MULTIVISUAL CONCERT ALLA SAPIENZA PER “DRUMMING” DI REICH

Martedì 8 novembre, alle 20:30, nell’ambito dei concerti della Iuc, nell’Aula Magna della Sapienza, l’Ensemble Ars Ludi esegue Drumming di Steve Reich per festeggiare gli ottant’anni del compositore americano, fondatore del minimalismo. Si tratta di una performance in prima assoluta, un multivisual concert realizzato con l’ausilio delle più attuali tecniche di videografica. Questa rilettura di Drumming darà infatti un grande risalto alla percezione interattiva del pubblico, che è stata ricercata dagli artisti minimalisti sin i-percussionistidagli esordi. La parte riguardante le immagini vedrà una totale riambientazione dello spazio scenico, grazie a un progetto di videomapping che ridisegnerà e animerà le pareti dell’Aula Magna. Reich compose questo ampio pezzo nel 1970-1971 al ritorno da un viaggio in Ghana, dove aveva potuto fare esperienza diretta della musica e delle percussioni africane. Da oltre vent’anni (esattamente dal 1993) non si ascoltava a Roma la versione integrale di quest’ampia composizone, da tutti considerata il primo capolavoro del minimalismo, che per essere compreso in tutta la sua portata richiede una visuale che si estenda al valore dell’arte minimalista nella sua interezza e che di conseguenza non prescinda dall’elemento visivo. Suoneranno i percussionisti dell’Ensemble Ars Ludi – uno dei migliori gruppi di percussioni in campo internazionale, ben noto a chi frequenta l’Aula Magna – a cui si affiancheranno le voci di Laura Polimeno e Paola Ronchetti e l’ottavino di Manuel Zurria.

TEATRO ARCOBALENO: “CASA DI BAMBOLA” DI IBSEN

casa-di-bambolaAl Teatro Arcobaleno di via Redi, dall’11 al 20 novembre (venerdì e sabato ore 21:00 – domenica ore 17:30), va in scena “Casa di bambola” di Henrik Ibsen, per la regia di Gianni Leonetti, con Maria Teresa Taratufolo, Bruno Governale, Letizia Spata, Gianluca delle Fontane, Alessio Binetti. “Casa di bambola” è uno dei  più celebri  testi teatrali  europei dell’ottocento, sicuramente il più scandaloso perché  minava alla radice l’idea ed il ruolo della donna nella società dell’epoca. La trama si evolve all’interno della relazione uomo – donna nell’ambito del matrimonio,  dove  potere, erotismo, possesso e  danaro scatenano impreviste pulsioni. Se è vero che “alla tradizionale morale borghese del secolo di Ibsen e di Freud, si è sostituita oggi la dittatura dell’immagine, dell’eterna giovinezza, del facile successo, la mitizzata fuga dalla responsabilità e dalla fatica del percorso personale”, allora “Casa di bambola” è una straordinaria partitura del nostro tempo.

L’ARGONAUTA: SI PARLA DEL ROMANZO “LA CONTESSA ROSSA”

largonautaSpiazzante e avvicente l’ultimo romanzo di Niky Marcelli intitolato “La Contessa Rossa”, pubblicato da Teke Editori, la cui ristampa, dopo il successo della prima edizione, è in uscita in questi giorni in tutte le librerie e su Amazon e verrà presentata sabato 12 novembre, presso la libreria L’Argonauta di via Reggio Emilia, alla presenza dell’autore, da Roberta Beta, in compagnia di Pino Ammendola, Saviana Scalfi e Marisol Gabrielli che ne leggeranno anche alcuni brani. Un’opera difficilmente etichettabile che utilizza un originale e avvincente montaggio narrativo per richiamare ritmi sicuramente più cinematografici che letterari ma che delinea sia risvolti noir che avventurosi, sia sofisticate intelaiature psicologiche che trame narrative amorose, il tutto condito da una interessante ricerca storica che denota una interessante maturità narrativa e una grande capacità di coinvolgere il lettore.

FRANCESCO GUCCINI SI RACCONTA AL PARCO DELLA MUSICA

gucciniPer più di quarant’anni migliaia e migliaia di persone sono accorse per assistere ad un concerto di Francesco Guccini. Uno spettacolo dove non esisteva alcun effetto scenico, dove l’unica cosa che contava era il rapporto fra pubblico ed interprete e dove la sua musica, da protagonista, spaziava attraversando tutte le generazioni. Un incontro dove ognuno poteva trovare un proprio spazio identificativo privato e sottile evocato dalle storie e dalle immagini racchiuse nei suoi testi. Francesco Guccini stasera salirà sul palco dell’Auditorium Parco della musica di Roma, non più come cantautore ma per raccontarsi attraverso la sua carriera musicale e quella di scrittore di romanzi, di libri gialli e di fumetti percorrendo l’Italia dal dopoguerra ai giorni nostri, i suoi miti, le sue origini e le sue ispirazioni. A condurre Francesco Guccini attraverso i suoi ricordi, per il ciclo Incontri d’Autore, Ernesto Assante e Gino Castaldo.

GREG & THE FRIGIDAIRES, LIVE AT OLIMPICO

frigidairesStasera al Teatro Olimpico Greg & The Figidaires, una band doo-wop italiana. Un quartetto vocale ed una solida ritmica che a suon di “Sha-badubudì” e “Ramalamading dong” ripercorrono uno dei generi più interessanti degli anni ’50/’60 con armonie vocali, ritmi swinganti e rockeggianti! Nati nel 2012 da un’idea di Claudio “Greg” Gregori e Luca Majnardi, sono tra le pochissime band di doo-wop presenti nel nostro paese a proporre il repertorio e lo stile di questo genere musicale nato negli anni ’50 e di cui gli italoamericani furono protagonisti. Ispirandosi ai Coasters, a Dion&theBelmonts, ai Diamonds e molte altre band che hanno contribuito alla fama di questo genere, propongono un vasto repertorio composto da brani originali, da cover e riadattamenti di classici del genere. Uno spettacolo ricco e gioioso che alle suggestioni musicali aggiunge gag in musica tra i componenti della band.