LO STADIO FLAMINIO RIAPRE, PAROLA DI MALAGÒ

stadio flaminio“Il Flaminio è una ferita della città, chi è che non vuole recuperare questo meraviglioso stadio pieno di storia? Speriamo di non aspettare il settembre 2017 per sistemare la situazione dell’impianto, ma comunque se dovessimo vincere le Olimpiadi noi promettiamo di risolverlo”. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, è intenzionato a riqualificare lo stadio Flaminio della capitale. E lo ha ribadito durante la presentazione del dossier di candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024 al Palazzo dei Congressi dell’Eur, in cui il numero uno dello sport italiano ha anche illustrato tutte le venues e i cluster contenuti nel documento consegnato in contemporanea al Cio. Secondo il progetto di candidatura, lo stadio attualmente in dismissione, dovrebbe ospitare le gare olimpiche di rugby a 7 e pentathlon moderno:  “Speriamo di riportarlo agli antichi fasti”, l’auspicio di Malagò.

“IL POLIFILO”, UN LIBRO DI PAOLA CARUSI: SE NE PARLA ALL’IPOCAN

la copertinaVenerdi 19 febbraio, alle ore 17, all’Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino, in via Caroncini, sarà presentato il libro “Il Polifilo.Itinerarium et ludus” di Paola Carusi. Mantova, 1459-1460. In un tempo sospeso come un ponte sul nulla, un papa, Pio II, che promuove una crociata, e un cardinale, Nicola Cusano, che volentieri la eviterebbe, disegnano le linee di un tempio invisibile – pagano, ebraico, cristiano, islamico – dedicato alla Sapienza dell’unico Dio. Da questo tempio, destinato a prender corpo, altri due templi sono generati, uno di parole e uno di pietra: l’Hypnerotomachia Poliphili – itinerarium in Deum et ludus intellectualis – e il San Sebastiano di Mantova. Entrambi conosciuti e al tempo stesso incompresi, hanno forse atteso per secoli di essere ricongiunti. Che sia venuto il momento di ricomporre le loro storie? Nata il 17 luglio 1946 a Roma, Paola Carusi ha pubblicato numerosi libri ed è stata a lungo ricercatrice e docente. Info: Istituto per l’Oriente-via Alberto Caroncini 19 –  www.ipocan.it – tel.068084106, 068088710.

VIA NIZZA, INCONTRO AMBIENTALISTA A LUME DI CANDELA

IL LOGO DI TAVOLA ROTONDAIl 19 febbraio si celebra la XII edizione di M’illumino di meno, la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sul Risparmio Energetico e la mobilità sostenibile, presentata da Radio2. Il Circolo Legambiente Mondi Possibili e l’associazione Tavola Rotonda anche quest’anno parteciperanno alla campagna. L’iniziativa è incentrata in questa edizione sul tema della mobilità sostenibile: promuovendo l’uso della bicicletta e di tutti i mezzi a basso impatto energetico. Per l’occasione è stato organizzato:
– un aperitivo crudista a lume di candela
– lettura di poesie (saranno presenti due partecipanti del concorso http://bicicletterario.blogspot.it/ dello scorso anno) sulla mobilità sostenibile e/o il risparmio energetico.
– presentazione dell’officina bici Aniene e dell’evento Magnalonga.
Durante la serata verrà dimostrato com’è possibile generare energia alternativa….pedalando! E ricordate… è previsto un premio per chi arriva in bicicletta!
Venerdì 19 febbraio dalle 18:30 in via Nizza 72, Roma | https://www.facebook.com/events/920671821313605/

ISTITUTO GIAPPONESE: SIMPOSIO SU YUKIKAZU SAKURAZAWA

yukikazu_sakurazawaIl 19 febbraio, alle ore 15, nella sede dell’Istituto Giapponesi di Cultura, in via Gramsci,
“Georges Ohsawa-Yukikazu Sakurazawa (1893 – 1966). Una vita dedicata alla ricerca e all’insegnamento della libertà”, a cura di Associazione Nazionale ed Internazionale Upm (Un Punto Macrobiotico). Simposio promosso dal fondatore dell’associazione Upm, Mario Pianesi, il quale con il suo lavoro ha onorato il maestro Ohsawa facendone, per primo, riconoscere i meriti umanitari e scientifici a livello internazionale. Oltre a commemorare il fondatore della macrobiotica ed illustrarne il valore storico e sociale, è prevista anche una esibizione di Iaido.

ACCADEMIA ROMENA, EVENTO DEDICATO A CONSTANTIN BRANCUSI

brancusiNell’ambito del progetto “140 anni dalla nascita del grande scultore Constantin Brancusi”, l’Accademia di Romania  dedica un evento all’opera e alla memoria dello scultore romeno, evento che si terrà venerdì 19 febbraio, alle ore 18, nella Sala Conferenze dell’Accademia. L’evento prevede una conferenza dal titolo “Brancusi tra i contemporanei e la posterità della sua opera”, tenuta dal critico e storico dell’arte Grigore Arbore-Popescu e illustrata da video della vita e dell’opera dell’artista. Seguirà la proiezione del film documentario “Brancusi” di Cornel Mihalache (1996). Grigore Arbore Popescu ha pubblicato numerosi libri di critica e storia dell’arte e della cultura in lingua romena e in italiano. Ha firmato per un lungo periodo rubriche di critica d’arte sui principali quotidiani e i principali periodici culturali romeni.

“BUONANOTTE E… INCUBI D’ORO” AL TEATRO 7 DI VIA BENEVENTO

Dal 23 febbraio al 13 marzo, al Teatro 7 di via Benevento, Sergio Zecca in “Buonanotte e… incubi d’oro”, con: Francesca Bellucci, Matteo Cirillo, Bernardino De Bernardis, Christian Galizia, Vania Lai, Antonio Stregapede, Marzia Turcato. Un viaggio comico e rocambolesco tra gli incubi ricorrenti degli attori, che sognano spesso di LOCANDINAtrovarsi proiettati in spettacoli di cui non ricordano minimamente le “battute”. Il protagonista, Mister Zeta, attaccato nel sonno da una bizzarra Compagnia di attori folli e stravaganti, si troverà a dover fronteggiare le situazioni più variopinte per salvarsi dalle trappole che gli si materializzeranno in modo ironico e divertente sulla strada della notte. In un’atmosfera onirica e surreale, si potranno trovare gustosissimi “paralleli” tra le paranoie tipiche dell’artista e quelle di ogni altro professionista stressato dai ritmi di lavoro dei nostri tempi. Uno spettacolo dedicato a tutti gli ansiosi…

LE PREZIOSE ESSENZE DI VILLA BORGHESE: I PLATANI ORIENTALI

tempio di Antonino e Faustinavalle dei platanidi Caterina Falcetta

Oggi sono stata all’alba (unico momento di tranquillità per il bel parco di Villa Borghese) alla Valle del Graziano o Valle dei Platani o Valle dei cani… Preferisco pensarla come Valle del Graziano per la presenza, su una leggera altura, quasi guardiano di tanto tesoro, del piccolo edificio del Graziano, dall’elegante architettura. O ancora Valle dei Platani, per la loro presenza fin dalla prima costruzione della Villa. Neppure il tempio di Antonino e Faustina, ”dalle belle proporzioni ed il garbato ’rovinismo’“, elegante e benefico sull’altura di sinistra ha protetto lo spazio sacro. Ed oggi è la Valle dei cani… Gigantesche sculture di platani orientali ci appaiono in fila di nove, la-valle-dei-cani-a-villa-borghesevenendo dall’alto della valle; chiome immense e tronchi coperti da protuberanze nodose e scavati da gallerie. Apre la fila un altissimo platano con il tronco diviso da una profonda cavità; al vederlo si prova un senso di stupita ammirazione, quasi di riverenza. Seguono gli altri, sempre con fenditure diverse e varie, nodose protuberanze quasi a dimostrazione orgogliosa della loro lunga età. L’imponente sacralità di queste prodigiose antiche essenze, alle prime ore del mattino, ci possiede appropriandosi dei nostri sensi… Il ricordo della bella musica del larghetto nell’atto primo del “Serse” di Händel ed il bel canto “ombra mai fu di vegetale cara ed amabile più” ci accompagna. Continue reading

UNA DOMENICA AL BIOPARCO PER INCONTRARE LE GIRAFFE

BIOPARCONell’ambito del Febbraio Giraffoso al Bioparco – che saluta l’arrivo di due femmine di giraffa, Dalia e Acacia – domenica 21 febbraio le famiglie potranno scoprire tutti i segreti del mammifero più alto del Pianeta partecipando all’attività ‘la giraffa in numeri’. Dalle ore 10.00 alle 14.00 presso la terrazza delle giraffe i bambini, giocando con i numeri, insieme ad un naturalista scopriranno 10, 100, 1.000 segreti sulle giraffe! Come 65, i kg di cibo ingerito al giorno; 40, i cm di lunghezza della lingua… Da non perdere inoltre durante la giornata gli appuntamenti ‘a TuxTu con gli animali’, incontri ravvicinati con blatte soffianti, furetti, rospi, insetti stecco e altri animali e ‘Dai da mangiare a Sofia’, l’elefante del Bioparco. Le attività sono comprese nel costo del biglietto.