TUTTI I PROBLEMI DEL CENTRO IMMIGRATI DI VIA CUPA

Argentati e accartocciati. Nel Baobab senza bagni e senza cucina quei «lenzuoli» simili alla carta stagnola potrebbero sembrare la solita soluzione improvvisata e invece, agli occhi di chi vuole leggere anche le pagine precedenti della storia, diventano un indizio. Sì, come nota Roberto Barbieri di «Medici per i diritti umani» si tratta di coperte isotermiche, di quelle usate dopo gli sbarchi, il primo abbraccio alla fine del viaggio: baobab«Ciò significa che queste persone hanno ricevuto una prima assistenza – ragiona sempre Barbieri – sono transitate per gli “hotspot”, sono state identificate, ma poi hanno continuato autonomamente il loro viaggio, come tutti gli altri transitanti che non scelgono l’Italia come destinazione finale». Dal Corno d’Africa al profondo Sud e poi in via Cupa, una stradina davanti al cimitero del Verano che vorrebbe solo tornare nell’anonimato come prima dell’estate dell’anno scorso, cioè prima che l’emergenza rifugiati esplodesse in tutte le sue contraddizioni: da un lato il circuito di accoglienza ufficiale che però finanziava quello «ufficioso» di Mafia Capitale, coi migranti che per Buzzi «rendevano più della droga», e dall’altro l’ospitalità «casereccia» del centro Baobab, sorretto dai volontari e dalla generosità di molti romani, e poi definitivamente chiuso a dicembre con un bilancio di quarantamila ospiti aiutati. Continue reading

GOETHE INSTITUT DI VIA SAVOIA, DANZA E MUSICA “A TEMPO”

GOETHE INSTITUTNell’ambito della rassegna internazionale di arte, scienza e cultura contemporanea Artescienza (30 giugno – 8 luglio), mercoledì 6 luglio è in programma al Goethe Institut di via Savoia, alle 21:30, “A tempo”, un originale progetto che coinvolge danza e musica e che vede la presenza di Niels “Storm” Robitzky. Storm è uno dei pionieri della street dance a livello mondiale, impegnato in particolar modo nelle arti della breakdance, di cui è punto di riferimento in tutto il mondo. L’artista creerà una coreografia che lo vedrà in scena assieme a due giovani danzatori dell’Accademia Nazionale di Danza.

C’ERA UNA VOLTA VILLA CHIGI

villa chigiFra l’erba incolta e rinsecchita dal sole, i vialetti polverosi e sterrati, le fontanelle circondate dalla fanghiglia e i cestini stracolmi di rifiuti a qualsiasi ora del giorno (quando non sono rotti) si stenta a credere che questo parco sia protetto dalla Soprintendenza del Comune ai Beni culturali e venga considerato un gioiello, un’area verde appartenuta alla nobiltà romana. Eppure è così. E non da adesso. Sembra essere questo infatti il destino di Villa Chigi, fra piazza Vescovio e viale Libia, commissionata nel Settecento dal cardinale Flavio Chigi come sede del suo «casino di villeggiatura», circondato da bosco all’inglese e piante ornamentali. Continue reading

FILARMONICA ROMANA, STASERA MUSICA TRADIZIONALE INDIANA

FILARMONICA ROMANAOggi, nella Sala Casella della Filarmonica Romana, in via Flaminia, ore 19:30, “Il lied e la romanza da camera”, concerto finale degli allievi della masterclass di Elizabeth Norberg-Schulz. Alle ore 21:45 “Krishna, Blue Lord” di e con Mavin Khoo. Concerto-danza bharatanatyam, musica tradizionale indiana. Pushkala Gopal voce, Shane Shambhu nattuvangam, Jyotnsa Srikanth violino, Prathap Ramachandra mridangam. In apertura Giorgio Montefoschi legge alcuni passi tratti dal suo libro “Il buio dell’India”.

VILLA ADA, LA BAND USA DEI WILCO A “ROMA INCONTRA IL MONDO”

wilcoWilco, la band di Chicago sul palco stasera a Villa Ada, presenterà le tracce del nuovo album “Star Wars”, vincitore di un Grammy Award. Il lavoro più insolito e più aperto a nuove esplorazioni della loro carriera, secondo il britannico The Independent. L’album, il 9° in studio della band statunitense, è uscito “riconquista quel senso di selvaggia libertà che ha reso grandi i Wilco”, come ha scritto Rolling Stones. I Wilco non sono nuovi a queste operazioni: già l’album precedente, “Yankee Hotel Foxtrot”, era stato reso disponibile all’ascolto in streaming. La conferma della vocazione della band a divertirsi prima di pensare al business e a mettere sempre la loro arte e il loro pubblico prima di ogni logica di guadagno.

LIBRERIA KOOB: SI PARLA DI “UNA PERFETTA GEOMETRIA”

160705-una-perfetta-geometria-150x241Oggi, alle ore 18, presso la libreria Koob di via Luigi Poletti, incontro con l’autore e Nn Editore: Giorgio Serafini Prosperi presenta “Una perfetta geometria”. Vittime e carnefici, in fondo, hanno lo stesso fascino. Difficile non esserne coinvolti. Per uno scrittore deve essere la stessa cosa. Una storia nera, verosimile, che lascia senza fiato dalla prima all’ultima pagina. Niente di più italiano, niente di più amaro. Giorgio Serafini Prosperi regala un personaggio che difficilmente dimenticheremo: un uomo dolce, solo, con una disperazione tutta romana, cinica e ironica..

ALLA CAVEA DELL’AUDITORIUM LE MAGIE VOCALI DI MALIKA AYANE

ayaneContinua inarrestabile lo straordinario successo di Malika Ayane, un anno record per l’artista che sarà nuovamente live nella Capitale,  a Luglio suona bene, stasera alle 21, con il suo “Naif En Plein Air Tour 2016”. Un nuovo viaggio musicale che unirà le due anime di “Naif”, quella più acustica ispirata alle atmosfere delle sale da ballo anni sessanta, al varietà e ai ritmi tribali e caraibici insieme all’anima più randagia e urbana dai suoni elettrici e le influenze della club culture di Berlino e Londra. Uno spettacolo sorprendente che farà rivivere sul palco la magia e le sonorità del lavoro di studio. Sul palco, ad accompagnarla, una straordinaria band composta da: Carlo Gaudiello (pianoforte), Marco Mariniello (basso), Leif Searcy (batteria), Stefano Brandoni (chitarre), Giulia Monti (violoncello), Daniele Parziani (violino), Moreno Falciani, Andrea Andreoli e Giampaolo Mazzamuto (fiati) e Daniele Di Gregorio (percussioni).