MAXXI, IL “MEDIA ART FESTIVAL”

media artGiunto alla sua III edizione, il Media Art Festival (27–29 aprile 2017) è un’iniziativa della Fondazione Mondo Digitale. Inserito in un sistema internazionale di festival, coinvolge tanti pubblici diversi come protagonisti, a partire dagli studenti delle scuole, e contamina i processi di ideazione e produzione creativa con lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative. Le residenze d’artista vengono interpretate in modo originale e inedito e gli artisti digitali, in un insolito ruolo di “changemaker”, sperimentano nuovi processi e sinergie per lo sviluppo sostenibile. All’edizione 2017 il Goethe Institut ha cooperato con quattro residenze d’artista che si sono avviate a dicembre 2016: Simone Pappalardo e Donato Piccolo sono gli artisti italiani che in Germania hanno avuto la possibilità di lavorare con la galleria Mazzoli di Berlino e la Neue Galerie, mentre Kristina Paustian, artista russa residente a Berlino, presso la Palestra dell’Innovazione a Roma ha collaborato e si è confrontata con maker, coach, design e ha sperimentato le apparecchiature di fabbricazione digitale e realtà aumentata. L’appuntamento con l’ultima residenza del progetto è a novembre 2017 con l’artista tedesco Ulf Aminde. La presentazione avverrà giovedì 27 aprile, ore 16, al Maxxi – Sala Graziella Leonardi Buontempi, via Guido Reni 4/a.

MVULA SUNGANI PHYSICAL DANCE IN “CARUSO” AL TEATRO OLIMPICO

In occasione del trentennale dell’incisione di Caruso, brano di sublime ispirazione che ha avuto uno enorme successo internazionale (con oltre cento versioni in altrettante lingue), scritto e musicato dal grande Lucio Dalla e dedicato ad uno dei più grandi tenori di fama mondiale qual è stato Enrico Caruso, il regista e coreografo Mvula Sungani in collaborazione con il Comune di Sorrento, ha ideato e creato per l’étoile Emanuela Bianchini una nuova opera coreografica dal titolo Caruso, cui si affianca un progetto Caruso-Mvula-Sungani-Physical-Dance-Emanuela-Bianchini-Etoile-Ph-Alessandro-Botticelli2installativo/espositivo dello stesso Sungani e del visual-artist Alessandro Risuleo. Caruso vuole essere un omaggio all’Italia, a Sorrento e a due artisti che negli ultimi secoli l’hanno resa grande nel mondo: Enrico Caruso e Lucio Dalla. In un momento storico così complesso come quello che stiamo vivendo, diventa ancor più fondamentale conoscere a fondo il proprio passato per costruire un futuro che sia più solido possibile; da questo pensiero nasce il nuovo lavoro di Mvula Sungani. Arie d’opera cantate da Caruso e canzoni interpretate da Dalla, unite dalla world music eseguita dal vivo dal noto ensemble siciliano Unavantaluna, saranno rese “tridimensionali” grazie all’étoile Emanuela Bianchini e la Mvula Sungani Physical Dance. Il 26 e 27 aprile al Teatro Olimpico.

BOOK CLUB D’AMORE ED EROS A L’ALTRACITTÀ DI VIA PAVIA

l'altracittàGiovedì 27 aprile, alle ore 19:30 nella libreria l’altracittà di via Pavia 106, “La lista dei libri proibiti. Book club d’amore ed eros”. Il primo incontro ufficiale del Book Club d’amore ed Eros ha raddoppiato il numero di partecipanti. Per il prossimo appuntamento si leggerà Le relazioni pericolose di Laclos, scrittore del Settecento francese. Questo è un gruppo di lettura dedicato alle scritture d’amore e all’eros. Guidati da Cinzia Giorgio, autrice di Storia erotica d’Italia e del romanzo La collezionista dei libri proibiti, verranno letti libri sfiziosi, classici della letteratura, nuove entusiasmanti proposte di genere sentimentale e soprattutto erotico. Non mancheranno delle incursioni nelle novelle di Boccaccio. Contributo di 5 euro ad incontro per chi vorrà aderire; ci si può iscrivere al gruppo scrivendo a laltracittaroma@gmail.com. Solo così si potrà ricevere la lista dei libri proibiti dei mesi a seguire.

RASSEGNA DI FILM E INCONTRI ALLA CASA DEL CINEMA

Casa-del-Cinema-a-Largo-Marcello-Mastroianni[1]Quattro incontri e quattro proiezioni, a partire dal 26 aprile e fino al 23 maggio, per discutere sul concetto di “autore” nel cinema italiano. Percorsi di Cinema, alla sua 14^ edizione, prende vita alla Casa del Cinema in largo Mastroianni grazie all’organizzazione dell’Anac, l’Associazione nazionale autori cinematografici, e con il patrocinio e il sostegno del Mibact. La rassegna si propone di affrontare “l’annosa diatriba” sul significato da attribuire alla parola “autore”. E poi le discussioni, lunghe, a volte forse inutili, “sulla suddivisione tra autori con la “A” maiuscola e quelli con la “a” minuscola, tra artigiani semi-sconosciuti e maestri rivalutati”. La proposta è dunque cercare di offrire un tributo costruttivo rivendicando quella “pluralità di sguardi” che contraddistingue gli associati Anac e rivolgendosi ad un pubblico di studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia, della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté e dell’ Istituto Roberto Rossellini, offrendo loro un diverso punto di vista sul nostro cinema. Dialogando con registi di generi quali lo spaghetti western, la fantascienza, l’horror e il thriller, i giovani possono ascoltare la voce di quella parte dei soci dell’Anac talvolta sottovalutata. Pellicole di Deodato, Lenzi e Bianchi, mentre il 23 maggio Italo Moscati parla di Pier Paolo Pasolini, “autore cinematografico dall’assoluta libertà espressiva”, anch’egli  fra i molti iscritti all’ Anac, che nelle sue file annovera e ha annoverato tra gli altri Citto Maselli, Paolo e Vittorio Taviani, Liliana Cavani, Gianni Amelio e Ettore Scola, Roberto Rossellini, Cesare Zavattini, Mario Monicelli, Age e Scarpelli, Sergio Amidei, Francesco Rosi, Federico Fellini, Ugo Pirro e Michelangelo Antonioni. Il programma

A VIA DEGLI ETRUSCHI SI PARLA DI UN LIBRO DI PALLOTTINO

Cosa è veramente il caso? È il risultato dei capricci degli dèi, come pensavano gli antichi? È ciò che nasconde la nostra ignoranza, come riteneva Pierre-Simon de Laplace? È una caratteristica intrinseca alla realtà della natura, come ci insegna la meccanica quantistica? Oppure è soltanto uno schermo che ci preclude l’accesso a una realtà per ora insondabile, come pensava Albert Einstein? Questo libro di Giovanni Vittorio Pallottino costituisce un viaggio appassionante nel mondo del caso, della probabilità e della statistica, argomenti solo apparentemente aridi, ma in realtà davvero stimolanti. Un viaggio banner_pallottinoche va dalla nascita del concetto di probabilità ai giochi d’azzardo e che tratta delle rovinose illusioni dei giocatori, di tragiche vicende giudiziarie, di clamorose vincite alla roulette, di coincidenze incredibili, di brogli elettorali, di frodi alimentari, di terremoti e del caos, fino ad esaminare il ruolo del caso nelle scienze. Che è essenziale nell’evoluzione biologica che ha condotto a noi stessi. Ne discuteranno con l’autore e con il pubblico Carlo Cosmelli e Giulio D’Agostini, docenti del Dipartimento di Fisica dell’università Sapienza di Roma. Mercoledì 26 aprile, in via degli Etruschi 4, alle 18:30.

TEATRO REDI, VA IN SCENA IL “MILES GLORIOSUS”

soldato_spaccone_Vincenzo Zingaro porta in scena al Teatro Arcobaleno di via Redi (27 aprile-7 maggio) un suo grande cavallo di battaglia, dirigendo ed interpretando “Il Soldato Spaccone” di Plauto. Il Soldato Spaccone (Miles Gloriosus) è uno dei maggiori capolavori della commedia classica. Il protagonista, si impone come uno dei personaggi più felici della storia del teatro, per le innumerevoli rivisitazioni di cui è stato oggetto nei secoli, tanto da costituire un archetipo nell’immaginario teatrale e letterario. L’adattamento di Vincenzo Zingaro, affronta il testo plautino evidenziando il rapporto che ebbe con la Commedia dell’Arte. Tenendo presente che proprio dal personaggio del “soldato spaccone”, nato dalla fantasia del Sarsinate, presero vita quegli intramontabili Capitani che conosciamo con i nomi di Capitan Spaventa, Fracassa, Matamoros, ecc., lo spettacolo vuole narrare le gesta del protagonista evocando i molteplici percorsi della sua evoluzione nei secoli: da Pirgopolinice a Scaramouche, a Don Chisciotte, a Cyrano de Bergerac, fino a Brancaleone. Continue reading

VISITE AL BUNKER DI VILLA ADA: SI COMINCIA IL 25 APRILE

Il bunker di Villa Ada sarà aperto eccezionalmente nelle giornate del 25 aprile, 1 maggio, 21 maggio, 2 giugno, 18 giugno, 16 luglio dalle 14 alle 19 senza necessità di prenotazione. Il calendario completo delle aperture è consultabile sul sito  www.bunkervillaada.it. “Il restauro del bunker antiaereo della famiglia Savoia è avvenuto grazie alla passione di 48 volontari dell’associazione Roma Sotterranea, che hanno lavorato per cinque mesi per villa ada bunkercirca 3 mila ore – racconta la restauratrice Roberta Tessari – Il sito era nel più totale abbandono e vandalizzato.  La struttura, voluta da Mussolini proprio nel cuore di Villa Ada, è completamente mimetizzata tra gli alberi, protetta dall’alto, sulla sommità della collina, da lastroni di cemento armato, ed è accessibile, caso raro per un rifugio, anche con le autovetture”.  La realizzazione del bunker viene fissata intorno agli anni 1940-1941. La struttura disponeva di un citofono, che consentiva di comunicare con la villa, di una camera ad alta pressione dotata di un sistema di filtri per la depurazione e il ricambio dell’aria, di un avanzato impianto di depurazione delle acque nere, di un ricovero per gli automezzi. Il bunker era dotato di una via di fuga secondaria, attraverso una scala a chiocciola di quaranta gradini. Fonte: la Repubblica

“GELATO FESTIVAL 2017″, TRE GIORNI SULLA TERRAZZA DEL PINCIO

Gelato-Festival-2017Il Gelato Festival, la  manifestazione itinerante di gelato artigianale all’italiana al 100%, compie 8 anni. E per festeggiare l’evento sarà in tournèe in Italia ma anche all’estero: dal Regno Unito alla Polonia e fino in Germania. Un viaggio per valorizzare e far conoscere il made in Italy, l’arte dei  maestri che impastano il gelato e portare il prodotto artigianale nelle più belle piazze del mondo. E a scendere in gara saranno oltre cento gli artigiani. Il tour parte da Firenze (piazzale Michelangelo 21-25 Aprile) ma poi toccherà Roma dove lo scenario prescelto sarà la Terrazza del Pincio. Lì dal 29 aprile al primo maggio il gelato sarà protagonista assoluto. Poi la gara lascerà la Capitale per toccare Torino (piazza Solferino 25-28 Maggio), Milano (piazza Castello 1-4 Giugno), Londra (Old Spitalfields Market 16-18 Giugno), Varsavia (Piazza presso Torwar 22-25 Giugno), Amburgo (Spielbudenplatz 28 – 30 Luglio). La finale con la premiazione del Miglior Gusto d’Europa è in programma a Firenze, in piazzale Michelangelo (14- 17 Settembre). Fonte: la Repubblica

AUDITORIUM, IL RITORNO DI MARIO BIONDI CON “BEST OF SOUL”

mariobiondi[1]Mario Biondi torna stasera, alle 21, in concerto all’Auditorium Parco della Musica con il Best Of Soul – Tour, la tournée che segue l’uscita della raccolta “Best Of Soul” con cui l’artista festeggia i dieci anni dal celebre disco d’esordio “Handful of Soul”. Dopo il successo dell’ultimo album “Beyond” certificato Oro e i sei dischi di platino conquistati negli ultimi quattro anni, con “Best of soul” Mario Biondi si conferma artista unico nel panorama musicale italiano, godendo da anni di grande stima anche da parte di pubblico e critica internazionali. Una voce calda, profonda, sensuale, eppure limpida e sicura: Mario Biondi, all’anagrafe Mario Ranno, ha coltivato con cura e pazienza la sua passione musicale, a partire dagli ascolti fatti già in tenerissima età accanto al padre cantante, Stefano Biondi, in ricordo del quale Mario ha assunto l’attuale nome d’arte. Continue reading

25 APRILE: CHI CHIUDE, CHI INVECE RESTA APERTO

image_thumb_abcweb.phpIl 25 Aprile sarà praticamente un giorno come gli altri, con tutte le principali catene aperte (Carrefour, Auchan) così come i marchi tradizionalmente legati ai grandi centri commerciali come Mediaworld, Leroy Merlin, Zara, Feltrinelli e Oviesse. Diversa la scelta di Coop, che terrà chiusi i suoi supermercati sia nel giorno della Festa della Liberazione, sia in quello della Festa dei lavoratori.

I FRANCESI DI ROMA AL VOTO ALLO CHATEAUBRIAND

il voto a villa borgheseLa location è cambiata, ma non l’entusiasmo dei francesi che anche a Roma, all’apertura dei seggi, sono andati numerosi a votare al primo turno delle presidenziali. Per motivi di sicurezza, hanno spiegato fonti all’ambasciata francese, per la prima volta non si vota a Palazzo Farnese ma allo Chateaubriand, nel cuore di Villa Borghese, dove un furgone della polizia è piazzato davanti all’entrata dell’Istituto e diversi agenti effettuano controlli sui documenti e schede elettorali. È più facile sorvegliare l’area rispetto alla sede di Palazzo Farnese. L’affluenza, riferiscono dall’ambasciata, è stata molto alta la mattina, ed è ripresa subito dopo pranzo con numerose famiglie con bambini e tanti giovani. “Ho votato Macron, è quello che mi convince di più”, dice Jacques, 35 anni. “Credo che sarà lui a prevalere nei voti qui a Roma”. “Macron è l’unico che, secondo me, ha più probabilità di battere Le Pen se si dovesse andare al secondo turno, ecco perché l’ho votato”, spiega Jean-Philippe, 62 anni. Fonte: Ansa