VISITE AL BUNKER DI VILLA ADA: SI COMINCIA IL 25 APRILE

Il bunker di Villa Ada sarà aperto eccezionalmente nelle giornate del 25 aprile, 1 maggio, 21 maggio, 2 giugno, 18 giugno, 16 luglio dalle 14 alle 19 senza necessità di prenotazione. Il calendario completo delle aperture è consultabile sul sito  www.bunkervillaada.it. “Il restauro del bunker antiaereo della famiglia Savoia è avvenuto grazie alla passione di 48 volontari dell’associazione Roma Sotterranea, che hanno lavorato per cinque mesi per villa ada bunkercirca 3 mila ore – racconta la restauratrice Roberta Tessari – Il sito era nel più totale abbandono e vandalizzato.  La struttura, voluta da Mussolini proprio nel cuore di Villa Ada, è completamente mimetizzata tra gli alberi, protetta dall’alto, sulla sommità della collina, da lastroni di cemento armato, ed è accessibile, caso raro per un rifugio, anche con le autovetture”.  La realizzazione del bunker viene fissata intorno agli anni 1940-1941. La struttura disponeva di un citofono, che consentiva di comunicare con la villa, di una camera ad alta pressione dotata di un sistema di filtri per la depurazione e il ricambio dell’aria, di un avanzato impianto di depurazione delle acque nere, di un ricovero per gli automezzi. Il bunker era dotato di una via di fuga secondaria, attraverso una scala a chiocciola di quaranta gradini. Fonte: la Repubblica

“GELATO FESTIVAL 2017″, TRE GIORNI SULLA TERRAZZA DEL PINCIO

Gelato-Festival-2017Il Gelato Festival, la  manifestazione itinerante di gelato artigianale all’italiana al 100%, compie 8 anni. E per festeggiare l’evento sarà in tournèe in Italia ma anche all’estero: dal Regno Unito alla Polonia e fino in Germania. Un viaggio per valorizzare e far conoscere il made in Italy, l’arte dei  maestri che impastano il gelato e portare il prodotto artigianale nelle più belle piazze del mondo. E a scendere in gara saranno oltre cento gli artigiani. Il tour parte da Firenze (piazzale Michelangelo 21-25 Aprile) ma poi toccherà Roma dove lo scenario prescelto sarà la Terrazza del Pincio. Lì dal 29 aprile al primo maggio il gelato sarà protagonista assoluto. Poi la gara lascerà la Capitale per toccare Torino (piazza Solferino 25-28 Maggio), Milano (piazza Castello 1-4 Giugno), Londra (Old Spitalfields Market 16-18 Giugno), Varsavia (Piazza presso Torwar 22-25 Giugno), Amburgo (Spielbudenplatz 28 – 30 Luglio). La finale con la premiazione del Miglior Gusto d’Europa è in programma a Firenze, in piazzale Michelangelo (14- 17 Settembre). Fonte: la Repubblica

I FRANCESI DI ROMA AL VOTO ALLO CHATEAUBRIAND

il voto a villa borgheseLa location è cambiata, ma non l’entusiasmo dei francesi che anche a Roma, all’apertura dei seggi, sono andati numerosi a votare al primo turno delle presidenziali. Per motivi di sicurezza, hanno spiegato fonti all’ambasciata francese, per la prima volta non si vota a Palazzo Farnese ma allo Chateaubriand, nel cuore di Villa Borghese, dove un furgone della polizia è piazzato davanti all’entrata dell’Istituto e diversi agenti effettuano controlli sui documenti e schede elettorali. È più facile sorvegliare l’area rispetto alla sede di Palazzo Farnese. L’affluenza, riferiscono dall’ambasciata, è stata molto alta la mattina, ed è ripresa subito dopo pranzo con numerose famiglie con bambini e tanti giovani. “Ho votato Macron, è quello che mi convince di più”, dice Jacques, 35 anni. “Credo che sarà lui a prevalere nei voti qui a Roma”. “Macron è l’unico che, secondo me, ha più probabilità di battere Le Pen se si dovesse andare al secondo turno, ecco perché l’ho votato”, spiega Jean-Philippe, 62 anni. Fonte: Ansa

IL 24 APRILE 1944 ARRESTATO LUCHINO VISCONTI IN VIALE ERITREA

Luchino-ViscontiIl 24 aprile del 1944 gli uomini del reparto speciale di polizia di Pietro Koch arrestano a Roma, in un appartamento di viale Eritrea, il regista Luchino Visconti, nascosto sotto falso nome e in possesso di una pistola. Dopo alcuni giorni di permanenza nella sede del reparto, il regista viene  trasferito per ordine di Koch nel convento di San Gregorio al Celio, adibito a prigione di lusso per persone facoltose da sottrarre ai tedeschi e alle leggi di guerra. Fonte: il Messaggero

L’AUDITORIUM COMPIE 15 ANNI

AUDITORIUMAuditorium, il 21 aprile 2002 fu inaugurata la prima delle tre sale, la Sinopoli, segnando il primo passo verso la realizzazione dell’intero complesso architettonico firmato da Renzo Piano. Il 21 dicembre 2002 l’intero Parco della Musica fu consegnato integralmente alla città anche con la Sala Santa Cecilia e la Sala Petrassi.  In 15 anni il Parco della Musica ha prodotto migliaia di eventi di musica di ogni genere, ospitato grandi star internazionali e nazionali, spettacoli, Festival di lettura, scienze, matematica, danza e ancora lezioni di rock, arte, storia dando vita a quella “fabbrica della cultura” in cui migliaia di romani e turisti hanno potuto immergersi, divertirsi, formarsi. Fonte: la Repubblica

ENORME ALBERO SI ABBATTE SU UNA MACCHINA A CORSO TRIESTE

corso triestecorso trieste 2CORSO TRIESTE 3Un enorme pino marittimo è caduto in corso Trieste, all’altezza di via Dalmazia. Sul posto, due squadre dei vigili del fuoco che dalle 16 di ieri sono state al lavoro per rimuovere l’arbusto che si è abbattuto su diverse autovetture. Ma non risultato persone coinvolte, hanno detto i vigili. Traffico e ripercussioni sulla viabilità della zona. Fonte: la Repubblica

VIA NOMENTANA, INCIDENTE MORTALE DAVANTI A VILLA TORLONIA

la macchina coinvoltaÈ ancora tutta da accertare la dinamica del tragico incidente avvenuto ieri pomeriggio a Villa Torlonia, in cui è rimasto ucciso D.F., romano di 18 anni. Coinvolti nello scontro tre mezzi: la moto Ducati su cui viaggiava la vittima, uno scooter Honda e una Fiat Panda. Lo scontro è avvenuto tra via Nomentana e via Lazzaro Spallanzani. Sul posto gli agenti della Municipale di zonache hanno proceduto con i rilievi e con il sequestro dei veicoli. Immediati, e inutili, i soccorsi per il centauro che è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Umberto I. Il giovane però è deceduto ancor prima di entrare in sala operatoria. Sarebbe stata fatale nella caduta un violento colpo alla testa. Trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Pertini anche lo scooterista anche se ha riportato solo lievi feriti. Illeso il conducente della Fiat Panda. Per consentire i rilievi della Municipale è stato necessario chiudere il traffico tra via Nomentana e via Spallanzani. Con inevitabili conseguenze sulla viabilità. Fonte: la Repubblica

LETTERE RUBATE ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE, INQUISITO RICETTATORE

 Hanno acquistato alcune lettere originali e preziose scritte da Gabriele D’Annunzio e Silvio Pellico, che erano state rubate nel  2012 dalla Biblioteca nazionale di Roma. Le missive scomparse erano poi riapparse in vendita sul web e nei mercatini dell’antiquariato. Per la procura, i cinque acquirenti sono colpevoli di ricettazione. La ricostruzione della pm Laura Condemi è stata accolta dal gup Flavia Costantini, che ha rinviato a giudizio uno dei collezionisti, fissando  l’udienza dibattimentale al prossimo 5 luglio. Il giudice ha anche  disposto la trasmissione degli atti, per competenza territoriale, alle procure di Treviso e Milano, in relazione agli altri quattro imputati. Continue reading

TANGENZIALE CHIUSA PER UN’ORA, IERI: DISAGI E TRAFFICO RALLENTATO

tangenziale_estInfiltrazioni e crepe sulla tangenziale: verifiche dei pompieri sul cavalcavia della A24. Strada chiusa per un’ora, tra le 10 e le 11 di ieri, traffico rallentato in tutto il quadrante. E alle 13 un tamponamento a catena che ha coinvolto tre macchine  sulla via Salaria ha creato ulteriori disagi. Cinque i feriti, tutti in codice verde. I periti dei vigili del fuoco hanno eseguito un’ accurata verifica sulla struttura del cavalcavia dove sono state segnalate infiltrazioni d’acqua e crepe. Secondo gli accertamenti effettuati però non sarebbero emerse criticità o pericoli per la viabilità. La circolazione è stata deviata, all’altezza della rampa del Gra, per circa un’ora tra la via Salaria e San Giovanni. A creare ulteriori disagi alla circolazione è stato anche un incidente che si è verificato intorno alle 13 sulla via Salaria all’altezza del civico 1311. Tre le auto coinvolte e cinque i feriti, trasportati in codice verde all’ospedale Sant’Andrea. Per consentire i rilievi dei vigili urbani è stato necessario chiudere per mezz’ora il tratto di strada interessato dall’incidente. La viabilità è tornata regolare intorno alle 14. Fonte: la Repubblica

VIALE PRETORIANO: SENZATETTO DIVENTANO GIARDINIERI

VIALE PRETORIANO 1Dodici senzatetto scendono in campo per la cura dei 1.500 metri quadrati di verde in viale Pretoriano, tra la stazione Termini e la biblioteca nazionale di Castro Pretorio. Sono tutti ospitati  del centro polivalente Binario 95. I dodici hanno deciso di rendersi utili e aderire al progetto “Sempre verde”, un laboratorio partecipato di rinascita degli spazi comuni avviato in collaborazione con VIALE PRETORIANO 3il municipio. La sperimentazione andrà avanti per i prossimi tre mesi: se i risultati saranno soddisfacenti, il progetto verrà esteso per un ulteriore arco di tempo. Da mercoledì  tre volte alla settimana,  una squadra composta da quattro novelli giardinieri, coordinati dagli operatori di Binario 95, a rotazione lavorerà prima alla pulizia, poi all’abbellimento della lingua di verde lungo le mura aureliane appena fuori San Lorenzo. Fonte: la Repubblica

RIFIUTI: NON FUNZIONA IL “PORTA A PORTA” A SAN LORENZO

San Lorenzo soffoca, sommerso dai rifiuti. Il sistema di smaltimento “porta a porta” non è mai decollato e in diversi angoli del quartiere i rifiuti restano a marcire per giorni negli androni dei palazzi: richiamano i topi e le blatte. Dopo la denuncia di Repubblica sul caso di via dei Piceni 25, adesso a protestare sono i residenti in via degli Ausoni. È una delle tre strade, insieme a via dello Scalo di San Lorenzo, dove la situazione è più critica. In queste tre zone i palazzi sono sprovvisti dei cortili, i bidoncini della differenziata vengono custoditi appena oltre il portone di ingresso e complice il deficit di efficienza dell’Ama, che spesso salta i turni di raccolta, ne conseguono situazioni al limite dell’emergenza sanitaria. via degli ausoniEsattamente come nel caso descritto da Daniela, residente in via degli Ausoni. Le immagini scattate martedì mattina – e inviate a Repubblica – descrivono perfettamente il disagio cui sono sottoposti i contribuenti: un “muro” di sacchi neri da ben cinque giorni imputridisce lungo la tromba delle scale, in attesa che gli operatori finalmente provvedano a smaltirli. Intanto però «i topi ballano – s’indigna Daniela – la situazione, dopo cinque giorni di raccolta porta a porta non eseguita, è insostenibile. Senza contare che la derattizzazione, ovviamente, dobbiamo pagarcela da soli». Un problema grosso, che si trascina da mesi. Continue reading

RIFIUTI A SAN LORENZO: IL MUNICIPIO SECONDO DIFFIDA L’AMA

san lorenzoA San Lorenzo i rifiuti imputridiscono negli androni dei palazzi e il Municipio II diffida l’Ama. È partita pochi giorni fa la lettera degli amministratori del parlamentino in via Dire Daua indirizzata al Campidoglio, alla municipalizzata dei rifiuti e agli altri enti per la tutela della sicurezza e della salute pubblica. Se non dovessero essere presi i provvedimenti necessari, scatterà una denuncia “per omissione di servizio e procurata emergenza sanitaria”. Perché le falle nel sistema di raccolta porta a porta rischiano di procurare delle serie ricadute sullo stato di salute dei residenti. Mancano uomini e mezzi: l’azienda non riesce a rispettare il contratto di servizio. In via degli Ausoni, via dello Scalo di San Lorenzo, via dei Piceni da circa due mesi vengono saltati puntualmente i turni di raccolta. La spazzatura si accumula all’ingresso dei condomìni e attira i topi, le blatte. Servono a poco anche i solleciti al servizio clienti. Continue reading

MONTE ANTENNE, SIMBOLO DELLA SELVAGGERIA CAPITOLINA

MONTE ANTENNETutto lo zoo romano potrebbe tranquillamente ritrovarsi a Monte Antenne, nella sporca e sgarrupata collinetta del forte e un tempo questa era Villa Savoia, prima ancora di villa Ada, e una delle meraviglie di Roma, campagna ma città, luogo incantato e riqualificato negli ultimi decenni sia pure a intervalli. Ora, nella sporcizia e nell’abbandono, non imputabile alla vicina Moschea e neppure del tutto ai rom accampati lì intorno da sempre, potrebbero darsi appuntamento il topo (insieme ai “300.000.000 di topi” della canzone di Francesco De Gregori) che ha appena dato un morso al piccolo bimbo Marco a villa Gordiani; il toro che ha passeggiato l’altro giorno alla fermata dei bus a Saxa Rubra; i cinghiali (insieme ad altri “Cinghiali incazzati” come nella bella canzone nuova degli Ex-Otago, che sono genovesi ma vabbè) che compaiono sempre più spesso nel’Urbe; il celebre maiale che fruga ai cassonetti; i piccioni e i gabbiani sudici che infestano la Capitale. Più le vipere che a Monte Antenne strisciano ovunque nell’erba non tagliata, ma a Roma non si usa più tagliarla. Ogni tanto, una meritoria spedizione di volontari che puliscono cerca di contrastare il degrado. Ma Monte Antenne, come simbolo della selvaggeria capitolina, sembra purtroppo inattaccabile.  Fonte: il Messaggero