ARRIVA IL BUS NOTTURNO N2 (STESSO PERCORSO DI METRO B1)

Da domani, 1 novembre, è previsto un nuovo percorso per il bus notturno N2 che seguirà, in superficie, il tracciato della linea B1 della metropolitana. “La tratta sarà riconfigurata e divisa in tre collegamenti – spiega l’Agenzia per la mobilità – Servirà gli utenti lungo il percorso delle linee metro B e B1″. La linea N2, dunque, collegherà la stazione Laurentina alla stazione Rebibbia, mentre la linea N2P viaggerà nella parte di percorso tra le stazione di Rebibbia, San Basilio, Torraccia e Casal Monastero, oggi servite da alcune corse prolungate. Contemporaneamente nascerà la nuova linea N2L, per collegare la stazione Termini a piazza Conca d’Oro, lungo il percorso: piazza indipendenza-viale Castro Pretorio, viale del Policlinico-via Giovan Battista Morgagni, piazza Lecce-via Catanzaro, piazza Bologna-viale XXI Aprile, piazza Annibaliano (stazione Sant’Agnese/Annibaliano B1)-viale Eritrea, viale Libia (stazione Libia B1)-ponte delle Valli e stazione Conca d’Oro. Le tre linee saranno attive dalla domenica al giovedì dalle 23.30 alle 5.30. E nelle notti tra il venerdì e il sabato e tra il sabato e la domenica dall’1.30 circa alle 5.30.

MA GLI ANIMALISTI CONTESTANO LO ZOO E LA VITA IN CATTIVITÀ

Installazione-shock di attivisti animalisti travestiti da cacciatori e prede davanti al Bioparco di Roma. Nella ricorrenza di Halloween – con tanto di maschere e zucche – alcuni esponenti degli Animalisti Italiani hanno voluto rappresentare la sofferenza degli animali che finiscono negli zoo: dalla cattura all’agonia della prigionia fino alla morte. L’iniziativa è stata presa per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle morti degli animali “in cattività” e sulle sofferenze che patiscono in gabbia: “Negli ultimi quindici giorni – sottolineano gli animalisti – al Bioparco di Roma sono morti un’antilope, uno scimpanzé e un’elefantessa: è ora di dire basta, chiudere tutti gli zoo e liberare gli animali”. Tra gli slogan scanditi dai manifestanti: “Chi cattura un animale è un vero criminale”, “Prigionia è agonia” e “Nello zoo comunale muore sempre un animale”.

ANCHE GLI ANIMALI DEL BIOPARCO FESTEGGIANO HALLOWEEN

In occasione di Halloween il Bioparco ha inserito la zucca nel consueto programma di “arricchimento ambientale” rivolto agli animali. Per i felini è stata preparata una zucca ripiena di pezzetti di carne, i primati hanno trovato all’interno della zucca frutta mista di stagione, mentre per gli orsi il ripieno è a base di miele, frutta e semi di girasole. L’arricchimento ambientale è una tecnica comunemente utilizzata negli zoo di tutto il mondo che, grazie all’offerta di stimoli di varia natura, incentiva il manifestarsi dei comportamenti naturali e aumenta il livello di attività degli animali e fa aguzzare l’ingegno.

FORUM AUSTRIACO: CONVEGNO SU “RIPENSARE L’ORIENTALISMO”

Due giornate di studio, a cura del Forum Austriaco di Cultura. L’8 novembre, ore 10-17, all’Università degli Studi Roma Tre, in via Ostiense 159; il 9 novembre, ore 10-13, al Forum Austriaco di Cultura, in viale Bruno Buozzi 113. Il tema del convegno internazionale è “Ripensare l’orientalismo”, il libro di Edward Said e tre decenni della sua influenza. Interverranno: Giuliano Amato, Giancarlo Bosetti, Massimo Campanini, Ian Chambers, Francesca Corrao, Emanuela Fornari, Mohamed Haddad, Hassan Hanafi, Giacomo Marramao, Adnane Mokrani, Ahmed Moussalli e le studiose austriache Tyma Kraitt e Karin Kneissl. Continue reading

DOMENICA AL GIANICOLO CON I “BASSOTTI DI VILLA ADA”

I “Bassotti di Villa Ada” organizzano per domenica 4 novembre – meteo pemettendo – una vera e propria invasione di bassotti al Gianicolo, sotto al monumento di Garibaldi, luogo simbolo della città. Per questo, hanno già pubblicato su Facebook i dettagli dell’evento, che partirà nella mattinata, dalle 11. 30, con l’augurio di essere in tantissimi: bassi, bipedi e amici.

MELANDRI AL MAXXI. RICCI, IDV: IL MUNICIPIO SI ESPRIMA

Il capogruppo dell’Idv al Consiglio del Municipio II, Alessandro Ricci, ha presentato, oggi, una mozione urgente sulla vicenda della nomina di Giovanna Melandri come presidente della fondazione Maxxi. Dopo aver premesso che l’impianto museale esce da un periodo di commissariamento dovuto a disavanzi di bilancio e mancati conferimenti di sovvenzioni da parte della Regione Lazio e che le scelte culturali, e quindi espositive, hanno riguardato ben poco il XXI secolo, rivolgendosi piuttosto a situazioni culturali ed artistiche del secolo precedente, il consigliere Ricci dichiara che la Fondazione avrebbe bisogno di una gestione rivolta sia al management, che all’indirizzo culturale dell’impianto museale. Ed invita il Consiglio del Municipio II ad esprimere perplessità per la scelta operata dal ministro Ornaghi, impegnando il presidente del Municipio stesso ad attivarsi presso le autorità competenti, affinché rendano partecipe il Municipio dei criteri che hanno informato tale nomina. Ma anche, in buona sostanza, affinché tale scelta venga riconsiderata alla luce delle reali esigenze di una proficua gestione di un’istituzione nella quale sono state profuse una gran quantità di risorse economiche e culturali.