POLICLINICO: ENDOVENA ALLA FIGLIA, PER IL PM TENTATO OMICIDIO

policlinicoUn farmaco iniettato endovena per mettere fine alla vita della figlia affetta da una malattia genetica. La procura ha chiesto una condanna a 10 anni di reclusione per la mamma che ha provato ad uccidere la figlioletta di 8 anni all’interno dell’ospedale Umberto I. Un tentativo fortunatamente andato a vuoto grazie al tempestivo intervento dei medici che sono riusciti a ricoverarla subito nel reparto di Terapia intensiva e trarla in salvo. Ieri, dunque, il pm Francesco Gualtieri nella sua requisitoria ha ribadito la tesi accusatoria del tentato omicidio. La donna, 30 anni, sposata e con due figli, era stata arrestata in carcere nel luglio del 2019 ed è tuttora ai domiciliari. La notte incriminata è quella del 9 maggio 2019. Intorno all’una, stando alle indagini, la donna ha iniettato il farmaco con una siringa attraverso l’ago cannula che la figlia aveva fissata poco sopra il polso. Continue reading

VIA TRIPOLI NEL 1943

VIA TRIPOLI 1943Manca poco meno di un anno alla liberazione di Roma. Infatti è il settembre del 1943 e nella calma apparente della città una ragazza s’incammina lungo via Tripoli: non c’è nemmeno bisogno di stare sul marciapiede, tanto di auto nemmeno l’ombra. Nella curva a destra, in discesa, inizia via Cirenaica.

 

 

 

Fonte: Roma Sparita

VILLA BORGHESE, UNA GALLERIA A CIELO APERTO

villa borgheseVilla Borghese galleria a cielo aperto. Con le opere che dialogano con l’ambiente circostante e riflettono sui cambiamenti climatici. La natura è la protagonista della mostra en plein air “Back to Nature. Arte contemporanea a Villa Borghese”: dal 15 settembre al 13 dicembre prossimo. Grandi opere di artisti di fama internazionale sono fruibili in alcune zone dellla Villa: dal Parco dei Daini alla Loggia dei Vini, dalla Casina della Meridiana al Museo Carlo Bilotti. Il progetto espositivo inedito, curato da Costantino D’Orazio, propone il doppio Igloo di Mario Merz, Drops di Andreco, le bandiere di Mimmo Paladino, la bufala in bronzo di Davide Rivalta, la video installazione notturna  Red Map  di Grazia Toderi e opere di Benedetto Pietromarchi, Edoardo Tresoldi e Nico Vascellari. Continue reading

QUANDO MATTARELLA ERA UNO STUDENTE DEL SAN LEONE MAGNO

mattarellaSergio Mattarella è il presidente della Repubblica. In pochi sanno, o almeno sapevano fino ad ora, che da ragazzo il dodicesimo inquilino del Quirinale ha frequentato il prestigioso istituto cattolico San Leone Magno del quartiere Nomentano, all’angolo tra via Nomentana e via di S. Costanza, insieme al fratello Piersanti (nella foto in bianco e nero), ucciso a Palermo dalla mafia. In quegli anni il padre Bernardo era PIERSANTI MATTARELLAministro della Repubblica in vari governi e il figlio Sergio, allora giovanissimo, ottimo studente di quella scuola. Ha poi frequetato Giurisprudenza alla Sapienza. E per restare sempre nel nostro municipio, possiamo anche ricordare che il figlio di Sergio Mattarella, Bernardo Giorgio, è docente all’università Luiss e insegna a viale Parenzo.

VIA NEMORENSE: IMMINENTE LA RIAPERTURA PER CAVALLETTI

cavalletti“Cavalletti sta tornando, preparate i cucchiai!”. Con un post a sorpresa su Facebook, la storica pasticceria di via Nemorense, nel quartiere Trieste di Roma – famosa nel mondo fin dal 1951 per il millefoglie – ha annunciato l’imminente riapertura. «Abbiamo sentito parlare di una nostra chiusura, abbiamo sentito di una cordata, di un ipotetico fallimento, abbiamo sentito veramente tante cose ma l’unica cosa che abbiamo ascoltato è stato l’affetto della gente. Un affetto che ci ha riempito il cuore e dato ancora più forza e sprint per riaprire – si legge sulla pagina Facebook – Cavalletti è una storia che dura da tanto tempo e mira all’infinito. Continue reading

LAGO DI VILLA ADA SENZ’ACQUA: RISCHIO PER GLI ANIMALI

VILLA ADA 2Quasi completamente prosciugato, marrone e melmoso: così appare oggi il lago di Villa Ada. Il livello dell’acqua è sceso quasi di mezzo metro tanto che il laghetto si è trasformato in un triste pantano. “Il lago è di un pessimo colore marrone ed emana una forte puzza” – denuncia l’Osservatorio Sherwood, secondo cui all’origine del problema vi sarebbe l’ennesimo malfunzionamento del sistema idrico, “in perenne sofferenza e mai ammodernato, sempre rappezzato con interventi emergenziali”. Oltre all’estetica e ad una villa storica che rischia di perdere uno dei suoi simboli, oltre che punto di attrazione, il prosciugamento del lago di Villa Ada mette in allarme anche per la sorte degli animali: “La sopravvivenza della fauna che abita lo specchio lacustre, quindi pesci, uccelli acquatici e tartarughe, è a rischio sopravvivenza”. Continue reading

TOLTO L’ACCAMPAMENTO LUNGO LE MURA AURELIANE

mura aureliane 1Materassi e suppellettili adagiati a bordo strada, spostati lì dagli operatori Ama, in attesa di essere raccolti dai compattatori. Le pedane in legno, reti improvvisate su cui per settimane sono stati adagiati i giacigli di fortuna, sbriciolate dalle ruspe. Dodici migranti, ma anche cinque italiani, identificati e portati in via Patini per avviare le pratiche anticovid. Scene di uno sgombero a Roma, quello dell’accampamento di viale Pretoriano che da mesi aveva trasformato l’area all’ombra delle Mura Aureliane in un vero e proprio centro d’accoglienza a cielo aperto.  Simbolo dell’accoglienza che non c’è, RomaToday l’aveva raccontato in un servizio in cui mostrava come stranieri transitanti, braccianti rimasti senza lavoro ed anche italiani, dormivano lì in assenza di alternative.  Continue reading

STORIE DA MARCIAPIEDE: VIA NIBBY

VIA NIBBY

 

 

Il marciapiede di via Antonio Nibby, dalle parti di Villa Massimo, è un disastro. Al posto delle scarpe occorrerebbe avere dei carri armati. Qualcuno ironizza che però è pulito. Altri chiedono soccorso al Municipio. Ma la manutenzione, come si sa, spetta al Comune. Allora, Virginia, vediamo un po’…

PIAZZA ISTRIA: BAR CHIUSO E MULTATO PER ASSEMBRAMENTO

piazza istriaProseguono i controlli dei Carabinieri di Roma nei luoghi della movida, finalizzati alla prevenzione di eventuali fenomeni di illegalità e di degrado e alla verifica del rispetto delle prescrizioni dettate dalla normativa “anti-Covid”. Controlli sono scattati nella zona di piazza Istria dove i Carabinieri della Stazione Roma viale Eritrea hanno notato un assembramento di fronte ad un bar. Il gestore è stato sanzionato per 280 euro per la mancata regolamentazione dell’afflusso nell’area di vendita e il locale è stato chiuso per 2 giorni. Fonte: Romatoday

COVID 19: FAMIGLIA SARDA RESPINTA AL BIOPARCO

BIOPARCOUna famiglia proveniente da Sanluri, nella provincia del Sud Sardegna, a fine agosto è stata respinta all’ingresso del Bioparco di Roma in quanto proveniente dall’isola che negli ultimi tempi è al centro delle cronache per via del coronavirus. Lo racconta alla Nuova Sardegna Agostina Mancosu, che con il marito e i due figli ha provato a visitare il parco zoologico durante una vacanza nella capitale. “Eravamo in fila davanti alla biglietteria quando siamo stati avvisati da un inserviente che i tagliandi erano disponibili solo sul sito”, afferma Mancosu. “Quando un addetto del parco ha sentito il dialogo con l’inserviente, ha riconosciuto l’accento sardo e mi ha detto che avrebbe dovuto informare un superiore della nostra presenza. Continue reading

CORSO TRIESTE (E NON SOLO): A FORTE RISCHIO I PINI

corso_trieste-620x310A Roma sono a rischio 50mila pini comuni. La presenza della temuta cocciniglia tartaruga (Toumeyella parvicornis) specie aliena giunta nella Capitale nel 2018, sta facendo strage di alberi. Da Mostacciano  a corso Trieste gli aghi secchi stanno coprendo strade e marciapiedi, lasciando con sé una melata vischiosa che, a differenza della resina, è facilmente rimovibile. Ma su quel liquido appiccoso, rilasciato dalla coccignila, si crea una fumaggine scura che impedisce alle chiome di nutrirsi. E bloccando la fotosintesi, la pianta s’indebolisce, perdendo le proprie foglie. Continue reading

MOVIDA INCONTROLLATA A PIAZZA BOLOGNA

piazza bolognaSembra che non sia possibile controllare la movida a piazza Bologna. la foto è di stanotte, ma potrebbe essere una settimana fa o chissà quando. I giovani impazziscono e non vedono l’ora di uscire per bere, magari ubriacarsi, senza la protezione delle mascherine. La piazza è vicina alla zona universitaria nonché al quartiere di San Lorenzo, altra centrale di movida e di spaccio.

LA GALLERIA BORGHESE HA UNA NUOVA DIRETTRICE

CAPPELLETTIFrancesca Cappelletti è la nuova direttrice della Galleria Borghese. Professoressa ordinaria di Storia dell’Arte Moderna, Membro del Comitato scientifico della Galleria Borghese, Direttore scientifico della Fondazione Ermitage Italia. Di elevato livello scientifico formativo, vanta un’importante e pluriennale esperienza nella curatela di mostre in Italia e all’estero. Il Museo della Galleria Borghese custodisce ed espone in 20 sale affrescate una collezione di sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XIX secolo. Tra i capolavori della raccolta, il cui primo e più importante nucleo risale al collezionismo del cardinale Scipione (1579-1633), nipote di Papa Paolo V, ci sono opere di Caravaggio, Raffaello, Tiziano, Correggio, Antonello da Messina, Giovanni Bellini e le sculture di Gian Lorenzo Bernini e di Canova.

CONTRO I ROGHI TOSSICI ASSEMBLEA A PIAZZA VESCOVIO

LOCANDINA ROGHI“Studiare il metodo applicato alla Caffarella per adattarlo al nostro territorio”. È quanto faranno i membri del gruppo “Quartiere Trieste Salario, no roghi tossici!“. Giovedì 17 settembre alle ore 18 a piazza Vescovio  si terrà un’assemblea pubblica. Molti i temi di cui parlare. Il problema degli incendi resta attuale, tanto che nei giorni scorsi la presidente del II Municipio Francesca Del Bello ha scritto alla sindaca Raggi chiedendo una soluzione per evitare una calamità. Da via Dire Daua è partita una lettera per denunciare i fumi acri che rendono sempre più frequentemente l’aria irrespirabile a ridosso dell’Olimpica e della tangenziale Est. “Tra i punti che affronteremo ci sarà lo studio del metodo Caffarella”, spiega Valerio Ercolino, uno dei promotori del gruppo. Continue reading

PIAZZALE FLAMINIO: GRAVE EPISODIO ALLA FERROVIA ROMA NORD

STAZIONE DI PIAZZALE FLAMINIO“È salita sul treno ma appena messo piede sull’ultimo scalino le porte si sono chiuse e i gradini sono rientrati: così mia madre è rimasta appesa al vagone in movimento”. Con i piedi penzoloni nel vuoto, sostenuta solo dal braccio rimasto incastrato fra le porte. È l’esperienza choc di una settantenne in quel di piazzale Flaminio, capolinea della Ferrovia Roma Nord. La donna è rimasta per alcuni metri aggrappata alla carrozza del treno, tra urla e disperazione. All’interno del mezzo il panico dei pendolari con qualcuno a tentare di allargare la morsa delle porte con le mani. “Fortunatamente – racconta la figlia della malcapitata  – poco prima che il treno entrasse nella galleria mia madre è riuscita a tirare via il braccio e si è buttata. Non voleva rimanere schiacciata tra il vagone e il muro del tunnel”. Continue reading

SCUOLA, STOP & GO

scuola segnaleLa scuola riapre il 14 settembre ma il primo stop arriverà dopo appena pochi giorni per l’elezioni del 20 e 21 settembre: gli istituti che ospiteranno i seggi si trovaranno quindi a fronteggiare le chiusure disposte per la preparazioni delle urne e per lo spoglio delle schede. Ma la ripartenza si scontrerà con lo sciopero indetto dai sindacati di categoria per il 24 e 25 settembre. Una due giorni di sciopero che è destinata a creare non pochi problemi alle famiglie.