LIPU: COME ISCRIVERSI AI CORSI DI BIRDWATCHING INVERNALE

Ancora per qualche giorno è possibile aderire al programma di escursioni di birdwatching (osservazione degli uccelli) invernale, in collaborazione con Roberto Gildi, esperto birdwatcher e guida Aigae. Sono previste 5 escursioni tra novembre e febbraio. Le uscite saranno finalizzate all’identificazione degli uccelli svernanti nel centro Italia, con adeguati approfondimenti teorici sul campo per arrivare a riconoscere status, rarità e distribuzione delle specie osservate. Le date delle escursioni saranno: 17 novembre 2013. Parco naz. del Circeo, Laghi retrodunali , 1 dicembre , Oasi wwf Laguna di Orbetello , 22 dicembre, Litorale romano, riserva nat. di Torre Flavia e Maccarese, 25 gennaio 2014, Monte Velino, tra Rosciolo e Magliano dei marsi , 23 Febbraio, Saline di Tarquinia. Il costo dell’intero pacchetto di escursioni è di 60 euro. E’ richiesta l’iscrizione alla Lipu. Sarà possibile iscriversi entro il 15 novembre 2013. Continue reading

FORUM AUSTRIACO, PERCORSI CULTURALI IN MUSICA

Il 6 novembre, alle ore 19.30, presentazione del Carnet Forum Austriaco dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, nella sede di viale Bruno Buozzi 113 (ingresso libero fino a esaurimento posti). Con l’apertura della nuova stagione 2013-2014 l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e il Forum Austriaco di Cultura Roma rinnovano anche quest’anno uno speciale percorso culturale che permetterà di conoscere più da vicino, e dal vivo, la grande musica austriaca attraverso noti compositori e interpreti. La presentazione del carnet sarà coordinata dalla direttrice della comunicazione dell’Accademia, Giovanna Maniezzo. L’evento sarà arricchito da un intervento della musicologa e pianista Gaia Vazzoler (nella foto), che intratterrà gli ospiti con un’esibizione al pianoforte.

ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA, IN MOSTRA LE STAMPE DELL’UKIYO-E

Interessante mostra, dal 4 novembre al 14 dicembre, nella sede dell’Istituto Giapponese di Cultura, in via Gramsci, riguardante la tradizione xilografica nipponica: qualcosa di unico nel panorama dell’arte mondiale. La corrente artistica di gran lunga più importante della xilografia giapponese ed estremo-orientale, comunemente conosciuta con il nome di ukiyo-e, presenta due caratteristiche apparentemente contraddittorie: una produzione di massa, con tirature anche di migliaia di copie, e un livello qualitativo tale da porre queste stampe ai vertici della grafica di ogni tempo e di ogni paese. La tecnica della xilografia era stata introdotta dalla Cina nel secolo VIII, ma è solo all’inizio del secolo XVII che la xilografia in Giappone diventa un’arte vera e propria, grazie soprattutto all’avvenuta pacificazione del Giappone dopo decenni di guerre civili, al conseguente rifiorire delle attività economiche e alla nascita di una classe media di mercanti e piccoli imprenditori. La produzione di libri stampati (e in seguito di stampe singole) passa così nelle mani di imprese con finalità schiettamente commerciali: c’è ora un vasto pubblico i cui gusti vanno serviti e assecondati. Nella prima metà del XVII secolo l’editoria si concentra nella regione del Kamigata (la zona di Kyoto e Osaka), ma nella seconda metà del secolo il primato editoriale passa definitivamente a Edo (l’attuale Tokyo), la città nuova, vitale, spregiudicata. Le stampe della collezione della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (ex Fondo Contini) esposte in questa mostra appartengono al XIX secolo. Il percorso è diviso in cinque sezioni, di cui la prima offre una scelta di stampe del Kamigata; la seconda e la terza sono dedicate rispettivamente a Utagawa Kunisada e a Utagawa Kuniyoshi, due tra i massimi autori dell’ukiyo-e ottocentesco; la quarta sezione presenta opere di altri due importanti autori attivi intorno alla metà del secolo; la quinta infine è dedicata alle rare stampe per bambini, qui presentate per la prima volta a Roma. La giornata inaugurale prevede la visita guidata alla mostra (dalle 17.30, su prenotazione), a cura del prof. Giovanni Peternolli, Presidente Csaeo di Bologna, seguita (18.30) da conferenza introduttiva in cui lo stesso prof. Peternolli, affiancato dagli altri due curatori della mostra, gli studiosi Alessandro Guidi e Manuela Moscatiello, parleranno delle varie caratteristiche dello stile ukiyo-e in Osaka, dei maestri Kunisada e Kuniyoshi, e ci guideranno alla scoperta dell’assoluta novità dei kodomo-e, le stampe destinate all’infanzia, rarissime anche perché destinate all’utilizzo ludico.

TEATRO ITALIA: “L’ATTORI FORZATI” CON TIROCCHI E PANICONI

Al Teatro “Italia” di via Bari, fino al 12 novembre, “L’attori forzati. Più che un’arte una condanna”, di Alessandro Tirocchi e Maurizio Paniconi. Alessandro e Maurizio hanno 15 giorni per preparare il loro debutto a teatro con un nuovo spettacolo. Il testo non c’è, sale l’ansia e la voglia di scappare. A complicare le cose la pressione del loro agente cinese Shin Tao, che non intende rimandare l’impegno preso e pretende la messa in scena. Per i due non c’è via di uscita: tra sketch, dialoghi, prove work in progress e la sempre più netta sensazione di non farcela, i due saranno costretti ai “l’attori forzati”. Nella piece, Tirocchi e Paniconi partono da una situazione surreale per fornire una metafora umoristica del mondo del lavoro al giorno d’oggi, in cui spesso sono la necessità e le emergenze a dettare i tempi. Tra un testo da scrivere, gag da provare e paure da affrontare, i protagonisti dovranno lottare contro il tempo. “L’Attori Forzati” è uno spettacolo in cui i protagonisti spaziano in vari generi: parodia, gags, sketch in senso stretto, intrattenimento, comicità di situazione, paradossale e demenziale.

IL MITO DI EUROPA PER “LEZIONI DI STORIA” ALL’AUDITORIUM

All’Auditorium, domani, Andrea Giardina parla de “Il Mito”, ossia l’Europa tra Oriente e Occidente, un evento di Lezioni di Storia. «Europa» nasce con uno dei miti più belli raccontati dai Greci. Zeus, sotto le sembianze di un bianco toro, rapì su una spiaggia della Fenicia una bella fanciulla, la portò tra le onde fino all’isola di Creta, e qui la amò. Dall’antichità a oggi questo mito non ha mai smesso di attrarre gli artisti e i poeti. I suoi messaggi sono molti, ma su tutti prevale la drammatica storia del rapporto tra Oriente e Occidente. Europa, infatti, non esiste senza Asia. Domenica 03/11/2013, Sala Sinopoli, ore 11.

LA SAPIENZA: SCIOPERO DELLA FAME CONTRO IL CARO-TASSE

Soltanto acqua da lunedì per sostenere lo sciopero della fame contro «le multe ingiuste imposte dalla Sapienza per Soltanto acqua da lunedì per sostenere lo sciopero della fame contro «le multe ingiuste imposte dalla Sapienza per errori nel pagamento delle tasse universitarie». Ci sono cartelloni e sacchi a pelo nel piccolo accampamento organizzato all’entrata del rettorato da una ventina di studenti che lo scorso anno si sono visti recapitare multe che vanno dai 2.000 ai 4.300 euro «per un mancato pagamento di 40 euro». Serpeggia anche il timore di trovarsi senza più la laurea. Ad essere colpiti dalle sanzioni definite «ingiuste» 1.400 studenti: apparterrebbero tutti alle fasce più deboli, quelli con un reddito Isee che va dai novemila ai dodicimila euro. Continue reading

NON PIÙ “IMMOBILI” LE RENDITE CATASTALI

Maxi-aumento da 123 milioni di euro per le rendite catastali nelle aree di pregio di Roma. L’Agenzia delle Entrate ha adeguato la classificazione di 175.000 immobili di 17 micro zone: dal centro storico ai Parioli, da Trastevere alle Ville dell’Appia. Tra gli effetti c’è la scomparsa degli immobili accatastati come «ultrapopolari» (A/5). Nel Municipio II queste le aree interessate: Flaminio 2, Parioli, Salario Trieste. «Una delle conseguenze più evidenti – spiega l’Agenzia delle Entrate – è la sostanziale scomparsa di alcune vecchie categorie non più attuali, come ad esempio quella ultrapopolare (A/5), e la forte riduzione delle abitazioni di tipo popolare (A/4) ed economico (A/3), che erano ancora presenti in diverse zone del Centro». Continue reading

IERI POMERIGGIO IL PAPA AL VERANO

Ad accogliere il Papa, ieri al Verano, il cardinale vicario di Roma Agostino Vallini, il sindaco di Roma Ignazio Marino, giunto come da consuetudine in bicicletta, e il presidente del Municipio, Giuseppe Gerace. “La speranza è come un lievito che fa allargare l’anima” sottolinea il Santo Padre nell’omelia pronunciata a braccio, mettendo da parte il testo scritto preparato in precedenza. “Con la speranza l’anima va avanti, in ogni momento della nostra vita. La speranza ci purifica, ci alleggerisce, ci fa andare più in fretta”.Poi, con animo poetico, Bergoglio osserva: “In questo tramonto, ognuno di noi può pensare al tramonto della sua vita. Lo guardiamo con speranza di essere ricevuti dal Signore? – chiede ai fedeli – questo è il tramonto del cristiano, un tramonto che ci dà pace. Pensiamo allora al tramonto dei tanti fratelli e sorelle che ci hanno preceduti e al nostro tramonto, perché tutti avremo un tramonto, chiedendoci dove è ancorato il nostro cuore”.