PIAZZA VERBANO: PALAZZI INCIS, 90 ANNI FA POSA DELLA PRIMA PIETRA

PIAZZA VERBANO IN UNA FOTO TRATTA DA ROMASPARITAIl 28 febbraio 2016 sono esattamente novant’anni dalla posa della prima pietra dei palazzi Incis, Istituto Nazionale Case Impiegati dello Stato, di piazza Verbano, così come ricordano le lapidi commemorative poste sull’angolo del palazzo tra via Topino e via Volsinio. Un importante anniversario che gli abitanti del quartiere hanno voluto ricordare “consapevoli che la conoscenza dei luoghi in cui viviamo dà maggiore consapevolezza del senso civico necessario per una migliore convivenza”.

TUTTI I SEGGI DELLE PRIMARIE PD NEL NOSTRO MUNICIPIO

PRIMARIE, GAZEBO PIAZZA FIUMESarà la grande paura del flop, sarà che su Roma la partita è dura, sarà che il commissario Orfini punta ad almeno 70 mila voti. Ora i dem moltiplicano le urne delle primarie. Saranno più di 190, di cui almeno 110 gazebo. Insomma, un record rispetto al passato. Non solo. Ci saranno anche 15 seggi speciali, uno per ogni municipio, dedicati agli immigrati e ai giovani dai 16 ai 18 anni. Ecco i seggi del nostro Municipio: Largo Somalia, Piazza Amba Alagi, Via Scarlatti 9a, Piazza Melozzo Da Forli, Piazza Euclide, Piazza Fiume, Piazza Grecia, Piazza Ledro, Piazza Sant’Emerenziana, Piazza Verbano 7, Piazza Bologna, Piazzale delle Province, Piazza Giovanni Winckelmann, Via Catanzaro 3, Via Dei Marsi 43.

LA SAPIENZA, CONCERTO PER PIANO DI DMITRY MASLEEV

MasleevDebutta a Roma martedì 1° marzo alle 20.30 nell’Aula Magna della Sapienza (piazzale Aldo Moro 5) il pianista russo Dmitry Masleev, vincitore nel 2015 del XV Concorso Internazionale Čajkovskij di Mosca, sezione pianoforte. (Ricordiamo che la precedente edizione di questo concorso, tra i più selettivi, prestigiosi ed ambìti a livello mondiale, è stata vinta quattro anni fa da Daniil Trifonov, che fu subito scritturato dalla Iuc ed ora è lanciatisismo in campo internazionale: questo suona di buon auspicio per Masleev). Tecnica impeccabile, brillatezza, lirismo, spontaneità sono le doti riconosciute dalla critica a Dmitry Masleev, che dopo la vittoria al Concorso Čajkovskij ha suonato a New York, Londra, Stoccolma, Monaco, Rotterdam, Pechino e altre capitali della musica. Ma già in precedenza aveva vinto importanti concorsi e iniziato una carriera internazionale, che lo aveva portato in Germania, Francia, Italia e Romania, oltre che in Russia. Nato e cresciuto a Ulan-Ude in Siberia, vicino al lago Baikal e al confine con la Mongolia, Masleev ha studiato al Conservatorio di Mosca e all’Accademia Internazionale di Musica del Lago di Como. Per questo concerto ha scelto di inziare con Bach e proseguire con tre grandi del pianismo romantico, quali Schumann, Schubert e Liszt, e con tre russi, uno dei quali è naturalmente Čajkovskij. È dunque un programma molto vario e impegnativo, che gli permetterà di dimostrare tutto il suo talento.

MUNICIPIO: LE LAMENTELE DI GERACE SULLA PULIZIA DEI PARCHI

giuseppe-gerace“Succede che arrivino segnalazioni per la presenza di rifiuti dentro i parchi. Uno situazione di degrado inaccettabile che sarebbe dettata da un fatto, ossia le scorte di buste di plastica per la raccolta della spazzatura “in via di esaurimento”. Così il caso “rischia di non avere una soluzione prima dell’approvazione del bilancio 2016”. Questo quanto riferisce Giuseppe Gerace, presidente del Municipio II, che sbotta: “È intollerabile che si sia arrivati a questo punto”. “Abbiamo scritto al direttore del dipartimento Tutela ambientale, al presidente di Ama, al commissario straordinario Tronca e al sub commissario De Milato – ricorda il minisindaco – affinché si raggiunga un accordo e si coordini un’attività di collaborazione istituzionale, in modo tale da intervenire subito, fornendo un quantitativo sufficiente di buste che consenta di superare questo momento di grave emergenza”. I casi più critici, come sottolineato da Gerace, “sono Villa Torlonia e Villa Borghese. La prima risulta già sprovvista dei sacchi mentre, relativamente alla seconda, c’è stato segnalato il termine degli stessi per la giornata di domenica 28 febbraio. Auspichiamo un riscontro positivo da parte di Ama e ufficio Giardini, che purtroppo spesso non garantiscono un adeguato servizio alla città – termina –  i nostri parchi non devono subire ulteriori degradazioni fino a trasformarsi in discariche a cielo aperto”. Fonte: RomaPost

GOETHE INSTITUT: CONTINUA LA RASSEGNA DI FILM SULLA FELICITÀ

SCENA DEL FILM“Hin und weg” è il titolo del fim che sarà proiettato per il 7° appuntamento della rassegna sulla felicità. Appuntamento giovedì 3 marzo 2016, ore 20:30, all’Auditorium del Goethe Institut di via Savoia 15. Ingresso libero. Ecco la trama: è toccato a Hannes e sua moglie Kiki decidere la meta del viaggio che ogni anno fanno in bicicletta con i loro migliori amici. Che avrà mai da offrire il Belgio, oltre a patatine fritte e cioccolatini? Il gruppetto parte comunque con tanta voglia di avventura, perché ciò che conta è il tempo che trascorreranno in comitiva. Una volta in viaggio, però, si scopre che Hannes ha una malattia incurabile e che questo sarà l’ultimo tour insieme…

VECCHIA RICETTA ROSSA, ADDIO DAL I MARZO

RICETTAConto alla rovescia per l’addio alla vecchia ricetta rossa del medico di famiglia: dal primo marzo, infatti, va in pensione e cede il passo a tablet e computer. La legge che manda in soffitta i blocchetti rossi del medico, ricorda la Federazione nazionale dei medici di famiglia Fimmg, è in realtà del dicembre 2015 e recepisce un decreto di più di tre anni fa. Dopo alcuni blocchi informatici, il sistema è dunque ora ai nastri di partenza: per prescrivere un farmaco, un accertamento o una visita, il medico si collegherà da ora in poi a un sistema informatico, lo stesso visibile al farmacista che ci consegnerà pillole o sciroppi. Ma ricetta elettronica non è ancora sinonimo di abolizione della carta. Per ora, infatti, riceveremo dal dottore un piccolo promemoria da consegnare al bancone della farmacia, che permetterà di recuperare la prescrizione anche in caso di malfunzionamenti del sistema o assenza di linea Internet. Ma quando il sistema andrà a regime anche questo foglietto sparirà, rendendo la procedura interamente ‘paperless’.

PONTE MILVIO, OPERAZIONE PULIZIA: VIA I LUCCHETTI E LE SCRITTE

Lucchetti ponte milvioVia lucchetti e scritte da Ponte Milvio. Nulla a che vedere con quella operazione, tanto partecipata quanto mediatica di qualche anno fa, ma un semplice intervento dei Pics di Roma Capitale che tronchesi alla mano e olio di gomito stanno lavorando sul Ponte Mollo per eliminare scritte – non proprio tutte d’amore – e lucchetti che, nonostante siano drasticamente diminuiti, continuano ad essere appesi, dagli innamorati di oggi e chissà se anche di domani, a catene e lampioni.

VIALE REGINA ELENA, TRAVOLGE CON L’AUTO LA FERMATA DEL TRAM

incidente davanti all'universitàAccaduto ieri: disabile perde il controllo dell’auto e finisce contro la fermata del tram in viale Regina Elena, proprio di fronte all’università. Una fortuna che non ci fosse nessuno ad attendere il tram, altrimenti non avrebbe avuto scampo. Da una prima ricostruzione della polizia locale, pare che la Panda guidata dall’anziano, a bordo della quale c’era anche il figlio, abbia avuto qualche problema all’altezza dell’incrocio con viale Ippocrate. L’auto fuori controllo ha proseguito al sua corsa fino a travolgere letteralmente la fermata del tram.  L’automobilista rimasto lievemente ferito è stato trasportato all’ospedale.

DAL POLICLINICO ALL’AQUILA, CORSA CONTRO IL TEMPO

policlinico umberto IQuando si trasportano organi i minuti diventano preziosi e l’autostrada si trasforma in una “strada per la vita”. Questo lo sanno bene gli agenti della Polizia Stradale di Roma che questa mattina, a bordo della Lamborghini Huracàn, sono arrivati puntuali a destinazione: dal Policlinico Umberto I della capitale all’ospedale San Salvatore dell’Aquila, dove i medici erano ad attenderli, per ricevere un organo: una speranza di vita in più.

GALOPPATOIO VILLA BORGHESE, AL VAGLIO LA CONCESSIONE DELL’AREA

GALOPPATOIO DI VILLA BORGHESEAl vaglio la concessione dell’area del Galoppatoio di Villa Borghese. Si legge, infatti, in una nota del Campidoglio, che è stato effettuata un’ispezione congiunta al Galoppatoio di Villa Borghese da parte dei vigili e degli organi tecnici della Asl. In precedenza, domenica scorsa, un sopralluogo al Galoppatoio di Villa Borghese era stato effettuato personalmente dal commissario Tronca. Al centro delle verifiche nell’ambito delle attività di controllo del patrimonio immobiliare di Roma ci sarebbero – continua la nota del Comune – presunte irregolarità relative agli ambienti dove sono ricoverati i cavalli e quelli destinati alle attività sociali. Continue reading

QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO DI VIA FLAMINIA

LiburdiSì, no, forse. I consiglieri del Municipio II che stanno seguendo la vicenda del bocciofilo di via Flamina – dove al momento di bocce non c’è nemmeno l’ombra, ma in compenso si può sentire l’odore di bistecche alla griglia, oltre a usufruire di un parcheggio a pagamento – vanno alla ricerca di carte e certezze. L’ultimo episodio, di quella che è una vera e propria telenovela, riguarda la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) commerciale. E sull’argomento emergono delle anomalie. Le incognite del caso vengono a galla in commissione Trasparenza (presieduta da Andrea Liburdi). In sostanza, il 19 gennaio scorso risulta la presentazione della Scia alla direzione del Municipio. Iter, questo, sbagliato. Perché la nota può essere inoltrata solo per via telematica. Non a caso, Andrea Fusco (direttore del Municipio) il 18 febbraio sottolinea, per iscritto, che “si invita a presentare eventuale Scia con le modalità sopra riportate (quindi on line, ndr) pena la nullità della stessa”. Continue reading

UN LIBRO CHE SCAVA SUL CASO MORO: SE NE PARLA A VIA PAVIA

copertinaVenerdì 26 febbraio alla libreria “l’altracittà” di via Pavia, alle ore 18:30, presentazione del libro “Complici. Il patto segreto tra Dc E Br” che parla del caso Moro. Intervengono gli autori Stefania Limiti e Sandro Provvisionato (ingresso libero). L’inchiesta ricostruisce tasselli e scava dentro i fatti. Quelli acclarati e quelli nascosti. Li enumera e li analizza. E li inserisce ciascuno nel loro esatto contesto insieme ai protagonisti di quella stagione: il presidente Giulio Andreotti e il ministro Francesco Cossiga, suor Teresilla e don Mennini, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa e il suo braccio destro, il generale Nicolò Bozzo. E brigatisti, mafiosi, uomini della Xa Mas, del Sismi e di Gladio, poliziotti, carabinieri e massoni. Una ricostruzione che ci porta davanti a una verità destabilizzante.

CAOS A VILLA BORGHESE PER I TIFOSI TURCHI DEL GALATASARAY

© Daniele Stanisci ag. Toiati Tifosi del Galatasaray in centro corteo da Piazza del Popolo a Piazza delle Canestre

Durante i filtraggi delle forze dell’ordine prima della partita partita Lazio-Galatasaray, che sono stati «particolarmente rigidi e stringenti», fa sapere la Questura di Roma, sono stati rinvenuti in possesso dei tifosi numerosi petardi, fumogeni e torce illuminanti nonché una «finta carta di credito che si trasforma in coltello». Sono cinque i tifosi del villa borghese ieriGalatasaray a cui è stato notificato il Daspo. In precedenza i sostenitori della squadra turca hanno lanciato anche un petardo contro un autobus. Il fatto, rende noto l’Atac, è avvenuto alle 16.30 circa all’interno di Villa Borghese, dove un gruppo di tifosi turchi ha gettato un petardo a bordo di un bus della linea 61, che stava effettuando una fermata. L’esplosione, spiega l’Atac, ha danneggiato la vettura, costringendo l’azienda a metterla fuori servizio. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine e un’ambulanza del 118 per soccorrere l’autista del bus, che è stato accompagnato in ospedale per controlli. Le forze dell’ordine hanno disposto per alcune ore la chiusura, anche al trasporto pubblico, delle strade all’interno di Villa Borghese deviando le linee 61-89-160-490-495. Dopo qualche ora la circolazione dei bus è tornata normale. Fonte: il Messaggero

villa borghese

AUDITORIUM, SICILIA E SARDEGNA A CONFRONTO (MUSICALE)

UNAVANTALUNA ELENA LEDDAStasera all’Auditorium, ore 21, Teatro Studio Borgna, Unavantaluna e Elena Ledda in “Sònira e Sonos”, musiche isolane. Sicilia e Sardegna: due isole ma mai del tutto distanti.. Due terre le cui affinità e divergenze dipingono due universi culturali che proprio nelle loro differenze trovano dei sorprendenti punti di contatto nei quali è racchiuso il significato del progetto musicale “Sònira e Sonos”. Due tradizioni etnomusicali che si sono sviluppate, sono emerse e sono andate in quiescenza e che, rinate oggi, desiderano esprimere le corrispondenze possibili, nella  contaminazione reciproca e con i linguaggi mediterranei in cui sono immerse. Questa unione contemporanea e rivolta al futuro, viene presentata in esclusiva all’Auditorium Parco della Musica dai loro interpreti più significativi, per la prima volta insieme: Unavantaluna, con sicilianità musicale e furore interpretativo, raccontano storie d’oggi con strumenti antichi. Elena Ledda, la “voce sarda” più rappresentativa dell’attuale panorama musicale dell’isola dei Quattro Mori.

VILLA ADA: SIT-IN DAVANTI ALL’AMBASCIATA D’EGITTO

REGENIÈ passato un mese dal rapimento di Giulio Regeni, inghiottito nel nulla al Cairo la sera del 25 gennaio, l’anniversario della rivolta di Piazza Tahrir. Oggi, davanti all’ambasciata egiziana (via Salaria, ingresso villa Ada, ore 14.00) si è tenuto un sit-in organizzato da Antigone e da Coalizione italiana diritti civili a cui hanno aderito, tra gli altri, Amnesty Italia e l’Arci.