“SALVIAMO GLI ALBERI A TIBURTINA”, DICONO I RESIDENTI

TIBURTINA ALBERIUna petizione per salvare gli alberi del progetto di riqualificazione presentato dal Comune. È questa l’iniziativa presentata dai comitati di quartiere e dalle associazioni dei residenti nella zona della stazione Tiburtina. La richiesta è semplice: «Fermare lo sterminio degli alberi che dovrà essere avviato a termine dell’abbattimento della sopraelevata della Tangenziale est» e si dicono «pronti a incatenarci se serve». La raccolta firme è stata avviata online dal Comitato cittadini stazione Tiburtina, dall’Associazione rinascita Tiburtina e da Cittadinanzattiva Nomentano. Continue reading

E ALLA FINE SI DECISE LO STOP AI DIESEL PER OGGI IN FASCIA VERDE

SMOGVisto il persistere a Roma degli elevati livelli di inquinamento” nell’aria, è stata disposta per la giornata di domani (ndr, oggi), martedì 14 gennaio, la limitazione alla circolazione veicolare privata della cosiddetta “Fascia Verde” (qui i confini dell’area): previsto lo stop dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 16.30 alle fascia-verde-320.30 delle auto diesel da “Euro 3″ fino a “Euro 6″. “Decisione presa con incredibile ritardo, il Campidoglio ferma i diesel solo dopo il decimo giorno di aria avvelenata”, dichiara in una nota Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio. “Ancora ieri diverse centraline hanno segnato sforamenti dei limiti consentiti (limite massimo per le Pm10 di 50 ug/m3 – 50 microgrammi per metro cubo di aria) – prosegue – Il record negativo nella centralina su via Tiburtina con 10 giorni su 12 oltre i limiti e picco registrato alla centralina Preneste con ben 140 ug/m3 lo scorso 1 gennaio”. Continue reading

CORSO TRIESTE: UN GROSSO RAMO CADE SULLE STRISCE PEDONALI

corso triesteUn altro crollo a corso Trieste. È successo dopo le 17 vicino al civico 62, all’altezza di via Corsica e della storica pizzeria Agostino, quando un grosso ramo si è spezzato cadendo esattamente sulle strisce pedonali. Nel crollo è rimasta coinvolta un’auto, una Opel Mokka, condotta da una 51enne, rimasta lievemente ferita nel crollo dell’albero e trasportata al Policlinico Umberto I. Sul posto, vigili urbani per gestire il traffico, che è interrotto in direzione di piazza Istria, e i vigili del fuoco per la rimozione dell’arbusto. Deviate le linee bus 38, 80, 88 e 89 in entrambe le direzioni. Continue reading

QUELLE MURA DIVENTATE FAVELAS PER SBANDATI E CLOCHARD

Le Mura aureliane hanno difeso la capitale dell’Impero dall’avanzata dei barbari, ma Roma le ha dimenticate, lasciandole in balia di degrado e accampamenti abusivi. Basta costeggiarle a piedi per rendersene conto. In alcuni casi la vegetazione è così fitta da oscurarle. Le cinta murarie sono spesso minate dalle piante infestanti o imbrigliate da eterne recinzioni. Bottiglie di birra e siringhe, invece, raccontano delle notti brave, quelle mura-aureliane-fotoche si consumano quando il monumento si popola di clochard e sbandati. Lungo i quasi tredici chilometri di Mura che cingono il centro della città, tutto parla la lingua dell’abbandono. “Ogni tanto c’è qualche intervento spot, ma dopo poco – spiega Paolo Peroso, dell’associazione Amici di Porta Pia – la situazione ritorna come prima”. “Si lavora sempre sull’emergenza – accusa – e non nel quotidiano”. Continue reading

PARIOLI, STORIE DA MARCIAPIEDE

Gli automobilisti e i motociclisti, ormai si sa, devono stare attenti alle buche e ai mille ostacoli che le strade della Capitale offrono loro. Ma chi invece va a piedi può stare sereno o anche la vita del pedone è a rischio in una città sempre più in emergenza? Il Corriere della Sera lancia una campagna per verificare lo stato dei marciapiedi nei quartieri di PARIOLI MARCIAPIEDIRoma. Prima tappa: i Parioli. E la risposta di Enzo, 93 anni vissuti nel quartiere, non sembra lasciare spazio a interpretazioni: «Fanno schifo, non c’è altro da aggiungere». In effetti il signor Enzo, a passeggio con la sua badante in via Tommaso Salvini, è costretto allo slalom, ogni venti metri incontra una recinzione arancione, che di fatto complica il passaggio. Al civico 23 una voragine e alcuni mattoni ammassati impediscono persino l’uscita delle auto da un cortile. «Questo era un posto splendido, ma oggi è diventato impossibile anche solo camminare. Quando si rompe una cosa, nessuno se ne preoccupa e resta così per mesi. Per quanto tempo dovremo sopportare questo degrado?», si domanda sconsolato mentre torna verso casa. Continue reading

SAN LORENZO: E LE SARDINE VANNO ALL’EX CINEMA PALAZZO

sardine cinema palazzoDopo l’assemblea nazionale nel palazzo occupato di Spin Time Labs, a dicembre, ecco che le sardine tornano nel “recinto” di un’altra realtà abusiva romana, quella del Cinema Palazzo. Recinto ideale e sostanziale, visto che, ieri mattina, un furgone con tanto di gazebo era stato piazzato nell’area sequestrata dagli occupanti, in piazza dei Sanniti, a San Lorenzo. L’iniziativa si inseriva nell’ambito di un tour delle sardine nelle periferie: da Testaccio a Centocelle, fino a Tor Bella Monaca, passando per San Lorenzo. Continue reading

PIAZZA GALENO: VOLONTARI PER INNAFFIARE IL CEDRO DEL LIBANO

PIAZZA GALENOGarantire che il giovane cedro del Libano, piantato il 7 dicembre a piazza Galeno, venga innaffiato regolarmente. È la missione degli attivisti di Retake Trieste-Africano, che si stanno organizzando per portare l’acqua – 5 litri ogni due giorni – alla pianta. Per le prossime due settimane, infatti, nel quartiere non è prevista pioggia. E così i cittadini pensano alla sopravvivenza della preziosa conifera donata da un benefattore anonimo del quartiere. È alta 2,70 metri e compone, insieme ai tre storici cedri della piazza, un magnifico quadrilatero. Il quarto storico albero era infatti crollato il 4 febbraio di circa dieci anni fa e il Servizio Giardini non lo aveva mai sostituito con uno nuovo. Stanco di aspettare una risposta, il misterioso residente si era rivolto a Retake, che gli aveva dato una mano richiedendo l’autorizzazione formale per la piantumazione del fusto. Nel primo anno la pianta avrà bisogno di essere bagnata con regolarità e, allora, gli attivisti per il decoro del quartiere si sono mossi. Perché la qualità della vita passa anche dalla cura del verde. Fonte: Roma H24

E A VILLA BORGHESE UN PIANO PER SALVARE I PLATANI SEICENTESCHI

VILLA BORGHESEUn piano per salvaguardare gli antichi platani seicenteschi di Villa Borghese. Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro sul campo, cui hanno partecipato rappresentanti dell’Assessorato all’Ambiente e del Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale, esperti botanici e arboristi e i rappresentanti dell’associazione Amici di Villa Borghese. Obiettivo: un confronto tra le parti prima di dare il via libera al progetto che porterà alla conservazione e alla salvaguardia degli 11 platani orientali, piantati nel XVII secolo dal Cardinal Borghese. Continue reading

UNA NUOVA PIETRA D’INCIAMPO A VIA REGGIO EMILIA

Pietre_inciampo_famiglia_Di_ConsiglioA via Reggio Emilia 47 sarà installata il 13 gennaio prossimo, alle 15:30, un sampietrino dorato dedicato alla memoria delle vittime della Shoah.  La pietra, creata dall’artista Gunter Demning, sarà dedicata a Umberto Spizzichino, nato nel 1918, che fu arrestato il 24 gennaio 1944 e deportato nel campo di concentramento di Auschwitz, dove morì il 28 agosto dello stesso anno. Si tratta di una nuova pietra d’inciampo, che si va ad aggiungere alle due posate lo scorso anno al civico 7 di piazza Ledro per ricordare Luigi Pierantoni e a via Panama 48 per ricordare Eugenio Elia Chimichi. In totale nel II Municipio saranno sei le pietre installate: dopo quella per Spizzichino, il 14 gennaio toccherà a via Gianturco 5, via Flaminia 16 e via Flaminia 395. Fonte: Roma H24

GIARDINI DI VILLA MASSIMO, CAMBIAMENTI IN VISTA

GIARDINI VILLA MASSIMOI giardini di Villa Massimo riaperti al pubblico non avranno più nulla a che fare con il vecchio concessionario che dovrà anche lasciare il punto di ristoro, la “Casina dei pini”. Si chiude così con una sentenza del  Consiglio di Stato la storia ventennale di un contenzioso che ha segnato la storia di questo spazio verde della città e che ha visto in campo il II Municipio e i cittadini del Comitato per la difesa della Pineta di Villa Massimo. La V sezione del  tribunale ha respinto l’impugnazione, da parte dell’ex gestore,  della delibera comunale con la quale era stato disposto l’annullamento d’ufficio degli atti di approvazione del progetto per la sistemazione del punto verde per l’Infanzia “Viale di Villa Massimo” e la concessione del 2001 con la quale l’amministrazione capitolina aveva affidato alla societa la conduzione del ristorante e ad altro operatore quella delle aree destinate a giochi per l’infanzia, poi acquisite dal gestore del chiosco bar. Continue reading

CORSO D’ITALIA, SOLO RIFIUTI DOVE VIVEVA NEREO

CORSO D'ITALIAEsattamente un anno fa: era infatti l’alba del 7 gennaio dello scorso anno quando un’auto pirata investì nel buio pesto di Corso d’Italia e uccise Nereo. Lui era Nereo Gino Murari, veronese 73enne, ma per tutto il quartiere era «il clochard gentile». Mai una parola o uno sguardo fuori posto, solo un sorriso per chi portava un cappuccino caldo e soprattutto un libro, per lui, o qualche croccantino per la sua meticcia nera, Lilla. E se mai qualcuno avesse dubitato della pulizia e dell’ordine in cui un senza tetto può vivere, è perché non aveva mai visto la sua capanna: fatta di teloni verdi e con una struttura di legno, ben nascosta nella fitta vegetazione a ridosso delle Mura Aureliane che sovrastano il Muro Torto. Nereo, che martedì è stato ricordato in una cerimonia organizzata dalla comunità di Sant’Egidio e celebrata nella Basilica di Santa Teresa d’Avila, non avrebbe certo permesso che quell’angolo di terra e erba all’incrocio con via Po, che ospitava la sua «casa», si trasformasse nello spazio indecoroso che è oggi. Continue reading

NUOVA INCHIESTA SUGLI OCCUPANTI DELL’EX CINEMA PALAZZO

C’è una nuova inchiesta sugli abusivi che, da quasi 9 anni, occupano la struttura del Cinema Palazzo, a San Lorenzo, e che, stavolta, finiscono nel mirino della Procura per l’allaccio abusivo alla rete dell’energia elettrica e la violazione di sigilli. E questa non è l’unica grana per il gruppo di illegali che, dall’aprile del 2011, ha preso possesso dei due piani, per circa mille metri quadrati, in piazza dei Sanniti. La proprietà, infatti, ha ex cinema Palazzo a San Lorenzodenunciato ai vigili e segnalato alla stessa Prefettura, il “sequestro” delle strisce blu posizionate di fronte all’entrata del cinema e apparentemente “tollerato” dai vigili e dal Municipio stesso (che non hanno mai rimosso le fioriere usate per delimitare l’area di sosta). Gli occupanti hanno anche rimosso la segnaletica relativa ad un posto per i disabili, che è stato, di fatto, “inglobato” nella zona “rossa” del Cinema. La stessa che, nei mesi estivi, viene trasformata in uno spazio per convegni, grigliate e per gli incontri ai quali hanno preso parte ex leader delle Brigate Rosse, come Barbara Balzerani, ed esponenti di spicco dei movimenti di lotta per la casa. Continue reading

L’AMBASCIATA ISLAMICA E VILLA TAVERNA OBIETTIVI SENSIBILI

villa tavernaNon c’è un allarme specifico, questo il questore Carmine Esposito lo specifica. Ma è bene non abbassare la guardia, dopo il doppio attacco americano che ha decapitato in Iraq i vertici militari di Teheran con annessa crisi internazionale e ripercussioni pesanti sul già fragile equilibrio dell’area del Medioriente. Così da via di San Vitale è arrivata un’ordinanza, indirizzata ai responsabili di tutti gli uffici della polizia sul territorio, emanata per intensificare le misure di sicurezza in città. Obiettivi sensibili americani e iraniani, senza differenza tra gli uni e gli altri, sono i primi osservati speciali. Delegazioni e uffici di rappresentanza, abitazioni private di personalità dei due Paesi, ma anche catene di negozi AMBASCIATA ISLAMICAamericane, università e scuole internazionali. Dall’ambasciata della Repubblica islamica in via Nomentana 361, dove già quotidianamente si trovano due posti fissi di militari dell’Esercito a presidiare gli ingressi, alla sede diplomatica di Teheran presso la Santa Sede nel quartiere Salario, insieme con l’Istituto culturale iraniano, a Trionfale, e con un’altra associazione sulla via Cassia. Poi c’è l’ambasciata americana di via Veneto e la residenza dell’ambasciatore Usa a Villa Taverna, e ancora gli uffici culturali e le catene commerciali americane, le scuole internazionali. Controlli rafforzati dunque, insieme a Carabinieri, Guardia di Finanza e i militari dell’Esercito impiegati per l’operazione Strade Sicure, che si aggiungono alle misure già attive e ancora in corso per il periodo natalizio. Continue reading

GRANDE FREDDO: STAZIONE TIBURTINA PRESIDIO D’ACCOGLIENZA

STAZIONE TIBURTINAUna nuova ondata di gelo sta per investire il centro e il sud della Penisola e a Roma le temperature saranno in netto calo già dalle prossime orem con minime addirittura sotto lo zero. Giornate difficili soprattutto per le fragilità che vivono in strada. È per tutelare la loro incolumità che il reparto operativo della protezione civile ha attivato presidi per fronteggiare l’emergenza freddo. In vista della nuova ondata di gelo che colpirà la città nelle prossime ore, sono stati allestiti presidi operativi per salvaguardare la salute di senzatetto e fornire riparo per la notte. Continue reading

CORREVA L’ANNO: ZOO DI ROMA, DATA DI NASCITA 5 GENNAIO 1911

Il 5 gennaio 1911 viene inaugurato il Bioparco (Giardino zoologico) concepito, come  zoo, nel 1908 da un’organizzazione il cui scopo era quello di destinare una zona della città come esibizione di specie animali esotiche a scopo educativo. Lo zoo aveva una superficie di circa 12 ettari e fu costruito nella parte settentrionale di Villa Borghese. I lavori iniziarono il 10 maggio 1909 per terminare nell’ottobre del 1910 con una spesa di  lire bioparco-zoo1.477.147.90. Il 2 novembre, arrivava a Roma il treno che portava da Amburgo il primo gruppo di animali destinato a popolare i vari ambienti preparati per loro. Lo zoo fu inaugurato tra grandi festeggiamenti il 5 gennaio del 1911. Primo direttore della struttura fu lo zoologo tedesco Knottnerus-Meyer. Per la prima volta nel 1994 fu presentata l’idea di trasformare lo zoo in un bioparco, cioè in una struttura che conserva una risorsa naturale, che sia un lembo di territorio o un gruppo di animali a rischio di estinzione, ed effettua ricerche scientifiche con maggiore rispetto dei diritti degli animali e spesso svolgendo anche delle attività di educazione ambientale. Fonte: il Messaggero

MAXXI: IN MOSTRA OPERE DI LOUIS KAHN FINO AL 2 GIUGNO

maxxi kahnkahn 1“Un muro viene costruito nella speranza che, in un particolare momento, la luce gli doni un attimo quasi irripetibile”. La luce è elemento fondante delle architetture di Louis Kahn. Al tempo stesso lo è l’ombra: “Qualunque cosa fatta di luce kahn 2kahn 3proietta un’ombra. La nostra opera è d’ombra, appartiene alla luce”. Nessuna meraviglia, dunque, se a rivelare compiutamente la dialettica fra luce e ombra sia la fotografia, che su quella dialettica costruisce gran parte del kahn 4kahn 5proprio linguaggio. Al Maxxi c’è una mostra che raccoglie le fotografie di molte delle architetture del maestro americano (1901- 1974) realizzate dall’italiano Roberto Schezen (1950- 2002). Le immagini servirono per illustrare kahn 7 kahnla monografia che lo storico inglese Joseph Rykwert dedicò a Kahn nel 2001. E fanno parte di un fondo donato all’archivio del Maxxi da Mirella Petteni Haggiag. La mostra, curata da Simona Antonacci ed Elena Tinacci, dovrebbe dare l’avvio a una serie di iniziative su Louis Kahn, auspica Margherita Guccione, direttrice del dipartimento architettura del museo. Schezen, anche lui architetto, ha dedicato molta attenzione alle opere di Kahn. Le sue foto scrutano la dimensione solitaria e silenziosa degli edifici di Kahn (“Architettura, silenzio e luce”, è il titolo della mostra, che resterà aperta fino al 2 giugno al Centro archivi del Maxxi), ne rivelano l’eloquenza della forma, la potenza dei materiali. Continue reading

SI ROMPE TUBATURA, ALLAGATA VIA GUIDUBALDO DEL MONTE

Via Guidobaldo MonteParioli allagati. A causa della rottura di una tubatura, via Guidubaldo del Monte è chiusa al traffico. Il guasto improvviso nella tarda mattinata di oggi giovedì 2 gennaio quando l’arteria che congiunge viale Maresciallo Pilsudski e piazza Euclide è stata completamente sommersa dall’acqua.  Un fiume in piena che sta causando rallentamenti al traffico e disagi anche per chi proviene da corso Francia, viale Tiziano e via di San Valentino. A causa della rottura della conduttura e del conseguente allagamento della strada, via Guidubaldo del Monte è chiusa ai mezzi privati e pubblici. In direzione di viale dei Quattro Venti, i bus della linea 982 percorrono viale Pilsudski, viale Parioli e viale Bruno Buozzi. Per permettere l’intervento delle squadre di Acea Ato2 le palazzine dei dintorni sono senza acqua. A causa di un guasto si stanno verificando mancanze d’acqua in via dei Parioli e limitrofe. Stiamo lavorando per ripristinare il servizio. Ci scusiamo per il disagio” – il messaggio per le utenze coinvolte. Fonte: Romatoday

SCATTA LO SCONTRINO ELETTRONICO NEGLI ESERCIZI COMMERCIALI

SCONTRINOLo scontrino elettronico debutta in tutti gli esercizi commerciali. Lo strumento, obbligatorio per tutti gl esercizi con ricavi superiori a 400 mila euro già dallo scorso luglio, ora si estende a tutti gli operatori economici che emettono ricevute fiscali, commercianti, artigiani, alberghi o ristoranti. Di fatto lo scontrino elettronico consente al Fisco di ricevere le comunicazioni delle transazioni direttamente dai registratori di cassa. Per il consumatore cambia poco: al momento del pagamento non riceverà più uno scontrino o una ricevuta ma un documento commerciale, privo di valore fiscale ma che potrà essere conservato come garanzia del bene o del servizio pagato, oltre che per un cambio merce. Da luglio però, grazie ai nuovi registratori telematici (registratori di cassa in grado di connettersi a internet) a disposizione in ogni negozio, si potrà partecipare alla lotteria degli scontrini, considerata dal governo una nuova possibile arma anti-evasione. Continue reading

TANGENZIALE: VIETATO IL TRAFFICO VEICOLARE NELLE ORE NOTTURNE

nuova tangenzialeConfermato anche per il 2020, dal 1° gennaio fino al 30 giugno, il divieto di transito veicolare nelle ore notturne (23.00-06.00) su alcuni tratti della Tangenziale Est-Nci. È quanto prevede un’ordinanza sindacale finalizzata a contenere l’inquinamento acustico ambientale. Sarà quindi interdetto l’accesso: sulla ‘Sopraelevata’ nelle carreggiate di scorrimento comprese tra viale Castrense altezza via Nola, Circonvallazione Tiburtina altezza largo Settimio Passamonti e via Prenestina altezza via Bartolomeo Colleoni. Identica misura sarà applicata per la Circonvallazione Salaria, nel tratto tra via delle Valli e via Nomentana. Continue reading