VIA PIETRO MASCAGNI, IL DEGRADO LA FA DA PADRONE

via-mascagniL’odore si sente già all’inizio della strada: tra i rifiuti di ogni genere stipati in cassonetti dell’immondizia stracolmi, ci sono anche piatti e bicchieri di plastica, una stufa elettrica e alcuni giochi per bambini a forma di animale. Via Pietro Mascagni, quartiere Africano, zona elegante non lontano dai Parioli. Eppure, se non fosse per i complessi residenziali che si susseguono lungo la strada, potrebbe essere una delle tante zone periferiche dimenticate. Le aree verdi sono ridotte via-mascagni-1a un ammasso di sterpaglie: un uomo a passeggio con il suo labrador cammina lentamente cercando di evitare i resti delle bottiglie nascosti dai cumuli di foglie secche. Un cartello sbiadito indica la presenza di quella che un tempo doveva essere una zona riservata ai cani. “Vorrei vedere chi avrebbe ancora il coraggio di portare un animale lì dentro”, ironizza Fabrizio Nappi. L’incuria non ha risparmiato il marciapiede: le erbacce coprono il cemento dissestato e le buche. I rifiuti via-mascagni-2abbandonati, tra cui oggetti di grandi dimensioni, rendono difficile il passaggio. Lungo la strada ci si imbatte in un automobile con i finestrini aperti che ha tutta l’aria di essere abbandonata. “Ormai è quasi più sicuro camminare lungo la carreggiata”, dice un altro residente. Neanche fermarsi per bere un po’ d’acqua è sempre possibile: capita ad esempio che alle fontane invece dell’acqua si trovino sporche sedie di plastica abbandonate. Da tempo gli abitanti denunciano la via-mascagni-3situazione di degrado in cui versa via Mascagni e che sarebbe in parte imputabile anche all’inciviltà di chi non esita a liberarsi degli elettrodomestici usati lasciandoli in strada. “Spesso – raccontano davanti a un condominio elegante – troviamo intere cucine abbandonate vicino ai cassonetti”. Su Facebook è stata anche creata una pagina dedicata al degrado di via Mascagni che ha più di 3400 follower, in cui gli utenti denunciano la situazione e segnalano l’aumento dei casi di microcriminalità. Uscendo da via Mascagni si raggiunge il quartiere Trieste, dove si trova Villa Chigi. Il grande giardino progettato nel Settecento per le passeggiate del cardinale Flavio Chigi è ormai in abbandono. Continue reading

POLIZIA AL BAOBAB DI VIA CUPA: IDENTIFICATI I MIGRANTI

BAOBABSono in corso operazioni di identificazione e bonifica da parte della polizia di stato, assieme agli addetti delle strutture comunali, al Centro Baobab di via Cupa 1. Il sito, oltre alle problematiche di sicurezza, presenta infatti un forte degrado dovuto alla presenza di insediamenti abusivi in tutta l’area adiacente al centro e condizioni igienico-sanitarie di assoluta precarietà.

SE IL SINDACO APPLICASSE LA “TASSA DI CITTADINANZA”

corso-ditaliadi Alessandro Ricci

Reddito di cittadinanza è il mantra di M5s. A Roma Virginia Raggi dovrebbe promuovere la tassa di cittadinanza. Se abiti a Roma e ti compri un Suv o qualsiasi altro mastodonte a quattro ruote sei scemo, ma soprattutto fai danni, anche a te stesso e quindi dovresti pagare una tassa, oltre il bollo, commisurata allo spazio che occupi nel prezioso e delicato territorio di Roma. Non c’è bisogno di scomodare Lombroso (i possessori di quei veicoli basta guardarli in faccia), Lacan: per il rapporto tra inconscio e godimento (i possessori di quella roba dediti all’ ” Auto-erotismo” giustappunto) ed infine Freud per l’immancabile pulsione erotica verso gli oggetti. Ecco, questi idioti vanno tassati a dovere!

QUEL BIVACCO DI VIA LIVENZA

VIA LIVENZAVIA LIVENZA 2Siamo a via Livenza nel giardinetto della scuola “Lante della Rovere”. E ci troviamo di fronte alle tracce di un bivacco: cartacce, buste, bicchieri, quel che resta di un pasto consumato lì, senza che nessuno si sia degnato di raccogliere il tutto e buttarlo in un cassonetto. Ma così vanno le cose…

TEATRO OLIMPICO, UNA SERATA ALL’INSEGNA DEI QUEEN

Il 16 settembre, al Teatro Olimpico, il più spettacolare evento Rock/Sinfonico mai creato, con più di 50 performer sul palcoscenico. Il pubblico avrà la possibilità di ascoltare per la prima volta la musica dei Queen in una inedita e coinvolgente veste classico-operistica. Quattro talentuosi cantanti (Federica Buda – Luca Marconi – Roberta Orrù – Jordan Trey) TEATRO OLIMPICOgià noti al pubblico di “Notre dame de Paris”, “The voice”, “Roma Opera Musical”, sono pronti a confrontarsi con i più grandi capolavori del popolarissimo gruppo di Freddie Mercury, Brian May, John Deacon, Roger Taylor. Classici senza tempo come We Are The Champions, Barcelona, Bohemian Rapsody, We Will Rock You, The Show Must Go On, Radio Ga Ga, A Kind Of Magic, Under Pressure, Another One Bites The Dust e tanti altri rivivranno in tutto il loro travolgente splendore grazie alla perfetta fusione sonora tra una potente Rock Band e una vera Orchestra Sinfonica. Il tutto sarà impreziosito da un suggestivo visual show, che renderà l’atmosfera dello spettacolo ancora più emozionante e coinvolgente. Special guest alla chitarra: Federico Poggipollini. (Ligabue – Litfiba).

GIARDINI PENSILI DELL’AUDITORIUM, TORNA “TASTE OF ROMA”

tasteDal 15 al 18 settembre, nei Giardini Pensili dell’Auditorium Taste of Roma, “Vieni ad Assaggiare i Grandi Chef!”. Mettete alla prova i vostri cinque sensi grazie ai migliori chef del territorio, che apriranno le porte della cucina di eccellenza, grazie alla formula che trasforma piatti “fi rmati” in cucina popolare, con prezzi di vendita tra i 5 e i 7 euro, ad eccezione delle “icone” che non superano comunque i 10 euro. Un appuntamento oramai fi sso per passeggiare, scoprire, incontrare e degustare in compagnia, che vuole accogliere tutti al suo grande banchetto per provare nuovi sapori, ma l’occasione per sperimentare, imparare, mettersi alla prova, al fi anco dei grandi maestri della cucina italiana! Chef, lezioni live, buongustai, degustazioni accessibili a tutti: squadra che vince non si cambia. Tra novità e riconferme di questa quinta edizione un ricco palinsesto d’attività che vuole accontentare anche i più esigenti. Continue reading

GLOBE THEATRE: IN SCENA “ROMEO E GIULIETTA”

romeo-e-giuliettaDal 16 settembre al 2 ottobre ore 20.45 (domenica ore 18.00) al Silvano Toti Globe Theatre torna in scena il classico tra i classici del repertorio shakespeariano “Romeo e Giulietta” per la regia di Gigi Proietti (traduzione di Angelo Dallagiacoma). Proietti porta in scena un gruppo di giovanissimi attori e ambienta la storia in due epoche: nella prima parte dello spettacolo ci troviamo nei nostri giorni, con Mercuzio e i suoi amici che si esprimono a ritmo di rap e una Giulietta amante del rock. La festa è un ballo in maschera. Qui, dopo il primo sguardo tra i due ragazzi, la magia proietta la storia in un’epoca lontana dove nessuno dei due giovani supera il confine della maturità e nessun adulto li sa guidare su questo sentiero. Due realtà, due secoli, due mondi in cui si passa dal gioco alla tomba – come può accadere in ogni tempo – nella distruzione del futuro.

ALLA SCUOLA DI POLIZIA DI VIA RENI INCONTRO SUL CASO REGENI

“Il corpo di Giulio usato come una lavagna”. Sono le parole della signora Paola, la madre di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita nel febbraio scorso al Cairo, a dare il senso dell’orrore delle torture subite da suo figlio. Tracce lasciate sul suo corpo ed emerse dall’autopsia svolta in Italia, che la Procura di Roma ha messo a disposizione della famiglia Regeni e consegnato nell’aprile scorso ai magistrati egiziani. Davanti ai REGENInuovi dettagli, sembrano non esserci dubbi sulle torture subite. “Quattro, forse cinque lettere, tracciate da una lama in cinque punti diversi documentano incontrovertibilmente quello che a tutti era apparso da subito evidente. Nessun incidente”. Ed è anche partendo da queste prove che è ripartito ieri alla Scuola di polizia di via Reni il confronto tra magistrati italiani ed egiziani che da otto mesi cercano la verità sulla morte del giovane friulano trovato privo di vita sulla strada tra la capitale egiziana ed Alessandria. Ma le novità potrebbero arrivare dall’Inghilterra. Fonti giudiziarie affermano che nei giorni scorsi l’università di Cambridge, rispondendo ad una rogatoria, ha inviato ai pm di Roma una serie di documenti. Regeni si trovava al Cairo per svolgere una ricerca per conto dell’università inglese. Al vertice partecipano, per l’Italia, il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, e il sostituto Sergio Colaiocco. Per gli egiziani, il procuratore generale, Nabil Ahmed Sadek, e il team di quattro magistrati che si occupano del caso.  Obiettivo dei magistrati italiani è ripartire dall’ultimo incontro, terminato con un nulla di fatto, per arrivare a riscontri concreti su chi e come ha causato la morte di Giulio. Fonte: Sky Tg 24

VILLA TORLONIA, UN SABATO SERA ASTRONOMICO

unnamedSabato 10, dalle 21 alle ore 24, a Villa Torlonia per osservare il cielo al telescopio. Le osservazioni astronomiche gratuite proseguiranno fino al 30 settembre in diversi e suggestivi spazi della città. È rivolto a tutti – astronomi, astrofili e semplici cittadini curiosi delle stelle, di tutte le età  – l’invito del Planetario di Roma a partecipare all’appuntamento con “E lucevan le stelle”, ad occhio nudo e con il telescopio, dalle 21.00 alle ore 24.00. L’incontro di sabato 10 settembre a Villa Torlonia, presso il Campo dei Tornei è dedicato a “Stelle e costellazioni, dal planetario al cielo”. Una serata di rispecchiamenti tra la volta celeste e la sua proiezione all’interno del planetario: un’arena astronomica al riparo dalle luci per tornare a chiamare le stelle per nome, comprendere i significati dei loro colori, spiare i movimenti degli astri e riscoprire  miti e leggende delle costellazioni. Continue reading