IN COMA UOMO PICCHIATO NELLA METRO DI PIAZZA BOLOGNA

metro-b-piazza-bolognaPreso a calci e pugni e quasi ammazzato. Tanto che ora si trova in coma all’ospedale Umberto I con un’emorragia cerebrale. È successo ieri pomeriggio, intorno alle 15:30, a un romano 37enne all’interno della metropolitana, alla fermata di piazza Bologna. Gli aggressori, due ragazzi di 25 e 24 anni, con vari precedenti penali, stavano fumando in aree in cui non è consentito. L’uomo poi aggredito ha chiesto loro di spegnere le sigarette. E così ha fatto anche un’altra persona, ugualmente picchiata. I due hanno rifiutato: ne è nato un diverbio, poi degenerato. I due ventenni sono saltati addosso ai due uomini colpendoli con pugni e calci. Il 37enne ha avuto la peggio: è stato soccorso da un’ambulanza del 118 con la frattura della scatola cranica ed emorragia cerebrale. È ricoverato in prognosi riservata. L’altra persona coinvolta nel pestaggio ha riportato solo qualche contusione. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Porta Pia. I due giovani sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio in concorso, accusa aggravata dai futili motivi. Indaga anche la Squadra Mobile. Fonte: la Repubblica

A VIA FLAMINIA 122 “MONTE INFERNO”, UN PROGETTO-DENUNCIA

albumarte-monte-infe_20160905172327Fino al 30 settembre AlbumArte presenta Monte Inferno, un progetto della regista Patrizia Santangeli e del fotografo Gabriele Rossi, a cura di Chiara Cavallo, nella sua sede alle ex scuderie di Villa  Poniatowsky, in via Flaminia 122. Il progetto, nato nel 2013 e partito da una ricerca documentaristica e fotografica, è un’indagine su quella che è  tristemente nota alla cronaca come la discarica di Borgo Montello in provincia di Latina, Monte Inferno appunto,  dove a partire dagli anni Settanta  sono stati  scaricati rifiuti tossici che hanno causato gravi danni all’ambiente e alle  persone.  Monte Inferno è costituito da un insieme multiforme di materiale ( documentario, fotografie, website, video  multimedia, giornale cartaceo, illustrazioni, suoni, cartoline, esplorazioni geografiche) che formano un osservatorio con la volontà  di leggere in maniera diversa un posto condannato dalla cronaca, utilizzando l’immaginazione.

ECCO IL CALENDARIO DELLA NUOVA STAGIONE AL TEATRO DELLE MUSE

Teatro-delle-Muse«La comicità di spessore, Napoli e non solo»: è questo lo slogan della nuova stagione del Teatro delle Muse di via Forlì. «È una scelta artistica che risale al 1999 – ha detto il direttore della compagnia stabile del teatro Geppi Di Stasio – quando il Delle Muse ha incominciato ad associare la modernità al teatro di tradizione di matrice prettamente napoletana. Anche quest’anno con la compagnia stabile che ho l’onore di dirigere proporremo testi di tradizione, adattamenti e altri testi inediti scritti da me». Si comincia il 6 ottobre con Luciana Frazzetto in «Affittasi camera da letto», una divertente commedia degli equivoci dai ritmi vivaci. Continue reading

MUSEO BILOTTI, VIAGGIO TRA I RICORDI E I CIMELI DI ETTORE SCOLA

piacere_ettore_scola_Proprio uno schizzo a matita di una di quelle riunioni di redazione, immerse nel fumo di sigarette, apre l’esposizione. «All’inizio non disegnavo – ha raccontato il regista ai due curatori della mostra Marco Dionisi e Nevio Pascalis – portavo solo battute che venivano votate. Se approvate mi pagavano. Così ho cominciato a fare i primi soldi». È’ la moglie Gigliola a rammentare quando Scola fu incaricato dall’allora presidente dell’Eni, Enrico Mattei, di creare una frase a effetto da piazzare accanto al logo del “cane a sei zampe”: «Gli diedero una cifra spropositata, un milione di lire. Era il ‘49. Ed Ettore non si capacitava…”Tutti questi soldi?”». Continue reading

NELLA CHIESA DI SAN SATURNINO, OGGI, I FUNERALI PRIVATI DI CIAMPI

san saturninoNei giorni scorsi, quando le condizioni di Carlo Azeglio Ciampi si erano aggravate e si profilava purtroppo una fine imminente, era stata donna Franca a dare indicazioni al cerimoniale del Quirinale sulle ultime volontà del marito. Anzitutto, niente funerali di Stato perché una cerimonia così solenne e pomposa era del tutto estranea al carattere di un uomo schivo e riservato quale era stato per tutta la vita il presidente emerito. ciampi«Piuttosto, a Carlo farà piacere essere salutato da tutti quei cittadini del quartiere dove abitiamo e che per anni lo hanno incontrato in chiesa», ha spiegato donna Franca. Quindi la cerimonia funebre si svolgerà in forma privata, stamattina alle 10:30 nella parrocchia di San Saturnino martire, nel quartiere Trieste, qualche centinaio di metri di distanza da casa Ciampi a via Anapo. Beninteso, sarà presente il capo dello Stato Mattarella, amico di lunga data del presidente emerito. Mattarella ha annullato la visita a Sondrio per l’apertura dell’anno scolastico, spostata al giorno 30 settembre. Continue reading