VILLA BORGHESE: 13 LECCI PER LE STUDENTESSE MORTE IN SPAGNA

Tredici lecci piantati davanti alla Galleria Borghese, nel cuore verde della Capitale. Tredici frammenti di memoria per le tredici studentesse Erasmus morte in Spagna, un mese fa, durante un drammatico incidente stradale a bordo di un bus uscito fuori strada. Il primo giorno di Earth Day Italia, a Villa Borghese, apre così, con un omaggio alle vittime del 20 marzo, ricordate nell’ambito di Open day Erasmus+, evento organizzato da Indire, Istituto per la documentazione, innovazione e ricerca educativa. villa borgheseNelle scorse settimane è avvenuta la piantumazione degli alberi sul viale davanti alla splendida villa Pinciana che fu del cardinale Scipione Borghese. Un intervento che ha consentito di ripristinare il primo tratto orientale del tracciato, già avviato dal dipartimento Tutela Ambientale nel 2004. Presenti per l’occasione anche i parenti delle sette vittime italiane. Tra loro Gabriele Scarascia Mugnozza, lo zio di Elisa, la giovane romana che a Barcellona studiava medicina. C’era anche lei tra le vite spezzate quella notte su una super strada della Catalogna.”Piantare questi alberi oggi ha un valore importante per noi, anche perché il papà di Elisa è forestale”. Prende la parola, commosso, al microfono accanto alla targa appena scoperta. “Voleva andare in Africa voleva fare del bene, e come le altre sue coetanee viveva l’Europa, una dimensione che dobbiamo continuare a pensare esattamente come facevano loro”. Fonte: Romatoday

L’AUDITORIUM SI FA IN TRE

banner_TributeStasera all’Auditorium, Teatro Studio Borgna, ore 21, “Tribute to Frank Zappa” con I Virtuosi dal Pianeta Talento, orchestra di Flauti del Conservatorio di Musica Santa Cecilia. Con  Deborah Kruzansky, Francesco Baldi, Eugenio Colombo, Catia Longo, Francesco Leonardi, Monica Limongelli; Franz Albanese direttore; special guest Napoleon Murphy Brock voce, sassofono, flauto.

Sempre alle ore 21, in Sala Petrassi, “Sotto le stelle del jazz”, concerto/spettacolo firmato da Nicola Tariello Septet che reinterpreta live alcuni dei brani più evocativi della TARIELLOscrittura di Paolo Conte. Un omaggio al cantautore genovese. Passando attraverso le sonorità del grande jazz del passato la band ripercorre quell’epoca ricca e innovativa che, dagli anni ’20 agli anni ’60, diede alla luce i padri del jazz ai quali lo stesso Conte si ispira.

E alla sala Sinopoli, ancora alle 21, Milagro Acustico celebra i vent’anni di attività con un nuovo progetto dedicato alla grande cantante siciliana Rosa Balistreri a venticinque anni dalla sua scomparsa. Lo fa reinterpretando e arrangiando alla propria maniera i brani che la Milagro_acusticocantante ha reso popolari, canzoni che assumono così un sapore più attuale e inedito, dalle forti tinte che vanno dal funk al jazz al reggae e che mettono ancora di più in risalto la grande modernità del messaggio di Rosa. Canzoni indimenticabili dedicate ai carcerati, ai disperati, agli ultimi della Terra, seguendo quel cammino già segnato dal poeta Ignazio Buttitta al quale Milagro Acustico ha dedicato il cd “Sangu ru Poeta” nel 2011. Interprete d’eccezione per il live è la cantante Debora Longini.

IL 30 APRILE SARÀ SCOPERTA UNA LAPIDE IN MEMORIA DI UGO FORNO

Sabato 30 aprile 2016, alle ore 11, in via Nemorense 15 all’ingresso del palazzo dove abitò con la sua famiglia sarà scoperta una lapide in memoria di “Ughetto”. Ugo Forno, studente romano dodicenne, il 5 giugno del 1944, mentre a Roma erano in corso i festeggiamenti per la liberazione della città, apprese che i tedeschi, battendo in ritirata, lapidevianemorenseavevano intenzione di far saltare il ponte ferroviario sull’Aniene nei pressi di via Salaria, strategicamente importante per rallentare il passaggio delle truppe Alleate. Ughetto, comprendendo l’importanza di salvare il ponte, con grande spirito di iniziativa mobilitò immediatamente altri giovani per impedire ai soldati tedeschi, che stavano minando il ponte, di portare a compimento la loro azione. I soldati tedeschi impegnati nell’opera di demolizione del ponte ferroviario furono costretti a desistere grazie all’azione di disturbo messa in atto da Ugo Forno che, durante lo scontro a fuoco, divenuto ancora più aspro con l’arrivo dei rinforzi tedeschi, perse la vita insieme ad altri suoi compagni, colpito da un proiettile di mortaio. Il comportamento coraggioso di Ugo Forno che, nonostante la sua giovane età, senza esitazione, a costo della propria vita, si prodigò per la salvaguardia del ponte ferroviario è esempio di uno spiccato senso civico e di un grande patriottismo.

TEMIRKANOV, TRE CONCERTI AL PARCO DELLA MUSICA

temirkanovTre concerti per Yuri Temirkanov al Parco della musica: stasera e domani alle ore 18 e martedì alle 19:30. Musiche di Ravel, Mahler e Brahms. Il tono aulico di raffinata eleganza della Pavane di Ravel che canta la morte di una Infanta, una fiabesca figura nobiliare del passato, proietta la musica in una dimensione atemporale in cui è il gusto del timbro e delle articolazioni armoniche della musica a prevalere piuttosto che l’assunto dettato dal titolo. Ben diversi i Kindertotenlieder di Mahler che ci raccontano, in modo drammatico ma pur sempre sublimato dalla bellezza della musica, delle morti infantili premature, dramma oggi distante dalla nostre cronache e dalla nostra sensibilità, ma all’epoca di Mahler, che lo visse direttamente, di quotidiana attualità. Yuri Temirkanov – alla sua seconda presenza in stagione – dirige poi la Quarta Sinfonia di Brahms, perfetto organismo sinfonico dove la costruzione musicale, partendo da cellule motiviche infinitesimali, scandaglia tutte le potenzialità espressive dei temi in una varietà di climi espressivi che tengono sempre alta la temperatura del discorso sinfonico infondendogli quel carattere passionale, solenne e drammaticamente contrastato che sono le cifre precipue del sinfonismo di Brahms.

VIA BERTOLONI, QUANDO I LAVORI NON SONO A REGOLA D’ARTE

VIA BERTOLONIIl 18 aprile sono stati eseguiti i lavori di riparazione della buca in via Bertoloni più volte segnalata da Amuse, associazione Amici Municipio Secondo, a chi di competenza. Purtroppo, come si è potuto constatare, i lavori non sono stati fatti a “regola d’arte” ed è stato quindi necessario effettuare un’altra segnalazione in tal senso. La presidenza del Municipio ha comunicato che “l’Ufficio Tecnico del Municipio ha effettuato la video ispezione e interverrà sulla buca”.

MUNICIPIO, ASSEMBLEA SINDACALE E DISSERVIZI IL 27 APRILE

municipio via dire dauaMercoledi’ 27 aprile 2016 è stata indetta un’assemblea sindacale generale del personale del municipio con le seguenti articolazioni orarie: dalle 7.00 alle 10.00 – dalle 7.30 alle 10.30 – dalle 8.00 alle 11.00 (a seconda dell’inizio dell’orario di lavoro). Per questo motivo potrebbero verificarsi eventuali disservizi per gli utenti.

LUNGOTEVERE, ROM SI ABBASSA I PANTALONI PER SCHERNO

ImmagineScene di ordinaria inciviltà a Roma. Un’automobilista ferma su Lungotevere, all’altezza del circolo Tevere Remo,  aspetta che il semaforo scatti. E’ l’ora di pranzo. Come ogni giorno una rom si avvicina per cercare di pulire il vetro, lei si rifiuta ma stavolta decide di prendere un telefonino per filmare quel capannello di nomadi che ogni giorno sono ferme al lato della strada a chiedere l’elemosina. Una di loro se ne accorge, sorride da lontano e decide di provocarla. Si avvicina al finestrino e come se niente fosse si abbassa i pantaloni mostrando il sedere, nel bel mezzo di una strada trafficatissima, davanti agli occhi increduli dei passanti. Continue reading