GOETHE INSTITUT: CONTINUA LA RASSEGNA DI FILM SULLA FELICITÀ

SCENA DEL FILM“Hin und weg” è il titolo del fim che sarà proiettato per il 7° appuntamento della rassegna sulla felicità. Appuntamento giovedì 3 marzo 2016, ore 20:30, all’Auditorium del Goethe Institut di via Savoia 15. Ingresso libero. Ecco la trama: è toccato a Hannes e sua moglie Kiki decidere la meta del viaggio che ogni anno fanno in bicicletta con i loro migliori amici. Che avrà mai da offrire il Belgio, oltre a patatine fritte e cioccolatini? Il gruppetto parte comunque con tanta voglia di avventura, perché ciò che conta è il tempo che trascorreranno in comitiva. Una volta in viaggio, però, si scopre che Hannes ha una malattia incurabile e che questo sarà l’ultimo tour insieme…

VECCHIA RICETTA ROSSA, ADDIO DAL I MARZO

RICETTAConto alla rovescia per l’addio alla vecchia ricetta rossa del medico di famiglia: dal primo marzo, infatti, va in pensione e cede il passo a tablet e computer. La legge che manda in soffitta i blocchetti rossi del medico, ricorda la Federazione nazionale dei medici di famiglia Fimmg, è in realtà del dicembre 2015 e recepisce un decreto di più di tre anni fa. Dopo alcuni blocchi informatici, il sistema è dunque ora ai nastri di partenza: per prescrivere un farmaco, un accertamento o una visita, il medico si collegherà da ora in poi a un sistema informatico, lo stesso visibile al farmacista che ci consegnerà pillole o sciroppi. Ma ricetta elettronica non è ancora sinonimo di abolizione della carta. Per ora, infatti, riceveremo dal dottore un piccolo promemoria da consegnare al bancone della farmacia, che permetterà di recuperare la prescrizione anche in caso di malfunzionamenti del sistema o assenza di linea Internet. Ma quando il sistema andrà a regime anche questo foglietto sparirà, rendendo la procedura interamente ‘paperless’.

PONTE MILVIO, OPERAZIONE PULIZIA: VIA I LUCCHETTI E LE SCRITTE

Lucchetti ponte milvioVia lucchetti e scritte da Ponte Milvio. Nulla a che vedere con quella operazione, tanto partecipata quanto mediatica di qualche anno fa, ma un semplice intervento dei Pics di Roma Capitale che tronchesi alla mano e olio di gomito stanno lavorando sul Ponte Mollo per eliminare scritte – non proprio tutte d’amore – e lucchetti che, nonostante siano drasticamente diminuiti, continuano ad essere appesi, dagli innamorati di oggi e chissà se anche di domani, a catene e lampioni.

VIALE REGINA ELENA, TRAVOLGE CON L’AUTO LA FERMATA DEL TRAM

incidente davanti all'universitàAccaduto ieri: disabile perde il controllo dell’auto e finisce contro la fermata del tram in viale Regina Elena, proprio di fronte all’università. Una fortuna che non ci fosse nessuno ad attendere il tram, altrimenti non avrebbe avuto scampo. Da una prima ricostruzione della polizia locale, pare che la Panda guidata dall’anziano, a bordo della quale c’era anche il figlio, abbia avuto qualche problema all’altezza dell’incrocio con viale Ippocrate. L’auto fuori controllo ha proseguito al sua corsa fino a travolgere letteralmente la fermata del tram.  L’automobilista rimasto lievemente ferito è stato trasportato all’ospedale.

DAL POLICLINICO ALL’AQUILA, CORSA CONTRO IL TEMPO

policlinico umberto IQuando si trasportano organi i minuti diventano preziosi e l’autostrada si trasforma in una “strada per la vita”. Questo lo sanno bene gli agenti della Polizia Stradale di Roma che questa mattina, a bordo della Lamborghini Huracàn, sono arrivati puntuali a destinazione: dal Policlinico Umberto I della capitale all’ospedale San Salvatore dell’Aquila, dove i medici erano ad attenderli, per ricevere un organo: una speranza di vita in più.

GALOPPATOIO VILLA BORGHESE, AL VAGLIO LA CONCESSIONE DELL’AREA

GALOPPATOIO DI VILLA BORGHESEAl vaglio la concessione dell’area del Galoppatoio di Villa Borghese. Si legge, infatti, in una nota del Campidoglio, che è stato effettuata un’ispezione congiunta al Galoppatoio di Villa Borghese da parte dei vigili e degli organi tecnici della Asl. In precedenza, domenica scorsa, un sopralluogo al Galoppatoio di Villa Borghese era stato effettuato personalmente dal commissario Tronca. Al centro delle verifiche nell’ambito delle attività di controllo del patrimonio immobiliare di Roma ci sarebbero – continua la nota del Comune – presunte irregolarità relative agli ambienti dove sono ricoverati i cavalli e quelli destinati alle attività sociali. Continue reading

QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO DI VIA FLAMINIA

LiburdiSì, no, forse. I consiglieri del Municipio II che stanno seguendo la vicenda del bocciofilo di via Flamina – dove al momento di bocce non c’è nemmeno l’ombra, ma in compenso si può sentire l’odore di bistecche alla griglia, oltre a usufruire di un parcheggio a pagamento – vanno alla ricerca di carte e certezze. L’ultimo episodio, di quella che è una vera e propria telenovela, riguarda la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) commerciale. E sull’argomento emergono delle anomalie. Le incognite del caso vengono a galla in commissione Trasparenza (presieduta da Andrea Liburdi). In sostanza, il 19 gennaio scorso risulta la presentazione della Scia alla direzione del Municipio. Iter, questo, sbagliato. Perché la nota può essere inoltrata solo per via telematica. Non a caso, Andrea Fusco (direttore del Municipio) il 18 febbraio sottolinea, per iscritto, che “si invita a presentare eventuale Scia con le modalità sopra riportate (quindi on line, ndr) pena la nullità della stessa”. Continue reading

UN LIBRO CHE SCAVA SUL CASO MORO: SE NE PARLA A VIA PAVIA

copertinaVenerdì 26 febbraio alla libreria “l’altracittà” di via Pavia, alle ore 18:30, presentazione del libro “Complici. Il patto segreto tra Dc E Br” che parla del caso Moro. Intervengono gli autori Stefania Limiti e Sandro Provvisionato (ingresso libero). L’inchiesta ricostruisce tasselli e scava dentro i fatti. Quelli acclarati e quelli nascosti. Li enumera e li analizza. E li inserisce ciascuno nel loro esatto contesto insieme ai protagonisti di quella stagione: il presidente Giulio Andreotti e il ministro Francesco Cossiga, suor Teresilla e don Mennini, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa e il suo braccio destro, il generale Nicolò Bozzo. E brigatisti, mafiosi, uomini della Xa Mas, del Sismi e di Gladio, poliziotti, carabinieri e massoni. Una ricostruzione che ci porta davanti a una verità destabilizzante.

CAOS A VILLA BORGHESE PER I TIFOSI TURCHI DEL GALATASARAY

© Daniele Stanisci ag. Toiati Tifosi del Galatasaray in centro corteo da Piazza del Popolo a Piazza delle Canestre

Durante i filtraggi delle forze dell’ordine prima della partita partita Lazio-Galatasaray, che sono stati «particolarmente rigidi e stringenti», fa sapere la Questura di Roma, sono stati rinvenuti in possesso dei tifosi numerosi petardi, fumogeni e torce illuminanti nonché una «finta carta di credito che si trasforma in coltello». Sono cinque i tifosi del villa borghese ieriGalatasaray a cui è stato notificato il Daspo. In precedenza i sostenitori della squadra turca hanno lanciato anche un petardo contro un autobus. Il fatto, rende noto l’Atac, è avvenuto alle 16.30 circa all’interno di Villa Borghese, dove un gruppo di tifosi turchi ha gettato un petardo a bordo di un bus della linea 61, che stava effettuando una fermata. L’esplosione, spiega l’Atac, ha danneggiato la vettura, costringendo l’azienda a metterla fuori servizio. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine e un’ambulanza del 118 per soccorrere l’autista del bus, che è stato accompagnato in ospedale per controlli. Le forze dell’ordine hanno disposto per alcune ore la chiusura, anche al trasporto pubblico, delle strade all’interno di Villa Borghese deviando le linee 61-89-160-490-495. Dopo qualche ora la circolazione dei bus è tornata normale. Fonte: il Messaggero

villa borghese

AUDITORIUM, SICILIA E SARDEGNA A CONFRONTO (MUSICALE)

UNAVANTALUNA ELENA LEDDAStasera all’Auditorium, ore 21, Teatro Studio Borgna, Unavantaluna e Elena Ledda in “Sònira e Sonos”, musiche isolane. Sicilia e Sardegna: due isole ma mai del tutto distanti.. Due terre le cui affinità e divergenze dipingono due universi culturali che proprio nelle loro differenze trovano dei sorprendenti punti di contatto nei quali è racchiuso il significato del progetto musicale “Sònira e Sonos”. Due tradizioni etnomusicali che si sono sviluppate, sono emerse e sono andate in quiescenza e che, rinate oggi, desiderano esprimere le corrispondenze possibili, nella  contaminazione reciproca e con i linguaggi mediterranei in cui sono immerse. Questa unione contemporanea e rivolta al futuro, viene presentata in esclusiva all’Auditorium Parco della Musica dai loro interpreti più significativi, per la prima volta insieme: Unavantaluna, con sicilianità musicale e furore interpretativo, raccontano storie d’oggi con strumenti antichi. Elena Ledda, la “voce sarda” più rappresentativa dell’attuale panorama musicale dell’isola dei Quattro Mori.

VILLA ADA: SIT-IN DAVANTI ALL’AMBASCIATA D’EGITTO

REGENIÈ passato un mese dal rapimento di Giulio Regeni, inghiottito nel nulla al Cairo la sera del 25 gennaio, l’anniversario della rivolta di Piazza Tahrir. Oggi, davanti all’ambasciata egiziana (via Salaria, ingresso villa Ada, ore 14.00) si è tenuto un sit-in organizzato da Antigone e da Coalizione italiana diritti civili a cui hanno aderito, tra gli altri, Amnesty Italia e l’Arci.

C’ERA UNA VOLTA VIA CIVININI

via civinini

VIA CIVININI 2Scrive Federica Alatri su Facebook: “Via Civinini: l’apertura di nuovi esercizi commerciali (supermercato e pizzeria) che si aggiungono a quelli già esistenti, rende questo breve tratto di strada in prossimità di piazza Euclide impraticabile ai mezzi pubblici di trasporto e crea piccole discariche…”.

 

LIBRERIA KOOB, PRESENTAZIONE DI “POMPEI, ITALIA” DI ERBANI

160226-pompei-150x231Venerdì 26 febbraio, alle ore 18, nella sede della libreria Koob di via Poletti, presentazione di “Pompei, Italia”, di Francesco Erbani, edito da Feltrinelli. Intervengono: Vezio De Lucia e Alessandro Leon. Introduce e coordina: Anna Longo. “Pompei crolla”, “Pompei inaccessibile e transennata”, “Pompei ingovernabile”: titoli di cronaca, ogni giorno che passa sempre meno sorprendenti. Dietro c’è una storia millenaria di distruzione, arte e archeologia, fascino e leggende. Ci sono decenni di convivenza con un territorio sempre più urbano e sempre più degradato, con una popolazione di cui sono cresciuti sia i numeri sia i problemi, con uno Stato che ne ha fatte un po’ di tutti i colori. Intorno a Pompei si giocano temi fondamentali del passato, del presente e del futuro dell’Italia: la gestione dei beni culturali tra emergenza e manutenzione, l’uso e l’abuso del territorio in un paese che ha la più alta densità di bellezza del mondo, l’importanza del turismo come volano economico e il rischio che lo stesso turismo distrugga invece di costruire. La città distrutta e sepolta dal Vesuvio diventa ben presto in questo libro metafora dell’Italia intera.

FORUM AUSTRIACO, CONCERTO PER PIANO DI ARDITA STATOVCI

ARDITA STATOVCIIl I marzo, alle ore 20, nella sede del Forum Austriaco in viale Buozzi 113, Ardita Statovci presenta un concerto costruito attorno alla sonata per pianoforte di Henri Dutilleux, compositore contemporaneo francese fondamentale, oltre che per la giovane pianista austriaca, per la musica della seconda metà del XX secolo tout court. Il compositore francese, ricordato come l’erede di Ravel e Debussy, proprio come quest’ultimo è stato borsista a Villa Medici all’inizio della propria carriera. Il suo “stile personale teso alla modernità, ma indipendente sia dalle convenzioni accademiche, sia da quelle dell’avanguardia”, e “la sua particolarissima sintesi di seduzioni armoniche e timbriche e di rigore formale” ne fanno uno dei maggiori compositori francesi del Novecento. Ingresso libero.

L’AMICO (DEI CANI) SI RICONOSCE NEL MOMENTO DEL BISOGNO

via allegri 1via allegriA via Allegri, proprio davanti alla Fgci, chi abita nel palazzo ha sentito l’obbligo di spiegare ai proprietari CARTELLO-Copia-300x235dei cani che passano di lì “di far espletare i bisogni… in zona diversa da questa”. Avevamo già pubblicato la notizia qualche mese fa. Ci torniamo perché i fogli di carta di qualche tempo addietro sono diventati dei veri e propri cartelli. E i ‘bisogni’ sono diventati ‘deiezioni canine’. Si vede lontano un miglio che l’estensore non ama i nostri amici a quattro zampe. E non avendoli mai avuti non sa che un cane “espleta” dove e quando ne ha bisogno (come dice la stessa parola ‘bisogno’). Allora, bisogna (sic) spiegare a costui che il problema è un altro, ossia che il proprietario del cane raccolga quanto espletato lì davanti e dovunque. E qui occorre dire che di maleducati ce ne sono parecchi, con il risultato che poi – come accade – la gente se la prenda indiscriminatamente con tutti.

PIAZZA FIUME: VETRINA DA OSCAR ALLA MINERVA DEL SOTTOPASSO

In attesa della Notte degli Oscar, il 28 febbraio prossimo, la libreria Minerva del sottopasso di piazza Fiume ha voluto anticipare l’appuntamento offrendo ai propri clienti tantissimi film che hanno conquistato nelle varie categorie l’ambita statuetta. E così potrete trovare in dvd o in blu-ray decine di capolavori che hanno segnato la Storia del Cinema e appassionato, dal lontano 1932, milioni e milioni di spettatori.

libreria minerva

LA PROSSIMA DOMENICA, 28 FEBBRAIO, TUTTI (O QUASI) A PIEDI

VIA SALARIAL’amministrazione capitolina, su disposizione del commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, ha disposto per domenica 28 febbraio una giornata “antismog” che prevede il blocco della circolazione veicolare. Lo stop riguarderà tutti i veicoli sino alla categoria Euro 5, dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30. Potranno circolare le categorie di veicoli meno inquinanti: metano, gpl, ibride, Euro 6 e ciclomotori due ruote quattro tempi Euro 2 e motocicli quattro tempi Euro 3.

LIBRERIA ASSAGGI, PROBLEMATICHE MATERNE IN UN SAGGIO

libreria assaggi4009Che cosa vuole una madre? Questo è l’interrogativo che ci guida nelle intense pagine del libro di Angelo Villa. Sullo sfondo, possiamo sentire risuonare l’eco di una più famosa ed irrisolta questione del padre della psicoanalisi, Sigmund Freud, ovvero: che cosa vuole una donna? Per Freud questa domanda rimane senza risposta e rappresenta l’enigma per eccellenza. Ad esso sembra contrapporre la chiarezza del desiderio materno, in tal senso indipendente da quello femminile, quello della donna.
Partendo da un’interrogazione sulla natura del trauma, volta ad indagarne il significato e la posizione soggettiva assunta dal bambino nell’accadimento, l’autore introduce l’idea lacaniana di trauma legata all’entrata nel linguaggio del soggetto. Villa si sofferma poi sull’importanza delle posizioni simboliche all’interno della famiglia e, in particolar modo, dalle difficoltà – molto spesso ignorate o sminuite – incontrate dalle madri nel sostenere il loro desiderio. Attraverso la presentazione di sette casi clinici, Villa analizza le relazioni che il desiderio materno intrattiene con il malessere del figlio, costruendo il caso con il lettore e suggerendo delle possibili modalità di direzione della cura. Una lettura importante per chi è interessato all’incontro con l’altro attraverso lo strumento principe di cui, in quanto esseri parlanti, disponiamo: la parola, per quel che dire e ascoltare necessariamente implica. Alla libreria AsSaggi, il 26 febbraio, ore 19.