GREEN PASS OBBLIGATORIO NEI POSTI DI LAVORO DAL 15 OTTOBRE

GREEN PASSManca sempre meno al 15 ottobre, quando il Green pass diventerà obbligatorio per accedere ai luoghi di lavoro. Ma sono ancora diversi gli aspetti che preoccupano sia alcuni governatori, sia alcune aziende e categorie di lavoratori che temono il caos, soprattutto sulla questione dei controlli e dei test per chi non è vaccinato.

DEL BELLO E GUALTIERI CON BEPPE SALA DOMANI AL TEATRO PARIOLI

DEL BELLOFa sapere Francesca Del Bello che si ricandida alla presidenza del Municipio: “Vi aspetto martedì 12 ottobre alle ore 18 al Teatro Parioli per un incontro con Beppe Sala, appena rieletto sindaco di Milano, e con il nostro candidato Roberto Gualtieri. Sarà un momento per confrontarci sul “modello Milano” e sul futuro di Roma. Per partecipare: comitato@francescadelbello.it Si accede con Green pass.

E SCIOPERA PURE IL TRASPORTO PUBBLICO

AtacE oggi  sciopera anche il trasporto pubblico a Roma. Ad indire la mobilitazione il sindacato Usb. Uno stop di 24 ore di tutti i settori pubblici e privati che interesserà tra i vari comparti, anche Atac, Roma Tpl e Cotral. La segreteria territoriale dell’organizzazione sindacale Usb Lavoro Privato ha proclamato lo stato di agitazione che scatterà dalle 8:30 del mattino e interesserà bus, filobus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-Centocelle e Roma-Lido. Oltre a possibili ripercussioni anche sulle linee periferiche e sulle corriere extraurbane.

PIAZZALE FLAMINIO, VIA LE BANCARELLE: LO HA DECISO IL TAR

piazzale flaminioDecisione che si potrebbe definire storica. È stato deciso di togliere le bancarelle da piazzale Flaminio. Il Tribunale amministrativo regionale si è espresso riguardo al ricorso degli ambulanti presentato a inizio settembre. I giudici amministrativi hanno dato dunque ragione al Campidoglio, l’ordinanza è immediatamente esecutiva. Tra le motivazioni del Tar vi sono quelle relative alla sicurezza stradale. Del resto, la loro presenza intralciava possibili vie di fuga dalla stazione che si trova lì.

POLICLINICO: NO GREEN PASS DEVASTANO IL PRONTO SOCCORSO

logo-policlinico-umberto-IUn grave episodio è avvenuto nella serata di ieri, arrivando a suggellare una giornata con incidenti tra polizia e manifestanti in pieno centro e l’assalto alla sede della Cgil al termine della manifestazione No Green Pass. Una trentina di persone sono arrivate al pronto soccorso del Policlinico dell’Umberto I, devastando uno dei reparti dove si trovava un manifestante ferito che, in stato di fermo, era stato trasportato in ospedale per essere medicato. Gli aggressori hanno danneggiato diverse suppellettili. Secondo quanto riferito dalla Questura, il manifestante ha rifiutato il triage, ha dato in escandescenza e ha rifiutato il protocollo Covid, e ha provato anche a fare un video. Identificato è stato denunciato per resistenza e lesioni e per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità. La situazione è tornata alla normalità solo dopo l’arrivo delle forze dell’ordine. In tutto sono rimaste ferite quattro persone nella colluttazione, due operatori sanitari e due agenti della Digos Gli aggressori sono riusciti a dileguarsi impunemente ma sono in corso le indagini per accertarne l’identità. Sul fatto che il loro obiettivo fosse “liberare” il manifestante ferito, un uomo proveniente dalla Sicilia, invece non sembrano esserci dubbi.

CORSO D’ITALIA, IN TANTISSIMI STAMATTINA DAVANTI ALLA CGIL

CGIL 1In tantissimi stamattina alle 10 davanti alla sede della Cgil in corso d’Italia. E tante le bandiere: della stessa Cgil, delle categorie, dell’Anpi. Aperte e presidiate tutte le camere del lavoro in Italia e sit in presso la sede nazionale a Roma. Così la Cgil, insieme agli altri sindacati, risponde all’attacco di ieri, mentre prepara una manifestazione per sabato prossimo: “Cgil, Cisl e Uil organizzeranno sabato 16 ottobre a Roma, una grande manifestazione nazionale e antifascista per il lavoro e la democrazia”, fanno sapere le organizzazioni sindacali. Continue reading

VIA TIBURTINA, CHIUSO IL BAR DOVE UN UOMO AVEVA PERSO LA VITA

VIA TIBURTINAIl questore di Roma ha deciso la chiusura del bar-kebab «Bosporus» in via Tiburtina dove, il primo ottobre scorso, un avventore ubriaco aveva perso la vita a seguito di un pugno sferratogli dal figlio del proprietario. La notifica del provvedimento, emesso dopo l’istruttoria della della Questura, è stata eseguita dagli agenti del commissariato San Lorenzo. Il proprietario dell’attività era già stato sanzionato per aver somministrato alimenti e bevande in assenza di licenza dalla polizia e dai vigili urbani. Il figlio del proprietario, 18enne incensurato nato a Crotone ma originario della Turchia, è stato arrestato con l’accusa di omicidio preterintenzionale per aver colpito Luca Perrone, di 58, al volto con un pugno. La vittima, era conosciuta nel rione e in passato già coinvolta in alcune liti, secondo i testimoni era ubriaca e importunava gli altri avventori. Da qui è nata la discussione, quindi la colluttazione fatale.

METRO CASTRO PRETORIO E POLICLINICO ANCORA CHIUSE

METRO ROMADopo un anno si spengono le candeline per il compleanno, ma anche le speranze degli utenti. Infatti, era il 5 ottobre 2020 quando la fermata della metropolitana B Castro Pretorio chiudeva per lavori. La vicina Policlinico l’avrebbe seguita nemmeno due mesi dopo, il 29 novembre. Privando così l’intero quartiere, dove si concentrano poli nevralgici come il Policlinico Umberto I e l’università Sapienza, di due stazioni. E facendo così confluire tutto il “traffico” dei pendolari alla fermata di Bologna. Entrambe le fermate sono state chiuse per “lavori di sostituzione integrale degli impianti di traslazione (scale mobili e ascensori, ndr) arrivati a fine vita tecnica dopo 30 anni di utilizzo” avevano spiegato da Atac. Durante i lavori, però, sono emerse altre criticità: “All’interno della fermata è stata riscontrata anche la presenza di elementi in amianto, che sono stati sostituiti da materiali in acciaio. Sono stati, inoltre, adeguati gli spazi per consentire procedure di evacuazione coerenti con le nuove normative anti-incendio”.

CORSO D’ITALIA: IERI, ASSALTATA E DEVASTATA LA SEDE DELLA CGIL

LA CGIL IERILa guerriglia di ieri ad opera di fascisti e no green pass ha avuto il momento clou nell’assalto alla sede della Cgil a Corso Italia. Migliaia di persone si sono accalcate sotto le finestre della sede del sindacato, tra cori e striscioni al grido di “Nessuno può toglierci il lavoro che ci siamo conquistati onestamente e LOGO CGILduramente”, “Landini dimettiti”. La situazione in pochi minuti è degenerata. Al grido di ‘No Green Pass’ e ‘libertà’ un gruppo di manifestanti No vax ha prima sfondato il portone e poi occupato la sede nazionale del più importante sindacato italiano La polizia, poi, è riuscita a fermare i manifestanti. “La nostra sede nazionale, la sede delle lavoratrici e dei lavoratori, è stata attaccata da Forza Nuova e dal movimento no vax. Abbiamo resistito allora, resisteremo ora e ancora. A tutti ricordiamo che organizzazioni che si richiamano al fascismo vanno sciolte”, ha twittato la Cgil.  “L’assalto alla sede della Cgil nazionale è un atto di squadrismo fascista. Un attacco alla democrazia e a tutto il mondo del lavoro che intendiamo respingere. Nessuno pensi di far tornare il nostro Paese al ventennio fascista”, ha affermato il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. “Domattina (oggi, ndr) alle 10, davanti la sede della Cgil, – ha aggiunto – è convocata d’urgenza l’assemblea generale della Confederazione per decidere tutte le iniziative necessarie”. Solidarietà alla Cgil è stata espressa dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e da tutti i partiti e forze sociali.

LA STORIA SI RIPETE: 8 GENNAIO 1964, ATTENTATO ALLA SEDE CGIL

cgil corso d'italiaCorso d’Italia, 8 gennaio 1964: alle 22.45 viene fatta esplodere una bomba davanti alla sede nazionale della Cgil. In risposta all’attentato dinamitardo, che reca ingenti danni all’edificio e i cui mandanti vengono individuati nelle forze della destra reazionaria e neo-fascista, la Confederazione indice per il giorno successivo uno sciopero generale in difesa dei diritti sindacali e delle libertà democratiche.

GRAB: LE PROPOSTE DI FRANCESCA DEL BELLO E PATRIZIO DI TURSI

DEL BELLO 2Come sappiamo, il 17 e 18 ottobre gli elettori del II Municipio torneranno alle urne, stavolta per scegliere tra Francesca Del Bello e Patrizio Di Tursi. Chi avrà la meglio, sarà il nuovo presidente, con la candidata del Centrosinistra in gioco per un secondo mandato. Ecco quali sono le idee e proposte dei due candidati rispetto al progetto della ciclovia che dovrebbe attraversare Villa Ada e via Guido Reni. Afferma Francesca Del Bello: “Inopportuno convocare conferenza dei servizi per approvare Grab a via Guido Reni, non per contrarietà, ma come sempre in queste cose, laddove ci sono elementi di delicatezza dei luoghi come Villa Ada o molteplicità di interventi come via Reni, l’intervento del Grab va pensato e progettato insieme alle altre cose previste, vedi la tranvia. La politica deve fermarsi e ascoltare.”   Dice Di Tursi: “Io sono a favore della ciclabile e del Grab, è necessario che una città si doti di queste vie di comunicazione alternative. Bisogna però capire, con i cittadini quali sono le loro esigenze, capire dove è più opportuno far passare il Grab.”

PIAZZA BRASILE: SCONTRI TRA NO GREEN PASS E POLIZIA

PIAZZALE BRASILEOggi pomeriggio alle 17 a Porta Pinciana e all’inizio di Villa Borghese a piazzale Brasile, manifestanti no green pass hanno gridato insulti a Mario Draghi, ai sindacati (“boia”) e ai giornalisti (“terroristi”). Fumogeni, bandiere tricolori e saluti romani. Scontri e cariche. I poliziotti hanno risposto con alcune manganellate. Sulla zona continuano a volare elicotteri delle forze dell’ordine per monitorare la situazione.

PAOLO LECCESE (VOLT) RINGRAZIA CHI LO HA VOTATO

PAOLO LECCESEFa sapere Paolo Leccese: “È una gioia sapere di aver conquistato la fiducia di così tante persone. Sapere che così tanti cittadini e cittadine sono entrati in quella cabina e hanno scritto il tuo nome ti riempie di orgoglio ma anche di responsabilità e anche se il risultato non è sufficiente per poter essere eletto all’assemblea capitolina, è determinante nel portare avanti l’impegno politico e civico. Quindi voglio ringraziarvi uno per uno. Grazie per la fiducia e per la stima dimostratemi. Voglio inoltre invitarti a unirti a noi lunedì 11 ottobre per festeggiare questo bellissimo risultato: ci vediamo alle ore 18:00 Giardini del Verano.”

CARLA FERMARIELLO DICE LA SUA SU ELEZIONI E BALLOTTAGGIO

fermarielloDice Carla Fermariello: “Ringrazio di cuore tutti coloro che mi hanno sostenuta, aiutata e incoraggiata in questa appassionante campagna elettorale. Sono piena di riconoscenza verso chi ha creduto in me oltre ogni aspettativa, aiutandomi a raggiungere un risultato che ci riempe di responsabilità e di soddisfazione. Ora dobbiamo lavorare, insieme a tutti coloro che hanno a cuore le sorti della nostra meravigliosa città, per la rinascita di Roma. Proseguiamo senza sosta verso il ballottaggio del 17 e 18 ottobre per Gualtieri sindaco. Insieme si può!”

VALLE GIULIA, RAGAZZO CON MONOPATTINO INVESTITO DA UN AUTO

VIALE DELLE BELLE ARTIGravissimo incidente a Valle Giulia. Un turista norvegese di 24 anni è stato vittima di un incidente stradale mentre era a bordo di un monopattino. L’impatto è avvenuto nella serata ieri, in viale delle Belle Arti, nel quartiere Pinciano, all’altezza del civico 10. Erano passate da poco le 20 quando il ragazzo a bordo del mezzo preso a noleggio,  si è scontrato con una Volkswagen Up guidata da una donna di 54 anni. Ora è ricoverato in codice rosso, ma fortunatamente non in pericolo di vita, Il ragazzo a bordo del monopattino in sharing, caduto sull’asfalto, è rimasto ferito e trasportato al Policlinico Umberto I in codice rosso. Sul posto, allertate, sono intervenute diverse pattuglie della Polizia Locale con gli agenti del II Gruppo Sapienza incaricati degli accertamenti, tuttora in corso, per ricostruire esatta dinamica dell’incidente.

SAN LORENZO: PICCHIATO PER IL COLORE DELLA PELLE DA UN BRANCO

VIA DELLO SCALO DI SAN LORENZOEnnesima aggressione razzista. Questa volta a San Lorenzo dove un ragazzo romano di origini brasiliane è stato picchiato “per il colore della mia pelle”. A denunciare il pestaggio da un letto d’ospedale Jamilton, 26enne originario del Brasile residente nella zona di Vigne Nuove. Picchiato da quattro uomini al grido di “Negro di merda”, il giovane dopo essere svenuto per le botte ricevute si è risvegliato in una stanza dell’ospedale San Giovanni Evangelista dove verrà sottoposto ad un intervento chirurgico per le percosse ricevute.

LARGO LANCIANI, INSULTA COPPIA E AGGREDISCE 14ENNE: PRESO DAI CC

LARGO LANCIANIÈ accaduto ieri. Un 32enne ha insultato una giovane coppia con un neonato che stava camminando sul cavalcavia di via Lanciani, poi ha aggredito un ragazzino che ha tentato di difenderli ed è scappato. Ai carabinieri che lo hanno bloccato poco dopo ha dichiarato di chiamarsi “Lucifer Morningstar”, e cioè come il personaggio di Lucifero comparso nel fumetto della DC Comics “Sandman” diventato poi il protagonista della popolare serie tv Netflix “Lucifer”. È successo nel pomeriggio di mercoledì nei pressi di via Nomentana. Continue reading