ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA, “CINEVAGANDO”, RASSEGNA DI FILM

“Cinevagando. In viaggio con il cinema nelle regioni del Giappone” è una rassegna cinematografica che si tiene all’Istituto Giapponese di Cultura, in via Gramsci, dall’11 febbraio al 13 marzo (ingresso libero). Un viaggio nell’arcipelago giapponese attraverso le immagini e l’atmosfera che ne caratterizza le varie regioni, con lo sguardo rivolto alle bellezze naturali e all’ambiente. Da Hokkaido a Okinawa, passando per la capitale, toccando l’area metropolitana di Osaka, la splendida natura delle isole Awaji e Yakushima, e altre località che fanno da sfondo alle varie storie narrate. Una rassegna ‘on the road’ che include 12 lungometraggi in versione originale, tutti con sottotitoli in italiano tranne Haru tono tabi/Haru’s Journey, sottotitolato in inglese.

TAMPONAMENTO IERI TRA DUE TRAM A VIALE REGINA MARGHERITA

Ieri sera, dopo la mezzanotte, due tram si sono tamponati in viale Regina Margherita, all’altezza del civico 157. Uno degli autisti è rimasto ferito gravemente ed è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Policlinico Umberto I. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale per gli accertamenti e il 118. Nessun ferito grave tra i passeggeri, solo qualcuno dei viaggiatori ha riportato contusioni a causa dell’impatto.

E AL TEATRO TORLONIA APRONO QUATTRO RESIDENZE TEATRALI

Sono quattro le associazioni vincitrici dell’avviso pubblico per l’apertura di residenze teatrali nel Teatro Torlonia, entrato, nel mese di dicembre, a far parte della rete Casa dei Teatri e della Drammaturgia Contemporanea. Ciascuna con un proprio progetto, ogni associazione riceverà un supporto economico dall’amministrazione pari a 10.000 euro. Con il termine residenza si intende un luogo nel quale uno o più artisti svolgono attività diversificate, ma strettamente connesse tra loro, che comprendono la produzione, la formazione del pubblico, la ricerca, la formazione delle nuove generazioni di artisti, in una logica di sinergia con il territorio ospitante. Continue reading

TEATRO KEIROS: “POLYCHROMIE”, CONCERTO FOLK A 4 VOCI FEMMINILI

“Polychromie” è il concerto di martedì 11 febbraio, alle 21, al Teatro Keiros di via Padova. Sul palco, un quartetto di voci femminili, con chitarra e percussioni, che nasce da un’idea di Irene Spotorno su una rivisitazione armonica di brani musicali del folklore romano, con adattamenti da lei creati appositamente per questa formazione. L’esperimento vuole ricreare ambientazioni sonore attraversando stili diversi e nello stesso tempo simili nell’interpretazione senza però snaturare nell’autenticità il sapore originale delle versioni già conosciute. Questo perché l’intenzione primaria del progetto è quella di mettere in luce un repertorio folkloristico di estrema bellezza e rilevanza storica che purtroppo a differenza di quello napoletano, più popolare e diffuso da tempi antichi ad oggi, rischia di diventare quasi sconosciuto alle nuove generazioni.

VIA MIGIURTINIA: OPERA D’ARTE O PAESAGGIO URBANO?

Magari è come il foro disegnato sul muro, opera d’arte del riminese Eron, installata al “Mar”, il Museo dell’arte di Ravenna. Uno zelante operaio, incaricato di sistemare le sale dell’esposizione, scambiando il foro per un buco vero, si è armato di buona volontà e l’ha stuccato. Così a via Migiurtinia, nel quartiere Africano. Magari quell’avanzo di bicicletta e l’ombrello rotto sono in realtà un’opera d’arte e noi non lo sappiamo o non lo capiamo. Oppure è solo quotidiano paesaggio urbano dei nostri quartieri. Chissà!? Foto: Ricci

OGGI È LA “GIORNATA DEL RICORDO DELLE VITTIME DELLE FOIBE”

di Andrea Cortese

Il 10 febbraio ricorre la decima “Giornata del ricordo delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata” istituita con la legge 30 marzo 2004 n.92; la toponomastica del II Municipio (piazza Fiume, via Dalmazia, via Capodistria, piazza Istria, viale Pola, via Spalato, via Zara, via Parenzo) ricorda molte delle città e territori attribuiti all’Italia dopo la I Guerra Mondiale ed abitati prevalentemente da italiani che, alla fine della II Guerra Mondiale dopo la firma del Trattato di Parigi il 10/2/1947, furono assegnati alla Jugoslavia dando vita all’esodo di centinaia di migliaia di italiani verso l’Italia ed altri paesi del mondo. Continue reading

GIARDINI DELLA GALLERIA BORGHESE: È QUI LO SCEMPIO?

Sarebbe possibile assediare il Louvre con enormi gazebo in plastica stile villaggio Valtur o, per restare dentro i confini nazionali, appiccicare sulle mura degli Uffizi pesanti tubi d’acciaio per reggere pedane e pensiline? Ebbene, tutto quello che altrove verrebbe considerato un oltraggio, pura follia devastatrice, è accaduto la settimana scorsa in uno dei musei più belli e preziosi di Roma: la Galleria Borghese. Continue reading