IL NUOVO SITO DELL’ASSOCIAZIONE ‘ABITARE E ANZIANI’

ABITARE E ANZIANINuovi servizi, tante notizie, nuove opportunità per  essere informati di più e meglio sui temi dell’abitare e sul mondo degli anziani.  E’ online da oggi il nuovo sito Internet dell’associazione Abitare e Anziani www.abitareeanziani.it, impegnata dal 1998 ad approfondire con studi, ricerche, proposte le condizione abitative degli anziani nel nostro Paese. Un rinnovamento editoriale a 360 gradi  che guarda al tema dell’abitare e degli anziani e alle sue innumerevoli ricadute sociali, con un approccio nuovo, meno tecnico e più sociale. Per parlare ad un pubblico più ampio, raccontare meglio l’attualità, intercettare nuovi interessi e soddisfare un bisogno di informazione su queste tematiche sempre più crescente. Il nuovo sito di Abitare e Anziani, rinnovato nella forma e nei contenuti, viene incontro alle esigenze degli utenti con un impatto visivo più chiaro e una maggiore semplicità nella navigazione. Continue reading

FINO AL 23 NOVEMBRE IL “ROMA JAZZ FESTIVAL” ALL’AUDITORIUM

festivaljazz_d0Ripercorrere i temi che hanno segnato la storia del festival e che, edizione dopo edizione, hanno dimostrato l’importanza del jazz nella cultura del ‘900. Questo il filo conduttore della 40a edizione del Roma Jazz Festival ospitato, fino al 23 novembre, all’Auditorium Parco della Musica e alla Casa del Jazz. Sedici i concerti in programma con artisti del panorama jazzistico nazionale e internazionale, senza dimenticare i giovani talenti. Al ricco calendario si aggiungono anche GiocaJazz, due appuntamenti dedicati ai bambini, e la mostra Roma Jazz Festival: Una storia lunga 40 anni, che attraverso manifesti, programmi di sala e fotografie dei migliori professionisti italiani, racconta la storia del festival dalla sua nascita, nel lontano 1976, fino ad oggi. Il Roma Jazz Festival è ideato e prodotto da Imf Foundation e Fondazione Musica per Roma, in collaborazione con Azienda Speciale Palaexpo – Casa del Jazz e Jando Music. Questo il link per accedere al programma dell’Auditorium.

AUDITORIUM, STASERA “JOSHUA REDMAN BRAD MEHLDAU DUO”

banner_redman-mehldauStasera, alla Sala Sinopoli dell’Auditorium, ore 21, “Joshua Redman Brad Mehldau Duo”. Joshua Redman e Brad Mehldau non sono solo due maestri del jazz contemporaneo, ma anche due amici di vecchia data. Suonano insieme fin dai primi anni Novanta, quando Redman era un giovane leone del sax in piena ascesa e Mehldau un sideman nel suo quartetto. Da allora, ne hanno fatta di strada: oggi, Redman è un solista maturo e un leader autorevole, mentre Mehldau è il pianista più influente della sua generazione, capace di spaziare nel jazz e oltre, fino al rock e all’elettronica. Questo concerto fornisce la rara opportunità di ascoltarli nel formato intimo e concentrato del duo.

DUE MOSTRE IN CORSO NELLE SALE DEL MACRO DI VIA NIZZA

arte_e_politica1_d0Nelle sale del Macro, Museo d’Arte Contemporanea Roma di via Nizza, due nuove mostre. Arte e Politica opere dalla collezione #4 (fino al 10 maggio 2017) e Yi Zhou Fragments of Rome, past, future, parallel worlds (fino al 27 novembre 2016). L’esposizione, curata da Costantino D’Orazio, è il quarto appuntamento del ciclo di mostre Opere dalla Collezione, progetto che valorizza la collezione permanente del Macro, esposta a rotazione nelle sale museali. In questa tappa viene presenta una selezione di opere legate al tema dell’impegno politico, sociale e civile. A partire dalle demolizioni operate dal regime fascista a Roma negli anni yi_zhou_large1_d0Trenta e immortalate da celebri dipinti di Mario Mafai e della Scuola Romana, passando per la cronaca delle manifestazioni di piazza rappresentate da Giulio Turcato, il percorso della mostra giunge fino all’atteggiamento disincantato degli artisti contemporanei nei confronti dei fatti socio-politici. La mostra rientra nella terza tappa del progetto espositivo From La Biennale di Venezia to Macro. International Perspectives, ideato e curato da Paolo De Grandis e Claudio Crescentini. Yi Zhou, artista cinese, vive tra Roma, Shanghai, Hong Kong e Los Angeles, e rappresenta la nuova generazione di artisti interdisciplinari di talento. Yi Zhou esplora il regno dell’iperrealismo e del neorealismo: installazioni multimediali in cui abbina cinematografia, animazione digitale, fotografia, scultura, pittura, disegno e composizioni di musica contemporanea.

“IL FIUME” DI MARCO LODOLI: SE NE DISCUTE ALLA LIBRERIA KOOB

il-fiumeVenerdì 11 novembre, alle ore 18, nella sede della libreria Koob di via Poletti (accanto al Maxxi), appuntamento da non perdere con Marco Lodoli per la presentazione del suo nuovo romanzo “Il fiume” (Einaudi). “Ho sognato che ero caduto nel fiume, era notte là sotto, non si vedeva niente… Poi tu sei arrivato e mi hai salvato”. Sempre alla Koob, sabato 12, alle ore 10, corso teorico-pratico di yoga, psicanalisi e meditazione per favorire il benessere e la crescita interiore. Il costo del corso è di 80 euro e verrà attivato con un minimo di 8 persone; é necessaria la prenotazione.

CORSO DI FOTOGRAFIA BIANCO/NERO A VIA FRANCESCO SIACCI

corso-fotograficoA via Siacci, ai Parioli, corso di fotografia: dallo scatto alla post-produzione, questo è il primo corso che ti spiega come pensare in bianco e nero durante la fase di scatto e quali sono i più efficaci metodi di post-produzione con photoshop. Quando? Sabato 26 e domenica 27 novembre 2016 ore 10-13 e 14-18, nella sede di Parioli Fotografia.

ALLA CASA DEL CINEMA TORNA IL PITIGLIANI KOLNO’A FESTIVAL

il_ghetto_di_venezia__500_anni_di_vita_4Torna dal 19 al 24 novembre 2016 – a ingresso gratuito fino a esaurimento posti – alla Casa del Cinema di Roma e al Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani (Via Arco de’ Tolomei, 1) il Pitigliani Kolno’a Festival, Ebraismo e Israele nel cinema. L’inaugurazione, il 19 sera, si terrà per la prima volta al Maxxi, Museo nazionale delle arti del XXI secolo (via Guido Reni, 4). Il festival, giunto alla sua undicesima edizione, prodotto dal Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani e dedicato alla cinematografia israeliana e di argomento ebraico, è diretto anche quest’anno da Ariela Piattelli e Dan Muggia. Invariate le sezioni del princess_shaw3festival, dal Panorama sul nuovo cinema israeliano, ai Percorsi ebraici, cui si aggiunge una sezione speciale dedicata alla grande Ronit Elkabetz. Numerosi i lungometraggi e i documentari presentati. Tra questi, Il Ghetto di Venezia – 500 anni di vita, di Emanuela Giordano, che ripercorre, anche grazie a inserti di ricostruzione storica realizzati in animazione, le vicende del ghetto più antico d’Europa, ricorrendo inoltre ai ricordi e alle testimonianze di “testimoni eccellenti”, tra cui Amos Luzzatto e Riccardo Calimani. Si andrà alla scoperta della vita quotidiana e della tradizione, così come delle sinagoghe nascoste e dell’antico cimitero ebraico. Quindi, mrgaga2Mr. Gaga anima e corpo di un genio della danza, di Tomer Heymann, la storia di Ohad Naharin, nato e cresciuto in un kibbutz, uno dei coreografi più importanti e innovativi al mondo, conosciuto a livello internazionale per aver creato il linguaggio di movimento corporeo chiamato “Gaga”. Altro titolo del festival, Presenting Princess Shaw, di Ido Haar, la storia di Samantha Montgomery, cantautrice americana dal passato difficile, dotata di una splendida voce e di un enorme talento compositivo, che su un canale YouTube, con il nome di Princess Shaw, posta confessioni personali e performance musicali. Il regista Ido Haar sa che, dall’altra parte del mondo, il bizzarro Kutiman, musicista israeliano e “mashup artist” di successo, vuole utilizzare la voce di Princess Shaw in uno dei suoi video virali per il progetto Thru You.

CONTINUA AL CINEMA SAVOY E AL MACRO IL MEDFILM FESTIVAL

jardinQuinta giornata di incontri e proiezioni oggi, martedì 8 novembre, del MedFilm Festival, il primo e più importante evento in Italia – diretto da Ginella Vocca – dedicato al cinema del Mediterraneo che si tiene a Roma fino al 12 novembre al Cinema Savoy (via Bergamo, 25), storica multisala della Capitale che ha già ospitato l’edizione 2015 e nelle Biblioteche e i Centri culturali delle periferie. Lo storico festival romano si conferma un osservatorio irrinunciabile sul presente e sul futuro della settima arte, un inno al dialogo per esplorare e scoprire la ricchezza culturale dei paesi delle due hedisponde. Il programma prevede al Cinema Savoy in sala 2 la proiezione alle ore 16:00 di The trial garden, film meta-cinematografico algerino di Dania Reymond. A seguire, sempre dall’Algeria, il fantasy horror Kindil di Damien Ounouri. Alle ore 18:00 si terrà la presentazione del bando sulla coproduzione Lazio Cinema International 2016 e la firma del Protocollo di intesa fra Roma Lazio Film Commission e la Film Commission di Marrakesh per lo sviluppo del settore cinematografico e audiovisivo dei rispettivi territori. brooks_2La firma del Protocollo di intesa rappresenta un fondamentale punto di arrivo e partenza per lo sviluppo delle relazioni commerciali tra i comparti industriali del settore audiovisivo della Regione Lazio e della Regione di Marrakesh, un traguardo che affonda le radici in anni di relazioni costruite con tenacia e perseveranza, ognuna nel proprio specifico, da Luciano Sovena e da Ginella Vocca che non hanno mai smesso di guardare al Marocco come un autorevole partner, sia commerciale che culturale. Sarà presente all’incontro anche il Direttore dello storico Festival del Cinema del Mediterraneo di Tétouan, Ahmed El Housni, gemellato dal 1997 con il MedFilm festival. Continue reading