VICENDA MADOFF PARIOLI, PROCESSO PER ALESSANDRA MONTI

Estorsione e lesioni personali aggravate. Per questi reati Alessandra Monti, attrice in varie fiction fra cui Incantesimo, sarà processata nell’ambito di una vicenda che si collega alla maxitruffa ai danni di vip e nomi noti della Roma bene messa in piedi da Gianfranco Lande. L’attrice assieme ad altre due persone avrebbe minacciato con botte e con una pistola Giampiero Castellacci De Villanova, storico collaboratore del «Madoff dei Parioli» e già condannato in appello per la truffa, per ottenere la restituzione di oltre 100 mila euro da lei investite nelle società riconducibili al broker. Continue reading

STRISCE PEDONALI DAVANTI ALLA SCUOLE, ECCO IL PIANO DI GERACE

In tema di sicurezza stradale arriva una buona notizia. Il II Municipio, dopo il voto favorevole del Consiglio Municipale, ha appena dato avvio al Programma Straordinario strisce pedonali in prossimità delle scuole: 380 metri quadrati di strisce realizzate in materiale termoplastico caratterizzato da un maggiore spessore quindi più durevole e visibile. Si partirà con un primo gruppo di dodici fra scuole e asili nido del quartiere Africano, Parioli e San Lorenzo fino a coprire, all’apertura del prossimo anno scolastico, la totalità degli istituti del Municipio. “Abbiamo individuato come obiettivo primario la segnalazione degli attraversamenti pedonali in prossimità delle scuole – dichiara Giuseppe Gerace, presidente del Municipio – iniziativa fondamentale per garantire la sicurezza ai bambini e ai ragazzi, e un primo passo per favorire la pedonalità nelle aree di particolare concentrazione di minori”.

“GLI AMICI CHE NON HO”, SE NE PARLA ALLA LIBRERIA KOOB

Martedì 14 aprile, h. 19, alla libreria Koob di via Poletti (accanto al Maxxi), presentazione de “Gli amici che non ho”, di Sebastiano Mondadori, Codice Edizioni, libro candidato al Premio Strega 2015. Ne parlano con l’autore Antonio Pascale e Annalena Benini. Quattro figli avuti da tre ex mogli, sei avvocati, decine di amanti tra cui la Vedova, l’Attricetta, la Zita e soprattutto l’Ebrea errata, quattromila euro e otto giorni di tempo per restituirli ai romeni impazienti a cui li ha chiesti in prestito. Inizia così la storia di Giuliano Sconforti, ultimo discendente di una grande famiglia borghese, incapace di stare lontano dai guai. La cronaca di questi otto giorni è un viaggio tra la Toscana, Roma e Milano a caccia di soldi; una via crucis di tradimenti, dove gli amici non sono più giovani, non sono più spensierati e non hanno più voglia di aiutarlo, chiusi nel bozzolo delle loro vite domestiche. E poi i ricordi del nonno, in piedi tutti i giorni alle quattro del mattino; il nonno che alle otto aveva già fatto visita alla prima delle sue amanti, e che decide di farsi seppellire in pigiama, perché lui, nato povero, sa bene come sia scomodo dormire vestiti.

QUELL’AUTISTA DI TRAM STUFO DEL SOLITO TRAN TRAN

Due donne in cabina. Non si tratta di un aereo della Ryanair come accaduto qualche giorno fa sul volo Dublino-Berlino, ma di un tram della romana Atac. Singolare la scelta dell’autista che l’altra sera, sul tram numero 3 alle 22.15 in viale Liegi, ha fatto entrare in cabina due donne misteriose. Una è poggiata sulla porta. L’altra invece, proprio a fianco dell’autista, tenta di nascondersi goffamente per non essere vista durante il passaggio in piazza Ungheria. Continue reading

SAN LORENZO, SERATA CON RAPINA: PRESI I DUE MALVIVENTI

Una birra e due risate a San Lorenzo tra amici. La passeggiata però è continuata con una rapina, la denuncia al commissariato e, infine, con l’arresto di due nordafricani. Quest’ultimi (J.A., 34enne marocchino e A.M., algerino di 28 anni, con precedenti per droga e reati contro la persona), insieme a un complice, avevano preso di mira il gruppo di amici. Li hanno avvicinati con una scusa, li hanno accerchiati facendo scattare la rapina. Una delle vittime è stata colpita violentemente al braccio per strappargli un bracciale d’oro dal polso mentre a un’altra hanno provato a rubare il cellulare dalla tasca del piumino. Continue reading

INVESTIMENTO MORTALE AL MURO TORTO, SI CERCANO TESTIMONI

«Una ragazza e forse il suo fidanzato su una Cinquecento bianca nuova di zecca potrebbero aver assistito all’incidente dove è morto mio figlio sul Muro Torto. Sarebbe bello se riuscissi a trovarli, credo che siano stati loro a dare l’allarme e a chiamare i soccorsi». Carlo Patrignani sta svolgendo un’indagine personale per ricostruire l’incidente nel quale, martedì 7 aprile, alle 13.40 circa, ha perso la vita il figlio Riccardo, 35 anni, specializzando anestesista all’Umberto I, tifosissimo della Roma, dove è deceduto in serata durante un disperato intervento chirurgico da parte dei suoi stessi colleghi. Un dramma, l’ennesimo sulla strade di Roma, che ha duramente provato i familiari e gli amici di Riccardo, che però si sono attivati per arrivare alla verità. Nel corso della settimana un gruppo di motociclisti romani ha tappezzato la zona del Muro Torto e di piazzale Flaminio di volantini per rintracciare chi abbia visto qualcosa. E poi l’appello al telefono è 335/6907441. Continue reading

IL M5S A PORTA PIA PER FAR BRECCIA SUL MINISTRO DELRIO

“Una nuova mobilità è possibile, anzi, necessaria e indifferibile. Progettare le nostre città per dare più spazio e più sicurezza ai ciclisti e ai pedoni, costruire una rete di percorsi extraurbani per la “mobilità dolce” è sempre stata una delle priorità del Movimento 5 Stelle”. E così l’M5s ha organizzato ieri una pedalata dal Circo Massimo a Porta Pia, sede del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Una manifestazione alla quale l’M5s ha invitato i cittadini e le associazioni che da anni sostengono la Nuova Mobilità. “Con una richiesta precisa: il cicloministro Delrio – dicono gli organizzatori – ha l’occasione di sbloccare quei soldi e di cambiare verso per davvero. Lo faccia ora”.

INCIDENTE DI PIAZZA ISTRIA: “CHI SA, PARLI”, DICE IL PADRE DELLA VITTIMA

“Quando mi hanno detto dell’incidente, non volevo crederci. Non poteva essere vero. Ho preso il telefonino e l’ho chiamato al cellulare”. Mauro Liberti, il papà di Luca, aspetta l’avvocato di famiglia nei corridoi della procura. Il volto è tirato, come quello di mamma Elena, funzionaria al ministero dell’Interno: “Non correva mai col motorino, era sempre attento. Non riesco a capacitarmi… come può essere successo?”. Sono trascorse soltanto poche ore dall’incidente che ha strappato loro il sorriso del 18enne d’oro che tutti a scuola chiamavano “cucciolotto”. Continue reading

METRO A, DA DOMANI CHIUSURA ANTICIPATA ALLE 21.30

Scatterà martedì la chiusura anticipata alle 21,30 della linea A della metropolitana di Roma per i lavori di rinnovo dell’infrastruttura ferroviaria. A confermarlo è l’Agenzia per la Mobilità spiegando che la limitazione resterà in vigore “circa tre mesi”. Dalla domenica al venerdì l’ultima corsa dei treni da Battistini e Anagnina sarà alle 21.30, poi il servizio della Metro A sarà sostituito da due linee di bus MA1 e MA2 che viaggeranno rispettivamente tra Battistini e Arco di Travertino e tra Flaminio e Anagnina, sovrapponendosi nella tratta più frequentata ovvero tra Flaminio e Arco di Travertino. Continue reading