GOETHE INSTITUT E BIBLIOTECA EUROPEA, GLI EVENTI DEL 23 APRILE

unnamedIn occasione della Giornata Mondiale del Libro, alla Biblioteca Europea omaggio ai grandi classici della letteratura europea in un percorso labirintico in cui si alternano e si contaminano lingue e autori in un gioco di specchi e di rimandi letterari. Alle ore 10 del 23 aprile, sedici Paesi europei vanno in scena con brani tratti da opere di grandi autori recitati in italiano da attori della scuola di perfezionamento del Teatro di Roma e letti in lingua originale. Il contributo tedesco, un testo di Johann Wolfgang von Goethe, sarà letto dall’attrice tedesca Ursula Volkmann. A cura di Lacasadargilla/Lisa Ferlazzo Natoli, Tania Garribba, Alice Palazzi, Maddalena Parise. Alle ore 12, performance nel Giardino del Goethe Institut, La Mancha d’Europa, viaggio all’ombra del cavaliere della Bianca Luna di Cervantes e alla luce dell’hombre sognante e sognato di Borges, con apparizioni e figure da Shakespeare. Con Carla Tatò e gli attori della scuola di perfezionamento del Teatro di Roma.

NATALE DI ROMA: IL 21 APRILE GRATIS I MUSEI IN COMUNE

unnamedIl 21 Aprile, per il Natale di Roma, ingresso gratuito ai Musei in Comune di Roma Capitale, aperti secondo l’orario ordinario e con la possibilità di visitare gratuitamente le collezioni museali e le mostre in programma. Inoltre, anteprima ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti  per “Viaggi nell’antica Roma”, 2 storie e 2 percorsi, “Foro di Augusto” e “Foro di Cesare”, a cura di Piero Angela e Paco Lanciano. Divertenti iniziative anche per i più piccoli come la “caccia al tesoro” al Museo Carlo Bilotti.

AUDITORIUM/1. ARIPROIETTI

PROIETTINuova replica straordinaria, stasera alle 21, per lo spettacolo di Gigi Proietti “Cavalli di battaglia”, un excursus del proprio repertorio: popolare, drammaturgico, canoro, mimico, poetico, parodistico, comico, umano, multiculturale. Una contaminazione di generi che caratterizzano i suoi spettacoli e che sono gli ingredienti del suo grande successo. Un’occasione unica, dunque, per rivedere in scena l’artista poliedrico. Sarà accompagnato da un’orchestra di 25 elementi diretti dal M° Mario Vicari, da un corpo di ballo e da Marco Simeoli e Claudio Pallottini, attori del suo laboratorio che da diversi anni partecipano ai suoi spettacoli. Ci saranno anche Susanna e Carlotta, le due figlie dell’artista, che sorprenderanno il pubblico con le loro qualità vocali e con la loro vis comica.

AUDITORIUM/2. SUL PALCO IL ‘CANTAVIATORE’ ENRICO GIARETTA

giarettaIl cantautore e aviatore Enrico Giaretta presenta stasera all’Auditorium il suo ultimo progetto Blu. Oltre alla sua band – formata da Stefano Corrias, alla batteria, Juan Carlos Albelo Zamora, al violino, e Luca Bulgarelli, al contrabbasso – l’allievo di Paolo Conte e già pianista di Franco Califano si avvarrà della straordinaria partecipazione del trombettista jazz Fabrizio Bosso e dal percussionista Neney Santos. Un pianista e cantautore che vola e fa volare, non solo in senso figurato, attraverso melodie che a partire da studi classici prendono direzioni sempre nuove, ma anche nella realtà, su quegli stessi aerei che da bambino guardava volteggiare nei cieli e che oggi guida con il piglio deciso di un comandante. Ci troviamo dunque di fronte a un personaggio singolare: un cantante aviatore o, potremmo dire, un cantaviatore.

“ROMA CHE LEGGE” AL MAXXI

Dopo il successo di “Torino che legge” e il confronto nato dal Forum Passaparola 2015, il Forum del Libro presenta al Maxxi la prima edizione di “Roma che legge”, una festa ROMA CHE LEGGEdella lettura nella capitale. Fino al 23 aprile scuole, editori, librai, associazioni culturali e biblioteche comunali danno vita a varie iniziative, in alcune zone di Roma, coinvolgendo tutti i cittadini.“Roma che legge” nasce non solo per attirare l’attenzione sulla lettura con eventi di richiamo, vuole essere anche occasione di conoscenza e collaborazione per i diversi soggetti che si occupano di libri e lettura sullo stesso territorio e di diffusione di una cultura della lettura, con un’attenzione speciale dedicata alla scuola.

QUELLA VOLTA CHE I PINK FLOYD SUONARONO AL PIPER CLUB

PINK FLOYD AL PIPEREra il 18 aprile del 1968 e una sconosciuta band inglese saliva sul palco dello storico Piper Club di via Tagliamento. Quarantotto anni dopo, lo stesso gruppo ricorda quel concerto con un post su Facebook. I Pink Floyd non si sono dimenticati “quello strano locale che si trovava in una grotta con una lunga scala per accedervi” e hanno conservato una foto. Condivisa con i loro fan. Era una delle prime trasferte della band, nata pochi anni prima nel 1965, fuori dal Regno Unito. Due date al Piper – il 18 e 19 aprile – e poi l’esibizione al Palazzo dello Sport dell’Eur il 6 maggio al primo “International Pop Festival” europeo. Al pubblico di giovani romani piace la musica psichedelica e progressista dei Pink Floyd, anche se ancora nessuno conosce le parole e le note delle loro prime canzoni: da “Astronomy Domine” a “Interstellar Overdrive”. Nel 2015 il Piper ha compiuto cinquant’anni. Un anno dopo, i Pink Floyd lo festeggiano ricordando quel primo appuntamento con i fan italiani. E il locale di via Tagliamento a sua volta condivide il post della band e ringrazia: “Grande onore al Piper Club! I Pink Floyd hanno pubblicato una mitica foto del 1968 quando furono loro i protagonisti del nostro amato palco! Thanks to Pink Flyod for showing this fantastic pictures!”.

IL 20 APRILE 1303 NASCEVA LO STUDIUM URBIS (LA SAPIENZA)

BONIFACIO VIIICon la bolla papale In suprema praeminentia dignitatis Bonifacio VIII, il 20 aprile 1303, istituisce lo Studium Urbis (oggi Università di Roma La Sapienza). Nel XIV secolo operavano a Roma diverse istituzioni scolastiche, ma senza un ente ufficialmente riconosciuto ed esterno alla corte papale. Con la bolla di Bonifacio VIII viene istituita la prima università di Roma, lo Studium Urbis. I finanziamenti iniziali giungevano dalla tassazione del vino forestiero, oltre alla munificenza di alcuni nobili romani. Durante tutto il periodo rinascimentale diversi papi richiesero l’incremento del corpo docente, con l’inserimento prosecutivo di nuove cattedre. Inoltre vennero acquistati diversi edifici del rione Sant’Eustachio, dove durante il Seicento venne costruita la nuova sede, voluta da Alessandro VII, fondatore tra l’altro della stessa Biblioteca Alessandrina, ancora oggi in piena attività; la sede fu istituita presso il Palazzo della Sapienza.

TRASPORTO PUBBLICO: SOLO UNO SCIOPERO RIDOTTO IL 21 APRILE

SCIOPERO BUSIl prefetto di Roma Franco Gabrielli ha ridotto con un’ordinanza a 4 ore – dalle 8.30 alle 12.30 – la durata dello sciopero dei lavoratori dell’Atac proclamato dal sindacato Orsa per l’intera giornata di giovedì. Lo ha reso noto la prefettura con un comunicato. “Il provvedimento limita l’astensione dal lavoro alla fascia oraria compresa tra le 8,30 e le 12.30, durante le quali sono in programma le agitazioni indette da altre sigle sindacali”. Alla decisione si è giunti dopo che, Atac e Roma Capitale, avevano nei giorni scorsi formalmente paventato le ripercussioni derivanti da uno sciopero di ventiquattro ore sulla tenuta dei livelli minimi essenziali del trasporto urbano e dopo che, nella mattinata odierna, si era concluso senza esito il tentativo di conciliazione svolto in Prefettura. La riduzione della durata dell’iniziativa indetta dall’Or.S.a. scaturisce dalla necessità di garantire i diritti costituzionalmente garantiti alla mobilità, anche alla luce di alcuni episodi di intemperanza ai danni del personale di Atac che potrebbero acuirsi nel caso di prolungati disagi.

LIBRERIA KOOB, CHE RAPPORTO C’È TRA ARTE E PSICOTERAPIA?

160420-arte-psicoterapia-150x240Oggi, alle ore 18, presso la libreria Koob di via Poletti, presentazione de “L’arte della psicoterapia e la psicologia dell’arte”, di Luca Casadio, Mimesis. Insieme all’autore interviene Serafino Murri (regista e critico cinematografico). La presentazione sarà accompagnata da un’esposizione dei quadri di Massimo Campi. Il libro intende approfondire le relazioni tra l’arte e la psicoterapia, esplorando entrambe le direzioni. Anni fa, Wilfred Bion, famoso psicoanalista anglo-indiano, voleva raccogliere un libro di poesie ad uso degli psicoanalisti, sicuro che la lettura delle opere poetiche, e dell’arte in generale, rappresentasse un bagaglio necessario per ogni terapeuta.