ISABELLA RAGONESE AL MAXXI CON “SPIAGGE”

EstateAlMAXXI_22Luglio_IsabellaRagonese photo Dirk VogelL’Italia ha migliaia di chilometri di costa e sul mare si affacciano le vite di moltissimi italiani. Le nostre spiagge raccontano la quotidianità, il pensiero e le azioni di un popolo, vizi e virtù di una società e non a caso la scrittura ha spesso collocato in riva al mare spaccati di esistenze e pagine celebri. Spiagge, di e con Isabella Ragonese, al Maxxi in prima nazionale, mercoledì 22 luglio alle 21, è un viaggio emozionante guidato dalle parole sapienti e dalle visioni di alcuni fra i maggiori esponenti della letteratura, del cinema e del teatro del nostro paese, che attraverso le loro suggestioni ci hanno restituito un complesso ritratto della cangiante società dell’Italia contemporanea (ingresso 10 €). Con testi tratti da Pier Paolo Pasolini (La lunga strada di sabbia), Italo Calvino (L’avventura di una bagnante); Goffredo Parise (Mistero),  Elsa Morante (L’Isola di Arturo),  Chiara Valerio (Spiaggia libera tutti) e Vittorio Tondelli (Un weekend postmoderno).

ESTATE AL MAXXI, INCONTRO CON IL TEOLOGO PAOLO BENANTI

paolo_benanti_estate_al_maxxiPer la rassegna Estate al Maxxi. Libri, nella piazza del Maxxi (ingresso libero fino a esaurimento posti) stasera, ore 21, Paolo Benanti: un incontro per discutere della condizione dell’uomo “dopo” il Sars-Cov-2. A partire dai libri di Paolo Benanti, Digital Age. Teoria del cambio d’epoca. Persona, famiglia e società (Edizioni San Paolo) e Se l’uomo non basta. Speranze e timori nell’uso della tecnologia contro il Covid-19 (Castelvecchi), si articola l’incontro estivo di Libri al Maxxi. In bilico tra una fase di benessere, pace e serenità post-bellica, post-patologica o post-povertà e un’altra in cui il post- collassa nel significato di “dis-“, creando un contesto dis-umano che nega ogni forma di valore condiviso e di comunione sociale. Continue reading

CASINA DI RAFFAELLO, CENTRO ESTIVO FINO ALL’11 SETTEMBRE

CASINA RAFFAELLOSarà aperto per tutta l’estate il centro estivo per bambini dai 5 ai 12 anni inaugurato lo scorso 17 giugno a Casina di Raffaello, lo spazio arte e creatività dell’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale, gestito in collaborazione con Zètema Progetto Cultura. Fino all’11 settembre il centro IMG-20200710-WA0013estivo accoglierà i bambini dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 12.30, con prenotazione obbligatoria al contact center 060608 fino ad esaurimento dei posti disponibili. Il costo giornaliero è di € 7 a bambino. Sarà chiuso nelle giornate di sabato e domenica e dal 14 al 17 agosto. Di recente sono stati anche restaurati gli splendidi giochi di legno Richter Spielgeräte presenti nello spazio esterno. I bambini possono ora nuovamente giocarci e divertirsi con tutta la loro immaginazione e fantasia.

ONLINE SI DISCUTE DI ELEZIONI, SCELTE E STRATEGIE

locandinaDomani dalle ore 17:30 alle 19:30 evento online https://www.facebook.com/carteinregola.it organizzato da Eutropian e Carteinregola. Come si costruisce il consenso in campagna elettorale: candidati, storie, territori, social. Come si decide per chi votare? Si sceglie il partito, il programma o la persona? Cosa si sa dei candidati e come lo si viene a sapere? Si vota per o si vota contro? Come si organizza una campagna elettorale? Quanto pesano i media tradizionali, i social, le affissioni? I partiti scelgono il candidato che porta competenze o che porta voti?

AUDITORIUM, NERI MARCORÈ INTERPRETA FRANCESCO GUCCINI

MARCORÈ e I MUSICI alla CAVEAStasera, in prima assoluta, unico evento alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, una nuova produzione de I Concerti nel Parco in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma, “Parole che non trovo” omaggio a Francesco Guccini per i suoi ottant’anni con i I Musici di Francesco MARCORE'Guccini e la partecipazione di Neri Marcoré. Una produzione fortemente voluta da Teresa Azzaro, direttore artistico del Festival, grande fan di Guccini, come omaggio semplice e sentito ad uno dei più grandi artisti del nostro tempo, un personaggio che ha lasciato un segno reale, una traccia tangibile nella vita di generazioni diverse di italiani. Continue reading

GLOBE THEATRE, PROIETTI ANNUNCIA LA RIAPERTURA DAL 29 LUGLIO

gigi proietti-2-10“Questo di spalle con le braccia spalancate sono io e questo è il Silvano Toti Globe Theatre di Roma”. La voce inconfondibile di Gigi Proietti annuncia la riapertura ufficiale del teatro shakespeariano di Villa Borghese. In un video condiviso sui social, è proprio il maestro Proietti, direttore artistico del teatro, ad accompagnare virtualmente i romani ai loro posti in platea, passando dall’ingresso artisti, fino al suggestivo ed emozionante palcoscenico. “Viva il teatro dove tutto è finto, ma niente c’è de farso e questo è vero – narra Proietti nel video – così dice er poeta. E chi è er poeta? Io, quello con le braccia spalancate”, continua mostrando a tutti un teatro ancora vuoto. La stagione del Silvano Toti Globe Theatre, dopo un lungo periodo di chiusura forzata e un impegnativo periodo di lavoro, tra manutenzione e adeguamento a tutte le disposizioni anti-Covid, è pronto per una nuova stagione di arte, cultura e magia. Gli spettacoli riprenderanno ufficialmente il 29 luglio. Fonte: Romatoday

STEFANO BOLLANI, STASERA, ALLA CAVEA DELL’AUDITORIUM

bollaniNel cinquantesimo anniversario dell’album originale, la versione inedita di Stefano Bollani del capolavoro di Lloyd Webber e Rice “#JesusChristSuperstar” arriva all’Auditorium Parco della Musica e in un’estate diversa da tutte le altre. “Piano Variations on Jesus Christ Superstar” è una versione totalmente inedita e interamente strumentale per pianoforte solo, ma che custodisce come un tesoro l’originale. Appuntamento in Cavea, stasera alle 21.

STASERA “MAGNITUDO EMILIA” NELLA PIAZZA DEL MAXXI

Magnitudo EmiliaStasera, alle ore 21, nella Piazza del Maxxi, Spazio Yap (ingresso libero), “Magnitudo Emilia”, regia di Lucia Pantano, testi di Annalisa Vandelli, movimenti di scena e coreografie di Daniela Reggianini, musiche di Alessandra Fogliani, attori: Luca Ferrari, Laura Giallombardo e Daniela Reggianini. Una pièce struggente e ironica, un viaggio dalla caduta dei simboli all’entusiasmo per la vita che riacquista valore. A due anni dal dramma che, nella notte tra il 19 e 20 maggio, colpì 33 Comuni dell’Emilia Romagna, uno spettacolo teatrale che riflette sull’esperienza del terremoto in un modo diverso.

INGRESSO GRATUITO AL MACRO DI VIA NIZZA FINO AL 2022

macro1La risata del grande artista Gino De Dominicis, incalzante, ansiogena, ripetitiva fino quasi al fastidio, diffusa dagli altoparlanti, dà il benvenuto al pubblico del Macro di via Nizza che riapre dopo mesi di restyling e lockdown. Una fase importante, a lungo attesa, per questo speciale spazio museale dedicato al contemporaneo. Pareti rimosse, muri divisori smontati, quello che colpisce macro2ora è lo spazio, l’estro architettonico di ballatoi vertiginosi che ora “volano” sopra le sale (prima chiusi e inaccessibili), di gallerie “infinite”, di corridoi e scale che sembrano svilupparsi a gemmazione continua. Ora davvero sembra tornare protagonista l’architettura concepita dall’archistar Odile Decq, e che da oggi viene reinterpretata con il nuovo progetto espositivo “Editoriale. Museo macro3per l’Immaginazione Preventiva” firmato dal giovane direttore Luca Lo Pinto. Un Macro-sforzo per riaprire. Un gioco di parole che sintetizza l’impresa di Lo Pinto e del suo staff per rianimare il museo comunale (Lo Pinto è subentrato alla direzione di Giorgio De Finis). Il nuovo percorso, articolato in 53 opere di 33 artisti, vuole coinvolgere tutti gli spazi museali, l’ala nuova e le strutture più macro4“antiche” legate all’ex edificio della Birreria Peroni. Installazioni, sculture gonfiabili, video proiezioni, fotografia, pittura, i linguaggi sono diversificati. «L’emergenza ci ha imposto di ripensare e testare la struttura – racconta Luca Lo Pinto – Ed è stata una sfida partire dopo mesi di quarantena e emergenza Covid, portando avanti la scelta insolita di aprire d’estate. Ma macro5l’abbiamo fatto perché pensiamo che le persone abbiano voglia e bisogno di rivedere questi spazi, ed è giusto che questi spazi si offrano al pubblico, soprattutto in modo gratuito. La nuova mostra vuole essere un’introduzione al museo come “rivista vivente”: non è una mostra tematica, e si dipana in tutti gli spazi, anche quelli non adibiti solitamente a mostre. Anzi, è l’occasione per macro7riscoprire questo spazio architettonico complesso, un corpo con due teste. Non ci sono solo opere d’arte, ma anche documenti e archivi fotografici. Come quello di Marcello Salustri su Roma o l’archivio storico della Birreria Peroni. Il Macro vuole essere una scatola fisica e concettuale, con il racconto di figure macro8storiche e affermate, accanto a creativi che hanno portato avanti anche ricerche eccentriche». Luca Bergamo, vicesindaco e assessore alla Crescita culturale, ha annunciato che il Macro sarà ad ingresso gratuito fino alla fine del 2022: «Aprire a luglio e gratis è un modo per far vivere il museo alla città, un regalo ai romani”, ribadisce Lo Pinto. La mostra durerà fino al 27 settembre. Poi, da metà MACRO9ottobre partiranno altri progetti espositivi che introducono al 3 dicembre quando aprirà il museo “impaginato». Le opere della collezione permanente restano il nodo cruciale del Macro. In consegna alla Sovrintendenza, la collezione storica resta chiusa nei depositi del Macro. Turcato, Dorazio Accardi, Ceroli, Pizzi Cannella, Scialoja…nulla si può vedere. Il direttore Lo Pinto ha MACRO 10in serbo un progetto alternativo: ha invitato la fotografa Giovanna Silva a fotografare i depositi e farne immagini d’autore da condividere con gigantografie che rivestono ora lunghe gallerie. Dal 3 dicembre incorniceranno la mostra “RetroFuturo”: un palinsesto di giovani artisti. Perché: «Il Macro vuole essere un museo Italia delle generazioni più giovani», conclude Lo Pinto. Fonte: il Messaggero

PIAZZA DEL MAXXI: “L’ABISSO CON DAVIDE ENIA”

abisso_estate_al_maxxi-1024x576Stasera, alle 21, per la rassegna “Estate al Maxxi. Teatro” L’abisso con Davide Enia, nella piazza del Maxxi (€ 10). Uno spettacolo tratto dal libro di Davide Enia Appunti per un Naufragio (Sellerio editore) che utilizza i linguaggi propri del teatro per affrontare il mosaico di questo tempo presente. Come raccontare il presente nel momento della crisi? Questa domanda nasconde continue insidie. In assoluto, il continuo rischio di spettacolarizzare la tragedia. Il lavoro è indirizzato, quindi, verso la ricerca di una asciuttezza continua, in cui parole, gesti, note, ritmi, cunto devono risultare essenziali, irrinunciabili, necessari alla costruzione del movimento interno. Questo ha determinato il carattere performativo del lavoro in scena, in cui si riproietta se stessi nel preciso stato emotivo che ha generato  tutto, immergendosi dentro quell’esatta condizione del sentimento, in un loop che si ripete replica dopo replica, in un ritorno continuo che non ha esito se non il suo essere rivissuto, parola dopo parola, gesto dopo gesto, suono dopo suono, trauma dopo trauma, cunto dopo cunto.

MACRO, ESTATE CON TANTI ARTISTI IN MOSTRA

MACROAl Macro da oggi e fino al 27 settembre si terrà la mostra “Museo per l’Immaginazione Preventiva”. Parteciperanno tanti artisti, di cui molti con opere inedite: Xavier Aballí, Andreas Angelidakis, Archivio Storico Birra Peroni, Archivio Marcello Salustri, Pierre Bismuth, Henry Bond, Corita Kent, Gino De Dominicis, Trisha Donnelly, Melvin Edwards, Morgan Fisher, Philipp Fleischmann, Liam Gillick/Henry Bond, Marcia Hafif, i ready made appartengono a tutti ®, Ann Veronica Janssens, Lory D, Marcello Maloberti, Cecilia Mangini, Franco Mazzucchelli, Luigi Nono, Gastone Novelli, Joanna Piotrowska, Emilio Prini, Puppies Puppies, Sarah Rapson, Roberto Rossellini, Seth Siegelaub, Giovanna Silva, Lewis Stein, Nora Turato, Ufficio per la Immaginazione Preventiva, Vipra, Luca Vitone, Nicole Wermers, Eduardo Williams & Mariano Blatt.