CON ROMA2PASS ESCURSIONE AI VILLINI DEL MONTICELLO

Giovedì prossimo 5 giugno, alle 18, Roma2pass organizza un’escursione alla scoperta dei villini del Monticello, passeggiata urbana su via Barnaba Oriani tra costruzioni di inizio Novecento e antichi casali, trasformati in ville prestigiose. Potrete conoscere la storia dei luoghi e di alcuni personaggi che lì hanno vissuto. L’appuntamento è alla fine di via Antonio Bertoloni all’angolo con via Francesco Denza. La passeggiata termina dopo 90 minuti circa al punto di partenza. Come al solito la passeggiata è gratuita e riservata ai soci Amuse e ospiti ma è necessario prenotare. Chi volesse può iscriversi al momento. Ogni dettaglio su www.roma2pass.it

UNA MOSTRA MOLTO INTERESSANTE AL LICEO “GIULIO CESARE”

Il patrimonio librario in dotazione al liceo “Giulio Cesare” è, come noto, molto ricco, non solo per il gran numero di libri posseduti e che possono essere consultati e/o dati in prestito (circa 16.000 volumi), ma anche per la presenza di numerosi libri antichi, databili a partire dal Cinquecento e di un cospicuo fondo fascista (circa 400 testi e materiali di diverso genere tra cui circolari, quaderni, riviste…). Nel corso del precedente anno scolastico era stata avviata una prima fase di analisi ed esplorazione del materiale presente che si è sviluppata quest’anno in uno studio più sistematico e articolato del vasto patrimonio. Continue reading

IERI MIGLIAIA DI CICLISTI PER UNA CITTÀ VIVIBILE, A MISURA D’UOMO

di Alessandro Ricci

membro commissione decoro, ambiente e mobilità Municipio II

Altro che Giro d’Italia. Ciemmona è passata in corso d’Italia. E ieri sera traffico impazzito per questo evento ‘spettacolare’. Corso d’Italia, piazza Fiume e Muro Torto sono stati bloccati una volta tanto da migliaia di ciclisti che manifestavano contemporaneamente in tutto il mondo per il diritto alla sopravvivenza. E per fortuna cresce in modo evidente, anche nella nostra città, il numero delle persone che si spostano in bici quotidianamente. La manifestazione di ieri ha avuto un peso, nel suo essere oceanica. Con l’effetto di bloccare letteralmente il traffico e far capire con dolce ‘violenza’ che andare in bici è un diritto e che il vero intruso nella città è l’auto privata. La maggior parte degli automobilisti non l’ha presa bene, ma molti altri hanno invece capito che dieci minuti di ingorgo sono un piccolo prezzo che si può pagare per veicolare un messaggio verso una mobilità sostenibile. Non si vuole che tutti si debbano spostare in bici, ma si pretende che non si debba rischiare la vita per questo. Il nostro Municipio, si può dire, è all’avanguardia: infatti tra pochi mesi partiranno i lavori per l’agonata ciclabile della Nomentana che si snoderà da piazza Sempione per finire a Porta Pia, dove presto inizieranno i lavori per la riqualificazione dell’area e delle mura Aureliane fino a piazza Fiume. Questi giovani, e anche anziani come il sottoscritto, ci credono e pretendono una città ciclabile, vivibile e finalmente a misura d’uomo.

AMICI DI VILLA BORGHESE: NO ALLE NOZZE NEL PARCO

Gli Amici di Villa Borghese commentano la recente iniziativa del Campidoglio sui matrimoni in luoghi ‘eccellenti’ della città. “E ora anche le nozze civili ‘immersi nel verde a Villa Borghese’ – scrive l’associazione -. Pure al Colosseo: ‘un posto pregiatissimo che potrebbe ospitare pochi matrimoni ma elitari’, dixit Panecaldo, coordinatore della maggioranza in Campidoglio e primo firmatario del testo, senza timore del ridicolo. La delibera “Sposarsi a Roma” è stata votata a stragrande maggioranza. Per fortuna c’è il ministro Franceschini: ha dato l’altolà, definendo l’iniziativa kitsch e stravagante. Ma già si sa che il Campidoglio aggirerà il no, come aggira ogni altra competenza rilasciando autorizzazioni senza badare alle procedure.

TEATRO KEIROS, OMAGGIO ALLA FRANCIA CON IL DUO PAS DE DEUX

“Omaggio alla Francia”, il concerto di oggi (ore 18) al Teatro Keiros di via Padova, è un viaggio nella storia e nei luoghi della musica francese scritta o trascritta per il pianoforte a quattro mani. Sono stati selezionati cinque compositori francesi, le cui composizioni abbracciano il periodo compreso tra il 1893 e il 1920. Ciò al fine di offrire una vasta varietà di impressioni della musica francese durante la transizione dal XIX secolo al modernismo del XX secolo. Il concerto si aprirà con l’atmosfera esotica e sognante della Pavane pour une enfante defunte di Maurice Ravel. Seguirà una incursione negli ambienti vitali dei boulevards parigini di fine ‘800 con il Cortege Burlesque di Emmanuel Chabrier e – a conclusione della prima parte – una dolce evocazione del mondo infantile con la Dolly Suite di Gabriel Faurè. La seconda parte si aprirà con le suggestive sonorità impressioniste della Petite Suite di Claude Debussy e con quelle surreali di Erik Satie, di cui verranno eseguiti Trois morceaux en forme de poire, una mordace risposta ai critici che accusavano Satie di non rispettare alcuna struttura formale nelle proprie composizioni. Il programma si concluderà infine con La Valse di Ravel trascritto da Lucièn Garban. L’opera, come lo stesso autore scrisse, rappresenta una decostruzione della retorica formale del grande valzer viennese.