PER LA PRIMA VOLTA UNA DONNA RETTORE LUISS: PAOLA SEVERINO

paola-severinoDal ministero di Giustizia alla Luiss. Paola Severino è la prima donna rettore dell’ateneo non statale di Roma. A nominarla oggi è stato il Consiglio di Amministrazione della Luiss, presieduto da Emma Marcegaglia. Severino, che succede al professore Massimo Egidi, resterà in carica fino al 2018. Nata a Napoli il 22 ottobre del 1948, Severino ha ricoperto diversi incarichi istituzionali culminati con la nomina a ministro della Giustizia nel novembre del 2011, durante il governo di Mario Monti. Anche allora prima donna a ricoprire quel ruolo in Italia, era anche il ministro più ricco di quell’esecutivo. Il suo nome è legato a una legge del 2012 sull’incandidabilità e il divieto di ricoprire cariche elettive e di governo in seguito a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi. Parallelamente, Severino ha coltivato l’insegnamento e lo studio diventando prima titolare della Cattedra di Diritto Penale in Luiss, successivamente preside del Dipartimento di Giurisprudenza e, dal 2007, prorettore vicario dell’intera università. In questo ultimo ruolo subentra ora Andrea Prencipe, professore ordinario di Economia e gestione dell’innovazione presso il Dipartimento di Impresa e management. Continue reading

YOGA A PIAZZA BOLOGNA, GRATIS LA LEZIONE DI PROVA

yogaÈ arrivato il momento di rilassarsi e trovare del tempo per il proprio benessere. Mercoledì giornata di prova gratuita nella sede di piazza Bologna (via Gian Luca Squarcialupo) dell’associazione Sundaram. Appuntamento alle 18 e alle 20. Chi è interessato a corsi di mattina e pausa pranzo lasci il proprio numero e verrà ricontattato. Info e prenotazioni per mercoledì: 3895119123.

GNAM: A PIAZZALE BELLE ARTI “TIME IS OUT OF JOINT” IN MOSTRA

Con l’inaugurazione della grande mostra Time is Out of Joint, lunedì 10 ottobre 2016, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, diretta da Cristiana Collu, scrive un nuovo capitolo della sua storia portando a compimento l’ampio processo di trasformazione, riorganizzazione e riallestimento, iniziato il 21 giugno 2016, con la gnamrestituzione al pubblico di spazi completamente rinnovati e la profonda rilettura delle sue collezioni. L’esposizione, il cui titolo cita i versi dell’Amleto di William Shakespeare “The time is out of joint”, sonda l’elasticità del concetto di tempo, un tempo non lineare, ma stratificato, che sembra porre in atto il dilemma dello storico dell’arte Hans Belting “la fine della storia dell’arte o la libertà dell’arte”. È il definitivo abbandono di qualsiasi linearità storica, per una visione che dispiega, su un piano sincronico, le opere come sedimenti della lunga vita del museo: da Giacomo Balla, Gustav Klimt, Lucio Fontana, Alberto Giacometti a Cristina Lucas, Adrian Paci, Sophie Ristelhueber, per citarne alcuni. Sostenuta dall’autonomia speciale della riforma del MiBact, la Galleria Nazionale si propone come luogo di scoperta, aperto alla ricerca e alla contemplazione, e spazio di riflessione sui linguaggi, sulle pratiche espositive e sul ruolo del museo contemporaneo.

“TRASTEVERINI” AL TEATRO TIRSO DE MOLINA DI VIA TIRSO

trasteveriniDal 12 al 16 ottobre, al Teatro Tirso de Molina di via Tirso, “Trasteverini”. Una città concreta. Una città che lavora, fatica, soffre e si arrabatta per andare avanti, ma che al contempo sogna, crede nell’amicizia e nel futuro, ama la musica, e, come nella migliore tradizione capitolina, mantiene una goliardia ed una leggerezza nei confronti della vita che gli permette di giocare e scherzare su qualunque cosa: questa è Roma e di questo parla (e canta) “Trasteverini”, una nuova commedia musicale. Lo spettacolo, che nasce dal soggetto della scrittrice Veruska Armonioso, incontra le musiche di Andrea Perrozzi, i testi di Gianfranco Vergoni e la regia di Fabrizio Angelini, porta la firma di quattro nomi che sono garanzia di eccellenza e di successo nel teatro musicale italiano e definiscono i confini artistici su cui è stata costruita un’idea di commedia ‘quotidianamente’ brillante.

TEATRO OLIMPICO: 6/16 OTTOBRE, “IL TEATRO DELLE MERAVIGLIE”

il-teatro-delle-meraviglieIl barocco italiano è un periodo fecondo e famoso nel mondo che può offrire immagini straordinarie che le tecniche della compagnia Emiliano Pellisari Studio sono in grado di esaltare. L’Italia all’epoca produceva spettacoli in tutte le corti europee: si chiamava:. Si tratta di uno spettacolo cross-over presentato al Teatro Olimpico dal 6 al 16 ottobre, dove i generi si uniscono senza soluzione di continuità, dove la danza, la musica e il canto vivono insieme. Sono abolite le separazioni e le distanze tra danzatori, cantanti e musicisti. Non c’è fossa dell’orchestra e i danzatori non fanno solo da cornice. I musicisti vivono dentro lo spettacolo, insieme ai danzatori ed ai cantanti, producendo così tutti insieme una sola grande potente immagine fatta di eleganza dei costumi, fantasia delle coreografia, poesia della musica e bellezza del canto.

SAN LORENZO, AL CANAPA CAFFÈ CANNABIS A USO TERAPEUTICO

canapa-caffe-san-lorenzoLuca Mantuano e Carlo Monaco sono due dei fondatori del Canapa Caffè, il primo locale in Italia che si propone di diventare luogo pubblico di aggregazione per tutti i pazienti che fanno uso di cannabis a scopo terapeutico. Negli spazi allestiti nel quartiere San Lorenzo, infatti, oltre ai prodotti a base di canapa alimentare, priva della sostanza psicoattiva Thc, si trova una sala dove tutti coloro in possesso di prescrizione medica possono assumere medicinali a base di Cannabis utilizzando un vaporizzatore messo a disposizione dai gestori: ‘Sfidiamo così le contraddizioni legislative del nostro Paese che, pur riconoscendo il valore terapeutico della Cannabis, vieta di fare le terapie in luoghi diversi dalle proprie abitazioni’. Fonte: la Repubblica

MIGRANTI: POLEMICHE PER L’ULTIMO CONTROLLO A VIA CUPA

via-cupaQuattro ore di tensione, urla, spintoni. Poi lo sgombero sotto la pioggia battente. Dopo la chiusura della tendopoli di via Cupa, sabato, alle 20, decine di pattuglie di polizia sono intervenute alla stazione Tiburtina per eseguire l’ennesima identificazione dei migranti già controllati due giorni fa. Diciassette transitanti, radunati sotto il telo dell’info-point attivato dai volontari del Baobab, dopo tre ore di trattativa sono stati portati in Questura. «Erano stati tutti già identificati – accusa Andrea Costa, il coordinatore dei volontari – qualcuno nell’hot spot di Taranto e la maggior parte due giorni fa dopo lo sgombero di via Cupa. Sei persone avevano il già il biglietto del treno in tasca per Ventimiglia. Quest’operazione è stata un vero scandalo». Sul posto anche i rappresentanti del municipio II. La minisindaca dem, Francesca Del Bello, ha tentato la mediazione insieme all’assessora ai Diritti, Lucrezia Colmayer e ai consiglieri Andrea Rollin e Gianluca Buggino. Continue reading

CON ROMA2PASS UN BEL POMERIGGIO A VILLA ADA

villa ada tempio di floraMercoledì 13 ottobre, alle 15, Roma2pass ritorna a  Villa Ada in una passeggiata intorno alla Palazzina reale. Si va nel cuore di Villa Ada, nei luoghi dove la villa è nata nel Settecento, con un ampio giro alla scoperta  degli edifici antichi della villa e Villa_Adadella loro storia: i diversi casali sulla via Salaria, la chiesetta del Divino Amore a Villa Ada, il Casino Pallavicini, il Tempio di Flora, la Casa delle Cavalli Madri, le Scuderie reali. Nel bosco, le tracce dell’antico giardino settecentesco e ottocentesco, con fontane, ponticelli, laghetti oggi difficilmente visibili nella vegetazione. Si scende fino al  bunker di Villa Ada  dove la famiglia reale si rifugiava nel 1943-44, quando la parte orientale di Roma villa ada bunkerera sotto la mira dei bombardieri americani, per poi risalire al Casale delle Cavalle Madri e le Scuderie Reali. L’itinerario è lungo circa due chilometri e ha una durata prevista di circa 90 minuti, compresa la lettura delle spiegazioni o l’ascolto della guida. Il percorso si snoda su strade e  sentieri in terra battuta con alcuni tratti in pendenza, è necessario indossare un abbigliamento comodo e scarpe chiuse con suole in gomma (vanno bene le classiche scarpe da ginnastica). Come al solito la passeggiata è riservata ai soci Amuse ed è villa adagratuita, vi sarà chiesto solo il rimborso della locazione del sistema audio, particolarmente utile in questa passeggiata. Invitate i vostri amici e conoscenti a partecipare, le iscrizioni ad Amuse fatte in questi mesi (pagando la quota annua € 15) valgono per tutto il 2017. Andate subito su www.roma2pass, iscrivetevi se non siete ancora soci Amuse, e prenotate la vostra partecipazione alla passeggiata (è obbligatorio). L’appuntamento è all’ingresso carrabile della villa, in via Salaria 267. per saperne di più