CAVEA DELL’AUDITORIUM, LEZIONI DI ROCK: I BEATLES

LEZIONI DI ROCKOggi, ore 21, alla Cavea dell’Auditorium, “Lezioni di Rock – Beatles 1970. Ultimo Atto”, a cura di Ernesto Assante e Gino Castaldo. Il 1970 è stato l’ultimo anno dei Beatles, l’ultimo di dieci anni tumultuosi e avvincenti, rivoluzionari e bellissimi, carichi di innovazione, di poesia, di bellezza e di amore. L’anno di pubblicazione dell’ “ultimo album”, Let it be, che però era stato anticipato dall’uscita dell’ “ultimo album”, ovvero Abbey Road. Ma anche l’anno del nuovo inizio, delle avventure soliste di tutti e quattro, da Ringo a Paul, da George a John. Un anno ricco di grandissima musica e di bellissime canzoni. Che Ernesto Assante e Gino Castaldo vi racconteranno, tra aneddoti, video, memorie e canzoni.

“SANTE STORIE”, TANTE STORIE: UN LIBRO DA LEGGERE

COVEREnrico Galantini, da bambino, voleva diventare santo, o almeno missionario, ma per una questione di coerenza fattagli notare dalla madre, ha deciso di seguire altre vie fino al giorno in cui si è ricordato di questa sua infantile vocazione e ha deciso di scrivere un libro sui santi. La via della scrittura, infatti, è quella che egli ha percorso nella sua vita – al posto della più accidentata che conduce alla santità, – facendo il giornalista e riversando in questa professione le sue infinite, mai banali e sempre approfondite, curiosità. Io lo ho avuto come collega (che mi ha aperto la strada della redazione del giornale sindacale nella quale era approdato dopo aver lasciato un comodo posto nell’ufficio stampa di una grande azienda) e l’ho sempre considerato il “migliore”, perché capace di coprire ogni ruolo redazionale e soprattutto provvisto dell’intuito della notizia e del dono della sintesi che i giornalisti credono tutti di avere, ma non sempre è così. Non mi sorprende, perciò, questo suo libro fatto di una serie di ritratti, rigorosamente e senza eccezioni di 2.500 battute, di “persone non comuni” (come uno assurto agli onori dell’altare indubbiamente deve essere) nel quale egli condensa una testimonianza del santo prescelto pronunciata in prima persona (come si fa tante volte quando si scrive un “medaglione”). Continue reading

INTERVENTI DI RECUPERO DI SPAZIO PUBBLICO NEL MUNICIPIO

108952383_3453352328028408_7858966373111847735_n107823853_3453352521361722_580089314464942892_nScrive Rino Fabiano, assessore all’Ambiente Verde e Sport Municipio II: “Oggi segnaliamo due diversi interventi che hanno recuperato due spazi pubblici del nostro territorio. Il primo eseguito dalla ridda del verde decentrato del 107704366_3453352651361709_3490788678526417007_n108850402_3453352818028359_7003376373437024739_nMunicipio e l’altro dalle squadre di Zona di Ama. In entrambi i lavori si è proceduto al recupero di un uso pubblico degli spazi e ripristinato la sicurezza stradale e dei pedoni che le attraversano”.

LA CASA DEL CINEMA RICORDA ENNIO MORRICONE

L'INTERVISTASabato 11 luglio alle 21:30, in occasione dell’avvio della rassegna di Caleidoscopio Cinecittà in Luce, la regolare programmazione dell’arena estiva della Casa del Cinema sarà preceduta da un omaggio al Maestro Ennio Morricone. Un saluto al grande musicista, nel luogo del cinema per antonomasia a Roma, reso possibile dall’impegno di Istituto Luce – Cinecittà.  A precedere il film-documento Crazy for football di Volfango De Biasi e Francesco Trenta sarà infatti proiettata l’intervista confidenziale realizzata da Mario Canale e proveniente dall’Archivio Luce. Sono venti minuti di racconti, ricordi, passioni che Ennio Morricone regala, anche oggi, a tutti quanti l’hanno amato lungo una sodalizio con il cinema durato quasi 60 anni.

PALATIZIANO NEL DEGRADO: CHIUSO NEL 2018, LAVORI MAI INIZIATI

palatiziano_degradoIl progetto di riqualificazione è parziale, quindi si deve ripartire da capo considerando che il sistema elettrico va rifatto completamente. La suddivisione del bando in due lotti è uno sbaglio perché fa spendere di più e potrebbe creare problemi di sicurezza agli operai, la gara per i lavori, perciò, va unita in un unico lotto e riscritta. Continue reading

FONTANA DELLE RANE A PIAZZA MINCIO: UN PARERE SUI LAVORI

FONTANA DELLE RANEScrive il Tavolo per la Qualità Secondo Municipio: “Fontana delle Rane a Piazza Mincio: e pensare che c’è chi diceva ‘Lasciamoli lavorare magari qualche giorno in più pur di avere un risultato ottimale…’. Ecco, chi lo pensava non sa nulla del funzionamento della nostra Pubblica amministrazione e soprattutto perché non c’è alcuno che paghi per aver “bucato” di mesi (anche al netto Covid) i tempi di consegna (che ricordiamolo dovevano essere a febbraio 2019!). Se poi, si va ad approfondire, il solito scaricabile…Vero Mibact arch. Francesco Prosperetti, arch. Marina Piranomonte, arch. Antonella Neri? Vero Municipio II, ing. Luciano Belardi (all’epoca), ma anche presidente Francesca Del Bello? Vero dr.Claudio Parisi Presicce (direttore di cantiere)? Vero ing. Antonio Fatello (direttore direzione Interventi Edilizia Monumentale Roma Capitale) cercato inutilmente al telefono? Vero arch. Carla Buonomini (responsabile del procedimento e progettista)? Vero Marinella Casciola? Vero arch. Giorgio Sistopaoli (direttore dei lavori)? Vero arch. Pietro Picalarga (direttore di cantiere)? Eserciti di persone (per lo più pagati dai contribuenti e ci siamo sicuramente dimenticati qualcuno), per avere questi risultati (si fa per dire) e senza neanche un cartello di spiegazione. Inaccettabile”.

DIBATTITO ONLINE: “RIPENSARE UN PROGETTO PER ROMA”

Dipartimento Dicea della Facoltà di IngegneriaMartedì 14 luglio, dalle 18 alle 20, “Ripensare un progetto per Roma”, presentazione del libro e-book “Trasformare i territori e fare comune a Roma”, curato da Comune-info in collaborazione con Dipartimento Dicea della Facoltà di Ingegneria La Sapienza:  interveranno gli autori (tra i quali anche Anna Maria Bianchi di Carteinregola). L’incontro online potrà essere seguito tramite la piattaforma zoom al link: https://us02web.zoom.us/j/84743456278

POLIAMBULATORIO A PIAZZA ISTRIA ANCHE IL SABATO E LA DOMENICA

A piazza Istria 2 (scala sx, interno 4) opera la Cooperativa Sociale Romamed, formata da medici di famiglia. A questa struttura possono rivolgersi gratuitamente tutti i pazienti del Municipio e non, in caso di necessità, dalle ore 8 alle ore 20, tutti i giorni. Lo studio medico, al quale aderiscono più di 50 medici, è aperto a tutti anche sabato, domenica, festivi e prefestivi, come vero e proprio pronto soccorso. E’ presente in studio anche PIAZZA ISTRIA 2personale infermieristico di supporto e sono erogabili le seguenti prestazioni sanitarie: prestazioni mediche di base, prestazioni per situazioni di urgenza soggettiva o per situazioni che dovrebbero essere valutate dal medico di famiglia, medicazione di ferite superficiali, rimozione punti di sutura, fleboclisi (compatibilmente con gli orari), terapie iniettive (per cui si è rilevata al momento la necessità o, per la continuità terapeutica, per cui ha fatto richiesta il medico curante), terapie iniettive intramuscolari, lavaggi vescicali, controlli della pressione, istruzione sulla gestione e controllo di stomie/ glicemia/ insulina/ ulcere/cateteri vescicali, medicazioni e bendaggi, antitetanica e vaccinazioni. Tel. 06 86329969.

VIA GIUBA, L’OMICIDIO DEL GIUDICE OCCORSIO: ERA IL 10 LUGLIO 1976

l'attentato al giudice occorsioVittorio Occorsio è stato un magistrato italiano, vittima del terrorismo di estrema destra negli anni di piombo. Aveva partecipato al processo per la Strage di piazza Fontana e ai processi e al movimento terroristico di ispirazione neofascista Ordine Nuovo. Frequentò gli studi classici presso il liceo Giulio Cesare per poi laurearsi in giurisprudenza. Dopo l’esplosione dell’ordigno in Piazza Fontana, il 12 dicembre 1969, in qualità di sostituto procuratore si occupò del primo interrogatorio di Pietro Valpreda, contestandogli l’omicidio di quattordici persone e il ferimento di altre ottanta. Nell’aprile del 1976 fu il primo magistrato a occuparsi della loggia massonica segreta denominata loggia P2 e a indagare sui rapporti tra terrorismo neofascista, massoneria e apparati deviati del Sifar. In precedenza si era occupato anche del golpe Borghese. Fu ucciso da Pierluigi Concutelli a Roma la mattina del 10 luglio 1976, colpito da colpi di mitra mentre si recava in ufficio con la sua auto, una Fiat 125 special, all’incrocio tra via Mogadiscio e via Giuba, nel quartiere Trieste, a poche decine di metri da casa sua.

LUNGOTEVERE FLAMINIO, SI GIOCA LA COPPA DEI CANOTTIERI

Canottieri_LazioIn bilico fino all’ultimo ma il Coronavirus non ferma la Coppa dei Canottieri, lo storico torneo nato nel 1965 su idea dell’icona del Circolo Canottieri Lazio (lungotevere Flaminio 25A, ndr), Gustavo ‘Babbo’ Valiani. L’ordinanza regionale del 2 luglio ha dato il via libera così la Coppa dei Canottieri sarà uno dei primi tornei a ripartire dopo il lockdown. Venti squadre, cinque circoli storici in gara per  aggiudicarsi il trofeo più ambito dell’anno. “L’edizione di quest’anno è unica nel suo genere. Lo stop iniziale ci aveva sconfortati ma non abbiamo mai mollato, quando la Regione Lazio ha dato l’ok ci siamo rimboccati le maniche e fatto in modo che la macchina organizzativa potesse ripartire nonostante il poco preavviso. Continue reading

L’ERBORISTERIA SERENDIPITY DI VIA ISONZO HA COMPIUTO 6 ANNI

 IL COMPLEANNO DELLO SCORSO ANNOIn questi giorni Serendipity, l’erboristeria di via Isonzo, ha compiuto sei anni di attività. Le titolari, Emanuela e Valentina, si sono conosciute per caso nelle aule dell’Università La Sapienza, poi si sono ritrovate a lavorare insieme in una storica erboristeria romana: è stata la scintilla che ha acceso la passione che ha dato vita al negozio attuale. Visitando il sito internet di Serendipity avrete l’opportunità di conoscere meglio gli ottimi prodotti e di fare un acquisto di sicura soddisfazione. Inoltre Valentina, come naturopata, esegue consulenze per favorire il mantenimento della salute e benessere della persona. Tel: 351 8650617.

VIA SALARIA, MUSTAFÀ È TORNATO

MUSTAFA-ALIMustafà è tornato. Dopo qualche tempo, eccolo lì accanto al muretto del palazzo di via Salaria che fa angolo con via Savoia. E grazie a lui sulla grata, quando non piove, crescono tantissimi fiori di carta. Mustafà Alì, rifugiato politico egiziano, oppositore di Mubarak, fuggito dal suo paese è arrivato in Italia nel 1992. Deve essere di animo gentile Mustafà, se ha pensato, lui che nella vita faceva proprio il giardiniere, di coltivare fiori un po’ così, fatti con sapienza e maestria dalle sue mani esperte. C’è da vederle quelle rose, destinate a non appassire: si possono prendere con qualche euro, per un cadeau improvvisato o per dare colore e calore. E Mustafà, che parla quattro lingue, viaggia l’Europa con i suoi fiori. Lo si può trovare in un boulevard di Parigi o in una straße di Vienna. Ma più spesso è a Roma, anche a corso d’Italia. L’invito ai lettori è quello di andare a trovarlo e prendere una rosa o un margheritone del suo giardino.

IL GOETHE-INSTITUT DI VIA SAVOIA PROPONE UN LIBRO DA LEGGERE

Ogni settimana il Goethe-Institut di via Savoia propone un libro da leggere, sempre accompagnato da un breve commento. È questa la volta di  “I senza memoria – Storia di una famiglia europea” di Géraldine Schwarz (traduzione di Margherita Botto, Giulio Einaudi Editore 2019. Titolo originale Die Gedächtnislosen: Erinnerungen einer Europäerin, IL LIBROSecession Verlag) E sono proprio i paesi in cui la rielaborazione critica di quegli anni è stata carente” (nota: Germania, Francia, Italia e Austria), “in cui hanno avuto la meglio i senza memoria, questa la tesi centrale e attualissima del libro, ad apparire oggi particolarmente esposti al populismo e al sovranismo, a tollerare e fomentare il razzismo, e a propugnare una concezione antidemocratica della vita politica.

E DOMANI BUS E METRO A RISCHIO

TIBURTINA, INAUGURATO NUOVO CAPOLINEA BUS DELLA STAZIONE - FOTO 3Venerdì 10 luglio a Roma, causa sciopero, sarà una giornata difficile per chi si muove con i mezzi pubblici. I lavoratori aderenti al sindacato Faisa Cisal si fermeranno per 24 ore. L’agitazione interesserà bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Civitacastellana-Viterbo, Roma-Lido e Termini-Centocelle che saranno quindi a rischio per tutta la giornata. Il servizio sarà comunque regolare nelle due fasce di garanzia: dalle 5.30 fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20.  Dalle ore 0.01 Non garantite le corse delle linee di bus notturne: nMA-nMB-nMB1-nMC-nME-n041-n075-n3d-n3s-n5- n8-n11-n46-n66-n70-n74-n90-n92-n98-n200-n201-n409-n543-n500-n551-n706-n716-n719-n781-n904-n913. Sempre per quanto riguarda il servizio notturno garantite invece le corse delle linee di bus diurne che termina il servizio alle ore 2 circa: 38-44-61-86-170-246-301-451-664-881-916-980.