare. L’itinerario scenico di “’Na Passione Romana” sarà concepito per esprimere un vero e proprio viaggio emozionale, all’insegna del melting pot, in cui gli spettatori s’incanteranno a seguire il filo rosso della contaminazione tra generi, che cuce insieme canzoni romane classiche come: Serenata a ponte, Arrivederci Roma, Serenata sincera, Pè lungotevere, Serenata de Paradiso, interpretate dalla splendida voce di Nadia Natali. Lo spettacolo di questa sera all’Auditorium (ore 19) sarà arricchito da poesie e racconti di grandi autori capitolini letti e recitati da Maurizio Mattioli.