MUNICIPIO: IN VIA DIRE DAUA SOFFIA FORTE IL VENTO DI CRISI

del belloIn Municipio II non si ricuce lo strappo tra la presidente Francesca Del Bello e i quattro consiglieri del gruppo Civici, Radicali e Volt, parte della maggioranza di centrosinistra: così in via Dire Daua tira aria di tempesta. Quasi di crisi. Già, perché dopo la contestata elezione a vicepresidente dell’Aula del consigliere di Fratelli d’Italia, sostenuto da parte dei colleghi del Partito Democratico a discapito del candidato dei Civici, Radicali e Volt, tra la minisindaca e il gruppo che non nasconde di sentirsi ai margini non c’è stato alcun confronto. “Nonostante le nostre richieste e quasi un mese di tempo a disposizione con la presidente Del Bello non c’è stata alcuna possibilità di incontro: non si è discusso nè di scelte nè soprattutto di quelle tematiche che da tempo chiediamo, come gruppo parte di una coalizione che governa, che vengano PAOLO LECCESEaffrontate” – ha spiegato Paolo Leccese, capogruppo dei Civici, Radicali e Volt. Da qui i primi lampi di ribellione, con la minaccia nemmeno tanto velata di uscire dalla maggioranza. Oltre alla necessità di mettere in atto le delibere e le risoluzioni approvate dal Consiglio, il gruppo dei quattro in aria di insurrezione rivendica di aver prospettato tematiche come le libertà civili, a partire dalla necessità di predisporre sale per i funerali laici, gli orti urbani e le stazioni di posta, la cultura e le piazze aperte. Non da meno, reclamano dai loro scranni, l’elaborazione e la promozione, a livello municipale, di  proposte e soluzioni per problemi di rilevanza anche comunale come il trasporto pubblico, la gestione del ciclo dei rifiuti, l’accoglienza e l’integrazione, “la messa in campo di soluzioni alternative al proibizionismo delle delibere anti-alcool”, il sistema sanzionatorio in tema di regolamenti stradali e conferimento dei rifiuti. Continue reading

CALDO ESTIVO: GHIACCIOLI AGLI ANIMALI DEL BIOPARCO

BIOPARCOGhiaccioli agli animali del Bioparco di Roma. Il rimedio contro il caldo che ha investito la Capitale in questi giorni è sui generis, ma efficace. Tigri, mandrilli e coati hanno mangiato la frutta e la carne congelati che lo staff dello zoo ha servito loro. «Per raggiungere il cibo devono lavorare un po’ e gli fa bene», spiega Benedetta Pellegrini, senior zookeeper al Bioparco, spiegando che i benefici di un’alimentazione «sottozero» vanno ben oltre il refrigerio. Fonte: Corriere della Sera

“MADAME FURTO” IN AZIONE ALLA METRO FLAMINIO: ARRESTATA

Flaminio-Metropolitana_di_RomaEra stata accompagnata dai carabinieri nel carcere di Rebibbia, il 30 maggio scorso, per scontare la pena definitiva di 25 anni di reclusione. Ma dal momento che è incinta (per l’undicesima volta), la ormai celeberrima “madame furto” è riuscita a ottenere il beneficio del “differimento pena”, cioè a scontare la condanna dopo il parto. Approfittando della sua libertà, Vasvija Husic, 33enne bosniaca e borseggiatrice seriale, è tornata subito al “lavoro” in compagnia di tre complici e, come riporta l’agenzia Adnkronos, è stata nuovamente arrestata dai carabinieri dopo aver derubato una disabile in sedia a rotelle. Questa mattina i miliari, che erano in servizio indossando abiti civili, hanno riconosciuto la Husic mentre si aggirava in compagnia di tre “colleghe”, di 36, 22 e 14 anni, all’interno della metropolitana alla fermata Flaminio. Continue reading

GNAM, OPERE DI GIUSEPPE UNCINI IN FERRO E CEMENTO

gnam“Mio padre è nato artisticamente a Roma, frequentando i cantieri della città in costruzione negli anni Cinquanta e Sessanta. Questa mostra lo farebbe felice”. Marzio Uncini si commuove davanti all’antologica di Giuseppe Uncini (1929-2008) che Peppino Appella ha allestito alla Galleria nazionale d’arte moderna, quarta tappa della serie ” Realtà in equilibrio” da lui curata. E gnam 1Bruno Corà, chiamato a scrivere per il catalogo in uscita, insiste: ” Viene fuori finalmente la statura di Uncini che può stare accanto a Burri, Fontana, Melotti, Castellani Lo Savio. E la sua accademia a Roma sono stati, sì, i cantieri edili, con le casseformi e i ferri del mestiere”. Del resto, le superfici in cemento armato dell’artista marchigiano, introdotto nella capitale dal conterraneo gnam 2Edgardo Mannucci, avevano nel Dna la forza per conquistare la terza dimensione, la posizione eretta, la monumentalità dell’architettura. E punto focale della mostra (42 opere e 31 disegni, tutti della Galleria nazionale, dal 1961 al 2008) sono le scenografiche, mastodontiche strutture di Epistylium del 2004, davanti alle quali, come quinte teatrali, Appella ha esposto due sculture che gnam 3si sviluppano in alto, pilastri o grattacieli: ” L’architettura è il suo approdo, l’opera del futurista Mario Chiattone il suo inaspettato rispecchiamento “. La mostra si apre con tre lavori dei primi anni Sessanta in cui la materia è ancora la terra dell’Informale. Ma ecco che spuntano dal magma i segni neri di quelli che, di lì a pochissimo, e subito nella prima sala, saranno i tondini di ferro che sono l’anima del cemento armato e il segno inconfondibile della poetica di Uncini. Guardate però anche la sala delle Ombre o quella delle dimore. E scoprirete come questo maestro italiano abbia saputo guardare alla città moderna, ma anche riannodarsi all’architettura medievale di Giotto. Fonte: la Repubblica

DI NUOVO CHIUSI I GIARDINI DI VILLA MASSIMO

giardino di villa massimoI cancelli di Villa Massimo sono di nuovo chiusi. Lo storico giardino del quartiere nomentano, a due passi da piazza Bologna era stato riaperto in pompa magna lo scorso 15 maggio, alla presenza della sindaca Raggi, dopo ben sei anni. Tutto era iniziato il 14 gennaio 2013, in occasione di alcuni lavori di riqualificazione previsti per lo spazio verde: da allora Villa Massimo era rimasta chiusa, fino allo scorso 15 maggio appunto. Oggi, ad appena un mese dalla riapertura, ci si trova al punto di partenza, o quasi: il parco non è accessibile ai cittadini. Almeno non la mattina, stando alle testimonianze di alcuni cittadini (sabato e domenica è rimasto praticamente sempre chiuso). Le operazioni di apertura e di chiusura dei cancelli sono gestite dall’associazione Carabinieri in congedo martiri di Nassirya, che però si è detta non disponibile a continuare a causa di un contenzioso con il Comune. Volontari senza rimborsi e, come conseguenza, villa chiusa. L’assessore all’ambiente del secondo Municipio, Rino Fabiano, ha chiesto al Comune la convocazione di una commissione urgente per stabilire chiaramente le mansioni istituzionali e le competenze riguardo la cura e la tutela del parco. Continue reading

QUEL DELITTACCIO BRUTTO DI PONTE MATTEOTTI

MARGARETELa sua vita era finita in un tunnel, che non era soltanto quello metaforico e fin troppo abusato della droga che ti strappa via l’anima e la dignità, rendendoti schiava di un bisogno quotidiano e rassegnata a subire qualsiasi umiliazione, 30 euro per un rapporto sessuale, in piedi contro un muro, o in macchina, e se il cliente non sta ai patti anche meno, una manciata di spiccioli. No, il tunnel nel quale era finita era reale, concreto. Lurido, puzzolente. Abitato da zombie barcollanti tra bottiglie di birra e indumenti raccattati nei cassonetti. Lei, così bella e corteggiata ai tempi del liceo, scappata da una villa traboccante di fiori, come era potuta sprofondare nell’abisso? Possibile che nessuno le avesse teso la mano? Domande tardive, purtroppo. In quel passaggio pedonale sotto ponte Matteotti – spaventoso slum nelle viscere della Roma monumentale – Margarete Wilfling, austriaca di 36 anni, fuggita da casa per ritrovare le sue radici, fu soffocata premendole qualcosa in bocca e trafitta da una decina di coltellate alla testa e al petto. Accadeva nelle prime ore del 17 marzo 2001, un venerdì di quaresima, quando l’alba non era ancora spuntata sulla Roma tirata a lucido (solo in superficie, evidentemente) per le celebrazioni appena concluse del Grande Giubileo. Continue reading

PIAZZA VERBANO NEL 1924. E QUELLA BAMBINA…

PIAZZA VERBANOPiazza Verbano nel 1924. I palazzi non sono stati ancora costruiti. Al centro un palo e intorno girano i tram. La bambina della foto diventerà la scrittrice e poetessa Ornella Angeloni Accatino. Nata da una famiglia della borghesia romana nel 1921, Ornella si diploma giovanissima in pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia e si laurea in Lingue, iniziando a collaborare con riviste letterarie e testate editoriali. Si distingue subito per una ricca produzione di novelle e per un romanzo “Una linea sulla montagna” che ottiene una lusinghiera recensione sul Il Popolo d’Italia di Massimo Bontempelli che le apre le porte del mondo letterario romano. Inizia a collaborare a La Fiera Letteraria e al settimanale Vita. La qualità della sua scrittura si rivela nell’opera poetica che l’Angeloni coltiverà per oltre 40 anni, caratterizzandosi per uno stile assolutamente personale che riprende ed evolve le poetiche ermetiche, miscelando le visioni della grande letteratura mistica con la sensualità dei lirici greci. Premio Roma per la poesia nel 1991. Tra le ultime opere “Cerchi d’acqua” e “Mosaico di Sassi”. Tra i suoi maggiori estimatori il critico e poeta Ferruccio Ulivi, che ha dedicato alla sua opera numerosi scritti critici. Scompare nel 2005. Foto: Alfredo Accatino

LARGO VESSELLA: PULISCONO I RESIDENTI, ARMATI DI SCOPA

largo vessellalargo vessella 2Si sono dati appuntamento a largo Vessella, nel quartiere Salario, armati di scope e palette, esasperati dalla sporcizia in strada nella zona vicina a viale Somalia. Sono i volontari del Comitato Catalani Vessella, che in un volantino hanno spiegato le ragioni della loro scesa in campo. “Tutti noi” scrivono “ci siamo accorti che il servizio dell’Ama di ritiro dei rifiuti nei cassonetti da molti giorni è peggiorato e a questo si aggiunge l’atavica assenza di spazzini. Abbiamo sollecitato più volte un incontro con il dirigente di zona ma non c’è stata disponibilità. A questo punto abbiamo deciso di effettuare una pulizia straordinaria delle nostre vie. Contiamo sulla partecipazione di tutti per dare un segnale forte alle istituzioni”. Fonte: la Repubblica

IL MAXXI PER LA GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

maxresdefaultLa sera di giovedì 20 giugno, alle 20:30, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, la piazza del Maxxi ospiterà la proiezione – organizzata da National Geographic in collaborazione con Maxxi e Unhcr e preceduta da un talk introduttivo – del documentario “Where are you? Dimmi dove sei”, prodotto da Doclab per National Geographic con la regia di Jesùs Garcès Lambert. Il documentario prende spunto dalla foto scattata da Massimo Sestini nell’estate del 2014, nelle acque internazionali tra Libia e Sicilia, da un elicottero della Marina Militare italiana, una straordinaria immagine zenitale di un barcone carico di migranti che è diventata il simbolo della crisi migratoria nel Mediterraneo. Continue reading

PORTA PIA: RIAPRE IL MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI

MUSEO BERSAGLIERIUn gioiello della storia e della memoria risorgimentale e splendido edificio architettonico cinquecentesco è nuovamente fruibile ai visitatori. Per i Bersaglieri la riapertura del loro Museo Storico è un altro tassello importante nel mosaico delle celebrazioni che hanno in programma per il prossimo anno per la ricorrenza dei 150 anni della “Breccia di Porta Pia”. Continue reading

VIALE POLA: LUISS, PRESENTATO UN LIBRO SULLE BANCHE

LUCCHINI E ZOPPINIPer molti dei presenti si è trattato di un ritorno a casa: i laureati Luiss, nessuno escluso, una volta entrati nella Sala delle Colonne non possono fare a meno di riavvolgere il nastro della memoria universitaria. È accaduto in viale Pola anche a Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer di Intesa SanPaolo, autore del volume «Vigilare le banche in Europa» (Passigli Editore) con Andrea Zoppini, professore di Diritto civile del dipartimento di Giurisprudenza di Roma Tre (studi a Cambridge e a Heidelberg). Il sottotitolo «Chi controlla il controllore?» è da subito scelto per diventare il filo conduttore della conversazione, moderata da Stefano Plateroti. Continue reading

LE SCUOLE DEL SECONDO MUNICIPIO SI RIFANNO IL LOOK

asilo_pollicinaLe scuole vanno in vacanza, ma nel II Municipio si rifanno il look. Circa 4 milioni di euro, tra fondi comunali e regionali, vengono investiti in questi mesi per la riqualificazione di 18 plessi. Un’operazione organica che va dagli interventi di adeguamento alla normativa antincendio, alla rimozione dell’amianto, fino alla messa in sicurezza dei giardini e MONDO INCANTATOall’ammodernamento delle aree sportive scolastiche. «Un lavoro di squadra che rende possibile la più vasta riqualificazione delle scuole del territorio degli ultimi anni», dichiarano la presidente del Municipio Francesca del Bello e l’assessore alla Scuola Emanuele Gisci. «Una scelta che vuole dare priorità al luogo più importante della nostra società, quello in cui crescono i bambini e diventano SCUOLA FALCONE BORSELLINOadulti, puntando sulla sicurezza delle strutture ma anche sulla riqualificazione o la nascita di spazi per lo sport e attività didattiche innovative». Al via in contemporanea alcuni cantieri a partire da lunedì 17 giugno per i lavori che riguardano scuole di vari ordini e grado: sono 12 SCUOLA PRINCIPESSA MAFALDAle opere di adeguamento alla normativa antincendio tra cui tutti i nidi del territorio (Grillo Jo, Lucignolo e Pinocchio, L’Arca, Mondo Incantato, Piccolo Pinocchio, Pollicina, Peter Pan, Mirò, Villa Ada). Gli interventi riguardano una nuova compartimentazione degli spazi con solai o pavimentazioni che hanno specifiche caratteristiche di resistenza al fuoco, l’aggiornamento degli impianti idrico ed elettrico, l’installazione di porte e maniglioni antipatico e della segnaletica di sicurezza. Le altre scuole dove saranno completati i lavori per l’acquisizione della certificazione antincendio sono: la Falcone e Borsellino, con la realizzazione della scala esterna e la messa in sicurezza di aule oggi in disuso che saranno a disposizione per laboratori polifunzionali di ultima generazione. Continue reading

VIA ISONZO: QUANDO LOTTI FU COINVOLTO NELLA VICENDA CONSIP

Sede_Consip_Roma_via_IsonzoLuca Lotti si autosospende dal Partito democratico. Il suo congedo, probabilmente temporaneo, è stato annunciato con una lettera al segretario Nicola Zingaretti. Le intercettazioni della Procura di Perugia lo hanno «incastrato» mentre cerca di veicolare le nomine di magistrati negli uffici giudiziari più importanti d’Italia. Una ipotesi per la quale non risulta indagato, anche se gli atti della Guardia di finanza parlano di illecito. Lui, braccio destro di Matteo Renzi, è sotto processo nel caso Consip (che ha sede in via Isonzo): ecco perché sembra quantomeno strano il suo interessamento per la nomina del nuovo procuratore di Roma. Continue reading

SPOSTATO AL 25 GIUGNO LO SCIOPERO DEI TRASPORTI A ROMA

SCIOPERO BUSGiovedì 20 giugno niente sciopero a Roma. È stata infatti differita a martedì 25 giugno la protesta indetta dai sindacati Usb e Orsa. Giovedì 20 giugno è previsto infatti l’arrivo nella Capitale degli aspiranti 54.000 navigator (figura prevista nell’attuazione del reddito di cittadinanza, ndr) per il concorso che si terrà alla Nuova Fiera di Roma. Il prefetto Gerarda Pantalone ha così imposto il differimento dello sciopero per permettere ai candidati di raggiungere senza problemi il luogo della prova.  Fonte: Romatoday