VIA OMBRONE: A ‘SPAZIO CIMA’ SI DISCUTE DI DISTURBI ALIMENTARI

via-ombrone-9I Dca ( disturbi del comportamento alimentare) sono patologie in continuo aumento, legate al benessere e alla occidentalizzazione. Una ragazza su 250 soffre di anoressia ed 1/3 su 100 soffre di bulimia. Riguardano le ragazze nella fascia di età 15-25 anni ma sono in aumento anche nei ragazzi e nelle donne oltre i 50 anni. Sono una malattia psichiatrica con importanti conseguenze organiche; la malattia psichiatrica con la maggior mortalità e la prima causa di morte per malattia (dopo gli incidenti) nella fascia di età 15-25 anni. A soffrirne sono soprattutto le donne, ma gli uomini interessati sono in netto aumento (10 per cento dei malati). L’età più a rischio è quella che va dai 15 ai 25 anni, ma sono in aumento anche i casi che interessano la popolazione adulta. Se n’è parlato durante i primi incontri organizzati da SpazioCima, in via Ombrone 9, Roma, in merito alla settimana “Io Sottraggo”, progetto artistico e di sensibilizzazione di Roberta Cima sui disturbi del comportamento alimentare, con la partecipazione dell’artista Giovanna Lacedra. Continue reading

VIALE PARIOLI, BLITZ DEI VIGILI CONTRO ‘TAVOLINO SELVAGGIO’

viale_parioli_blitz_vigili_2-620x310Blitz della polizia locale in viale Parioli. I vigili, su disposizione del tribunale di Roma, hanno eseguito una serie di sequestri in alcuni noti locali (Caminetto e Pariolina) in viale Parioli. L’operazione è scaturita al termine di una attività di indagini e di intercettazioni partite da alcuni esposti che denunciavano gli abusi, e che hanno impegnato per un lungo tempo gli investigatori della polizia locale presso la procura. Gli agenti, appartenenti alla Unità operativa di polizia giudiziaria presso le procure della Repubblica, diretta da Rosa Mileto, hanno quindi notificato i provvedimenti posizionando nastri, cartelli e sigilli per interdire le aree sotto sequestro. Oltre al reato di occupazione abusiva di area pubblica, sono stati notificati ai titolari altri provvedimenti di tipo amministrativo. Fonte: MunicipioRoma

RIAPRE A GENNAIO IL CHIOSCO DI VILLA NEMORENSE

Lo yogurt prodotto dai migranti della cooperativa sociale Barikamà sul lago di Martignano. Il pane a lievitazione artigianale e i dolci artigianali del bistrot Grandma di via del Corneli, al Quadraro e i prodotti biologici dell’azienda agricola Eredi Ferrazza di Martignano. Riaprirà a fine gennaio con una nuova gestione, per i prossimi 6 anni, il chiosco del parco Nemorense. L’associazione temporanea di imprese che si è aggiudicata il bando il 5 il bar di parco nemorenseottobre del 2015 si incaricherà anche della cura dei giardini. Dopo una lunga trafila burocratica e una diatriba tra il dipartimento al Patrimonio del Comune (proprietario del chiosco) e quello all’Ambiente (responsabile della cura del parco) sui canoni di affitto, i nuovi soggetti, due giorni fa, hanno finalmente preso possesso della struttura. “In accordo col municipio II – spiega Lorenzo Leonetti, del bistrot Grandma – entro fine mese avvieremo la manutenzione del parco”. Il progetto prevede l’inserimento lavorativo dei migranti e dei ragazzi con sindrome di Asperger, un disturbo dello spettro autistico: vuole essere il primo esempio di impresa sociale concorrenziale sul mercato. Continue reading

VIA SALARIA, LO STENDINO DEL SENATORE

via-salariaVuoi mettere uno stendino nel bagno di casa o in terrazzo. Banale. Eccolo invece proprio davanti al Mausoleo di Lucio Peto, in via Salaria. Del resto, anche il senatore romano avrà avuto le sue tuniche da stendere. Certo, a questo avrebbe provveduto uno schiavo o un’ancella. Un senatore ha cose più importanti cui pensare, sempre che il senato non glielo aboliscano.

VIA LIVENZA, BATTAGLIE POLITICHE A COLPI DI SPRAY

Una volta le battaglie politiche si facevano con le bombe molotov. Adesso, per fortuna, ci si limita alle bombolette spray. Destra e sinistra, rossi e neri ( ma ancora ci sono?), si combattono con scritte sui muri. A rimetterci è la facciata del liceo Montessori di via Livenza. L’imbianchino, al di sopra delle parti, provvederà a cancellare tutto. Fino alla prossima battaglia, naturalmente.

via-livenza

QUELLO SCALDABAGNO IN VIA PO

via-poEra arrivato il tempo di cambiare lo scaldabagno: quello nuovo è dentro, quello vecchio è fuori. A chi imputare l’indecoroso risultato? A un padrone di casa distratto, oppure all’idraulico che non aveva nessuna voglia di fare un viaggetto al più vicino deposito dell’Ama?