TEATRO ARCOBALENO: VA IN SCENA “ASPETTANDO ANTIGONE”

Dal 27 al 30 ottobre (giovedì, venerdì e sabato ore 21:00 – domenica ore 17:30) al Teatro Arcobaleno di via Francesco Redi va in scena “Aspettando Antigone” di Claudio Zappalà, regia Mauro Avogadro, con  Dario Battaglia, Vladimir Randazzo,  Nicasio Catanese, Ivan Graziano. Si tratta di un testo originale: l’autore è stato capace di scrivere una storia reinventando il mito e introducendolo all’interno di un immaginario contemporaneo. Il antigone-tagllinguaggio è asciutto, ironico, le quattro guardie protagoniste sono ricche di un’umanità molto poco “eroica” e per questo è immediata l’empatia con loro. Ci somigliano nelle pigrizie, nelle vigliaccherie e nelle paure ma anche, poiché mediocri, nei desideri di pace, di vita tranquilla e in un senso dell’obbedienza e dell’onestà agita ma non del tutto capita. I personaggi delle guardie ricordano Beckett: Beckett è nel titolo e si tiene conto di lui anche nel dare “luogo” al testo. Tutto è estremo, ferocemente contrastato. Un posto fuori da tutto, svuotato (solo un piccolo colle e un albero), così pieno di luce e di caldo e poi di silenzio e infine di gelo e di buio….e quattro uomini, piccoli, che nella Tragedia di Sofocle non meritavano di esser visti ma che sullo sfondo di quella storia ci sono certamente stati e che qui, come i Rosencranz e Guildenstern di Stoppard, a loro modo e per quel che possono, con coraggio quasi eroico, vorrebbero capire in che gioco sono finiti, che decisione è giusto prendere. La vita è una roba difficile da decifrare. Poetici e commoventi, ci dimostrano come i grandi testi di teatro di ogni epoca offrano materia preziosa e possibilità nuove per essere riscritti, riletti e parlare ancora di noi.

TANGENZIALE, INCIDENTE MORTALE ALL’ALTEZZA DI VIALE ETIOPIA

tangenzialeIncidente mortale la notte scorsa a Roma. Luca Mancini è deceduto a seguito di un violento impatto in sella alla sua Honda Transalp. L’uomo di 34 anni, per causa ancora imprecisate, ha perso il controllo della propria moto sulla Nuova Tangenziale interna dopo lo svincolo con Monti Tiburtini. Sul posto, allertati, i sanitari del 118 e gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale del V Gruppo Casilino. I soccorsi, disperati, purtroppo però non hanno salvato Luca Mancini che, a seguito delle gravi ferite riportate, è morto sul colpo. L’incidente ha causato code al traffico vista la conseguente chiusura della strada. Per i rilievi del caso i vigili hanno chiuso l’accesso della Nuova Tangenziale interna dalla circonvallazione Nomentana in direzione San Giovanni, altezza uscita per viale Etiopia. Fonte: Romatoday