“NUOVE VOCI COREANE PER IL BELCANTO” AL TEATRO ITALIA

Domenica 23 ottobre, alle 18, al Teatro Italia di via Bari, si svolgerà il secondo concerto della rassegna “Nuove voci coreane per il Belcanto”, nata da una collaborazione tra Roma Sinfonietta e l’Ambasciata della Repubblica di Corea in occasione dell’inaugurazione dell’Istituto Culturale Coreano in Roma. Cantano due giovani cantanti coreane, Ji Woo jang-jiwooJang e Eun Hye Cho, entrambe soprano, accompagnate dall’ Orchestra Roma Sinfonietta diretta da Gabriele Bonolis. Per presentarsi al pubblico romano hanno scelto alcune delle più note e amate opere di tre grandi del melodramma italiano, Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini e Giacomo Puccini, più un italiano “ad honorem” qual è Wolfgang Amadeus Mozart, che è stato uno dei più grandi compositori di opere italiane di tutti i tempi, avendo usato nelle sue opere più famose la lingua italiana e lo stile italiano. Si farà una puntata anche nell’opera ceca con Antonin Dvorak. I titoli delle arie sono “Al dolce guidami castel natio” da Anna Bolena di Donizetti, “Tu che di gel sei cinta” da Turandot di Puccini, “Vorreste d’Aiace” da Idomeneo di Mozart, “Senza mamma” da Suor Angelica di Puccini, “Canto alla luna” da Rusalka  di Dvorak e “Casta Diva” da Norma di Bellini. Di quest’ultima opera la sola orchestra eseguirà anche la Sinfonia. L’orchestra diretta da Gabriele Bonolis presenterà inoltre una selezione delle più famose musiche per il cinema di Nino Rota, precisamente quelle per “La strada”, “Casanova” e “Otto e mezzo” di Federico Fellini e per “Il padrino” di Francis Ford Coppola.

TUTTI FERMI PER LO SCIOPERO DEL 21 OTTOBRE (ANCHE BUS E METRO)

SCIOPERO TRASPORTISciopero per tutta la giornata e di tutte le categorie di lavoratori, pubbliche e private, venerdì 21 ottobre. L’agitazione è  stata proclamata dalla sigla sindacale Usb ed è a livello nazionale. A rischio quindi nella Capitale il trasporto pubblico dell’intera rete Atac, con disagi sulle linee di bus, tram e metropolitane, sulle ferrovie Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo e Termini-Centocelle. I problemi si estendono anche alle linee periferiche gestite da Roma Tpl. Servizio comunque regolare fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. Assicurati dall’Ama i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili per la pulizia e il decoro della città. Tra questi il pronto intervento a ciclo continuo, la  raccolta di pile, farmaci e siringhe abbandonate, la pulizia dei mercati e la raccolta dei rifiuti prodotti da case di cura, ospedali e caserme, oltre ai servizi essenziali del settore funerario.

INCHIESTA CHIUSA: 4 INDAGATI PER IL CROLLO DI VIA FLAMINIA

LUNGOTEVERE FLAMINIO PRIMA E DOPO IL CROLLODecimati i tramezzi, svalutati i pilastri, minacciati gli equilibri portanti. Dell’avanguardia architettonica anni Trenta, in via Flaminia 70, è rimasto davvero poco. Tutti, tra quelle mura, hanno finito per dire la loro, una modifica dietro l’altra finendo per mutarne gli assetti e snaturarne la stabilità. Ma oggi, nove mesi dopo il crollo della facciata, la procura ha accertato che alcuni hanno avuto decisamente più responsabilità di altri nel disastro avvenuto la notte fra il 22 e il 23 gennaio scorso. Dagli approfondimenti coordinati dai magistrati Antonella Nespola e Roberto Cucchiari è emersa una sfilza di negligenze da parte della Edilarch 88 srl e in primis dal suo legale rappresentante Massimo Canepa (presunto architetto, mai iscritto all’albo in realtà), dal progettista Roberto Mattei e dal titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Famà. Continue reading

GNAM, RINNOVAMENTO ACCOMPAGNATO DALLE POLEMICHE

gnamIl vento di rinnovamento scuote l’aria della Galleria Nazionale (già Gnam). E tra refoli di entusiasmo e spifferi di polemiche, nel nuovo corso del museo firmato dalla direttrice Cristiana Collu a parlare sono i numeri. Nell’ordine: 6 mila persone in una sola sera per ammirare la mostra ‘Time is out of Joint”, due dimissioni che arrivano dritte dritte da due membri (su quattro) del comitato scientifico del museo. E una lettera. Inviata al ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e scritta da Fabio Benzi, il terzo componente del comitato che – pur dicendo di non volersi dimettere come “THE LASTING. L’INTERVALLO E LA DURATA”  GNAMhanno fatto i colleghi Jolanda Nigro Covre e Claudio Zambianchi in disaccordo col nuovo allestimento che mischia generi e tempi -, non ha risparmiato critiche. “Le opere sono decontestualizzate – scrive Benzi che è anche professore universitario — dalla loro storia e dalla loro genesi. L’effetto è scenografico, ma gli stessi effetti si sarebbero potuti ottenere anche attraverso un’esposizione storica, modulata e intercalata da confronti altrettanto e più efficaci di quelli proposti dalla direttrice “. Cosa deve essere l’unico Museo nazionale d’arte moderna in Italia? Per Benzi deve “dare a chiunque un’immagine degli sviluppi dell’arte italiana. L’attuale allestimento è più simile a una biennale che non a un museo. Inaccettabile che in futuro nessuno studente potrà più meditare facendo confronti sui nostri anni Cinquanta o Venti, gnam-2sul nostro Neoclassicismo o sui nostri Macchiaioli”. La direttrice Collu però si dice serena: “Ai dimissionari esprimo la mia stima, abbiamo lavorato bene insieme, ma credo che ci sia un errore di fondo: un cosa è la galleria in quanto museo, un’altra se si considera la storia dell’arte. A me piace la prossimità col pubblico, magari non ortodossa. In programma c’è il nostro tempo e questo è un allestimento e anche una mostra che ha una data di fine, nel 2018. Non era scontato, in passato non sempre è stato così”. Polemiche a parte, il nuovo allestimento continua a mietere consensi. Ieri, anche la coppia più provocatoria dell’arte inglese Gilbert & George – a Roma per la presentazione di un documentario su di loro al Maxxi nell’ambito della Festa del Cinema – hanno fatto una capatina alla Galleria nazionale. E lì, tra l’Ercole di Canova e un’opera di Penone, si sono fatti un selfie. Salutando tutti con un “congratulations”, messo nero su bianco sul libro delle presenze. Fonte: la Repubblica

PARCO NEMORENSE, QUANDO LA PULIZIA È VOLONTARIA

parco-nemorenseLa foto è stata postata su Facebook. Si vedono alcuni volontari che puliscono il Parco Nemorense. A breve cadranno le foglie dagli alberi e si aggiungeranno agli aghi di pino, alle cartacce e alle deiezioni canine. Comunque un plauso ai volenterosi ragazzi, anche se esisterebbe un apposito Servizio per queste cose, completamente latitante…

LICEO MACHIAVELLI: A SAN LORENZO NASCE UN GIORNALE “SCOMODO”

liceo-machiavelliLa copertina è disegnata da ZeroCalcare: ci sono due poliziotti che portano via un ragazzo che legge «Scomodo». È il nuovo mensile che un centinaio di studenti ha deciso di dare alle stampe: «L’idea è che chi legge il nostro giornale può essere una persona “scomoda” – spiega Adriano Cava che con Tommaso Salaroli e Edoardo Bucci hanno avuto l’idea – perché è scomodo chi si informa, chi legge». All’inizio di settembre la prima riunione di redazione, decisamente numerosa: ma «lavoreremo tutti a questo giornale, da chi si occuperà della comunicazione, chi del sito o della grafica- aggiunge Adriano Cava- . È bene essere in tanti, il dibattito è più ricco. E ogni articolo è un lavoro collettivo della scomodo-km6b-u43230649373127mxf-1224x916corriere-web-roma-593x443redazione prima della stesura». L’uscita è prevista fra il 20 e il 24 ottobre. Primi articoli: un’inchiesta sulla Mafia ad Ostia, un’altra su Corviale. Oltre che autogestito sarà anche autofinanziato attraverso «Notti scomode»: la prima è in programma per questa sera a San Lorenzo, al liceo Machiavelli. Anche la campagna pubblicitaria è a spese loro, così come la distribuzione (scuole, università, biblioteche) eseguita dagli stessi ragazzi. La prima tiratura è prevista in 7.500 copie. E l’informazione sarà come promette il titolo: «Bisogna mettere in moto un pensiero critico nei nostri coetanei. Noi, partendo dal nostro microcosmo, vogliamo cercare di sviluppare un dibattito in grado di leggere la realtà e interpretarla». Così invece di una «sovrabbondanza di notizie, ma fredde, senza capire cosa c’è dietro», una o due ben approfondite. Più «scomode». Fonte: Corriere della sera

AUDITORIUM, IL “FIDELIO” APRE LA NUOVA STAGIONE SINFONICA

Roma, Auditorium Parco della Musica  13 10 2012Inaugurazione della Stagione Sinfonica di Santa Cecilia alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Sindaco Gianni AlemannoOrchestra e Coro dell'Accademia di Santa Cecilia diretti da Antonio Pappano, mestro del Coro Ciro Visco©Musacchio & Ianniello*******************************************************NB la presente foto puo' essere utilizzata esclusivamente per l'avvenimento in oggetto o  per pubblicazioni riguardanti l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia*******************************************************La nuova stagione dell’Accademia di Santa Cecilia all’Auditorium, presentata a maggio scorso e caratterizzata da programmi tra i più corposi e ambiziosi del panorama musicale europeo, è al debutto. Attesissima l’inaugurazione della stagione sinfonica 2016-2017, giovedì 20 ottobre, con il Fidelio di Beethoven in forma di concerto. Sul podio sir Antonio Pappano, con un cast di voci specializzate nelle prassi canore dell’opera germanica. Il chairman di Santa Cecilia aveva cominciato l’anno scorso un mega-ciclo beethoveniano con le nove Sinfonie. Si prosegue dunque con Fidelio e poi, subito dopo (27-28-29/10) con il Quinto Concerto per pianoforte e orchestra, l’Imperatore (al piano il russo-israeliano Yefim Bronfman) abbinato alla Nona di Schubert (la Grande) e poi ancora (12-13-14 gennaio) con il Quarto Concerto per piano, con Radu Lupu, e – tanto per gradire – la Settima di Bruckner. Continue reading

FESTA DEL CINEMA: AL MAXXI PER SCOPRIRE IL “DIETRO LE QUINTE”

festa-del-cinemaLavorare alla realizzazione di un film è sempre un’esperienza intensa e appassionante. Per questo, il prossimo 21 ottobre (dalle 19,30 alle 21,30) all’Auditorium del Maxxi si terrà un appuntamento per scoprire la storia del “dietro le quinte”: HITalk Cinema, Incontro di Emozioni – La strada, un evento realizzato in collaborazione con la Festa del Cinema. Sei eccellenze del cinema italiano racconteranno la loro esperienza di lavoro dietro le quinte del grande schermo. Protagonisti, il regista Mattia Torre, il montatore Andrea Maguolo, il creatore di effetti visivi Lorenzo Moneta, la sceneggiatrice, documentarista e autrice teatrale Silvia Scola, lo studente Matteo Villani e il compositore Paolo Vivaldi.  Continue reading

AL VIA LA PULIZIA DELLA CICLABILE SUL LUNGOTEVERE

lungotevere“Sono cominciati i lavori di pulizia e sfalcio dell’erba sulla pista ciclabile del lungotevere. I 33 chilometri della dorsale Tevere saranno ripuliti in circa un mese. I lavori sono iniziati dal lato nord, da Ponte Milvio. Nei prossimi giorni partiranno anche dal lato sud, per poi ricongiungersi”. Lo annuncia in un post sulla sua pagina di Facebook l’assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo. “Siamo al lavoro per rimettere in sicurezza le ciclabili esistenti a Roma. E questo di oggi è un primo passo”, conclude il post, a cui è allegata una foto con gli operatori occupati nello sfalcio dell’erba a lato della pista ciclabile. Fonte: la Repubblica

VILLA BORGHESE: AI TERREMOTATI LE STALLE DELLE BOTTICELLE?

villa borgheseÈ ancora polemica sulle botticelle. Sono pronte le nuove stalle costruite a villa Borghese per ospitare i cavalli delle tradizionali carrozze romane, ma le associazioni ambientaliste chiedono che vengano usate per altri scopi: “Italia Nostra Roma propone che le casette di legno abusive a Villa Borghese siano smantellate e offerte agli allevatori delle terre colpite dal terremoto del 24 agosto. Le casette di legno non sono mai state utilizzate dopo che sono stati spesi denari pubblici, 1.300.000 euro, come ha denunciato Italia Nostra Roma nel maggio 2016″. Continue reading