PIAZZA VESCOVIO: MINACCIA LA EX CON UN FUCILE, ARRESTATO

Lei 18 anni, lui 50. Una relazione interrotta dalla giovane ma non accettata dall’uomo che ha per questo cominciato a perseguire la ragazza sino ad arrivare a minacciarla con un fucile. E’ accaduto poco distante da piazza Vescovio, nel Quartiere Africano. Per questo i carabinieri della stazione Roma San Giovanni hanno arrestato lo stalker, romano e già conosciuto alle forze dell’ordine, con le accuse di atti persecutori, detenzione abusiva di armi e detenzione di sostanze stupefacenti. Continue reading

HATHA YOGA E NON SOLO ALLA LIBRERIA “L’ALTRACITTÀ”

Alla libreria “l’altracittà”di via Pavia, martedì 16 settembre, ore 10.00-10.45 “Di libro in libro”, racconti di Corrado Alvaro letti ad alta voce (ingresso libero); ore 14.30-15.45, inizio corso di Hatha Yoga, con Anna Zilli (a pagamento, prenotazione obbligatoria); ore 17.00-18.00, presentazione percorso di Yoga per bambini, sempre con Anna Zilli (lezione di prova gratuita); ore 20.15-21.30, inizio corso di Hatha Yoga, con Anna Zilli (a pagamento, prenotazione obbligatoria).

MUSEO CANONICA, DUE PENSIERI SULLA SCULTURA A CONFRONTO

Dal 21 settembre al 30 ottobre 2014, al Museo Canonica di Villa Borghese, “Passages. Da Pietro Canonica a Roberto Paolini”. Le opere della collezione permanente del museo dialogano con le sculture del pensiero, gli studi sulla luce e parte del nucleo poverista del maestro Roberto Paolini. Frutto di una stringente ricerca comparativa, sostenuta dalle tesi filosofiche tessute da Jorge Luis Borges a Gilles Deleuze, l’esposizione vuole avvalorare la tesi dell’arte scultorea come passage in cui tempo, materia e forma finita si addensano intorno alle epoche che abitano, rappresentandole. Un confronto dialettico in cui Roberto Paolini e Pietro Canonica condividono l’idea della scultura come spirito sottile, élan vital, slancio vitale.

“PARTORIRE CON L’ARTE” AL MAXXI

Al Maxxi B.A.S.E. va in scena Partorire con l’arte, ovvero L’arte di partorire: un ciclo di incontri tra arte e scienza dedicato alle partorienti, ai nascituri, alle neo-mamme, alle coppie e a chiunque voglia approfondire i temi dell’origine e della maternità attraverso lo sguardo congiunto dell’arte e della scienza medica. Sculture, progetti di street art permanente, video e installazioni diventano un’occasione per riflessione sulla bellezza e sulla complessità della nascita, mentre i talk sulla storia e la pratica terapeutica aiutano a comprenderne meglio le dinamiche e ad affrontarne le problematiche. Continue reading

LA SAPIENZA, IL 23 SETTEMBRE SI VOTA IL NUOVO RETTORE

Perché tutto cambi e tutto resti come prima, l’antico patriarca s’è speso molto al telefono: «Ricorda, questi sono i miei due candidati». Dicono sia stanco e invecchiato Luigi Frati. Intristito da cattivi auspici. Venerdì è pure bruciata una sala operatoria del reparto Valdoni. Che è il cuore del suo Policlinico. Che a sua volta è il cuore della sua Sapienza. «Colpa della piastra elettrica di un’infermiera, qui manca tutto e il caffè lo fanno così», mormora un chirurgo bravo ma rompiscatole, dunque un po’ ammaccato durante il regno infinito del Magnifico. Continue reading

LIBRERIA KOOB, SI PARLA DI “NIDI DI RONDINE” DI KIM THÚY

Venerdì 19 settembre, alle 18.30, alla libreria Koob di via Poletti (accanto al Maxxi), presentazione di “Nidi di rondine” di Kim Thúy, ed. Nottetempo. Con l’autrice interviene Giuseppina Torregrossa. “Io e la mamma non ci somigliamo. Lei è piccola e io sono alta, lei ha la carnagione scura e io ho la pelle delle bambole francesi, lei ha una ferita nella gamba e io ho una ferita nel cuore”. Con la leggerezza e l’attenzione di una calligrafa, Kim Thúy costruisce il racconto delle tre vite di una donna come un incantevole dizionario di oggetti, stati d’animo, esperienze, ricordi. In un’ipnotica oscillazione temporale tra passato e presente, percorriamo l’infanzia di Mãn in Vietnam, con le sue meraviglie, le sue durezze e l’amore delle tre madri che, l’una dopo l’altra, l’hanno partorita, raccolta in un orto come una piantina e allevata; la storia della sua vita in Canada e del matrimonio con un ristoratore vietnamita, un rapporto liscio e piatto come uno “spazio fra due flutti”, in cui la passione per la cucina e la cura minuziosa delle ricette diventano una lingua alternativa per esprimere sentimenti sopiti e nostalgie.

MACRO: UN’ESPOSIZIONE DEDICATA AL RITRATTO

Il ritratto: un genere che ha accompagnato fin dall’inizio la storia della fotografia, ma anche uno strumento di analisi della società contemporanea. Dedicata al “Ritratto” si inaugurerà il 26 settembre la XII edizione del “Fotografia – Festival Internazionale di Roma”, diretto da Marco Delogu e ospitato negli spazi espositivi della Sala Enel del Macro fino al 13 dicembre. Il tema del ritratto verrà affrontato ricostruendone il percorso storici all’interno dell’arte contemporanea, della letteratura e del cinema. Continue reading