RUBANO LA BORSA AD UNA DONNA A VILLA TORLONIA: PRESI

Intercettati dai carabinieri due romeni di 17 e 21 anni, entrambi senza fissa dimora, per il furto di una borsa ad una donna avvenuto all’interno di Villa Torlonia. La donna era seduta su una panchina con il fidanzato, quando i due con una mossa fulminea hanno approfittato di un momento di distrazione della coppia per rubare la borsa e darsi alla fuga. Allertati dalla vittima, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Parioli VILLA TORLONIAhanno intercettato i due romeni in via Alessandro Torlonia. Dalla tasca dei pantaloni di uno dei due fuoriusciva un cellulare con una cover di colore rosa. I carabinieri hanno fatto scattare la perquisizione e scoperto che si trattava di un cellulare rubato poco prima a Villa Torlonia. La borsa della donna, abbandonata dietro una siepe all’interno del parco, è stata poi recuperata poi dai militari. I due romeni avevano rubato anche il denaro custodito nel portafogli, circa 130 euro, rinvenuti nelle tasche dell’altro ladro. Il ladro maggiorenne è stato arrestato, mentre il minorenne è stato invece denunciato per lo stesso reato e rilasciato. Fonte: MunicipioRoma

LA GALLERIA BORGHESE CHIEDE ASILO

galleria borgheseIl “giardino incantato” rischia di essere sfrattato. A chiedere gli spazi di villa Borghese che ospitano 80 bambini della materna comunale è stata la direttrice della Galleria che ospita la collezione di Scipione Borghese, Anna Coliva. E il Comune ha congelato la richiesta in attesa che arrivi il nuovo sindaco: non è, infatti, una decisione che può prendere il commissario straordinario Tronca. Ma l’idea dello sfratto dei piccoli dall’edificio seicentesco è solo rimandata a dopo le elezioni di giugno. Quelle stanze sarebbero state infatti oggetto di un “uso improprio”, secondo la direzione della Galleria Borghese. Che punta a togliere giochi, banchi e mensa per piazzare gazebo, tavoli e cucine di un ristorante elegante ad uso del museo ma capace di vivere di commercio proprio. Continue reading

AUDITORIUM, UNO SPETTACOLO SUL FILO DELLA CENSURA: “LA MERDA”

la merdaStasera, ore 21, nella Sala Petrassi dell’Auditorium, Silvia Gallerano in “La Merda” di Cristian Ceresoli. Dopo aver vinto l’oscar del teatro europeo e registrato un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo, il poetico flusso di coscienza sulla condizione umana, il clamoroso fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e che viene ormai accolto quasi fosse un concerto rock, ritorna a Roma per l’ultima volta, nonostante una sottile e persistente censura. L’opera che ha scioccato e meravigliato il mondo al Festival di Edimburgo 2012 vincendo, tra gli altri, il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura a Cristian Ceresoli, il The Stage Award for Acting Excellence per l’interpretazione a Silvia Gallerano e l’Arches Brick Award for Emerging Art registrando il tutto esaurito sia nel 2012 che nel ritorno al festival del 2013, proseguendo con il clamoroso e scioccante successo di pubblico e critica in tutto il mondo, con Edimburgo, Copenhagen, Roma, Madrid, São Paulo, Milano, Glasgow, Berlino, Vilnius, Adelaide e il celeberrimo West End di Londra con quattro anni consecutivi di tutto esaurito. Continue reading

LIBRERIA L’ALTRACITTÀ: SI PARLA DI “ALBERI IN POSA”

copSabato 9 aprile alla libreria l’altracittà di via Pavia, alle ore 11, presentazione del libro “Alberi in posa. Rassegna di opere d’arte figurativa dall’Ottocento a oggi”. Interviene l’autrice Angela Farina (ingresso libero). Epifania della natura, simbolo ancestrale, struttura perfettamente identificabile e tale da significare, anche da solo, un paesaggio: l’albero è stato considerato dai pittori di ogni tempo, soggetto prediletto di rappresentazione e ogni epoca ha definito il suo modo di raffigurarlo e di utilizzarlo nella composizione del paesaggio, optando persino per la sua completa autonomia da questo. Il presente volume, che nasce dal desiderio dell’autrice di condividere la duplice passione per gli alberi e per l’arte e che mira allo stesso tempo a richiamare un maggiore interesse nei confronti di una componente così essenziale per la vita del Pianeta, ripercorre il “cammino” dell’albero nell’arte figurativa, nei suoi presupposti estetici e stilistici e nelle poetiche di volta in volta sviluppate. Le immagini delle opere proposte, risalenti agli ultimi due secoli e scelte, oltre che per il valore estetico, per la loro forza comunicativa e per il senso di comunione dell’artista con la natura, hanno lo scopo di risvegliare nel lettore un sentimento di maggiore vicinanza e rispetto nei confronti dell’albero stesso.

UNA DOMENICA PROPRIO SPECIALE AL BIOPARCO

bioparco 1Il Bioparco di Roma aderisce alla domenica ecologica del 10 aprile offrendo un eccezionale sconto di € 3 per i possessori del Bit Metrebus giornaliero. Esibendo alle casse il biglietto autobus/metro di domenica si avrà diritto ad uno sconto di € 3 sulle tariffe di listino del Bioparco: € 10 per i bimbi di altezza superiore a 1 metro e fino a 12 anni e gli over 65 (anziché € 13); € 13 biglietto Intero (anziché € 16). Sempre domenica il bioparcoBioparco organizza la Biocaccia al tesoro: un divertente gioco di squadra per grandi e piccini, per scoprire caratteristiche e curiosità degli animali del Bioparco. I componenti delle squadre, in compagnia dei clown del Bioparco, si cimenteranno in quiz, indovinelli, prove di abilità per trovare indizi, raggiungere il traguardo e guadagnare il tesoro finale. La Biocaccia al tesoro è adatta dai 6 ai 99 anni, ma anche i più piccoli saranno benvenuti. Durante la giornata, inoltre, da non perdere gli appuntamenti con gli A tuxtu con gli animali, incontri ravvicinati con blatte soffianti, furetti, rospi, insetti stecco e altri animali. Le attività della giornata sono comprese nel costo del biglietto.

VISITA AL BIOPARCO PER LA BAMBINA AMERICANA DAGLI OCCHI FRAGILI

LIZZY«Eccolo il leone del Colosseo». Lizzy l’ha trovato al Bioparco, correndo su e giù, euforica e incantata come tutti i bimbi del mondo in un zoo. Ora il viaggio a Roma (una delle cose che voleva assolutamente vedere prima che per lei calasse il buio) di Lizzy Myers, la bambina americana di 5 anni affetta dalla sindrome di Usher di tipo B, che nel giro di pochi anni la porterà a perdere la vista e l’udito, è veramente perfetto. Con i genitori Christine e Steve e la sorellina è arrivata dall’Ohio grazie a un viaggio offerto loro da più fronti, commossi dalla triste storia della piccola dagli occhi fragili. Continue reading

DOMENICA IN BICI A VILLA GLORI E VILLA BALESTRA

PONTE MILVIO IN BICIIl 10 aprile pedalata a Villa Glori e Villa Balestra con Biciebike Sherwood. L’itinerario proposto per questa iniziativa aperta a tutti, si snoderà in parte sulle ciclabili esistenti e sulle strade bianche pedalabili nelle zone verdi. Al termine è prevista una sosta alla fonte dell’Acqua Acetosa. Per chi vuole partecipare a questa iniziativa il primo appuntamento è alle 9:30 a piazzale Flaminio (lato Villa Borghese), mentre il secondo appuntamento è alle 10:15 a Ponte Milvio. Contatti 3387778868 – biciebike.sherwood@libero.it

POLEMICA GASPARRI-LA SAPIENZA: E TUTTI CI ‘CHIESIMO’ IL PERCHÉ

Succede che al Dipartimento di Comunicazione e Ricerca sociale della Sapienza si tenga una lezione di social strategy. E che durante quella lezione venga preso come esempio, in negativo, Maurizio Gasparri, “reo” di alcune gaffe passate tutt’altro che inosservate sui social network: l’ultima pochi giorni fa quando scrisse che “A Giorgia Meloni a suo tempo chiesimo (sic!) la disponibilità”. Finita la lezione uno studente della gasparriSapienza esce dall’aula, accende Twitter e chiama in causa proprio il vicepresidente del Senato punzecchiandolo. A questo punto interviene lo stesso Gasparri che dice: “… commenti insulsi di dementi, quindi non interessato, curatevi, anche se siete senza speranza”. commenti insulsi di dementi, quindi non interessato, curatevi, anche se siete senza speranza”. Ma la polemica è solo all’inizio. Intervengono centinaia di account e tra questi pure i ricercatori della Sapienza del Dipartimento di Comunicazione: “Qui non abbiamo adepti, insegniamo comunicazione, con lei per social media journalism però dobbiamo rivederci al prossimo appello” twittano con un po’ di ironia. Alla fine da RadioSapienza, l’emittente online del Dipartimento, arriva pure un invito: “Gasparri, venga alla nostra lezione anche lei”.Il clima è ancora rovente. E l’hashtag #gasparrialezione entra nei trendig topics italiani. Fonte: la Repubblica