VIALE CASTRO PRETORIO: BNCR, CONVEGNO SU DANTE ALIGHIERI

danteA conclusione delle manifestazioni previste nell’ambito del VII centenario dantesco, la Biblioteca nazionale centrale di Roma in viale Castro Pretorio ospita oggi la prima giornata del Convegno Dante e Roma. Il convegno, che proseguirà venerdì 3 dicembre presso l’Istituto Nazionale di Studi Romani , sarà dedicato ad approfondire gli aspetti relativi sia alla Roma di Dante sia agli echi danteschi a Roma, focalizzando l’attenzione su tematiche quali Roma nell’età di Dante e l’ambasciata di Dante a Roma nel 1300; Bonifacio VIII e gli altri papi condannati da Dante; Il Grande Giubileo: Roma centro del mondo; Luoghi simbolici di Roma: il Monte, il Ponte; I due Soli: il Papato e l’Impero; Il rapporto conflittuale con la Chiesa: Roma come Babilonia o Nuova Gerusalemme, ed altro. Il Convegno si chiuderà col confronto-recital tra la Divina Commedia e il “Commedione” del Belli.

AUDITORIUM, IL FESTIVAL DELLE SCIENZE DAL 22 AL 28 NOVEMBRE

XVI edizione del Festival delle ScienzeDal 22 al 28 novembre torna all’Auditorium Parco della Musica la XVI edizione del Festival delle Scienze di Roma, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con diversi partner scientifici e culturali. Il tema di quest’anno è “Sfide” e sarà dedicato alla relazione tra società ed economia, alla salute, alla medicina, allo studio dell’Universo e alle scienze della vita. Il programma è articolato in sette aree tematiche: Pianeta, Società e economia, Salute e medicina,  Universo e Spazio, Tecnologia e innovazione, Cervello e pensiero, Snodi della Scienza. In programma oltre 200 eventi, in presenza e in streaming, che vedranno la partecipazione di scienziati di fama internazionale, giornalisti e intellettuali. Tra questi la storica della scienza Naomi Oreskes, in dialogo con l’astrofisica e chief Diversity Officer dell’Esa Ersilia Vaudo e il filosofo della scienza Telmo Pievani, il giovane attivista Potito Ruggiero con il giornalista Federico Taddia e la divulgatrice scientifica Elisa Palazzi, l’archeologa Rebecca Wragg Sykes con l’antropologo Giorgio Manzi, l’esperta di cyber security e fondatrice della rete Women Leading in AI Ivana Bartoletti, le lectio magistralis della cosmologa Chanda Prescod-Weinstein, dell’astrofisico Mario Livio, della fisica Chiara Marletto; il dialogo tra il premio Nobel per la Fisica 2021 Giorgio Parisi, il presidente dell’Infn Antonio Zoccoli e il fisico teorico Luciano Maiani, condotto dal giornalista Edoardo Camurri. Biglietti online su https://www.ticketone.it – Info: www.festivaldellescienzeroma.it

AUDITORIUM: IL FESTIVAL DELLE SCIENZE DAL 22 AL 28 NOVEMBRE

Festival delle ScienzeLa sedicesima edizione del Festival delle Scienze di Roma si terrà dal 22 al 28 novembre all’Auditorium e sarà dedicata al ruolo della scienza di fronte alle sfide globali. Una riflessione focalizzata in particolare a comprendere come possiamo indirizzare il futuro di noi stessi, della Terra e delle specie che vi convivono, alla luce anche degli eventi dello scorso anno, che ci hanno costretto a misurarci con i nostri limiti e con le conseguenze delle nostre azioni. Come di consueto, diverse saranno le aree tematiche sulle quali si concentreranno gli incontri (Pianeta. Il mondo che cambia, Società e economia, Salute e medicina, Universo e spazio, Tecnologia e innovazione, Cervello e pensiero, Snodi della scienza), in una modalità ibrida in cui a eventi in presenza si affiancheranno appuntamenti in remoto che sarà possibile seguire in streaming sul sito del Festival e tramite i suoi canali social.

CASTRO PRETORIO: LA BIBLIOTECA NAZIONALE CELEBRA DANTE

biblioteca nazionale 2BIBLIOTECA NAZIONALEPresso la  Biblioteca nazionale centrale di viale Castro Pretorio, tra il 21 e il 23 settembre, si celebra Dante Alighieri. Nell’autunno dell’anno dantesco – mentre si conclude lo straordinario triennio delle celebrazioni di Leonardo, Raffaello e Dante – il convegno intende portare una riflessione a carattere generale sulla congiunzione-intersezione delle orbite dei tre infiniti protagonisti che impersonano l’assoluta centralità della cultura italiana: di una Italia la cui coscienza emerge la prima volta, come si sa, attraverso la poesia di Dante e che poi si afferma in Europa come Nazione dell’Arte attraverso la lezione di Leonardo e Raffaello.

FESTIVAL “ARTESCIENZA” TRA AUDITORIUM E GOETHE-INSTITUT

Immagine guida con date__logo ER 2021_1200x627Riprende la 29esima edizione di Artescienza, Festival di arte scienza e cultura contemporanea che, dopo gli appuntamenti estivi, proseguirà presso il Goethe-Institut di Roma dal 17 al 30 settembre e presso l’Auditorium Parco della Musica con un appuntamento finale il 22 Codici-a-Trattinovembre. ArteScienza 2021 – “Forme Traslate” approfondisce il tema del rapporto tra “movimento” e “stasi”, tra “realtà” e “virtualità”, della necessità di tornare al reale – inteso come interdipendenza, come interconnessione reale e tangibile (Baumann) – e del concetto di spiritualità come livello più elevato di ogni linea evolutiva tramite approfondimenti teorici, Incontri e Colloqui con personalità della cultura 17-30_sett_CODICI_A_TRATTI_part4@PACcontemporanea. In questo contesto, tra gli appuntamenti più importanti, ricordiamo che venerdì 17 settembre alle ore 19:30 verrà inaugurata l’opera scultoreo-musicale Codici a tratti ver. 1, del compositore Michelangelo Lupone e della scultrice Licia Galizia, un lavoro adattivo che permetterà al pubblico di Codici-a-Tratti_part5_fotoPAC (1)interagire modulando il proprio andamento musicale. In apertura un dialogo con la violista Carlotta Libonati nella performance interattiva Vivo e virtuale in forma di dialogo farà sì che l’opera metta in relazione la musica strumentale con quella virtuale. Giovedì 23 settembre alle ore 17, presso l’Auditorium del Goethe-Institut, si terrà il Colloquio Arte e Spiritualità. Maria Giovanna Musso, docente di “Sociologia del Mutamento, dell’Arte e della Creatività” alla Sapienza di Roma, dialogherà con Enzo Bianchi, fondatore della comunità monastica di Bose, sul tema della “spiritualità” come livello più elevato di ogni linea evolutiva e dell’”arte” come motore per il progresso umano.

FEFÈ DI VIA GRAMSCI: LA BORSA DI STUDIO AMÍLCAR CABRAL

LOGO_NCC_webLa quinta edizione della Borsa di Studio Amílcar Cabral ha una vincitrice cui verrà conferito, in una sola rata, il 12 settembre 2021, il premio di 500 €. È Elisabetta Araujo Gomes – giovane di origine capoverdiana, nata e residente in Roma – iscritta al corso di laurea in Ostetricia alla Sapienza Università di Roma. La Borsa di Studio Amílcar Cabral – ideata da Ncc-Ccn (Network cultural cabo-verdiano • Cape verdean cultural network) con il supporto tecnico di Fefè Editore di via Gramsci – viene conferita ogni anno a giovani di origine capoverdiana e di origine della Guinea Bissau, residenti in Italia, che abbiano dimostrato eccellenza durante gli anni del liceo e desiderio di proseguire gli studi superiori o che già frequentino l’università. Info: cabralagronomo@gmail.com La somma raccolta per questa edizione si deve: ai contributi di amici e sostenitori, che ringraziamo calorosamente; alla somma derivante dalle vendite del libro Rosa Negra/venti poesie per cambiare il mondo di Amílcar Cabral (Fefè Editore); alle donazioni di alcuni membri di Ncc-Ccn. Amici e sostenitori che desiderino aiutare la Borsa di Studio Amílcar Cabral (la sesta edizione, del prossimo anno) possono farlo inviando il loro contributo a: – Iban IT46 S076 0103 2000 0008 4992 858 – conto intestato a: Fefè Editore snc – causale: Borsa Cabral/6a edizione.

NINFEO DEL MUSEO DI VALLE GIULIA: TREVI VINCE IL PREMIO STREGA

Emanuele Trevi è il vincitore della LXXV edizione del Premio Strega con 187 voti per ‘Due vite’ (Neri Pozza), rispettando così le previsioni della vigilia che lo davano come favorito. Al secondo posto Donatella Di Pietrantonio con ‘Borgo Sud’ (Einaudi), 135 voti, e al terzo Edith Bruck con ‘Il pane perduto’ (La nave di Teseo), 123 voti. Al quarto posto Giulia Caminito con ‘L’acqua del lago non è mai dolce’ (Bompiani), 78 voti, e al quinto Andrea Bajani con ‘Il libro delle case’ (Feltrinelli), 66 voti. Il premio è stato consegnato da Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento, storico sponsor del liquore abbinato al riconoscimento fondato da Maria e Goffredo Bellonci. La proclamazione del vincitore della 75esima edizione è avvenuta questa notte nel giardino del Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Valle Giulia a Roma, con la cerimonia trasmessa in diretta su Rai 3 e condotta da Geppi Cucciari. Rispettando le prescrizioni in materia di distanziamento fisico, la manifestazione non si è potuta svolgere alla presenza dell’ampio pubblico consueto: erano presenti 120 persone in base ai protocolli Covid.

VILLA GIULIA: PREMIO STREGA, L’8 LUGLIO SI PROCLAMA IL VINCITORE

PREMIO STREGA 2021Tre donne e due uomini si contenderanno il Premio Strega 2021: Trevi, Di Pietrantonio, Bruck, Bajani e Caminito. Sono loro i cinque nomi in finale il cui vincitore verrà proclamato l’8 luglio 2021 con la classica conta dei voti al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. I giurati dovranno decidere tra: Due Vite (Neri Pozza), di Emanuele Trevi che ha registrato 256 voti; Il pane perduto (La Nave di Teseo) di Edith Bruck che ha ottenuto 221 voti, tallonata dall’altra favoritissima della vigilia, Donatella Di Pietrantonio con Borgo Sud (Einaudi) che raccoglie 220 voti. Seguono Giulia Caminito con L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani) e Andrea Bajani con Il libro delle case (Feltrinelli).