DUE BUONI MOTIVI PER ACQUISTARE IL LIBRO “ERNESTO IL RANDAGIO”

ernesto il randagioC’è un libro che vi consigliamo. Per due motivi. Intanto perché è interessante: si tratta di un racconto dedicato a tutti coloro, animali o persone, che ad un certo punto della loro vita si sentono abbandonati, e sentono venir meno le loro sicurezze, i loro punti di riferimento. Il secondo motivo consiste nel fatto che, acquistando “Ernesto il randagio” di Gerardo Rossomando, si dà un aiuto concreto alla realizzazione del nuovo rifugio per randagi che l’associazione Arca di Rita sta portando avanti con passione e sacrificio. È, dunque, possibile acquistare il libro ai seguenti indirizzi: www.ernestoilrandagio.it; pagina fb: https://www.facebook.com/ernestoilrandagio/ (pulsante Acquista ora).

VILLA BORGHESE IN UNA CARRELLATA DI QUADRI FAMOSI

belvedere villa borghese Jean-Auguste-Dominique Ingreslaghetto villa borghese giovan battista bassiAbbiamo scovato su Google alcuni tra i più famosi dipinti che riguardano Villa Borghese e ve li proponiamo in questa breve carrellata. Jean-Auguste-Dominique Ingres è un pittore francese (1780 Montauban – Parigi 1867). Dal 1835 al 1840 Jean Ingres è a Roma con l’incarico di direttore dell’Accademia di Francia. Qui dipinge il Belvedere di Villa Vue-du-Temple-dEsculape-et-du-Lac-de-la-Villa-Borghese-a-Rome-1801-gallica.bnf_.fr_.png-1024x774Borghese. A sua volta Giovan Battista Bassi, emiliano d’origine, fu attivo a Roma nella prima metà dell’Ottocento. Il paesaggio arioso e definito nei dipinti del laghetto della villa è protagonista: veduta, luminosa e chiara, resa nei particolari delle piante, nel profilo del tempietto  sullo sfondo, nei riflessi immobili sull’acqua del laghetto. La Loggia dei vini a Loggia-dei-vini-di-di-Ignaz-Unterper.-1772Villa Borghese accanto a via Pinciana in un banchetto in onore dell’elettrice di Sassonia, è documentato nel 1772 in Giacomo Balla parco dei daini 1910vicolo-verso-villa-strohl-fern-di-omiccioli-802x1024francesco-trombadori-il-viale-di-villa-strohl-fern-1919ca-roma-villa-strohl-fern-studio-trombadori11-247x300un dipinto di Ignaz Unterper. Un Giacomo Balla prefuturista dipinge il polittico Parco dei Daini di Villa Borghese nel 1910. C’è poi un dipinto dal titolo Vicolo verso Villa Strohl Fern di Giovanni Omiccioli, datato intorno al 1948. Infine, un’immagine di Villa Strohl Fern in un dipinto di Francesco Trombadori che morì nel proprio studio situato nella villa, nel 1961, a pochi mesi dalla sua ultima mostra personale.

CON AMUSE IN VISITA A VILLA GIULIA

PIAZZALE VILLA GIULIAIl progetto Amuse Roma2pass “La valle di Villa Giulia – Storia, architettura, eventi e personaggi del territorio intorno a Villa Giulia” è stato ufficialmente approvato dal direttore del Museo Nazionale Etrusco. A partire da sabato 25 agosto, Amuse, nell’ambito del programma Roma2pass, organizzerà cinque conferenze rivolte ai visitatori del Museo di Villa Giulia, finalizzate alla conoscenza del complesso urbano e ambientale che circonda la Villa. Le conferenze saranno svolte da specialisti Roma2pass e da esponenti del mondo della cultura romana che hanno aderito all’iniziativa. Gli incontri si svolgeranno il sabato alle 19:45 nella Sala della Fortuna nell’ambito delle aperture serali straordinarie del complesso di Villa Giulia. L’accesso alla conferenza Roma2pass, al museo e a tutte le altre iniziative previste per quella serata richiede un biglietto di € 4 (gratuito per abbonati e categorie previste) Le conferenze previste sono:

  • sabato 25 agosto: Il Ponte del Risorgimento
  • sabato 8 settembre: La Vigna Alta di Papa Giulio e la collezione Castellani
  • sabato 6 ottobre: Una passeggiata da Porta del Popolo a Villa Giulia
  • sabato 10 novembre: L’Esposizione del 1911 a Valle Giulia
  • sabato 1 dicembre: I Giardini segreti e il Casino del Graziano a Villa Borghese

Ogni dettaglio sulle singole iniziative sarà comunicato e pubblicato sui siti dell’associazione Amuse, di Roma2pass (www.roma2pass.it) e del Museo di Villa Giulia (http://www.villagiulia.beniculturali.it/) e sui relativi social network.

NEDO NADI; CHI ERA COSTUI?

NEDO NADIIn piazza Santiago del Cile, sulla facciata del civico 7, c’è una lapide scolorita dal tempo e dall’incuria, che ricorda le gesta di Nedo Nadi, una leggenda sportiva di inizio secolo, morto a soli 47 anni per un ictus, il 29 gennaio 1940, al quale è intitolata una via del Villaggio Olimpico che collega l’Auditorium al Palazzetto dello Sport. In quella casa “Visse e morì Nedo Nadi, vincitore di 4 Olimpiadi, insuperato campione nelle tre armi, atleta, soldato scrittore e maestro, esempio di grandezza civile e guerriera, tutta la sua vita fu offerta alla Patria”. Nadi fu un atleta eccezionale, precoce e NEDO NADI 1versatile, unico in grado di vincere in tre discipline diverse (fioretto, spada e sciabola) 6 medaglie d’oro alle Olimpiadi di Stoccolma nel 1912 (dove esordì a 18 anni) e ad Anversa nel 1920. Prima di ritirarsi nel 1931, dimostrò ancora la sua bravura, vincendo nel 1930 il Campionato del Mondo per “professionisti”, cioè i Maestri di Scherma, nella spada. Divenuto tecnico della nazionale di scherma, vinse ancora nelle Olimpiadi del 1932 a Los Angeles (due ori, quattro argenti, due bronzi) e nel 1936 a Berlino (quattro ori, tre argenti, due bronzi).

VIA SALARIA: CROLLA CARTELLO PUBBLICITARIO

via salariaSarà stato il forte vento. Oppure la ruggine che lo ha corroso alla base. Resta il fatto che il cartello pubblicitario sulla Salaria che indica il vicino tabaccaio è crollato giù come un fuscello. È proprio vero che il fumo fa male… Ma invece di farlo rimuovere, la polizia municipale (di cui si vede, in fondo, l’auto) lo ha fatto circondare da un reticolato e costretto i pedoni ad attraversare un precario passaggio sulla strada.

 

Foto: Ricci

VIALE XXI APRILE TRA UN SECOLO E L’ALTRO

VIALE XXI APRILEVIALE XXI APRILE OGGIEcco viale XXI Aprile, nome che ricorda la leggendaria data di fondazione dell’Urbe, fissata da Marco Terenzio Varrone proprio al 21 aprile 753 a.C. e adottato il 21 luglio 1920. La vecchia foto in bianco/nero risale al 1930; quella a colori è, invece, dei giorni nostri.

VIA MASSACIUCCOLI: TENTATA RAPINA ALL’UFFICIO POSTALE

UFFICIO VIA MASSACIUCCOLIUn rapinatore romano, armato di coltello e di una pistola, rivelatasi poi falsa, è entrato all’ufficio postale di via Massaciuccoli, in zona corso Trieste e, una volta alle casse, si è fatto consegnare circa 700 euro. È successo intorno alle 13.30. L’uomo ha parcheggiato la sua moto con targa coperta davanti all’ufficio ed è entrato indossando un casco integrale, ma uscendo ha trovato sulla sua strada i carabinieri che avevano ricevuto, via radio, l’allarme di rapina in atto, tramite la centrale operativa del comando provinciale. I militari hanno intimato al rapinatore di gettare la pistola che ancora impugnava e lo hanno ammanettato. Il bottino è stato recuperato. La moto è stata sequestrata e l’uomo è stato portato prima alla vicina caserma dei carabinieri di viale Eritrea, poi in carcere. Anche la pistola e il coltello sono stati sequestrati. Fonte: la Repubblica

VIALE PRETORIANO, ALBERO CROLLA: DUE FERITI

210004339-9b78f549-29df-4c1b-9af7-e1e078b06784Due feriti a Roma a causa di un albero crollato su un’auto. In particolare, a seguito al violento temporale che si è abbattuto sulla Capitale, due alberi sono caduti in viale Piero Gobetti, altezza viale Pretoriano: uno ha colpito un’auto in sosta, l’altro invece ha preso in pieno una vettura in transito con a bordo una coppia. I due, rimasti feriti nell’incidente, sono stati trasportati all’Umberto I. La strada è stata chiusa in direzione piazzale Aldo Moro. Sul posto la polizia locale di Roma Capitale e i vigili del fuoco. Fonte: la Repubblica

VIA VOLSINIO: SCUOLA MAZZINI, NUOVO SPAZIO GIOCHI

scuola mazzini via volsinioGiochi nuovi e colorati, pavimentazione anti trauma e riqualificazione delle aree verdi. La scuola dell’infanzia comunale Mazzini, nel II municipio, ha un nuovo spazio giochi dopo la chiusura di oltre un anno del vecchio. È questo il primo esempio concreto dell’applicazione della delibera Genitori attivi voluta dal II municipio. Un provvedimento che consente ai genitori e ai cittadini di contribuire alla riqualificazione delle scuole. Nello specifico, alla Mazzini sono stati organizzati diversi eventi che hanno consentito la raccolta fondi: spettacoli teatrali, il mercatino di Natale, un concerto di musica gospel. Continue reading