LIBRO ILLUSTRATO SU “LA STORIA DEL TRIESTE SALARIO”

COPERTINAOggi il Trieste-Salario è un quartiere in cui vivono 150.000 persone, e quasi 400.000 sono quelle che complessivamente qui si muovono e lavorano. Nel suo passato si susseguono tre millenni da raccontare, una affascinante storia cominciata 300.000 anni fa di cui rimangono segni visibili, reperti e monumenti. 101 luoghi fondamentali si snodano come tappe di una passeggiata nel Trieste-Salario. Un cammino che il lettore potrà ripercorrere personalmente, leggendo le pagine e guardando le immagini originali e inedite e le illustrazioni che arricchiscono il testo de “La storia del Trieste Salario. Dalla preistoria ai giorni nostri”. Gli antichi ritrovamenti dei primi uomini forse cannibali, la storia della giovanissima Sant’Agnese e del suo martirio, la celebre Sedia del Diavolo e il suo papa eretico, la casa dove abitò Pirandello e la villa dove Luchino Visconti proteggeva gli antifascisti durante le persecuzioni, sono solo alcune delle storie raccontate nel volume.

VIA SALARIA, MUSTAFÀ È TORNATO

MUSTAFA-ALIMustafà è tornato. Dopo qualche anno, eccolo lì accanto al muretto del palazzo di via Salaria che fa angolo con via Savoia. E grazie a lui sulla grata, quando non piove, crescono tantissimi fiori di carta. Mustafà Alì, rifugiato politico egiziano, oppositore di Mubarak, fuggito dal suo paese è arrivato in Italia nel 1992. Deve essere di animo gentile Mustafà, se ha pensato, lui che nella vita faceva proprio il giardiniere, di coltivare fiori un po’ così, fatti con sapienza e maestria dalle sue mani esperte. C’è da vederle quelle rose, destinate a non appassire: si possono prendere con qualche euro, per un cadeau improvvisato o per dare colore e calore. E Mustafà, che parla quattro lingue, viaggia l’Europa con i suoi fiori. Lo si può trovare in un boulevard di Parigi o in una straße di Vienna. Ma più spesso è a Roma, anche a corso d’Italia. L’invito ai lettori è quello di andare a trovarlo e prendere una rosa o un margheritone del suo giardino.

SHOPPING: I SALDI ESTIVI A ROMA PARTONO DOMANI

SALDICi siamo, i saldi estivi 2019 sono ormai alle porte. I negozi già stanno allestendo scaffali e vetrine per dare inizio ai ribassi e, tra i romani, c’è chi ha già programmato un sabato di shopping scatenato nei centri commerciali, negli outlet, nei viali gremiti di negozi. Niente mare, né piscina, dunque, il 6 luglio. Idee chiare e soldi in tasca si parte alla ricerca dell’affare. E Roma di posti dove approfittare dei saldi ne offre parecchi. Si va dai classici centri commerciali, sempre più numerosi, agli outlet, per fare shopping a cielo aperto. E c’è anche chi, in occasione dei ribassi ha organizzato una “Notte Bianca dello shopping”.

VIA OMBRONE: ” ROMAMOЯ” A SPAZIOCIMA IL 18 GIUGNO

Invito ROMAMORRomamoЯ (Vitapalindroma), martedì 18 giugno, dalle ore 17 alle 21, a SpazioCima, in via Ombrone 9. Il nuovo evento, curato da Roberta Cima, vede protagoniste le creazioni della romana Alessia Nardi, già conosciuta al grande pubblico come pittrice, ora anche  designer con il suo brand RomamoЯ. Le t-shirt RomamoЯ prendono vita dal progetto su Roma portato avanti da Alessia Nardi già nel 2017, che, attraverso la tecnica del frottage, mette in risalto le 3 icone identificative della città:sanpietrino, tombino, centro del colonnato. Sono un prodotto interamente made in Italy, in cotone biologico, stampate una ad una, con tecnica serigrafica e colori ad acqua (si consiglia il lavaggio a mano o a freddo). Il progetto prende vita dall’amore per questa città e la bellezza dei suoi particolari. In questo momento di degrado metropolitano, in perfetta armonia con quello dell’essere umano, Alessia Nardi ha sentito la necessità di capovolgere il comune pensiero teso al solo giudizio, mettendo in atto un processo creativo.

“LA CASA DI CORSO TRIESTE”, UN LIBRO DI CRISTINA BRUSCAGLIA

copertina la casa di corso triesteÈ uscito da non molto il libro di Cristina Bruscaglia “La casa di Corso Trieste”. Una storia narrata con “ausilio di un’agenda” sulla quale la protagonista ha segnato, senza saperlo, il destino che la porterà a scoprire i fantasmi del passato; ciò che la memoria non ha avuto la forza di trattenere. Il suo presente, nella Roma del 2000, si intreccerà con quello della sua eccentrica famiglia, vissuta nei primi del ‘900 in un villino di Corso Trieste. Un romanzo dove ordinario e paranormale, serenità, ilarità e angoscia possono convivere, facendoci comprendere quanto la natura umana possa essere forte e fragile, e sperare che certe ferite si possano rimarginare senza farci vergognare delle cicatrici che inevitabilmente ne resteranno. Il finale, raccontato come cronaca dettagliata di una cena, svelerà un segreto nascosto in quasi tutte le pagine.

OGGI, L’APPUNTAMENTO CON “CAMPAGNA AMICA” ALL’AUDITORIUM

campagna-amica

 

Si rinnova l’appuntamento con la filiera corta tra i consumatori romani e le imprese agricole laziali. Oggi, mercoledì 1 maggio, sarà possibile degustare e acquistare i prodotti freschi, stagionali, tipici e tradizionali provenienti un po’ da tutto il Lazio, in grado di offrire le migliori garanzie in termini di qualità, di sicurezza e di un legame stretto con il territorio e le tradizioni locali. Ingresso libero dalle 10 alle 16.

“CATTIVI PROPOSITI”, ROMANZO INTRIGANTE DI PAOLO IRACI

copertina cattivi propositiPaolo Iraci è (anche) uno scrittore che vive a via Basento. Di recente ha pubblicato un libro dal titolo “Cattivi propositi” edito da Le Mezzelane Casa Editrice. Ecco la trama: Andrea è in un mare di guai. In virtù dei suoi “facili” guadagni, potrebbe godersi beatamente la vita. Ma è bloccato! C’è qualcosa di misterioso che lo opprime. Gli serve assolutamente una strategia: una qualunque. Le sue scelte saranno radicali e il percorso si preannuncia pieno di pericoli. Sarà l’incontro con Marta a salvargli la vita? Oppure una delle sue assurde intuizioni? L’esito finale è sempre incerto, ma indietro non si può tornare. Solo una cosa è certa, i suoi sono solo cattivi propositi.

VILLA BORGHESE OSPITA IL FESTIVAL DEL GELATO

GELATO FESTIVAL A VILLA BORGHESEAppassionati di gelato preparatevi a trovare il vostro paradiso a Villa Borghese sabato 13 e domenica 14 aprile. La villa romana ospiterà, infatti, il Gelato Festival con 16 tra i migliori gelatieri artigianali under 30 del mondo, ognuno dei quali porterà in assaggio il gusto che l’ha portato al successo internazionale: sarà possibile assaggiare le loro creazioni e votare per il proprio gelato preferito, ma anche scoprire i segreti del mondo del gelato fra assaggi, iniziative a tema e laboratori didattici e tanto altro. Fonte: Romatoday