QUELLE FOTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI DI VILLA BORGHESE

Hanno scritto gli Amici di Villa Borghese: “Quella foglia umana sull’erba! Altro scandalo? Stavolta non siamo stati noi, o per lo meno non direttamente. Succede questo: Ben Sarao, fotografo di New York, premiato fra i 10 migliori fotografi editoriali al mondo, ha visto il nostro calendario degli Alberi monumentali, che ha fatto tanto clamore anche fuori d’Italia, e si è detto ispirato. Ci ha contattati, ha presentato il progetto all’Accademia Americana a Roma – fotografare gli alberi monumentali di Villa Borghese comprese modelle desnude – ha ottenuto il titolo di “resident artist” all’Accademia per portare a termine il suo progetto a Villa Borghese. Tutti si sono messi a sua disposizione, a cominciare dal Servizio Giardini. Continue reading

MACRO/BILOTTI/ZOOLOGIA/CANONICA/VILLA TORLONIA: WEEK END AL MUSEO

Per chi resta in città sarà possibile visitare le collezioni permanenti e le numerose ed eterogenee mostre in corso nei Musei Civici di Roma Capitale, aperti per tutto il week end secondo i consueti orari. A partire dai Musei Capitolini che ospitano “1564-2014 Michelangelo”. Incontrare un artista universale, mostra documentaria in occasione del 450° anniversario della morte del grande Maestro fiorentino. Proseguendo, non lontano, al Museo di Roma in Palazzo Braschi, Luoghi comuni. Vedutisti tedeschi a Roma tra il XVIII e il XIX secolo racconta quanto sia stata grande, tra Settecento e Ottocento, la passione per Roma degli artisti tedeschi, affascinati dalle sue antichità, dalla luminosità mediterranea della città, così come dalla sua campagna, dalla sua gente e dagli antichi borghi circostanti. Non solo, lo stesso Museo ospita anche “Who is on next? Made in Italy”. La nuova generazione della moda, una mostra esclusiva che ripercorre la storia e celebra i creativi che hanno preso parte al progetto di fashion scouting, organizzato da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia, che ha come obiettivo la ricerca e la promozione di giovani talenti creativi della moda Made in Italy. Continue reading

IL 16 AGOSTO DEL 1924 VENIVA RITROVATO IL CORPO DI MATTEOTTI

Il cadavere di Giacomo Matteotti, rapito e ucciso dalla polizia fascista nel giugno dello stesso anno, veniva ritrovato in un bosco a Riano il 16 agosto del 1924. Il 10 giugno, intorno alle ore 16.15, Matteotti era uscito di casa a piedi per dirigersi verso Montecitorio decidendo di percorrere il lungotevere Arnaldo da Brescia (per poi tagliare verso Montecitorio), piuttosto che incamminarsi lungo la via Flaminia per poi raggiungere il corso attraverso gli archi di Porta del Popolo. Qui, secondo le testimonianze dei due ragazzini presenti all’evento, era ferma un’auto con a bordo alcuni individui, poi in seguito identificati come i membri della polizia politica: Amerigo Dumini, Albino Volpi, Giuseppe Viola, Augusto Malacria e Amleto Poveromo. Due degli aggressori appena si accorsero del parlamentare socialista gli balzarono addosso. Ciò nonostante Matteotti riuscì a divincolarsi buttandone uno a terra e rendendo necessario l’intervento di un terzo che lo stordì colpendolo al volto con un pugno. Gli altri due intervennero per caricarlo in macchina. In seguito i due ragazzini identificarono anche la vettura, da altri testimoni descritta semplicemente come “un’automobile, nera, elegante, chiusa”, per una Lancia Kappa. I due ragazzini, avvicinatisi al veicolo, furono allontanati rudemente, poi la macchina ripartì ad alta velocità.

CICLABILE AD OSTACOLI DALLE PARTI DELLA MOSCHEA

“L’erba è alta ormai lo so e dovrei potare il melo…” canterebbero i Dik Dik. Ci troviamo in bici sulla ciclabile (sic!) che passa accanto a viale della Moschea ma, come si vede, qualcuno ha pensato bene di fare pulizia e ha potato, lasciando sul terreno rami e foglie ammucchiate, sperando forse che il vento provvidenziale di questi giorni faccia la sua parte, per lasciare finalmente libero il percorso ai prossimi ciclisti, visto che quello della foto ha dovuto necessariamente fare – suo malgrado – precipitosa marcia indietro. Foto: Ricci