FLAMINIO: A VIA GIUSEPPE PISANELLI APRE L’ALBERGO ETICO

ALBERGO ETICODalle parti di piazzale Flaminio, in via Giuseppe Pisanelli, il 22 dicembre aprirà l’Albergo Etico,  dove lavorano solo ragazzi disabili. In una villa di inizi ‘900, a due passi da Piazza del Popolo, il Pincio e Villa Borghese, troverete infatti ad accogliervi insieme ad un gruppo di professionisti normodotati anche ragazzi con diverse forme di disabilità: fisica, intellettiva e sensoriale. L’idea per il Progetto Albergo Etico Roma nasce dall’incontro avuto da un giovane albergatore romano, dopo un periodo segnato da un suo grave incidente stradale, con una onlus romana (dove presta regolarmente opera di volontariato) ed una realtà ricettiva piemontese (l’Albergo Etico Asti) impegnata esclusivamente nell’ambito della sindrome down.

QUARTIERE TRIESTE: CONDANNATO PROF DI MUSICA PER MOLESTIE

QUARTIERE TRIESTEIl tribunale di Roma ha condannato a due anni di reclusione (pena sospesa) il professore di musica di un istituto comprensivo della Capitale, nella zona del quartiere Trieste, accusato di violenza sessuale aggravata ai danni di una minorenne. Il fatto risale al 2014 quando la vittima aveva appena 11 anni. Il docente di 65 anni (già sospeso dal servizio), secondo la Procura, ha molestato la ragazzina durante le ore di lezione. Le indagini furono condotte dalla Squadra mobile e coordinate dal procuratore aggiunto Maria Monteleone. Nel dettagli i fatti risalgono all’ottobre del 2014. Avvennero nella succursale di via Novara dell’istituto Luigi Settembrini di corso Trieste, dove Stefano Romano, il prof di musica invitava le alunne a cantare e suonare. In particolare con una di loro allungò le mani mentre suonava la pianola, palpeggiamenti pesanti, la ragazzina corre in lacrime al bagno. Il prof già chiacchierato per i suoi atteggiamenti troppo “sciolti” viene allontanato dalla scuola. Fonte: il Messaggero

UCCISE E FECE A PEZZI LA SORELLA: CONDANNATO A 15 ANNI

diotalleviNell’agosto del 2017 uccise la sorella, la fece a pezzi e gettò i resti in alcuni cassonetti dell’immondizia nella zona di via Flaminia (viale Pilsudski, ndr). Per questo, Maurizio Diotallevi, 62 anni, informatico, è stato condannato dal gup a 15 anni e quattro mesi di reclusione. L’uomo uccise la sorella Nicoletta, di tre anni più giovane e con la quale condivideva l’appartamento, al termine dell’ennesima lite per motivi economici. Il pm Marcello Cascini aveva sollecitato una condanna a 27 anni. Due perizie, disposte da giudice e difesa, hanno dimostrato che l’uomo era seminfermo di mente al momento dell’omicidio. Il gup ha, quindi, fatto cadere l’aggravante della premeditazione. Da qui e dal fatto che si procedesse con rito abbreviato, la minore pena rispetto alla richiesta. Fonte: la Repubblica

VILLA BORGHESE, CROLLA LA SECOLARE QUERCIA DEL LUPO

villa borgheseÈ crollata a Villa Borghese la Quercia del Cinquecento, la celebre Quercia del Lupo, “uno degli alberi monumentali più importanti della Villa e dell’intera città di Roma. Già antica prima della nascita di Villa Borghese, la descriveva ammirato Manilli nel Seicento”, scrivono su Facebook gli Amici di Villa Borghese che hanno dato la notizia e precisato che nessuno è rimasto ferito. “Aveva subito una infestazione di parassiti, si vedeva del marciume al colletto, però pareva sotto controllo. Ammirata per almeno cinque secoli, nessuno di noi mai la dimenticherà”. (fotografia di Vittorio Catalano Gonzaga dal profilo Facebook Amici di Villa Borghese). Fonte: la Repubblica

BREVE STORIA DEL QUARTIERE NOMENTANO

PiazzaBolognaAnni50Il Quartiere Nomentano sorge nell’area compresa tra la via Nomentana (da cui prende nome) e la ferrovia Roma-Firenze. Fino all’Unità d’Italia in questa zona sorgevano numerosi orti e ville, alcuni dei quali ancora oggi sopravvissuti, altri distrutti: una su tutte policlinico umberto IVilla Patrizi, abbattuta per fare spazio al Ministero dei Trasporti ed a quello dei Lavori Pubblici. Alla fine dell’Ottocento fu edificato, in quest’area, il Policlinico Umberto I, tuttora attivo. Nella zona sorgono molti villini, come quelli della via chiamata appunto via dei Villini, edificata intorno al 1920 che, all’epoca, riscosse un grande successo immobiliare. Continue reading

#CONVERSANDO ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

#CONVERSANDO ALL'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICAArriva stasera (ore 21) all’Auditorium Parco della Musica #ConVersando, il format innovativo che ha già conquistato le città di Treviso e di Milano. Un’esperienza che unisce, per la prima volta, la profondità della riflessione psicologica con le emozioni di una performance musicale dal vivo. #ConVersando rappresenta una formula ricca, che combina elementi della stend up comedy, del concerto, dell’intervista biografica e della riflessione psicologica, in un’atmosfera che accompagna lo spettatore in una sinfonia di sensazioni. Una densa armonia di pensieri e musica, un dialogo tra il pianista Andrea Manzoni e lo psicologo e psicoterapeuta Andrea Sales. Due professionisti nei loro rispettivi campi e due cari amici, uniti, sullo stesso palco, dal loro amore per la vita, in tutte le sue sfaccettature. Un’esperienza intensa che può solo essere vissuta in prima persona.

MERCATINO DI NATALE A PORTA PIA DAL 18 AL 23 DICEMBRE

MERCATINO PORTA PIADal 18 al 23 dicembre il Comitato Quartieri Salario Sallustiano e l’associazione Raccontarsi Raccontando coordinano il mercatino natalizio a Porta Pia. Ci saranno, tra gli altri, il circolo Legambiente Mondi Possibili e l’Aps Tavola Rotonda nei giorni 21 e 22 dicembre. Nello stand: troverete i deliziosi panettoni di Fiasconaro che sostengono il progetto di accoglienza per i Richiedenti Asilo di Riace e tante altre sorprese.

E DA IERI ACCESE LE LUMINARIE A VIALE LIBIA

VIALE LIBIADa ieri sono accese le luminarie natalizie a viale Libia: luminarie a cui hanno contribuito tanti commercianti della zona. Un piccolo gesto concreto per rendere più bello il quartiere e la città. Sperando, con queste luci, di contribuire a diffondere il buonumore e lo spirito natalizio tra i residenti e i visitatori della zona.

“DENTRO LA STRADA NOVISSIMA”, FOCUS DI PORTOGHESI AL MAXXI

Il 27 luglio 1980 con il titolo “La Presenza del Passato” apre la Prima mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia a cura di Paolo Portoghesi, nell’ambito della quale lui stesso propone anche la mostra La Strada Novissima in cui coinvolge 20 architetti internazionali a realizzare 20 facciate a grandezza naturale per attivare una riflessione sul tema della strada e realizzare un’immagine concreta di un diverso modo di pensare l’architettura. Oggi che il Maxxi, dopo quasi quarant’anni, torna MAXXI_LaStradaNovissima_a riflettere su questo tema con la grande mostra “La Strada. Dove si crea il mondo”, lo stesso Portoghesi cura Dentro La Strada Novissima un focus di approfondimento, ospitato al Centro Archivi di Architettura fino al 28 aprile 2019, su questo momento cruciale della storia dell’architettura del Novecento, che ha dato il via alla discussione internazionale sul postmoderno. La Strada Novissima proponeva nel suo insieme un vero e proprio percorso di 70 metri, dieci facciate per lato, a grandezza naturale, progettate da Ricardo Bofill, Costantino Dardi, Frank O. Gehry, Michael Graves, Grau, Allan Greenberg, Hans Hollein, Arata Isozaki, Josef Paul Kleihues, Rem Koolhaas, Léon Krier, Charles W. Moore, Paolo Portoghesi con Francesco Cellini e Claudio D’Amato, Franco Purini e Laura Thermes, Massimo Scolari, Thomas Gordon Smith, Robert A. M. Stern, Stanley Tigerman, Osvald Mathias Ungers, Robert Venturi-Denis Scott Brown-John Rauch.

MUSEO ETRUSCO DI VILLA GIULIA, OMAGGIO A MARIO SCHIFANO

MUSEO ETRUSCO SCHIFANIGiovedì, 13 dicembre alle ore 20, apertura della mostra “EtruSchifano. Mario Schifano a Villa Giulia: un ritorno”. Apertura serale straordinaria del Museo dalle 20 alle 23 al costo eccezionalmente scontato di 4 € (ridotto a 2€ per i cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni e gli altri aventi diritto). I minorenni, e gli altri aventi diritto, oltre ai titolari dello speciale abbonamento al Museo, avranno come sempre accesso gratuito. In occasione del ventennale della scomparsa di uno dei massimi esponenti della pittura contemporanea, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia dedica una mostra a Mario Schifano, la cui vicenda biografica e artistica è intessuta di stringenti legami con la civiltà etrusco-italica in generale e in particolare con il Museo di Villa Giulia, dove lavorò dal 1951 al 1962 come restauratore e lucidatore di disegni.

ENRICO NIGIOTTI ALL’AUDITORIUM CON “CENERENTOLA”

NIGIOTTIEnrico Nigiotti presenta, al pubblico della Sala Petrassi, stasera alle 21, il nuovo album  “Cenerentola”. Il nuovo progetto contiene oltre a “Complici” brano che vede la partecipazione di Gianna Nannini, “L’Amore è”, “Nel silenzio di mille parole” e 10 inediti, “scritti con il cuore e con la mia storia sulle spalle. Non ho scritto nulla con superficialità, nemmeno una virgola”, racconta il cantautore livornese.

LA SAPIENZA: RUMBA E BACH, UN CONNUBIO POSSIBILE

eberleCosa hanno in comune Bach e la rumba? Apparentemente niente, ma ne siamo proprio sicuri? Una risposta la daranno Veronika Eberle (violino), Edicson Ruiz (contrabbasso) e Gonzalo Grau (percussioni) che sabato 15 dicembre alle 17.30 saranno all’Aula Magna dell’Università “Sapienza” per i concerti della Iuc (Istituzione Universitaria dei Concerti). Il loro Grauprogetto “Rumba con Bach” incuriosisce già dal titolo. Il concerto accosta Bach “come è” a Bach contaminato con la musica sudamericana dai compositori Efrain Oscher e Gonzalo Grau, due musicisti “latinos” – uruguaiano il primo, venezuelano il secondo – perfezionatisi in Europa e Usa. Edicson Ruiz, contrabbassista dei RuizBerliner Philharmoniker, la migliore orchestra del mondo, apre il concerto eseguendo col contrabbasso la Suite n. 1 per violoncello, un vero tour de force virtuosistico. Poi Veronika Eberle suona la Partita n. 2 per violino solo di Bach, che contiene la celeberrima Ciaccona. Il terzo brano vede la Eberle e Ruiz insieme nella Passacaglia per violino e contrabbasso di Efrain Oscher, che contamina la antica danza usata da Bach con la musica sudamericana; composta nel 2018, è ora in prima esecuzione italiana. Per finire, un’altra prima esecuzione in Italia: Rumbach for J. S. di Gonzalo Grau, che mette in parallelo cinque danze del Settecento che si trovano nelle suite di Bach e cinque danze caraibiche.

VIA VOLSINIO: DOMANI, CENA SOLIDALE

ENERGIE SOLIDALIQuesta iniziativa sarà il viaggio di una sera nella cultura iraniana a 360°. Durante la manifestazione avrete l’occasione di conoscere l’Iran attraverso una piccola presentazione geopolitica del paese e dello chef Amir, la degustazione di 5 pietanze tradizionali e musica dal vivo. Questa iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione tra circa 20 cuochi, di paesi e origini diverse, uniti nel progetto “In Cammino…” sostenuto da Humilitas Onlus. Mai come in questo momento si sente il bisogno di incentivare e promuovere la forza della diversità come strumento per migliorare se stessi e la società in cui viviamo. “In Cammino…” rappresenta il giusto messaggio di coesione e solidarietà che, come SinergieSolidali, si vuole trasmettere al quartiere e a tutti gli ospiti.

AUDITORIUM/1: LO STILE PERSONALISSIMO DI FRANCA MASU

MASUC’è qualcosa di radicalmente femminile nel canto di Franca Masu, ossia qualcosa di accogliente, sotterraneo e viscerale. Questa donna così profondamente sarda, cantando, non sembra produrre note, piuttosto sembra metterle al mondo, dopo averle sensualmente concepite incrociando terra, mare e storie di vita. Franca Masu canta il mare perché ha il mare negli occhi e nel cuore. Nella sua voce i sogni, le gioie e le inquietudini di chi vive davanti al mare. E lo fa scegliendo di salvare le storie nella lingua catalana di Alghero, quella delle sue radici.  Eppure nel tempo ha saputo creare uno stile personalissimo fondendo sapientemente fado, musica napoletana, sarda, tango, morna e reminiscenze arabe. Una fusione sonora suggellata da musicisti di calibro altissimo, grandi jazzisti  dalla grande sensibilità. Stasera, Teatro Studio Borgna dell’Auditorium, ore 21.