DAL 27 LUGLIO AL 12 AGOSTO LAVORI IN CORSO A TOR DI QUINTO

lavori_in_corsoChiuso per lavori un tratto di viale di Tor di Quinto da domani, 27 luglio, fino all’11 agosto. Il segmento interessato va da via del Foro Italico, in prossimità della rampa in direzione via Salaria, fino a via Pietro Lupi (corso Francia), in direzione ponte Milvio. Il cantiere si rende necessario per poter effettuare gli interventi per la sostituzione di un cavo dell’alta tensione. Lo comunica in una nota l’Agenzia per la Mobilità. Per i veicoli provenienti dalla Tangenziale e diretti a ponte Milvio, si consiglia, come percorso alternativo, di imboccare l’uscita Campi Sportivi. Ecco le modifiche alla viabilità in dettaglio. Per chi percorre viale di Tor di Quinto diretto a corso Francia/ponte Milvio, obbligo di svolta a destra in prossimità della rampa per via del Foro Italico in direzione via Salaria. Su via delle Fornaci di Tor di Quinto, direzione obbligatoria a destra all’incrocio con viale di Tor di Quinto. Su via del Foro Italico, carreggiata direzione via Salaria, direzione obbligatoria diritto in prossimità della rampa che porta su viale di Tor di Quinto direzione Ponte Milvio.

UN MURALE RICORDA FALCONE E BORSELLINO A PIAZZA BOLOGNA

murales_borsellino_falcone-620x310Una cerimonia con deposizione di una corona in memoria di Paolo Borsellino, il giudice morto nella strage di via D’Amelio il 19 luglio del 1992. Si è tenuta ieri in piazza Bologna ed ha visto la partecipazione dei  giovani del II Municipio di Roma Capitale, gli studenti di “Sapienza in movimento”, la  presidente del Municipio II, Francesca Del Bello, l’assessore alla Memoria, Lucrezia Colmayer e la  consigliera pentastellata  Gemma Guerrini, che hanno ricordato i giudici Falcone e Borsellino davanti la meridiana di piazza Bologna. Svelato anche il murales realizzato dall’artista Gojo che raffigura i due magistrati. Fonte: MunicipioRoma

E A VILLA ADA TOCCA AI MATMOS

villa-ada-2017-matmosMatmos è il sorprendente duo elettronico formato a San Francisco a metà degli anni 90 da M.C. Schmidt e Drew Daniel. Il loro è stato sin dall’inizio un coerente e progressivo studio sonoro sull’uso di suoni organici, una vera e propria ‘musique concrète’ in versione pop, unita a matrici ritmiche radicate nel pop elettronico. Una ricerca originale e coraggiosa, che li ha portati ad essere considerati riconosciuti maestri nell’uso delle più bizzarre fonti sonore, come pagine di libri, fischi, baci, fiori, umori organici, interventi chirurgici, microfoni a contatto sul corpo, insetti, o di qualsiasi oggetto, animale, persona od azione possa produrre un suono utile, per poi manipolarlo fino ad ottenerne forme e melodie di sorprendente fruibilità, a cui spesso vengono sovrapposti strumenti musicali tradizionalmente intesi. Stasera, alle 21:30 al laghetto di Villa Ada per “Roma incontra il mondo”.

SAN LORENZO: LE COMMEMORAZIONI PER IL BOMBARDAMENTO DEL ’43

SAN LORENZO DOPO IL BOMBARDAMENTOAl Verano, nel cimitero monumentale capitolino, per celebrare la necessità e il monito memoria, per ricordare il bombardamento del quartiere San Lorenzo 74 anni dopo la tragedia del 19 luglio 1943. Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con il Municipio II, ha programmato una serie di eventi in ricordo di quanto avvenne quel giorno nel cuore della città. Aperto eccezionalmente da oggi a mercoledì 19 luglio, dalle 9 alle 18, il Centro di Documentazione dei Cimiteri Storici, allestito presso l’ingresso monumentale del cimitero del Verano. Le visite guidate, dal titolo La pietra ferita. Percorso nella storia e nell’arte, sono previste  oggi alle 17.30 e il 19 luglio alle 16.30. Il 19 luglio gli appuntamenti proseguono con un concerto della Banda del Corpo della Polizia Locale, alle 17.45 all’ingresso del camposanto. In programma anche alcune proiezioni di film e documentari, con la rassegna 19 Luglio del ’43 al Centro di Documentazione dei Cimiteri Storici. Ecco i titoli in proiezione: 19 luglio 1943: San Lorenzo, di Luigi Zampa, BOMBARDAMENTO SAN LORENZOfilmato del 1983 sulle testimonianze degli abitanti del quartiere sul bombardamento di San Lorenzo, concesso dall’Archivio Rai Teche; Bombardamento di Roma, filmato sul bombardamento del 19 luglio 1943 dell’Archivio Storico dell’Istituto Luce; Sotto i sacchi di sabbia di Carlo Capriata, documentario Incom, Industria corti metraggi Milano, e Protezione antiaerea, filmati sulla protezione antiaerea dei principali monumenti e delle opere d’arte d’Italia e di Roma, concessi dall’Archivio Storico dell’Istituto Luce. Infine Tra due nemici. La memoria della seconda guerra mondiale nei monti Aurunci di Marco Marcotulli, un film etnografico che documenta i modi con i quali, tutt’oggi, questa memoria è elaborata dalle popolazioni locali in forme artistiche, espressive, narrative, nei monumenti e nelle collezioni. Un culto diffuso in tutto il territorio soprattutto attraverso la pietra. Statue, lapidi, san lorenzo dopo il bombardamentocimiteri, sacrari militari e siti in montagna incorporano dunque e conservano la memoria e la storia. Nel Centro di Documentazione è inoltre possibile visionare il Catalogo informatizzato del patrimonio culturale, storico e artistico del Cimitero del Verano, con  più di ottomila schede di monumenti funerari, oltre a materiali didattici su temi urbanistici, storico-artistici, iconografici, storici e antropologici. E ci sono riproduzioni fotografiche dei primi anni del Novecento tratte dal volume dell’architetto Corrado Cianferoni, la mostra fotografica permanente di Anna Forcella e gli articoli sul bombardamento di San Lorenzo. Nel Portico Monumentale e all’ingresso del Quadriportico, grazie a una serie di interventi di restauro promossi dalla Sovrintendenza Capitolina, è possibile ammirare la Lapide fatta realizzare da Pio IX alla fine dei lavori da lui commissionati, collocata sulla parete esterna del braccio destro. Aveva in origine una gemella posta sul lato opposto che fu distrutta nel bombardamento. Altri interventi hanno riguardato il monumento all’architetto del Verano Virginio Vespignani, le lapidi dedicate a Paolo Mercuri, Luigi Santarelli e Francesco Vespignani, il monumento funebre del pittore Tommaso Minardi, autore della pala d’altare della Chiesa della Pia Unione del cimitero e, infine, i recenti interventi ai monumenti di Goffredo Mameli e della poetessa ed educatrice Erminia Fuà Fusinato.

E NEK SBARCA ALLA CAVEA DELL’AUDITORIUM

NekMentre il suo nuovo singolo “Differente” è tra i brani più trasmessi dalle radio italiane, Filippo Nek Neviani annuncia l’atteso tour estivo che prende il nome dal suo ultimo album di inediti “Unici” e che lo vedrà fare tappa in alcune delle location più prestigiose e suggestive d’Italia. Sul palco della Cavea dell’Auditorium Nek, con la sua straordinaria energia, regalerà stasera al pubblico le note degli indimenticabili successi della sua carriera e i brani del suo nuovo album. Prodotto dallo stesso Nek e da Luca Chiaravalli, “Unici” è il tredicesimo album di inediti dell’artista, uscito a quasi due anni di distanza dal precedente “Prima di Parlare”.  Questo nuovo lavoro contiene 11 brani: Unici; Differente; Questo so di me; Freud (featuring J-Ax); Uno di questi giorni; Mia; Il giardino dell’Eden; La mia terra; Quando era ora; In braccio; Futuro 2.0.

PIAZZA BOLOGNA, QUANDO L’ARTE INTERAGISCE CON I LUOGHI

Piazza Bologna, crocevia di numerose strade e punto focale del quartiere Nomentano, ricopre una posizione centrale, circondata da edifici di diverse epoche dove transita la metropolitana B che unisce il nord-est con il sud di Roma. Proprio qui, nel giardino della MARIA PIA PICOZZApiazza, le artiste romane Francesca Checchi e Maria Pia Picozza hanno chiacchierato, preso appunti e raccolto disegni e schizzi osservando le centinaia di persone che lo attraversano, tra passeggiatori distratti, bambini, anziani e persone di tante culture. Eterotopia è il titolo che le due artiste hanno dato al loro intervento pubblico e prende spunto dal termine coniato dal filosofo francese Michel Foucault, secondo il quale i luoghi reali, riscontrabili in ogni cultura di ogni tempo sono strutturati come spazi definiti, ma “assolutamente differenti” da tutti gli altri spazi sociali. Continue reading

STORIA DELLE CATACOMBE DI PRISCILLA

Priscilla è uno degli esempi più antichi di complessi catacombali a Roma, con nuclei che risalgono anche al II sec. d.C. e sono estese, su vari livelli, sotto Villa Ada e gran parte del quartiere Trieste. Oggi l’ingresso è nel palazzetto delle monache benedettine, in via Salaria 439, che curano la custodia e le visite ai tesori sotterranei. Priscilla era una nobildonna romana, clarissima foemina (ossia moglie di un senatore) della famiglia degli Acilii Glabriones, famiglia imparentata con la famiglia imperiale, che protesse i primi cristiani accogliendoli nelle cave di tufo scavate sotto la sua villa. Originata da vari nuclei indipendenti, la catacomba divenne in seguito un unico complesso costituito da un area sopra terra con tombe, oratori, almeno due basiliche e da una vasta area sotterranea. Il nucleo più antico delle catacombe, la regione nota come il Criptoportico, è l’ipogeo gentilizio della villa degli Acilii del I secolo d.C. che comprendeva una vasta parte di territorio che costeggiava questo tratto della via Salaria (piazza Acilia, deriva il suo nome da tali possedimenti). Continue reading

CAVEA AUDITORIUM/1. E STASERA, SUL PALCO, THE LUMINEERS

the-lumineersIl sound coinvolgente dei The Lumineers ha scalato le classifiche mondiali conquistando milioni di fan. Il secondo album della band, Cleopatra, anticipato dal singolo Ophelia, ha raggiunto in pochissimo tempo il primo posto nelle classifiche americane ed europee. A quattro anni di distanza dal disco che li ha consacrati, la band  torna sulla scena musicale (stasera all’Auditorium) con  un album  capace di dimostrare come Schultz e Fraites – insieme alla violoncellista e cantante Neyla Pekarek – non abbiano dato la loro fortuna per scontato, né si siano seduti sugli allori. Recentemente la band ha registrato un doppio sold out al Madison Square Garden, ed è stata scelta dagli U2 come ospite del loro tour americano. Solo nel nostro paese la band ha registrato ben quattro sold out, collezionando un successo dietro l’altro in tutto il mondo.

VIALE POLA: GRAN BALLO DI FINE ANNO ALLA LUISS

LUISSGli abiti lunghi, le star dei talent show e le eccellenze italiane, dalla moda alla gastronomia, sono stati i protagonisti della nona edizione del Gran Ballo Luiss. Non una semplice festa di fine anno per gli studenti del campus universitario di viale Pola nel quartiere Parioli, ma una vera e propria vetrina del made in Italy. Così l’hanno ideata e voluta il vice presidente esecutivo Luigi Serra e il direttore generale Giovanni Lo Storto: «Un modo per festeggiare la chiusura delle lezioni e delle sessioni d’esame prima di salutarci per le vacanze estive – hanno commentato – che da quasi dieci anni trasformiamo in un’occasione per i nostri studenti di entrare in contatto con dei luiss-2modelli da seguire sia nel campo imprenditoriale che artistico». Tra gli ospiti lo stilista Brunello Cucinelli, l’artigiano dei cappelli Giuliano De Minicis con la Bottega del Cappellaio Matto di Montottone e il mastro cartaio Sandro Tiberi con le sue creazioni di carta. Dal mondo dello spettacolo Alice Bellagamba, Antonio Palmese, Mirkoilcane vincitore dell’ultima edizione di Musicultura, Andreas Müller trionfatore dell’edizione 2017 di «Amici», Giacomo Eva reduce da X-Factor, la violinista H.E.R., l’orchestra di Mirko Direttori e la Ciao Rino Band. Poi gli chef e i campioni della nostra tradizione culinaria: da Peppe Zullo, «il cuoco contadino», alla pizza acrobatica napoletana di Pino Arletto e i cannoli di Eugenio Marrone, vincitore del Gelato Festival 2016 che ha svelato agli studenti i segreti della mantecazione del gelato. Continue reading

GLOBE THEATRE, IL RITORNO (A GRANDE RICHIESTA) DI GIGI PROIETTI

PROIETTIDopo il successo della passata edizione, a grande richiesta, torna al Silvano Toti Globe Theatre lo spettacolo adattato e diretto da Gigi Proietti “Edmund Kean” (7 – 16 luglio ore 21.15). Il direttore artistico torna nuovamente a vestire i panni del grande attore inglese dell’ottocento nel testo che Raymond FitzSimons scrisse per Ben Kingsley. Il camerino diventa lo sfondo di una rappresentazione istrionica in cui Kean/Proietti si diletta nell’interpretare, tra un gesto e l’altro, brani tratti dalle opere di Shakespeare passando in rassegna avventure e sventure, successo e decadenza dell’interprete britannico. Lunedì 10 luglio tornano in scena i  “Sonetti d’amore”, regia di Melania Giglio mentre  giovedì 13 luglio va in scena  “Playing Shakespeare”, regia di Loredana Scaramella.

DOMANI TRASPORTO PUBBLICO A RISCHIO

SCIOPERO BUSA Roma giovedì 6 luglio trasporto pubblico a rischio per gli scioperi nazionali proclamati dai sindacati Sul, Usb e Faisa Confail. L’agitazione indetta dal Sul sarà di 24 ore, mentre quelle dell’Usb e della Confail saranno di 4 (rispettivamente dalle 11 alle 15 e dalle 8.30 alle 12.30). Per quanto riguarda la protesta di 24 ore saranno in vigore le due fasce di garanzia in cui il servizio funzionerà regolarmente: fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Le astensioni dal lavoro riguarderanno la rete Atac (bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-Centocelle) e i bus periferici gestiti dalla Roma Tpl.