MAXXI: “IL CINEMA AI TEMPI DEL WEB”, FESTIVAL DAL 25 SETTEMBRE

roma-web-festival5Deve ancora partire, ma è già in pieno svolgimento. Paradosso di un festival che dal web nasce e del web si nutre, basta vedere la mole di condivisioni, «mi piace», commenti, tweet e visualizzazioni che conta sul suo sito il Roma web fest, dal 25 al 27 settembre al Maxxi. Tre giorni di programmazione, ma un anno di libere creazioni, che trovano nelle web series la loro realizzazione: fiction di almeno tre episodi da fruire sul web e «webnative». Un altro modo di intendere la fiction: libero da condizionamenti, fantasioso, vicino alla realtà. Basta vedere alcuni «prodotti» quest’anno in concorso, già godibili attraverso video-spot che testimoniano la maturità raggiunta dai registi, la maggior parte sui 30 anni. Continue reading

TRASPORTO PUBBLICO, CONFERMATO LO SCIOPERO DI VENERDÌ

Per la giornata di venerdì 7 agosto il sindacato Usb ha proclamato quattro ore di sciopero, dalle 8,30 alle 12,30. La protesta potrebbe interessare bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Viterbo e Termini-Centocelle. Sempre venerdì 7 agosto, poi, potrebbero registrarsi possibili disagi anche sulle linee di bus periferiche, gestite dalla società Roma Tpl, per lo sciopero di 4 ore, dalle 8,30 alle TIBURTINA, INAUGURATO NUOVO CAPOLINEA BUS DELLA STAZIONE - FOTO 312,30, indetto dai sindacati Cgil, Cisl e Uil. Inutile l’incontro che si è svolto ieri mattina, presso gli uffici della Prefettura, fra l’Usb e i vertici di Atac. Il sindacato prima ha accolto positivamente tale convocazione, giunta dopo anni in cui la Prefettura non convocava più parti sociali e aziende per tentare una conciliazione per la proclamazione dello sciopero. “Il rappresentante del prefetto, adducendo la particolare situazione vissuta dal settore dei trasporti a Roma, ha chiesto all’USB un gesto di responsabilità. Responsabilità che i rappresentanti dell’Usb hanno fin da subito mostrato, dichiarandosi disponibili anche a revocare lo sciopero indetto per il 7 agosto a fronte di altrettanto senso di responsabilità da parte Atac – si legge in una nota dell’Usb – In particolare in materia di sicurezza e nei termini dell’apertura di tavolo di confronto con la stessa Usb in merito al “Manuale dell’operatore di esercizio” consegnato da Atac ai lavoratori. Continue reading

MESSA IN SICUREZZA VILLA ADA, MA UN RAMO CADE SULLA SALARIA

VILLA ADAMentre ieri il ramo molto grosso di un albero è caduto su via Salaria all’altezza di villa Ada, rendendo necessaria la chiusura di un tratto della strada dalla polizia locale di Roma Capitale, riapre nel frattempo la “Finanziera”, un’area della villa messa in sicurezza, in cui i cittadini potranno passeggiare già da questi giorni. In autunno, come da progetto, partirà la piantumazione di nuove essenze per sostituire quelle abbattute. “Dopo i pini caduti lo scorso inverno e dopo un attento monitoraggio di oltre 300 piante – dice l’assessore comunale all’Ambiente, Estella Marino – abbiamo voluto prima di tutto ripristinare la sicurezza, rimuovendo 52 alberi e potandone 90, per la riduzione del rischio. Queste operazioni sono durate più del previsto perché hanno richiesto tecniche di lavoro particolari, necessarie alla salvaguardia del patrimonio archeologico sottostante, come prescritto dalla soprintendenza”. Continue reading

IL 118 E IL 113 DA NOVEMBRE VANNO IN PENSIONE

118Lo storico numero 118 per il pronto soccorso sta per scomparire. Stesso destino anche per il 113 e il 115. Dal primo novembre per chiamare un’ambulanza, vigili del fuoco, carabinieri e polizia basterà comporre il 112. Le telefonate saranno smistate da un centralino.  Lo ha deciso la riforma della pubblica amministrazione approvata ieri dal Senato.

ARIA CONDIZIONATA A MISURA D’UOMO. E LE DONNE?

aria-condizionata-Non tutti sudano. Qualcuno in questo momento si sta infilando guanti e maglione. Sono le donne che lavorano in ufficio, ma non controllano la manopola del condizionatore. I colleghi uomini, perfettamente a loro agio sotto la bocchetta dell’aria fredda, le considerano sabotatrici del benessere generale. Ma una formula matematica ora conferma che le donne hanno ottime ragioni per lamentarsi della “discriminazione del termostato”. L’equazione del “comfort termico”, in base alla quale l’intensità dell’aria condizionata viene calcolata in molti uffici, risale infatti agli Anni ’60 e prende in considerazione un individuo di sesso maschile, età di 40 anni e peso di 70 chili. Il metabolismo di una donna rispetto a questo standard è ridotto di una quota compresa tra il 20 e il 32 per cento. Il fossato che separa i due sessi può così arrivare a tre gradi, con l’optimum maschile fissato a 21 gradi e quello femminile a 24, indossando una maglietta a maniche corte.